Caring

Cosa fare se le zampe del cane sono ustionate?

Cosa fare se le zampe del cane sono ustionate?
Ultima modifica 09.07.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Come curare un’abrasione alla zampa di un cane?
  2. Cosa mettere sulle zampe arrossate del cane?
  3. Come curare le zampe dei cani?
  4. Cosa fare se i polpastrelli del cane sono infiammati?
  5. Dopo quanto c’è la ricrescita del pelo del dopo un’ustione?
  6. Zampe del cane scottate dall’asfalto: cosa fare?

Come curare un’abrasione alla zampa di un cane?

Le abrasioni o le zampe ustionate del cane vanno trattate intervenendo tempestivamente: il primo step è rivolgersi al veterinario, così da avere un piano terapeutico ad hoc ma è bene sapere che tra le soluzioni c'è pulire accuratamente la ferita prima con acqua e sapone, poi con soluzione salina. L'operazione andrà ripetuta nel tempo per garantire la corretta guarigione all'animale.

Cosa mettere sulle zampe arrossate del cane?

  • Lavare accuratamente con acqua e soluzione salina;
  • Scegliere balsami per la protezione da freddo e caldo;
  • Rivolgersi al veterinario per individuare i migliori prodotti con cui trattare l'arrossamento.

Sono numerosi i motivi che potrebbero portare all'arrossamento delle zampe del cane: allergie, infezioni batteriche o fungine, dermatite, lesioni o contatto con sostanze irritanti sono solo alcune opzioni a cui si aggiungono abrasioni e scottature dovute ad un comportamento troppo esuberante dell'animale.

Tra le cose da mettere sulle zampe arrossate del cane ricordiamo che rivolgersi al proprio veterinario per individuare prodotti e farmaci ad hoc è sicuramente la scelta migliore; in linea di massima si possono trattare con acqua e soluzione salina, aggiungendo poi l'applicazione di balsami per la protezione dal freddo e dal caldo durante le passeggiate.

Come curare le zampe dei cani?

  • Occuparsi regolarmente della pulizia, anche tra le dita;
  • Tagliare le unghie e controllare i polpastrelli;
  • Evitare che si esponga l'animale a temperature estremi o asfalto rovente;
  • Rimuovere eventuali corpi estranei che causano fastidio, dolore o infiammazione;
  • Utilizzare prodotti protettivi;
  • Osservare il comportamento dell'animale e la sua andatura;
  • Consultare un veterinario in caso di prevenzione o anomalie.

Sono tante le infiammazioni e le patologie che possono interessare le zampe dei cani: se ti stai chiedendo come curarli tutto parte da una regolare pulizia. Infatti, se ogni giorno laverai le zampe con acqua e detergente facendo un check, avrai molta più agilità e abilità nel riconoscere problematiche in modo tempestivo.

Un altro step importante è quello di rivolgersi ad un veterinario: se noti infiammazioni, fastidio o dolore potrebbe essere presente un corpo estraneo. In estate tra spine, zecche, pulci o erbe che pungono i pericoli per l'animale non sono pochi. Si aggiungono poi le punture di formiche e insetti che possono causare ulteriore disagio.

Anche una corretta pedicure è importante: tagliare le unghie al cane evitando che diventino troppo lunge e causino infiammazioni nella camminata o persino gonfiore localizzato è di grande supporto.

Un consiglio in più è quello di idratare le zampe del cane. Dopo aver pulito in profondità, alcuni specialisti suggeriscono l'applicazione di creme, spray o balsami lenitivi pensati per idratare e migliorare la superficie così da limitare la comparsa di infiammazioni.

Cosa fare se i polpastrelli del cane sono infiammati?

  • Fare un check dell'area
  • Detergere e asciugare accuratamente
  • Applicare un disinfettante
  • Utilizzare un prodotto lenitivo
  • Evitare passeggiate su superfici calde o abrasive
  • Mantenere le unghie corte

I polpastrelli del cane sono una delle zone più sensibili ed esposte dell'animale: basti pensare che quando lo portiamo a passeggio, proprio questa area entra a contatto diretto con erba, asfalto e ogni superficie su cui lo facciamo camminare.

Tra le cose da fare c'è sicuramente un controllo della zona: se si notano arrossamenti, se il cane lecca le zampe con frequenza o sembra dolorante oltre ad una visita dal veterinario si possono mettere in pratica alcuni consigli.

Prima di tutto le zampe vanno lavate e asciugate, poi si procede applicando un disinfettante e un prodotto lenitivo su consiglio dello specialista. Qualche consiglio in più: meglio avere cura delle unghie mantenendole corte ed evitare passeggiate su superfici eccessivamente calde, fredde o abrasive almeno fino a completa guarigione.

Dopo quanto c’è la ricrescita del pelo del dopo un’ustione?

  • Da 1 a 3 mesi

Se l'animale subisce un'ustione o si scotta in occasione di passeggiate in orari troppo caldi, uno degli effetti comuni a cui va incontro è la perdita del pelo. Oltre ad un consulto con il veterinario di fiducia, è importante avere tempo e lasciare che il corpo rigeneri autonomamente la pelliccia. Secondo le statistiche, di media, servono da 1 a 3 mesi per una ricrescita completa.

Zampe del cane scottate dall’asfalto: cosa fare?

  • Preferire orari meno caldi e serali
  • Prediligere terreni con erba e non asfalto
  • Utilizzare balsami protettivi 
  • Applicare localmente lo iodio

L'asfalto rovente è uno dei nemici numero uno del cane in estate: se il forasacco mette in difficoltà respiratoria, la scottatura ferisce profondamente l'animale che a seconda del grado avrà difficoltà a recuperare.

Oltre ad evitare orari caldi per la passeggiata e preferire terreni con erba rispetto all'asfalto, applicando poi in modo preventivo un balsamo per evitare ustioni, è suggerito il trattamento localizzato con acqua e iodio che si può acquistare in farmacia dopo un consulto con il veterinario.

Se il contenuto vi è stato utile, e volete essere informati su tutte le news  unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

CONDIVIDI: