Coniglio che perde il pelo: motivi e cosa fare

Coniglio che perde il pelo: motivi e cosa fare
Ultima modifica 04.01.2024
INDICE
  1. Come mai il coniglio perde il pelo?
  2. Cosa fare se il coniglio perde pelo?
  3. Cosa fare quando il coniglio fa la muta?
  4. Muta del coniglio: quanto dura?
  5. Il coniglio perde pelo a ciuffi: che succede?
  6. Che significa se il coniglio perde pelo sul collo e sulla schiena?
  7. Perché il coniglio perde pelo sulle zampe?
  8. Il coniglio perde pelo sulle orecchie: possibili cause

Come mai il coniglio perde il pelo?

Quando il coniglio perde pelo è essenziale prendersi cura nel modo giusto di questo pet. I conigli infatti sperimentano circa due volte l'anno la muta, ossia un ricambio periodico del pelo. Si tratta di un processo fisiologico e naturale che consente all'animale di affrontare al meglio i cambi di stagione, in alcuni casi però la perdita di pelo potrebbe nascondere alcuni problemi e patologie.

Prima di scoprire cosa fare in caso di perdita di pelo nel coniglio non dimenticare di unirti al nostro canale Whatsapp per non perdere neanche una notizia su benessere e salute. E segui il nostro nuovo profilo su Instagram, una fonte inesauribile di storie, notizie e curiosità sui nostri amici a quattro zampe.

Cosa fare se il coniglio perde pelo?

  • Assicurarsi che non si tratti di muta;
  • Valutare lo stato della pelle;
  • Rilevare eventuali altri sintomi.

Per prima cosa è importante distinguere la muta del coniglio da una perdita di pelo anomala. In quest'ultimo caso infatti l'animale potrebbe essere affetto da stress oppure da una malattia. Questi simpatici pet infatti sono particolarmente diffusi sia la dermatite che la rogna, patologie che portano a una perdita del pelo dietro il collo, sulle zampe, sulle orecchie e vicino all'occhio. Un'altra causa dietro la perdita di pelo potrebbe essere lo stress.

Ciò è dovuto al fatto che i conigli sono animali particolarmente sensibili: il tuo amico peloso dunque potrebbe soffrire a causa di una mancanza di spazio o per via della presenza di altri animali in casa. Cosa fare in questi casi? Il consiglio, come sempre, è quello di rivolersi al veterinario. Sarà lui a individuare le cause della perdita anomala di pelo e a consigliare la cura migliore.

Cosa fare quando il coniglio fa la muta?

  • Rimuovi il pelo in eccesso
  • Evita un blocco intestinale
  • Mantieni idratato il tuo pet
  • Somministragli gli integratori

La muta rappresenta per il coniglio una fase naturale, nonostante ciò può rivelarsi critica. Ciò è dovuto al fatto che l'animale tende a leccarsi in continuazione, eliminando il pelo morto. Un comportamento che potrebbe provocare un rallentamento delle funzionalità gastro-intestinali, portando – nel peggiore dei casi – a un blocco gastrointestinale. Durante il periodo della muta inoltre le difese immunitarie si abbassano, dunque il coniglio potrebbe essere maggiormente esposto a raffreddamenti e malattie.

Come aiutare l'animale in questa fase? Per prima cosa spazzola il coniglio ogni giorno, eliminando in questo modo il pelo in eccesso. Ricordati di scegliere una spazzola che sia dotata di setole morbide per non irritare la cute sensibile del tuo pet. Favorisci il transito intestinale dell'animale, fornendogli un adeguato quantitativo di fibre per evitare un blocco intestinale. In particolare il fieno è essenziale per migliorare il transito intestinale e la digestione.

Anche l'idratazione è importantissima in un coniglio durante la muta per favorire l'espulsione di pelo e cibo. Se il tuo pet non apprezza l'acqua liscia del beverino potresti aromatizzarla con qualche fettina sottilissima di mela. Infine non dimenticare gli integratori alimentari, necessarie per evitare la formazione delle palle di pelo. Per la scelta chiedi consiglio al veterinario.

Muta del coniglio: quanto dura?

  • Primavera: due/quattro settimane;
  • Autunno: due/quattro settimane.

In realtà, il nostro amico coniglio perde il pelo tutto l'anno, in modo meno intensa di quanto faccia quando ha la muta. Appunto però esistono alcuni periodi in cui la muta diventa importante, in particolare in primavera e autunno. Non ci sono mesi precisi, perché la muta può variare di giorni/settimane in base al coniglio, ma possiamo dire che da marzo a maggio e da ottobre a dicembre ci sono i momenti di perdita più consistente.

I momenti in questione possono durare da due a quattro settimane e in particolare in autunno la perdita può essere più rilevante, perché il sottopelo del tuo pet diventa più soffice, morbido e fitto, andando a sostituire il pelo estivo per aiutare l'animale ad affrontare il freddo dell'inverno.

Il coniglio perde pelo a ciuffi: che succede?

  • Disturbi della tiroide;
  • Malattie endocrine;
  • Ectoparssitosi;
  • Altre condizioni patologiche della pelle;
  • Stress;
  • Ansia.

Se il coniglio perde pelo a ciuffi e le aree lasciate senza il pelo non si riempiono di nuovo, il tuo pet potrebbe avere qualche problema. Le cause possono essere di natura patologica oppure comportamentale. Fra le malattie che provocano la perdita di pelo in questo animaletto troviamo disturbi alla tiroide o malattie endocrine.

La perdita del manto può essere causata anche dall'ectoparassitosi, una condizione dermatologica molto comune provocata da parassiti esterni. La perdita di pelo a ciuffi, infine, potrebbe essere causata dallo stress o da un comportamento ossessivo-compulsivo.

Consulta il veterinario!

Tutte le informazioni che vi stiamo fornendo, sia quelle precedenti che quelle che seguiranno, sono da considerarsi generali e non possono essere considerate delle diagnosi. Se il vostro coniglio presenta perdita di pelo persistente e continua vi invitiamo dunque a consultare un veterinario per correre subito ai ripari. Solo un esperto, infatti, può dirvi per certo cosa sta succedendo.

Che significa se il coniglio perde pelo sul collo e sulla schiena?

  • Dermatiti;
  • Micosi;
  • Stress;
  • Cattiva alimentazione;
  • Acari.

Anche nel caso della perdita di pelo su collo e schiena il coniglio potrebbe essere vittima di alcune patologie. Le già citate dermatiti sono spesso le principali responsabili, ma occhio anche alla micosi, una malattia molto comune nel coniglio – soprattutto in giovane età – e può portare alla perdita di pelo sulla schiena e sul collo. Si tratta di una infezione da funghi che causa lesioni in aree che sono prive di pelo e ricoperte con scaglie grigiastre.

Il veterinario in questo caso dovrà osservare un campione di peli al microscopio, effettuando – in caso – una coltura micotica prima di avviare la terapia antifungina. Non sono da sottovalutare neanche stress e cattiva alimentazione, che possono portare il coniglio a perdere veramente molto pelo. Infine, attenzione anche agli acari: la Cheyletiella, per esempio, può portare perdita di pelo sul collo ed è accompagnato anche da forfora, mentre il Leporacarus può causare alopecia e seborrea.

Perché il coniglio perde pelo sulle zampe?

  • Malattie della pelle;
  • Acari;
  • Pododermatite.

E se invece il nostro amato coniglietto perde pelo sulle zampe? Anche qui non possiamo sottovalutare le malattie della pelle e gli acari ma, generalmente, quando la perdita è localizzata, si tratta di pododermatite, una patologia cutanea che colpisce la zona inferiore degli arti posteriori e che può facilmente diventare cronica e ulcerativa.

La pododermatite è molto diffusa tra i conigli e inizialmente si manifesta con un diradamento dei peli e un eritema sulla superficie plantare, per poi purtroppo peggiorare sino a provocare lesioni e ulcere. Le cause possono essere diverse, dalla mancanza di movimento all'obesità sino allo scarso igiene della lettiera.

Il coniglio perde pelo sulle orecchie: possibili cause

La perdita di pelo sulle orecchie può essere causata nel coniglio dalla rogna. Questa patologia è trasmessa da un acaro e provoca – fra i vari sintomi – perdita di appetto, tendenza all'isolamento e danni al pelo. L'unico modo per capire se l'animale è stato infettato e da quale tipologia di rogna è sottoporlo a un'accurata visita veterinaria. Il medico infatti realizzerà un esame dell'epidermide, stabilendo in questo modo il tipo di acaro.