Pulire una tartaruga di terra: come farle il bagno

Pulire una tartaruga di terra: come farle il bagno
Ultima modifica 19.09.2023
INDICE
  1. Pulire la tartaruga di terra: come farle il bagno
  2. Consigli generali su come pulire una tartaruga
  3. Cosa serve per pulire la tartaruga
  4. Come maneggiare la tartaruga durante la pulizia
  5. Pulire la testa e le zampe della tartaruga di terra
  6. Come pulire il guscio della tartaruga di terra
  7. Pulire la tartaruga in 10 passi
  8. Benefici del bagno per la tartaruga

Pulire la tartaruga di terra: come farle il bagno

Se avete mai posseduto una tartaruga o comunque avete sempre desiderato averne una, probabilmente vi sarete informati sulle regole d'igiene nella loro routine. Pulire una tartaruga, all'occorrenza, fa parte delle procedure per mantenerla in salute.

Prima di proseguire, però, seguiteci su Whatsapp per non perdere alcun aggiornamento sul mondo salute, benessere e animali.

In particolare quelle tartarughe che sono uscite dal letargo invernale potrebbero aver accumulato una certa quantità di sporcizia sul loro carapace. Ricordiamo che una tartaruga pulita è una tartaruga destinata a vivere più a lungo. Al tempo stesso, questo animale non è particolarmente propenso al farsi toccare: sono creature autonome, che si gestiscono da sole e soprattutto che non richiedono particolari cure da parte dell'uomo.

Consigli generali su come pulire una tartaruga

  • Non eccedere con i lavaggi;
  • Monitorare la vaschetta e la tartaruga;
  • Tenere sempre sotto controllo il livello di pulizia dell'acqua.

Sebbene non ci sia bisogno di attività di pulizia così frequenti, il numero di operazioni di lavaggio della tartaruga potrebbe differire in base al comportamento e alle inclinazioni individuali del proprio animale. Insomma: ognuna è fatta a modo suo e le abitudini possono influire anche molto su quanto si sporcano e quanto in fretta.

È il momento di pulire la tartaruga quando si possono osservare piccoli sedimenti di sporco che si sono depositati sul suo guscio. Soprattutto, è importante lavare la tartaruga nel momento in cui il suo box sono è molto sporco. Essendo creature molto delicate che vivono in un habitat interamente costruito da noi, è importante che le tartarughe si trovino nelle condizioni di vivere la loro quotidianità in un ambiente relativamente pulito.

Se è vero che in natura le tartarughe di terra non conoscono il significato di lavaggio e pulizia, dall'altra queste creature nate in cattività hanno decisamente meno difese immunitarie delle loro sorelle libere. Meglio dunque proteggerle con la giusta dose di igiene. Inoltre, parallelamente alla pulizia della tartaruga stessa, è più che mai importante pulire quanto possibile il suo habitat.

Cosa serve per pulire la tartaruga

  • Un piccolo secchio d'acqua poco profondo
  • Acqua a temperatura ambiente o leggermente tiepida
  • Uno spazzolino con le setole morbide
  • Un bicchiere per il risciacquo.

Gli strumenti succitati sono essenziali per pulire tartarughe come per esempio la molto diffusa tartaruga dalle orecchie rosse (Trachemys scripta elegans). Ricordate però che le tartarughe, anche se nate in cattività, non amano particolarmente il contatto con gli esseri umani. In particolare, non gradiscono molto l'essere maneggiate. È difficile pulire bene una tartaruga senza prenderla in mano, ma esistono alcuni accorgimenti per ridurre lo stress che potremmo causarle.

Come maneggiare la tartaruga durante la pulizia

  • Prendiamo sempre il guscio da sopra, con una mano, senza lasciarlo andare;
  • Evitiamo di rovesciarla a pancia in su, anche quando la spazzoliamo;
  • Incliniamo l'animale al massimo di 45° con la testa verso l'alto.

Compiendo queste azioni ridurremo al minimo lo stress della tartaruga. Ricordiamoci comunque di osservare tutto ciò che fa e cerchiamo di ridurre al minimo qualsiasi cosa che possa turbarla in questa situazione che per lei è già "anomala".

Pulire la testa e le zampe della tartaruga di terra

Quando si lava una tartaruga è importante non forzare la mano. Anche se possono volerci meno di dieci minuti, teniamo presente che la tartaruga non è un cane: potrebbe decidere che non gradisce affatto, e voler uscire dalla bacinella o mordere. Se notiamo che il suo corpo e le sue zampe sono ancora sporche, prima lasciamole il suo spazio e poi proviamo a rimuovere con molta, molta delicatezza ciò che è in eccesso.

Non sfreghiamo con forza né la testa né le zampe. Le tartarughe di terra potrebbero presentare delle piccole croste di sporco sul volto, ma cerchiamo di fare in modo che sia l'acqua tiepida a eliminarle. Qualora ci accorgessimo che rimangono, possiamo provare a usare un cotton-fioc per vedere se vengono via. Se così non fosse, è meglio rivolgersi a un veterinario per accertarsi che non si tratti di un'infezione.

Se lo sporco rimane a ridosso delle zampe, invece, proviamo a insistere (sempre senza forzare la mano e senza sfregare) con lo spazzolino. Controlliamo anche lo status delle unghie e verifichiamo che non ci siano lesioni.

Come pulire il guscio della tartaruga di terra

Contrariamente a quanto possiamo pensare, il guscio è una zona sensibile del corpo della tartaruga. Dunque non possiamo pensare di sfregarlo con troppo vigore o con noncuranza: rischiamo di farle male. Spazzoliamo con delicatezza anche il guscio, e facciamo in modo di non usare più forza di quanta non sia necessaria per rimuovere i residui di sporcizia. Anche la pelle, per quanto possa sembrarci spessa e rugosa, è molto sensibile. Sarebbe opportuno, dunque, spazzolarla con molta cura e delicatezza.

Nel periodo della muta, le squame del guscio potrebbero cadere, ma è sempre meglio non forzare il processo e lasciare che siano loro a farlo in maniera autonoma.

In questo modo andremo ad eliminare non solo i residui di sporco sul guscio e sulla pelle, ma anche la cheratina morta. In natura, la tartaruga segue procedure di pulizia autonome, sfregando il guscio contro i sassi per mantenerlo pulito ed efficiente.

Pulire la tartaruga in 10 passi

  1. Predisporre un contenitore di acqua tiepida poco profonda
  2. Collocarvi dentro la tartaruga che ha bisogno di una pulizia del carapace
  3. Immergere uno spazzolino a setole morbide nell'acqua
  4. Sfrega delicatamente il guscio senza mai fare troppa pressione
  5. Non girare mai la tartaruga a pancia in su
  6. Non preoccuparsi se la tartaruga evacua, è normale
  7. Non adoperare detergenti chimici o naturali
  8. Non forzare la caduta delle squame del guscio
  9. Fare in modo che la tartaruga abbia sempre la testa sopra il filo dell'acqua per poter respirare
  10. Lasciare libera la tartaruga pulita. Si asciugherà da sola.

Ricordiamo che lo spazzolino a setole morbide permette di rimuovere con efficacia i residui di sporco e alghe che si depositano sopra e sotto il guscio, o in prossimità della cloaca. In più, riempire la bacinella richiede un paio di accorgimenti importanti. In particolare, il livello dell'acqua non dovrebbe essere più alto della testa della creatura. In questo modo la tartaruga è in grado di uscire dall'acqua se lo desidera, bere e, soprattutto, respirare. È importante che l'acqua arrivi più o meno alla linea di congiunzione tra la pancia e il guscio.

Benefici del bagno per la tartaruga

Il bagno è benefico per la tartaruga per le due ragioni succitate.In altre parole, oltre a bere e sguazzare, la tartaruga di terra potrebbe trovarsi nelle condizioni, a contatto con l'acqua, per regolarizzare le funzioni del suo intestino.

Se la tartaruga evacua durante il bagnetto, non c'è da preoccuparsi. Sarà sufficiente cambiare l'acqua. Anzi, il processo di lavaggio è per questo rettile particolarmente benefico dal punto di vista della salute intestinale.