Caring

Come portare un cane in hotel?

Come portare un cane in hotel?
Ultima modifica 25.06.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Come prepararsi a portare un cane in hotel?
  2. Come comportarsi in albergo con il cane?
  3. Quanto costa portare il cane in albergo?
  4. Cosa serve per portare il cane in vacanza?
  5. Come gestire il cane in vacanza?
  6. Com’è fatto il regolamento per cani in hotel?
  7. Cosa fare se il cane abbaia in albergo?

Come prepararsi a portare un cane in hotel?

  • Prima di partire, assicurati che il cane sia in buona salute e abbia fatto tutte le vaccinazioni;
  • Porta con te una copia dei documenti dell'animale domestico;
  • Attieniti alle regole dell'albergo;
  • Nelle aree pubbliche, assicurati che il cane abbia il guinzaglio ed eventualmente la museruola;
  • Non lasciare il cane da solo nella camera d'albergo senza comunicarlo alla reception.

Un cane ben socializzato, sia con gli umani che con gli altri cani, avrà inoltre meno problemi a convivere per qualche giorni in un albergo con altri ospiti.

Come comportarsi in albergo con il cane?

Quando ci si reca in albergo con il proprio cane è importante attenersi alle regole. Esse sono pensate per tutelare il benessere dell'animale e, al tempo stesso, garantire il meritato riposo anche agli altri ospiti dell'albergo, che magari hanno un cane a loro volta.

La prima cosa da fare è capire se il cane può andare in vacanza: un cane ben socializzato o tranquillo, che gode di ottima salute ed è in pari con le vaccinazioni, sarà un cane felice di accompagnarvi nelle vostre avventure e pronto per la nuova esperienza.

In linea generale ogni albergo ha le sue regole dedicate, che molto spesso sono pubblicate sul sito ufficiale oppure vengono inoltrate via email agli ospiti con cane. In questo modo è sempre possibile consultarle con largo anticipo e, in caso, fare domande o trovare un'altra struttura più adeguata alle proprie esigenze.

Quanto costa portare il cane in albergo?

  • Dai 30 agli 80 euro per cane

Il costo di soggiorno del cane in albergo è da non sottovalutare quando si valuta il budget per le vacanze. Oltre ad esserci un regolamento dedicato, infatti, gli ospiti con cane dovranno sostenere la quota per il loro animale domestico, all'interno della quale vi è il pernotto, la pulizia della struttura e della camera. Di regola il cibo è escluso e ogni padrone deve portare il suo, da casa.

All'interno della quota potrebbero essere inclusi altri servizi, come per esempio il dog sitting o l'intrattenimento, anche se più spesso è prevista una tariffa a parte per questi bonus.

Cosa serve per portare il cane in vacanza?

  • Salviette detergenti per animali domestici
  • Coperte per superfici
  • Spazzola per il pelo
  • Trasportino, per cani di piccola taglia
  • Gabbia o recinto da installare in stanza
  • Museruola, per cani poco socializzati o di taglia grande

Oltre a portare il cibo da casa e tutto il necessario per le passeggiate (guinzaglio, pettorina, ciotola d'acqua, giocattoli ecc), il padrone dovrà premurarsi di portare con sé alcuni oggetti che spesso fanno parte del regolamento.

Per esempio, le salviette detergenti sono estremamente utili nel caso in cui il cane non dovesse sentirsi bene con la pancia, così da igienizzarlo ed evitare di lasciare in giro odori sgradevoli.

Le coperte per superfici non solo aiutano il servizio di pulizia a svolgere meglio il loro lavoro, ma permettono anche al cane di trovare conforto dall'odore di casa che vi rimane sopra.

La spazzola è importantissime, specialmente nel periodo estivo, per aiutare il cane con la muta costante dovuta al caldo. Non solo: è anche molto utile per rimuovere piccoli frammenti di sporco dal pelo, specie dopo i bisogni.

Il trasportino può rivelarsi davvero utile in caso di cani di taglia piccola, mentre la museruola è molto importante se il cane è di dimensioni tali da spaventare qualcuno, da poter rubare dalla tavola e in generale per tutti quegli animali che hanno problemi a socializzare. Ovviamente questa andrà tenuta il meno possibile.

Come gestire il cane in vacanza?

  • Insegnare il cane a stare da solo per brevi periodi di tempo
  • Abituare il cane a non mendicare dalla tavola durante i pasti
  • Socializzare il cane così da evitare le zuffe con altri cani
  • Fargli fare tanto esercizio fisico, così da stancarlo

Il cane dovrebbe essere felice di trovarsi in vacanza e, al tempo stesso, non dovrebbe mai disturbare gli altri ospiti con richieste di cibo o abbai.

Per far sì che i momenti in cui il cane potrebbe rimanere da solo in stanza siano meno dolorosi possibile, è importante procurarsi un recinto di dimensioni adeguate, fornito di acqua, coperta e cibo. Non solo: è molto importante farlo arrivare stanco in camera d'albergo, in questo modo sarà molto più semplice per lui rimanere solo in un luogo che non conosce. Facciamogli fare tanto esercizio fisico, così perlopiù dormirà durante la nostra assenza.

Se decidiamo di lasciare il cane solo durante la giornata (in caso di escursione dove il cane non può venire, per esempio), bisogna avvisare l'albergo, così che il personale delle pulizie non entri in camera con il cane presente, facendolo spaventare. Potrebbero essere disponibili servizi di pet-sitting, per esempio, a pagamento. In alternativa, è sempre meglio programmare la vacanza in funzione del proprio animale domestico, e rimandare a data da destinarsi l'escursione che non prevede il cane.

Com’è fatto il regolamento per cani in hotel?

Ogni albergo dog-friendly (non tutti lo sono, anzi: le strutture non sono tantissime) ha il suo regolamento dedicato. Prima di prenotare, se sei in dubbio, richiedi il regolamento specifico della struttura, così da evitare sorprese.

Cosa fare se il cane abbaia in albergo?

Se il cane abbaia o guaisce quando viene lasciato solo in camera d'albergo, probabilmente soffre d'ansia da separazione. In questo caso è fondamentale evitare sempre, in qualsiasi situazione, di lasciarlo da solo.

Se vuoi saperne di più, ti consigliamo di unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e di seguire il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

CONDIVIDI: