Come interagire con un cane traumatizzato

Come interagire con un cane traumatizzato
Ultima modifica 30.12.2023
INDICE
  1. Come interagire con un cane traumatizzato
  2. Come capire se il mio cane è traumatizzato?
  3. Come tranquillizzare cane traumatizzato?
  4. Come curare un trauma al cane?
  5. Cane traumatizzato dai botti
  6. Cane traumatizzato da un'aggressione

Come interagire con un cane traumatizzato

Botti, maltrattamenti oppure l'attacco di un altro animale: un cane traumatizzato può portare dentro di sé profonde ferite. Traumi che possono cambiare l'atteggiamento del tuo pet e che potrebbero persino mettere a rischio la sua salute. Cosa fare? Il primo consiglio è quello di avere tanta pazienza e di approcciarsi al problema chiedendo, se necessario, l'aiuto di uno specialista. Esistono poi alcune tecniche che puoi mettere in atto per aiutare fido a superare il trauma subito.

Prima di scoprire come interagire con un cane traumatizzato, ricordati che puoi unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e scoprire il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per chi ama gli animali.

 

Come capire se il mio cane è traumatizzato?

  • Diffidenza;
  • Posizione della coda;
  • Non riesce a socializzare con altri cani;
  • È apatico;
  • Si rifiuta di giocare e di fare esercizio;
  • Non si allontana mai dalla sua cuccia;
  • Quando vede degli oggetti – anche di uso comune – si spaventa;
  • Si nasconde spesso, cercando di passare inosservato;
  • Ha paura di restare solo e soffre di ansia da separazione.

Gli atteggiamenti di un cane traumatizzato sono abbastanza riconoscibili. In prima battuta, abbiamo al diffidenza: Fido sarà particolarmente diffidente verso le persone e quando qualcuno si avvicina fugge o si nasconde, mostrando i denti come segno di avvertimento se la persona non desiste dal suo intento.

Poi, la posizione della sua coda sarà sempre bassa o, ancor peggio, la coda appunto si troverà in mezzo alle gambe. Mancherà anche la voglia di socializzare e di giocare. Non è tutto qui, perché anche gli oggetti d'uso comune potrebbero spaventarlo (pensiamo ad esempio alla scopa, a una bottiglia oppure a un giornale che potrebbero produrre rumori che spaventano il cane). Potrebbe infine nascondersi, ma al contempo aver paura se resta da solo.

Come tranquillizzare cane traumatizzato?

  • Ambiente sicuro;
  • Tono di voce calmo;
  • Movimenti misurati;
  • Rinforzo positivo;
  • Orari fissi e routine.

Se avete adottato o, per qualche ragione, vi ritrovate ad avere a che fare con un cane traumatizzato, dovete in primis trovargli un luogo tranquillo in cui stare in cui si senta al sicuro e protetto: con ciò si intende anche, eventualmente, la possibilità di adibirgli una stanza o un'area della casa che sia solo sua.

Attenzione anche alla comunicazione, sia verbale che non: è consigliabile usare un tono di voce basso, tranquillo e dolce per trasmettergli fiducia, non fare movimenti bruschi e non urlare anche quando disubbidisce. Va tenuta poi in considerazione la sua indole: non va obbligato a fare ciò che non vuole soprattutto quando ha paura.

Invece, per fargli capire cosa fare e che sta agendo bene, è possibile usare il rinforzo positivo premiandolo con snack e carezze. Essenziali sono anche gli orari fissi e la routine: è essenziale portarlo fuori a spasso, aiutandolo a liberare le energie represse e a rilassarsi, ma sempre a orari fissi. Passeggiate e pasti devono scandire la giornata, perché questo permetterà al tuo pet di essere più sicuro di sé e rafforzerà la sua autostima.

Come curare un trauma al cane?

  • Rivolgersi a un educatore cinofilo;
  • Rivolgersi a un etologo;
  • Mantenere calma e tranquillità in casa.

Per curare un trauma al cane sono necessarie pazienza e tanta speranza. Il tuo pet infatti avrà bisogno di moltissima comprensione, ma anche di affetto e vicinanza. Dunque non lasciarlo solo e prova a risolvere la situazione cercando la soluzione migliore. In questo caso potrebbe esserti utile il supporto di un educatore cinofilo comportamentalista oppure di un etologo. Queste figure sono preparatissime riguardo il comportamento canino e ti aiuteranno a capire come comportarti rispetto alle paure del tuo cane con esercizi pratici e consigli.

A casa e durante le passeggiate, in ogni caso, assumi l'atteggiamento giusto. Non obbligare il cane a fare ciò che non vuole, alzando la voce o gridando. Mantieni sempre un tono calmo, tranquillizzandolo. Se il trauma è stato grande il percorso sarà lungo, ma con perseveranza il legame fra te e il tuo amico a quattrozampe si rafforzerà, portando grandi risultati.

Cane traumatizzato dai botti

  • Creare un'area protetta;
  • Riabituarlo gradualmente ai rumori;
  • Non sgridarlo;
  • Usa il rinforzo positivo;
  • Cerca di comportarti in modo normale.

Purtroppo, specie a fine anno o in concomitanza con feste cittadine, i cani potrebbero avere paura di fuochi d'artificio e botti e restare, di conseguenza, traumatizzati. In questo caso occorre procedere con calma. In primis, bisogna creare un rifugio protetto e confortevole in cui il cane potrà ripararsi e sentirsi al sicuro. Poi, Fido andrà riabituato in modo graduale ai rumori, dimostrandogli con pazienza e gentilezza che non ha nulla da temere.

Ricordiamoci di non sgridarlo e non arrabbiarci con lui se si rifiuta di uscire dal rifugio o di rispondere ai comandi, perché rischieremmo solo di peggiorare la situazione. Invece, usiamo il rinforzo positivo, lavorando sulla sensibilizzazione, abituando il cane al rumore di botti, e premiandolo ogni volta che risponde positivamente alle sollecitazioni.

Cerchiamo poi di comportarci in modo normale. Ciò significa non scappare con Fido appena ci sono i fuochi d'artificio, non accarezzarlo o abbracciarlo troppo. Questi comportamenti infatti potrebbero rafforzare nell'animale l'idea che c'è qualcosa di cui dovrebbe avere paura. La soluzione migliore, al contrario, è comportarsi tranquillamente, evitando di consolare troppo il cane ansioso.

Mettendo in atto tutti questi accorgimenti riuscirai ad aiutare il tuo pet a superare il trauma dei botti di Capodanno e dei fuochi d'artificio, portandolo a capire, un passo dopo l'altro, che non ci sono pericoli imminenti per lui e abituandolo ai rumori forti.  

Cane traumatizzato da un'aggressione

Dopo un'aggressione un cane potrebbe restare traumatizzato, vivendo nella paura costante di vivere di nuovo questa esperienza. Ogni pet reagisce in modo differente e molto dipende dal suo carattere, dall'età e dal modo in cui è stato socializzato. Se il tuo amico a quattro zampe è stato ben socializzato, infatti, avrà meno difficoltà nel superare il trauma dopo aver subito un attacco, rispetto a un cucciolo che sta ancora esplorando il mondo.

Un discorso a parte va fatto per quanto riguarda i cani anziani per cui lo shock potrebbe rivelarsi molto difficile da superare. Altri elementi da prendere in considerazione sono la gravità e la frequenza delle aggressioni. Se l'attacco è stato doloroso e ha provocato delle ferite profonde, l'animale sarà più spaventato. Non solo: se il pet in passato ha già subito aggressioni, l'episodio traumatico sarà radicato profondamente nella sua psiche.

Cosa accade dopo il trauma? Come abbiamo già spiegato ogni cane reagisce in modo differente. La paura, ad esempio, potrebbe trasformarsi in aggressività. Nei primi periodi dunque sarebbe meglio prestare molta attenzione al comportamento dell'animale, evitando situazioni che possano aumentare il suo timore.

Organizza delle passeggiate in zone tranquille e isolate, evitando le aree cani. In seguito inizia a proporre a fido degli incontri con altri cani, rendendo graduale l'avvicinamento. Con pazienza, amore e tempo il tuo pet riuscirà così a superare il trauma e finalmente tornerà ad essere un cane sereno.