Caring

Come funziona l'antiparassitario del cane?

Come funziona l'antiparassitario del cane?
Ultima modifica 10.06.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Antiparassitari del cane: quali sono e come sceglierli?
  2. Come funziona l'antiparassitario cani in compresse?
  3. Come funziona l'antiparassitario cani in pipette?
  4. Si può dare l'antiparassitario per un cane cucciolo?
  5. Qual è un antiparassitario per cane naturale?
  6. Quante volte si mette l'antiparassitario ai cani?
  7. Quale è il migliore antiparassitario per cani?
  8. In che periodo si mette l'antiparassitario?

Antiparassitari del cane: quali sono e come sceglierli?

L'antiparassitario del cane è essenziale per proteggere l'animale da possibili parassiti e, di conseguenza, da infezioni e patologie. Per questo è fondamentale conoscere come funzionano gli antiparassitari, ma soprattutto quando e come applicarli.

Come funziona l'antiparassitario cani in compresse?

Fra le diverse opzioni a disposizione per quanto riguarda gli antiparassitari del cane troviamo le compresse. Si tratta di farmaci formulati con principi attivi che agiscono nel sangue del cane, eliminando i parassiti che potrebbero infestarlo.

Come le pipette, l'antiparassitario in compresse comincia ad avere effetto dopo qualche ora dall'applicazione e funziona anche sui cani già infestati, per poi avere una funzione protettiva della durata prescritta sulla confezione.

Sul mercato sono disponibili in vari formati e dosaggi in base all'età e al peso del cane, non lasciano dei residui sul pelo o sulla pelle del cane, senza nessun impatto sull'ambiente.

Per scegliere al meglio il prodotto per il proprio cane sarebbe preferibile consultare il veterinario. Il professionista valuterà lo stato di salute e la gravità dell'infestazione nel cane, fornendo tutti i consigli utili.

Solitamente la frequenza nella somministrazione può variare da una volta al mese sino ad una volta ogni tre mesi in base alla compressa o al principio attivo. Fra i vantaggi di questo antiparassitario ci sono la facilità nella somministrazione e nell'ingestione del cane. Le compresse infatti si possono nascondere nel cibo oppure nel suo snack preferito, ma anche sciogliere nell'acqua.

Inoltre alcune compresse possiedono un sapore gradevole per rendere l'assunzione più semplice. Infine questi antiparassitari sono efficaci contro una vastissima gamma di antiparassiti sia interni che esterni, garantendo una protezione completa.

Come funziona l'antiparassitario cani in pipette?

Le pipette sono dei dispositivi medici che vengono utilizzati comunemente per somministrare le sostanze antiparassitarie protettive per il cane. Sono maneggevoli e facili da usare: il prodotto va applicato sulla cute dell'animale direttamente per consentire il corretto assorbimento.  

Per farlo è necessario spostare il pelo e bagnare la cute, senza far scivolare il prodotto sul pelo. La pipetta va somministrata in più punti, scegliendone tre o quattro sulla linea del dorso. Questo accorgimento permette di distribuire su tutto il corpo dell'animale il principio attivo.

Dopo l'applicazione bisognerà attendere qualche giorno prima di lavare il cane per favorire l'assorbimento completo. Nelle ore successive, inoltre, sarebbe meglio evitare di manipolare in modo eccessivo il cane per evitare a dispersione del prodotto.

Si può dare l'antiparassitario per un cane cucciolo?

Nel cucciolo di cane il primo trattamento con l'antiparassitario andrà applicato durante la quarta settimana di vita, ossia fra il ventunesimo e il trentesimo giorno.

Da quel momento si potrà procedere con regolarità sino ad arrivare ai sei mesi di vita, applicando ogni quindici o trenta giorni. L'ideale sarebbe sverminare il cucciolo prima di ogni vaccinazione.

Nei cani con un'età dai sei mesi in su invece l'antiparassitario andrebbe applicato ogni trenta giorni. Sia in caso di animali che vivono in casa o maggiormente all'aperto il trattamento antiparassitario risulta fondamentale e va applicato con regolarità senza sospensioni particolari nei mesi invernali.  

Qual è un antiparassitario per cane naturale?

L'olio di Neem è un antiparassitario naturale per cani. Questo olio viene estratto dall'omonima pianta e possiede un principio attivo denominato acadiractina. Questo rimedio naturale impedisce al parassita di crescere e di aumentare la propria capacità infestante.

Inoltre funziona come un repellente, bloccando l'azione degli insetti e garantendo una totale prevenzione. Va però sottolineato che l'olio di Neem funziona solo nel caso in cui i parassiti non siano troppi, mentre l'effetto non è duraturo poiché la protezione tende a svanire in pochi giorni.

Quante volte si mette l'antiparassitario ai cani?

La somministrazione dell'antiparassitario va effettuata ogni quattro settimane, periodo di durata dei principi attivi. In ogni caso è necessario leggere con attenzione le indicazioni contenute nel foglietto illustrativo, controllandone le specifiche.  

Su indicazione del veterinario inoltre il periodo di somministrazione si può ridurre a tre settimane, specie in caso di situazioni ambientali che presentano un altissimo rischio di presenza di parassiti.

Quale è il migliore antiparassitario per cani?

  • Collare antiparassitario
  • Pipette antiparassitarie
  • Antiparassitario in compresse
  • Shampoo antiparassitario

Il collare è un antiparassitario facile da utilizzare e che si adatta a qualsiasi taglia di cane. Il funzionamento è basato sul rilascio graduale e continuo delle sostanze che allontanano varie tipologie di parassiti. Resistente all'acqua, è efficace per due o tre mesi in base al modello senza creare fastidi nel cane.

Le pipette antiparassitarie invece si applicano direttamente sulla cute del cane evitando il contatto con il pelo. Il liquido va posizionato fra le scapole, versandolo in vari punti. Per scegliere il prodotto giusto bisognerà prendere in considerazione il peso e l'età dell'animale, prestando particolare attenzione a possibili sovradosaggi.

L'antiparassitario in compresse è meno aggressivo e consente di proteggere il cane da parassiti sia interni che esterni. La frequenza nella somministrazione inoltre dipende dal prodotto, dall'età dell'animale e dall'entità del problema.

In che periodo si mette l'antiparassitario?

Sarebbe meglio utilizzare l'antiparassitario tutto l'anno, ciò è dovuto al fatto che l'aumento che si è registrato negli ultimi anni favorisce la presenza di parassiti e insetti. In generale la frequenza con cui si usa l'antiparassitario è legata alle abitudini del cane e del padrone.

Se ami le lunghe passeggiate e le gite all'aria aperta, in particolare durante la bella stagione, sarebbe preferibile curare con attenzione i trattamenti per proteggere il proprio animale da possibili pericoli.

A questo punto, ti ricordiamo che puoi unirti al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e seguire il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

CONDIVIDI: