Come dormono i cavalli?

Come dormono i cavalli?
Ultima modifica 12.10.2023
INDICE
  1. Come dormono i cavalli?
  2. Quanto dormono i cavalli?
  3. Come dormono i cavalli? Le posizioni
  4. Perché i cavalli dormono in piedi?
  5. Come dormono i cavalli: il bisogno di sicurezza
  6. Di cosa ha bisogno un cavallo per dormire bene?
  7. Come fanno i cavalli a dormire in piedi?

Come dormono i cavalli?

Quando si dice che i cavalli dormono in piedi si tralascia spesso un'informazione importante: è vero che riposano per la gran parte del tempo in piedi, ma hanno anche bisogno di dormire da sdraiati. E lo fanno tutti i giorni, per almeno un'ora.

Ma come dormono i cavalli? Si può dire che quella dei grandi equini è una vita di sonnellini: i cavalli dormono poco e hanno imparato a riposare, oltre che in piedi, suddividendo il sonno in intervalli molto brevi. Questo è dovuto alla loro natura di preda, che li ha costretti a sviluppare un sistema per dormire restando allerta e pronti a scattare in caso di attacco.

Quanto dormono i cavalli?

I cavalli dormono relativamente poco rispetto ad altri animali: hanno bisogno, in totale, di circa 5 o 6 ore di riposo ogni 24 ore. In quanto prede, però, non possono permettersi di "staccare" completamente per una lunga sessione di sonno che copra integralmente il loro fabbisogno di riposo quotidiano.

Durante la giornata, il cavallo sonnecchia ogni volta che ne ha bisogno, anche per pochi minuti, ma per almeno un'ora al giorno dorme sdraiato, suddividendo il sonno in intervalli di circa 15 minuti che gli permettono di lasciarsi andare alla fase REM.

Un'ora di sonno profondo è più che sufficiente per un cavallo, ma va integrata con almeno 2 o 3 ore di sonno in posizione semi-sdraiata e con innumerevoli pisolini durante il giorno, che generalmente si concentrano nelle ore che seguono il tramonto.

Come dormono i cavalli? Le posizioni

  • In piedi: tra le abitudini più strane dei cavalli, quella di dormire in piedi è probabilmente la più conosciuta. È una capacità che hanno sviluppato per fuggire ai predatori, e che gli permette di riposare in posizione eretta senza affaticare i muscoli. In questa posizione un cavallo può arrivare a dormire anche 3 o 4 ore al giorno, rigorosamente suddivise in pisolini di qualche minuto. Un cavallo che sonnecchia si può riconoscere dall'espressione rilassata del volto, protesa in avanti, e dal fatto che poggia su tre zampe, lasciandone riposare una alla volta;
  • Posizione semi-sdraiata: il cavallo dorme in questa posizione, sdraiato ma con il collo sollevato e il muso poggiato a terra, per almeno 2 o 3 ore al giorno. Questa fase di sonno anticipa la fase REM, cioè il sonno profondo, che richiede però un maggiore grado di rilassamento muscolare;
  • Posizione sdraiata: è l'unica posizione in cui il cavallo può raggiungere la fase REM e quindi riposare in maniera (quasi) completamente rilassata. Generalmente, anche questo tipo di sonno viene frazionato in intervalli di circa 15 minuti, non soltanto per via della strategia di adattamento di queste prede "pure" in natura, ma anche per via delle loro dimensioni fisiche.

Perché i cavalli dormono in piedi?

  • Istinto di sopravvivenza: il motivo principale per cui i cavalli dormono in piedi è lo stesso per cui in natura riposano gli uni accanto agli altri e "facendo i turni" per sorvegliarsi a vicenda. Si tratta di una capacità che questi grandi erbivori hanno sviluppato per far fronte ai pericoli dell'ambiente naturale, ovvero per essere sempre pronti a scattare e fuggire in caso di aggressioni da parte dei predatori;
  • Comodità: i cavalli dormono in piedi anche perché sono in grado di farlo senza affaticare la muscolatura. Dispongono infatti di un particolare meccanismo di incastro delle articolazioni che gli permette di restare in equilibrio anche durante il sonno;
  • Pesano troppo per stare sdraiati a lungo: un altro dei motivi per cui i cavalli dormono buona parte del tempo in piedi è che non possono restare sdraiati per molto tempo. Il loro imponente peso, infatti, che può superare agevolmente i 500 chili, rischia di comprimere il diaframma causando difficoltà respiratorie e di provocare una pressione eccessiva sugli organi interni.

Come dormono i cavalli: il bisogno di sicurezza

Sorprendere un cavallo nel momento in cui dorme completamente sdraiato è piuttosto raro, e questo è dovuto essenzialmente a due motivi: lo scopo originario di questa singolare gestione del sonno, cioè la protezione dai predatori, e il fatto che questo tipo di riposo dura a malapena un'ora al giorno.

Al contrario, è molto frequente vedere un cavallo appisolarsi in piedi, mentre viene spazzolato o è semplicemente in relax, quando ne ha bisogno. Ovviamente, per tutti i motivi riportati sopra, questo avviene soltanto se si sente abbastanza al sicuro nell'abbassare le difese in nostra presenza.

Se il cavallo ci considera pienamente parte del suo branco familiare, potrebbe anche sfruttare la nostra veglia per riposare in tranquillità, come fa con gli altri equidi del suo gruppo in natura. Spesso, anche i cavalli che vivono in box o in contesti protetti dormono "dandosi il cambio", in modo che almeno uno di loro resti in allerta e pronto ad avvisare il branco in caso di pericoli.

Di cosa ha bisogno un cavallo per dormire bene?

  • Sicurezza: se non si sente al sicuro o si trova in un contesto nuovo, un cavallo può evitare il sonno profondo anche per alcuni giorni, ma questa deprivazione può avere effetti molto gravi per la sua salute. Affinché si lasci andare al riposante sonno che lo rende vulnerabile al massimo grado, un cavallo deve sentirsi al sicuro. È uno dei tanti motivi per cui è importante garantirgli la compagnia dei suoi simili: il senso di sicurezza di un cavallo si fonda in buona parte sul branco.
  • Spazi adeguati: in natura o in gestione naturale questo problema non si pone, ma per i cavalli che vivono in box gli spazi sono essenziali. Uno studio pubblicato nel 2006 sulla rivista Journal of Equine Veterinary Science sottolinea come le dimensioni del box influenzino il comportamento del cavallo in materia di sonno: avendo a disposizione un box più grande, i cavalli tendono a passare più tempo sdraiati, a tutto beneficio del loro benessere;
  • Giaciglio comodo: anche la qualità della lettiera, per i cavalli "domestici", influisce molto sul tempo di permanenza a terra. Che sia in paglia o in truciolo, è importante che sia abbastanza spessa (almeno 15-20 centimetri) e che sia tenuta sempre asciutta. L'assenza completa di una lettiera, come anche l'uso dei tappeti in gomma, tendono a ridurre notevolmente il tempo che il cavallo passa da sdraiato.

Come fanno i cavalli a dormire in piedi?

  • Articolazioni bloccate: i cavalli hanno dei particolari blocchi delle articolazioni, che rimangono in posizione facendo in modo che l'animale tenga le zampe anteriori tese e quelle posteriori leggermente piegate;
  • Sospensione della testa: anche il sistema di sospensione della testa aiuta i cavalli a dormire in piedi. Grazie a quello che è noto come apparato dei legamenti nucali, i muscoli del collo rimangono contratti durante il sonno;
  • Sonno REM: a proposito di sonno, i cavalli passano la maggior parte del loro tempo di sonno in una fase di sonno REM, che è essenziale per il riposo ma non richiede il completo rilassamento muscolare come il sonno profondo;
  • Vigilanza costante: i cavalli hanno un sistema di vigilanza che consente di alternare il sonno tra i due occhi, in modo che uno dei due resti aperto e li faccia reagire rapidamente a pericoli potenziali.

Com'è chiaro da queste quattro caratteristiche, i cavalli sono in grado di dormire in piedi grazie a doti anatomiche e adattive sviluppate nel corso della loro evoluzione. Va anche precisato che potrebbero anche dormire stesi, ma lo fanno solo in casi rari e se si sentono davvero al riparo o al sicuro.