Health

Come capire se il gatto ha preso le pulci: sintomi e trattamento

Come capire se il gatto ha preso le pulci: sintomi e trattamento
Ultima modifica 16.09.2023
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Pulci gatto: premessa
  2. Pulci gatto: sintomi
  3. Come riconoscere i segni
  4. Come sbarazzarsi delle pulci sui gatti

Pulci gatto: premessa

Fin dalla prima età, i gatti possono essere infestati dai parassiti esterni. Tra i più frequenti vi sono le pulci, la cui infestazione può causare molto più che una semplice irritazione cutanea. Le pulci possono infatti trasmettere al gatto gravi malattie infettive.

Fortunatamente, oggi esistono trattamenti antiparassitari efficaci e sicuri che possono essere utilizzati regolarmente e per lungo tempo per proteggere i gatti dalle pulci.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2023/07/25/pulci-gatto-orig.jpeg Shutterstock

Pulci gatto: sintomi

Come capire se il gatto ha le pulci

Le pulci possono essere particolarmente difficili da identificare sui gatti perché sono dei toelettatori esigenti e questi parassiti si possono nascondere molto bene nel pelo. Esistono, però, dei segni rivelatori che possono suggerire che il nostro amico felino abbia le pulci,

I sintomi più evidenti delle pulci sui gatti sono l'aumento dei graffi e dei morsi del pelo. Inoltre, il prurito provocato dalle pulci può far sì che il gatto si pulisca più frequentemente e sia irrequieto: si lecca, si gratta e la cute potrebbe apparire rossa o irritata.

In alcuni casi, si potrebbe notare che il gatto sviluppa chiazze prive di pelo a causa di un'eccessiva pulizia o un'irritazione della pelle a causa di un'allergia ai morsi delle pulci.

Pulci gatto: segni più comuni a cui prestare attenzione

  • Il gatto si gratta senza sosta o si toeletta eccessivamente, mordendo il pelo
  • Il gatto presenta chiazze che evidenziano la perdita dei peli
  • Il gatto manifesta irritazione della pelle, letargia e gengive pallide causate dall'anemia correlata alle pulci
  • Sono presenti particelle o corpuscoli neri nel pelo o nella cuccia del gatto

Cosa sapere sulle pulci

  • Le pulci si riproducono molto velocemente: una o due piccole pulci possono trasformarsi rapidamente in un'intera infestazione. Basti pensare che in un giorno una singola pulce femmina può deporre fino a 50 uova, per diverse settimane.
  • Le infestazioni si sviluppano specialmente durante la primavera e l'estate, poiché questi parassiti prosperano in condizioni calde.

Come riconoscere i segni

Se il gatto mostra i sintomi di una possibile infestazione, il primo punto da cui iniziare è un controllo visivo per cercare i segni della presenza delle pulci. Si suggerisce di concentrare la ricerca sul collo e sulla schiena del gatto, poiché è lì che le pulci tendono ad essere più concentrate (e anche dove è meno probabile che il micio sia in grado di pulirsi da solo perché sono aree difficili da raggiungere). Per l'osservazione, dividere la pelliccia e cercare in prossimità della cute la presenza di macchioline puntiformi bruno-rossastre o nere, che potrebbero essere le pulci stesse, le loro uova o le loro deiezioni.

Se le pulci non sono visibili, è necessario far scorrere sul pelo dell'animale un pettine a denti fini, che potrà aiutare ad identificare i parassiti: eventuali puntini neri presenti dopo aver pettinato l'animale possono essere le feci delle pulci o le pulci stesse. In alternativa, si pone un tovagliolo di carta bianco sotto l'animale e si sfrega il pelo con le mani; le particelle nere che compaiono sul tovagliolo possono essere le feci delle pulci.

Come capire se sono feci delle pulci o sporco?

La differenza tra le deiezioni delle pulci e lo sporco normale raccolto dal pelo del gatto, provare questo trucco:

  • Pettinare la pelliccia del gatto per raccogliere eventuali piccoli granelli neri.
  • Metterli su un fazzoletto inumidito o un tovagliolo di carta bianca.

Se le particelle diventano rosse, probabilmente si stanno osservando le tracce delle pulci, che si nutrono di sangue che appare rosso al test del tessuto.

Non si vedono le pulci, ma di sospetta ancora la loro presenza?

A volte, è possibile non trovare pulci su un gatto perché è un ottimo toelettatore, ma si noterà che sta perdendo il pelo. Se si hanno ancora problemi ad identificare i segni delle pulci sui gatti, è meglio rivolgersi all'occhio professionale del veterinario, il quale potrà aiutare a rintracciare eventuali pulci nascoste o altri problemi della pelle che potrebbero causare irritazione al gatto.

Possibili conseguenze

Non ci vogliono molte pulci per far sentire un gatto infastidito e irritato. Ma questi minuscoli parassiti in rapido movimento sono più di un semplice fastidio pruriginoso.  

Trattandosi di parassiti ematofagi, quindi nutrendosi del sangue del gatto, le pulci possono causare:

  • Dermatite miliare, un'eruzione cutanea che interessa solitamente il tronco; numerose piccole croste, ricoprono la base della coda. Tale condizione molto pruriginose e può portare il gatto a ferirsi con morsi o graffi.
  • Dermatite da allergia alle pulci (DAP), una reazione cutanea ad alcune componenti della saliva della pulce che si manifesta con forte prurito, arrossamento localizzato e marcata perdita di pelo dovuto all'eccessivo atto di leccarsi e grattarsi, localizzata soprattutto all'addome, alla parte posteriore della coscia, ai fianchi e alla coda.
  • Anemia nei gattini più giovani, evidente per la debilitazione e il dimagrimento dell'animale.  

Le pulci possono anche causare malattie per via indiretta. Sono, infatti, responsabili della trasmissione di:

Come sbarazzarsi delle pulci sui gatti

Sbarazzarsi delle pulci sui gatti e in casa può essere complicato, ma prevenire è più facile che liberarsene una volta che l'infestazione è in corso. Tuttavia, questo non significa che sia impossibile! Ecco alcune misure proattive da adottare per prevenire le pulci del gatto ed impedire loro di tornare.

Come trattare e prevenire le pulci sui gatti

Dopo aver verificato la presenza di pulci sul gatto, consigliamo di sbarazzarsene il ​​più velocemente possibile. Poiché non tutti i prodotti antipulci trattano tutte le fasi della vita, potrebbe essere necessario utilizzare più passaggi per curare adeguatamente le pulci e allontanarle da casa e dagli animali domestici.

Passaggio 1: rimuovere quante più pulci possibili dal gatto

Se riesci a vedere pulci, feci o uova sul gatto, iniziare il processo di trattamento pettinandolo e lavandolo per eliminarne il più possibile (anche se potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi). Nel caso il gatto non tollerasse i tentativi di bagnarlo è possibile munirsi di un flacone spray: basta spruzzare leggermente il manto dell'animale con l'acqua, quindi passare un pettine antipulci attraverso la pelliccia. Le pulci vanno poi messe in una soluzione di acqua e sapone per i piatti in modo che non siano tentate di saltare nuovamente sul gatto.

Passaggio 2: somministrare un farmaco antipulci creato appositamente per i gatti

Dopo aver rimosso quante più pulci possibile attraverso il bagno e la pettinatura, si dovrà trattare il gatto per le pulci in ogni fase della vita: uovo, larve, pupa e adulto. Poiché le uova delle pulci possono rimanere latenti per settimane, il trattamento deve coprire diversi mesi in modo che le uova non si schiudano, riavviando così il problema da capo. 

Esistono diversi tipi di farmaci per le pulci dei gatti: chiedere sempre consiglio al veterinario prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento e seguire le sue raccomandazioni per il proprio animale domestico, poiché il dosaggio si basa su peso, età e altre variabili.

Estremamente importante è controllare che il prodotto sia destinato per gatti e NON per cani, poiché i trattamenti antipulci per cani possono essere tossici se usati sui gatti. 

Indicativamente, i trattamenti base comprendono:

  • Trattamenti antipulci spot-on: si tratta di un liquido medicinale che viene applicato sulla parte posteriore del collo del gatto. La maggior parte di questi farmaci viene applicata una volta al mese e poi assorbita nel flusso sanguigno del gatto per proteggerlo dai parassiti (comprese le zecche). Cominciano subito a funzionare. Non tutti i trattamenti mirati richiedono una prescrizione per l'acquisto, ma è meglio consultare il veterinario prima di applicare qualsiasi nuovo farmaco al proprio animale domestico. Assicurarsi di seguire attentamente le istruzioni specifiche sull'etichetta del prodotto per garantire un dosaggio e un'applicazione adeguati. 
  • Farmaci orali: un altro modo veloce per sbarazzarsi delle pulci sui gatti è con farmaci ingeribili. Le pillole contenenti il ​​principio attivo nitenpyraminiziano a uccidere le pulci adulte sul gatto entro 30 minuti dalla somministrazione del medicinale. Tuttavia, questi farmaci non hanno un effetto così duraturo e potrebbero richiedere un'altra dose se il tuo gatto prende di nuovo le pulci. I masticabili contenenti il principio attivo spinosad sono un'altra opzione ad azione rapida che inizia a uccidere le pulci prima che depongano le uova e fornisce un mese intero di protezione dalle pulci per aiutare a prevenire future infestazioni.
  • Spray, shampoo e polveri: altri trattamenti contro le pulci per gatti che si possono trovare presso i rivenditori di articoli per animali domestici includono polveri, shampoo e spray.  Questi prodotti non sono sempre efficaci perché non forniscono una copertura duratura per affrontare le uova. Inoltre, i vecchi prodotti antipulci non funzionano più così bene poiché le pulci sono diventate resistenti alle loro proprietà.
  • Rimedi naturali contro le pulci: è allettante cercare un metodo privo di sostanze chimiche per uccidere le pulci del gatto. Tuttavia, essendo questi parassiti diventati sempre più resistenti nel tempo, i rimedi naturali o fatti in casa come oli essenziali, detersivo per i piatti e aceto di mele semplicemente non sono sufficienti per uccidere tutte le pulci sull'animale domestico.

Passaggio 3: impedire alle pulci di tornare

Nonostante i farmaci orali e le soluzioni mirate possano uccidere le pulci sul gatto nel giro di poche ore, è importante continuare a usarli per la durata del tempo consigliato dal veterinario per la completa eradicazione del problema. Attenzione, quindi, a seguire scrupolosamente le istruzioni del prodotto e, se necessario, riapplicare regolarmente il trattamento.

Pulci in casa: trattamento

Oltre a curare il gatto, si dovranno anche adottare misure per sbarazzarti di eventuali pulci o uova che potrebbero nascondersi in casa. Le pulci si aggirano sui mobili, sul tappeto o sul letto, specialmente nelle aree in cui il gatto si siede spesso. Le uova delle pulci che si nascondono nella tappezzeria si schiuderanno più tardi e inizieranno a cercare un amico peloso con cui banchettare, quindi è fondamentale sbarazzarsi di questi ospiti indesiderati il ​​prima possibile con l'aiuto dell'aspirapolvere.

Un regolare regime di aspirazione e lavaggio fa un'enorme differenza nell'efficacia complessiva del trattamento delle pulci. 

  • Concentrarsi sull'aspirazione di eventuali crepe e fessure (come i cuscini del divano), sotto i mobili e ovunque gli animali domestici amino stare. Non dimenticare di smaltire il sacchetto sottovuoto in un sacchetto di plastica sigillato o di lavare subito il contenitore in modo che non scappino le pulci. 
  • La pulizia a vapore di tappeti e mobili dopo aver trattato il gatto può anche aiutare a garantire che le pulci vengano distrutte in tutte le fasi della loro vita.
  • Insieme ad un trattamento adeguato del proprio animale domestico, l'aspirazione e il lavaggio accurato dei tessuti sono generalmente sufficienti per eliminare la maggior parte delle pulci dalla tua casa. 
  • Lavare lenzuola, lettiere e cuscini una volta alla settimana. Usare l'impostazione di calore elevato sulla lavatrice e sull'asciugatrice per eliminare che potrebbero nascondersi nei tessuti.

Qualora lavare e passare l'aspirapolvere non fosse sufficiente, le pulci ostinate possono essere debellate con uno spray antipulci domestico o ricorrendo ad una disinfestazione professionale.

Antiparassitari per Gatti: Solo in Estate?

Guarda il video

CONDIVIDI:

Autore

Dott.ssa Giulia Bertelli

Dott.ssa Giulia Bertelli

Biotecnologa Medico-Farmaceutica
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici