Come calcolare il peso del cane a casa

Come calcolare il peso del cane a casa
Ultima modifica 29.03.2024
INDICE
  1. Il peso del cane: come calcolarlo a casa
  2. Come calcolare il peso del cane?
  3. Bilancia per cani grossa taglia: come pesare un cane grande
  4. Ogni quanto dovrei pesare il mio cane?
  5. Quanto dovrebbe pesare il mio cane da adulto?
  6. Tabella peso del cane: i fattori di rischio
  7. Come si fa a capire se un cane è magro?
  8. Come capire la taglia del cane?

Il peso del cane: come calcolarlo a casa

I nostri animali domestici hanno bisogno di mantenersi in linea. Per questo calcolare il peso del cane è un'abitudine importante: il peso è un indicatore essenziale per valutare le sue condizioni complessive.

Riuscire a tenere sotto controllo i suoi kg consente anche di ridurre notevolmente le probabilità di patologie connesse al sovrappeso. Problemi cardiovascolari, ad esempio, così come diabete e non solo. Chiaramente non tutti ci riescono, di conseguenza cercheremo di spiegarvi i modi in cui calcolare il peso del cane a casa.

Sappiate, però, che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Come calcolare il peso del cane?

Ma come calcolare il peso del cane a casa? Un esemplare di piccole dimensioni può ovviamente essere posto su una bilancia pesa persone. È importante che nessuna zampa spurga dalla superficie. Per questo compito potrebbe essere utile "armarsi" di uno snack. Se è vero che il corpo non deve sporgere, poca differenza fa la coda, che può essere lasciata libera di muoversi all'esterno della superficie della bilancia.

Il cane potrebbe però essere molto agitato o aver voglia di giocare. Una problematica ricorrente nel caso dei cuccioli. In questo caso si può optare per un trasportino, così da essere certi che l'animale resti al di sopra della bilancia, senza scendere. Al termine della pesata, ovviamente, il trasportino andrà pesato a sua volta vuoto, così da eliminare il suo peso dal totale.

Alcuni cani sono ben sereni quando sollevati e tenuti tra le braccia dai propri padroni. Ciò permette di pesarli facilmente salendo insieme sulla bilancia. In seguito, ovviamente, ci si dovrà pensare da soli e rimuovere il proprio valore dal totale.

Un cane particolarmente agitato o di notevoli dimensioni può essere invece pesato dal proprio veterinario di fiducia. Solitamente la pesata avviene gratuitamente, soprattutto se sia clienti di quella particolare clinica. Ciò rappresenta anche un ottimo modo per creare un buon rapporto tra l'animale e il suo medico. È importante infatti che il cane si renda conto che le visite dal veterinario non devono essere necessariamente spiacevoli o stressanti.

Bilancia per cani grossa taglia: come pesare un cane grande

Le indicazioni che vi abbiamo appena fornito valgono per i cuccioli e per i cani da taglia piccola a media, ma cosa succede se abbiamo deciso di prendere con noi un cane di taglia grande? Sicuramente pesare un San Bernardo è molto diverso rispetto al pesare un Chihuahua, di conseguenza dobbiamo subito dirvi che è essenziale procurarsi una bilancia apposita.

Queste bilance sono del tutto simili a quelle che si trovano dal veterinario e sono generalmente dotate di un monitor che, oltre al peso, può fornirci ulteriori informazioni. In questo caso non sarà necessario prendere in braccio l'animale domestico, basterà farlo salire sulla bilancia o farlo mettere seduto dandogli l'apposito comando. 

Ogni quanto dovrei pesare il mio cane?

  • Cuccioli appena nati: ogni tre-cinque giorni;
  • Cuccioli da due settimane in su: ogni settimana;
  • Cuccioli da 1 a 3 mesi: ogni due settimane;
  • Giovani adulti e adulti: ogni mese;
  • Anziani: ogni due settimane.

È bene ricordare che per una buona gestione, i cuccioli appena nati dovrebbero essere pesati ogni tre-cinque giorni per capire se la mamma li sta nutrendo bene. La frequenza aumenta man mano che il cane cresce: da adulti e giovani adulti questi animali da compagnia possono essere pesati ogni 30 giorni, a meno di situazioni di particolare sovrappeso.

Quando invece il cane diventa anziano è meglio tornare a un monitoraggio più frequente. Sicuramente perderà peso con il passare del tempo, ma cercare di capire con quanta velocità lo fa è essenziale per comprendere se qualcosa non va e se ci sono modi per aiutarlo.

Quanto dovrebbe pesare il mio cane da adulto?

  • Cane di taglia mini: peso inferiore ai 5 kg;
  • Cane di taglia piccola: peso tra 5 e 10 kg;
  • Cane di taglia media: peso tra 10 e 25 kg;
  • Cane di taglia grande: peso tra 25 e 45 kg;
  • Cane di taglia gigante: peso tra 45 e 90 kg.

Non esiste un peso universale per tutti i cani: a fare la differenza sono sicuramente le taglie. Quelli che vi abbiamo appena elencato sono relative a cani adulti, ma anche in questo caso potrebbero non valere per tutti, perché ogni animale domestico ha le sue necessità. Per una panoramica più completa vi consigliamo di rivolgervi al vostro veterinario di fiducia, che vi darà sicuramente informazioni più dettagliate.

Tabella peso del cane: i fattori di rischio

Percentuale di grasso corporeo Fattore di rischio Costole Forma fisica Caratteristiche della coda Cosa fare?
Da 16 a 25% Basso Leggermente prominenti, si sentono al tatto. Forma proporzionata sia dall'alto che dal basso, con muscoli definiti. Evidente, slanciata, sinuosa. Proseguire con l'attività fisica e calibrare la dieta in modo che non abbia eccessi.
Da 26 a 35% Medio Poco prominenti, non si sentono bene al tatto. Forma leggermente sproporzionata dall'alto, piccoli accumuli di grasso nella parte addominale. Poco evidente, percepibile ma con problemi a identificarne la base. Aumentare il livello di attività fisica e verificare la tipologia di alimentazione.
Da 36 a 40% Moderato Non prominenti, difficili da sentire al tatto. Forma sproporzionata dall'alto e nell'area addominale, nel complesso simile a un quadrato. Poco evidente e poco percepibile, con presenze di grasso sulla base. Aumentare il livello di attività fisica, cambiare alimentazione e consultare il veterinario.
Da 46 a 55% Serio Non prominenti, quasi impossibili da percepire. Forma sproporzionata, con evidenti accumuli di grasso sia dall'alto che dal basso ed evidentemente quadrata. Poco evidente, appesantita, ossa non percepibili e grasso diffuso su tutta la superficie. Consultare il veterinario.
Da 56 a 65% Severo Non prominenti, quasi impossibili da percepire e coperte di grasso. Forma sproporzionata, con evidente accumulo di grasso nella parte addominale e fatica nel movimento. Ampiamente coperta di grasso, difficoltà di movimento e con ossa non più percepibili. Consultare il veterinario.
Oltre il 65% Estremo Impossibili da percepire e da toccare. Forma sproporzionata, con accumuli di grasso sia nella parte addominale che a carico della schiena e delle spalle. Difficoltà di movimento. Ricoperta di grasso, con difficoltà di movimento. Attaccatura e inizio della coda sembrano indistinguibili. Consultare il veterinario.

Come abbiamo già detto, ogni cane e ogni razza ha le sue specifiche caratteristiche. Tuttavia è possibile capire se il nostro cane ha un peso adeguato o se è in sovrappeso tenendo conto della tabella relativa al grasso corporeo. In genere è il veterinario a valutare qual è la percentuale di grasso del nostro cane, ma in base agli indicatori succitati è possibile avere un idea della salute del nostro animale.

Come si fa a capire se un cane è magro?

Dal sovrappeso alla magrezza: i segnali per rendersi conto che il proprio cane è eccessivamente magro sono tantissimi. Osservazione e tatto possono bastare, tenendo conto di alcuni elementi. Il proprio animale domestico non dovrebbe avere ossa prominenti ben visibili da lontano, come costole e struttura pelvica.

Se tali forme sono ben distinguibili, potrebbe non esserci grasso corporeo, con il verificarsi di una chiara perdita di massa muscolare. In altri casi, invece, costole e vertebre lombari sono facilmente visibili, in assenza di grasso palpabile, con perdita però soltanto minima di massa muscolare. Ma le costole in evidenza sono sempre un segnale negativo? Tutt'altro.

Riuscire a sentirle al tatto, rendendosi conto di uno strato di grasso a ricoprirle non eccedente, rappresenta la condizione ideale. In questo caso il cane è magro ma non eccessivamente. Vanta il suo peso ideale, più o meno, con la vita facilmente visibile dall'alto, con la sua forma a clessidra, ma non sporgente, e l'addome piegato verso il bacino, con vista dall'alto.

Per approfondire: Come cambiare l'alimentazione al cane?

Come capire la taglia del cane?

Esistono vari modi per riuscire a capire la taglia del proprio cane da adulto. Il primo fattore da valutare, ovviamente, è la taglia dei genitori. Ciao vale però quando si hanno informazioni sia su madre che suo padre. La sola mamma può dare indicazioni ma non informazioni esaustive al 100%.

Si possono dunque prendere in considerazione le zampe del cucciolo. Se questi risultano essere particolarmente grandi rispetto al resto del corpo, è probabile che da adulto rientrerà nella categoria delle taglie grandi. Sarà invece una taglia medio piccola nel caso di zampe relativamente piccole.

Altra indicazione utile riguarda il peso. Un cane che a 3 mesi rientra in una fascia tra 1-3 kg, resterà di taglia piccola, se non mini. Un cucciolo della stessa età ma con peso tra 10-15 kg, sarà un cane di taglia grande e, a seconda dei casi, anche gigante (potenzialmente).

Una problematica che non si pone, chiaramente, se la razza dell'animale è facilmente distinguibile. Questi strumenti sono utili per dei cani meticci. Si ricordi che a 14 settimane di vita, un cucciolo avrà circa metà del peso da adulto. In caso di un cane di 6 kg a 3-4 mesi, sarà facile prevedere un range di 10-15 kg da adulto. Anche l'altezza è indicatrice. A sei mesi di vita ha raggiunto circa 3/4 della sua altezza totale. Un cane di 30 cm in questa età arriverà, probabilmente a non superare i 40 cm da adulto.