Caring

Come addestrare un criceto?

Come addestrare un criceto?
Ultima modifica 09.10.2023
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Come si fa ad addestrare un criceto?
  2. Addestrare un criceto: da dove si comincia?
  3. Prendere in mano il criceto
  4. Addestrare il criceto alle parole
  5. Il criceto non vuole giocare?
  6. Come addestrare il criceto a non mordere
  7. Come abituare il criceto a dormire di notte

Come si fa ad addestrare un criceto?

I criceti sono graziose palle di pelo, morbidi e vispi, sempre più o meno attenti a tutte le attività che li circondano. Tuttavia, non è improbabile che, specialmente quando vengono acquistati in un negozio specializzato, abbiano paura di noi. La domanda a cui daremo risposta in questo articolo è duplice: è possibile abituarlo alla presenza della famiglia? Soprattutto, fino a che punto è possibile addestrare un criceto?

Addestrare un criceto: da dove si comincia?

La prima cosa da fare quando si desidera addomesticare il proprio criceto è mettersi nell'ottica di accoglierlo in casa al meglio delle proprie possibilità. Il criceto dovrebbe prendere confidenza con il suo spazio, la sua gabbietta e il proprietario, ma ci potrebbe volere del tempo. Per rendere questa esperienza il più piacevole possibile sia per l'animale che per il padrone, è importante predisporre l'ambiente in cui andrà a vivere prima di portarlo a casa.

Una gabbietta non vale l'altra: dimensioni, spazio, strutture interne e qualità della sabbia, o del substrato in generale, giocano in ruolo fondamentale per creare un ambiente dove un criceto spaventato dal trasloco possa trovare immediatamente un posto sicuro dove rifugiarsi e, probabilmente, nascondersi per più di qualche ora.

Abbiamo detto che per addestrare un criceto ci vuole pazienza, e il primo step riguarda soprattutto questo. Ora che hai creato un luogo confortevole per l'animale, o meglio una gabbia dove:

  • C'è un rifugio chiuso, come per esempio una scatolina imbottita di cotone o altro materiale;
  • C'è un libero accesso a cibo fresco e granaglie;
  • C'è libero accesso all'acqua;
  • Sono stati installati dei giochi, per esempio una ruotina.

Bisogna fare una cosa che può sembrare controintuitiva: lasciarlo in pace. Questo piccolo animale è timoroso per natura, e vorrà un luogo dove prendere confidenza con i nuovi odori e il nuovo ambiente. Un posto riparato. Pur mantenendo ben rifornita e pulita la gabbietta, è importante lasciare da solo il criceto per almeno 2-3 giorni, così che riesca ad ambientarsi nel nuovo habitat.

In questa fase la vita intorno alla gabbia dovrebbe scorrere normalmente, evitando però l'introduzione di rumori improvvisi o troppo forti. Prima di iniziare l'addestramento vero e proprio, è importante che il criceto impari a riconoscere il suono e il tono della vostra voce e del resto della famiglia. Quando ci si rivolge all'animale, è importante usare un tono calmo e non urlare.

Prendere in mano il criceto

La prima forma di addestramento, ora che il criceto si è ambientato nel nuovo spazio e alla vostra presenza, è farlo salire sulla propria mano. I criceti abituati alla presenza dell'uomo si lasciano prendere senza troppa difficoltà e, soprattutto, non mordono. Vi sorprenderà sapere forse che il morso di un criceto arrabbiato non è piacevole. Sebbene i suoi dentini non possano provocare danni importanti, l'esperienza potrebbe rivelarsi sorprendentemente… pungente.

Procuratevi del cibo che fa parte della sua dieta e di cui è particolarmente ghiotto, come ad esempio un paio di semi di girasole. Lasciateli sulla mano e mettete, con delicatezza, la mano nella gabbia. Ci vorrà un po' di tempo, e tanta pazienza, ma prima o poi, con tentativi costanti, il criceto arriverà a salirvi sulla mano per mangiare. A questo punto diventerà sempre più facile prenderlo: il tempo e la delicatezza saranno i vostri migliori alleati.

Addestrare il criceto alle parole

A questo punto dell'addestramento è importante capire che un criceto è una creatura sveglia e intelligente, nella maggior parte dei casi. Tuttavia, non sarà mai davvero possibile addestrarlo ai comandi avanzati, come per esempio quelli che si potrebbero insegnare a un cane. Sarà possibile istruirli, piano piano, a comandi come:

  • In piedi
  • Afferra (provando a collocare il seme sulla sua schiena, per esempio)
  • Salire sulla spalla
  • Fare la giravolta
  • Usare la ruotina

Tutti questi comandi vanno impartiti con pazienza e il rinforzo positivo di uno snack delizioso, in maniera che il roditore colleghi il cibo alla parola e dunque leghi gli eventi a un episodio positivo, attraverso il quale verrà premiato. Addestrare un criceto richiede un lavoro quotidiano e, soprattutto, non possiamo davvero pretendere che un roditore sia in grado di eseguire comandi avanzati come saltare o dare effettivamente la zampa come un cane.

Con i criceti è tutta una questione di fiducia e tempo. Più tempo dedicherete al vostro criceto, più lui sarà a suo agio nell'eseguire le piccole evoluzioni che renderanno unico il vostro legame.

Il criceto non vuole giocare?

Se il criceto è stanco, o sembra non avere voglia di giocare per qualche giorno di fila, potrebbe:

  • Essere spaventato da qualcosa o da qualcuno
  • Sentire odori nuovi che non riconosce o di cui ha paura
  • Essere molto vecchio, e dunque quasi sempre insonnolito e stanco
  • Potrebbe alimentarsi in maniera scorretta
  • Potrebbe soffrire di qualche patologia

Prima di perdere le speranza con il proprio criceto è importante assicurarsi che sia in ottima salute. Un criceto sano è un compagno di vita felice e attivo, sempre pronto a darvi fiducia per la prossima avventura insieme.

Come addestrare il criceto a non mordere

Il criceto usa la bocca, insieme all'olfatto, per scoprire il mondo. È assai probabile che nei periodi di scoperta userà la sua bocca per mordicchiare voi e tutto ciò che lo circonda. Quando il morso diventa doloroso, è importante non punire mai l'animaletto con metodi che si leggono in giro, come per esempio quello di soffiargli sul muso.

Se il criceto morde, e morde forte, di solito c'è una ragione ben precisa. Potrebbe trattarsi di un disagio provocato dall'habitat poco adatto: una gabbia troppo piccola, lettiera poco accessibile o scarsa confidenza con i suoi padroni umani. Evitiamo di punire il criceto per un comportamento naturale: cerchiamo di capire quali sono le cause sottostanti, correggerle o dargli il tempo necessario.

Come abituare il criceto a dormire di notte

I criceti sono animali particolarmente attivi la sera e durante la notte. È la loro natura, e se non per motivi importanti, non andrebbe mai modificata. Qualcuno consiglia di ingannare il criceto riducendo o rimuovendo la luce durante le ore diurne, allo scopo di fargli pensare che sia notte, così da fargli scambiare le fasi di attività. Tuttavia, si tratta di un espediente che gli esperti sconsigliano caldamente.

La verità è che il criceto, per quanto piccolo e carino, è un animale con le sue esigenze e le sue caratteristiche. Meglio evitare di inferirgli comportamenti che sono contro la sua natura.

CONDIVIDI: