Caring

Come accorgersi se il cane ha un forasacco?

Come accorgersi se il cane ha un forasacco?
Ultima modifica 18.06.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Quali sono i pericoli dei forasacchi per i cani?
  2. Come accorgersi se il cane ha un forasacco?
  3. Cosa succede se non si toglie un forasacco?
  4. Quando è il periodo dei forasacchi?
  5. Il forasacco esce da solo?
  6. Cosa fare se il cane ha un forasacco nel naso?
  7. Come evitare forasacchi cane?
  8. Forasacco sottocute nel cane: cosa fare?

Quali sono i pericoli dei forasacchi per i cani?

I micro uncini retroflessi del forasacco costituiscono un pericolo concreto per i cani, poiché una volta penetrati nel corpo dell'animale è difficile (e molto doloroso) tirarli fuori.

Quando sono gialle e secche, queste spighette derivanti dalle graminacee possono infilarsi nel naso, nelle orecchie, tra le dita, negli occhi, nella bocca o sotto la pelle del cane (anche nelle zone genitali), provocando ferite, infezioni, gonfiori e dolori che possono portare a interventi chirurgici.

Come accorgersi se il cane ha un forasacco?

  • Starnutisce ripetutamente, con possibile sangue dalle narici
  • Inizia a scuotere ripetutamente la testa, o la tiene inclinata da una parte
  • Arrossamenti, gonfiori, uscita di pus dalle zampe o dal corpo
  • Zoppicamento dopo una passeggiata nei prati
  • Tiene un occhio chiuso o prova a sfregarlo con la zampa

Esaminare attentamente il corpo del cane dopo una passeggiata in un parco o in un campo, specialmente con erba alta, è il primo modo per accorgersi se il cane ha preso un forasacco. La maggior parte di essi finisce nel pelo, e si rimuove facilmente.

I forasacchi, conosciuti anche come "arista", sono delle piccole spighe provenienti dalle graminacee come orzo e avena. Quando sono verdi sono morbidi e malleabili, più facili da rimuovere. Quando si seccano e diventano gialli, la loro struttura uncinata li rende un pericolo per i cani. In questo caso, il forasacco che penetra in un punto sensibile del corpo del cane può diventare molto pericoloso per la sua salute.

Cosa succede se non si toglie un forasacco?

  • Le conseguenze possono essere molto gravi, e per questo bisogna chiamare subito il veterinario

In base a dove penetra il forasacco, esso può provocare danni molto seri e, nei casi peggiori, richiedere la rimozione tramite intervento chirurgico veterinario.

Per esempio, non estraendo un forasacco dal naso del cane si verificheranno starnuti continui, perdite di sangue e, con molta difficoltà, il cane sarà in grado di rimuovere autonomamente questa spighetta. In alcuni casi, essa può finire nell'orofaringe e venire ingoiata, ma potrebbe anche rimanere incastrata nelle narici provocando danni e problemi di respirazione. Nei casi più gravi, il forasacco entra nei polmoni del cane.

In caso di forasacco nell'orecchio, è probabile che andando a controllarlo il cane emetterà un guaito di dolore. Quando il forasacco penetra nell'orecchio causa otiti e, continuando ad avanzare, può arrivare a perforare il timpano.

Quando il forasacco si inserisce tra le dita o buca la pelle, si verificano arrossamenti, gonfiori e il cane inizia zoppicare. Se lasciato dov'è, il forasacco genera infezione, fistole e ferite che non si rimarginano. Nei casi più gravi il forasacco arriva al muscolo o all'osso, provocando ulteriori danni.

In tutti questi casi è fondamentale contattare il veterinario prima di provare un'estrazione fai da te, specialmente se la spighetta gialla si trova già a una certa profondità e non si è esperti.

Quando è il periodo dei forasacchi?

  • Aprile e Maggio
  • Settembre e Ottobre

La comparsa dei forasacchi si verifica principalmente nella stagione primaverile ed estiva, ma è con la fine del grande caldo che questi si seccano davvero.

Questi semi si trovano ovunque, dalla campagna alla città, e in particolare nei campi incolti, nei prati poco curati e nei giardini dove l'erba è alta. In pratica, il cane può prendersi un forasacco ovunque siano visibili quelle che vengono considerate erbacce, come per esempio ai margini di un fosso d'irrigazione, area falciata di rado.

Il forasacco esce da solo?

  • Solo raramente il forasacco esce da solo

Solo in rari casi il forasacco uscirà da solo, specialmente se è penetrato in una parte molle del cane come un occhio, il naso, la bocca o la zona intradigitale. In altre parole, se si osservano i sintomi è indispensabile contattare un veterinario il prima possibile.

Cosa fare se il cane ha un forasacco nel naso?

  • Portare subito il cane dal veterinario

Se il forasacco penetra nel naso del cane, che continua a starnutire e scuotere la testa, è bene evitare di ricorrere a rimedi fai da te che non sono consigliati da un veterinario esperto. Al contrario, è di vitale importanza portare subito l'animale da uno specialista, così da evitare aggravamenti.

Come evitare forasacchi cane?

  • Evitare di portare il cane a sgambare nei prati incolti dove, con una rapida occhiata, si individuano subito forasacchi
  • Ispezionare con cura il corpo del cane dopo ogni passeggiata nei prati o nei campi, anche se sembrano privi di spighette

Forasacco sottocute nel cane: cosa fare?

  • Tranquillizzare il cane parlandogli dolcemente
  • Cercare di distrarlo per impedirgli di mordersi o leccarsi la zona interessata, peggiorando la situazione
  • Se il forasacco è del tutto visibile, provare ad estrarlo con una pinzetta disinfettata

Nel caso in cui il forasacco sia penetrato in profondità, la ferita si rimarginerà con la spighetta all'interno, creando una pustola dolorosa che va rimossa in presenza di un veterinario.

Chi prova a rimuovere il forasacco con una pinzetta dovrebbe assicurarsi di averlo estratto tutto, e specie per i padroni poco esperti potrebbe non essere facile. Nel dubbio, è sempre meglio portare il cane dal veterinario per un controllo.

Se ami gli animali, ti consigliamo di prendere parte al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e di seguire il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

CONDIVIDI: