Quali sono le emozioni che provano i gatti?

Quali sono le emozioni che provano i gatti?
Ultima modifica 23.01.2024
INDICE
  1. Emozioni dei gatti: quali provano?
  2. Come esprimono le emozioni i gatti?
  3. I segnali che i gatti provano tristezza
  4. I gatti provano affetto: i comportamenti
  5. I gatti provano gelosia?
  6. Come fanno i gatti a capire che stai male?

Emozioni dei gatti: quali provano?

Capire il linguaggio del gatto e quindi i suoi stati d'animo è fondamentale per entrare in comunicazione con lui e aiutarlo a vivere nel migliore dei modi. Sapere che emozioni provano i gatti fa parte di una sana convivenza e assecondare i loro bisogni – nel rispetto di tutti gli attori in gioco – è una precisa responsabilità.

Chi decide di adottare un amico a quattro zampe non decide solo di dare e ricevere coccole, ma anche di prendersi cura di qualcuno che dipende in tutto dal proprietario. Sui sentimenti che provano i felini sono stati fatti (e ce ne saranno ancora) numerosi studi. Sul fatto che provino le emozioni di base non ci sono dubbi, è una caratteristica comune anche ai cani e ad altri mammiferi, per quanto riguarda quelle secondarie ci sono ancora dei dubbi. 

Prima di scoprire tutto sull'argomento, però, vi ricordiamo che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Come esprimono le emozioni i gatti?

  • Gioia;
  • Paura;
  • Tristezza;
  • Rabbia;
  • Disgusto;
  • Sorpresa.

Sono questi i sentimenti primari di cui parlano gli esperti e su questi non ci sono dubbi. Sono quelle fondamentali, le più semplici e impulsive. Sono legate alla sopravvivenza e al mantenimento dell'equilibrio psicofisico. Per saperle interpretare è importante conoscere il linguaggio del gatto che, perlopiù, è non verbale.

Le fusa, per esempio, possono esprimere rilassatezza o – al contrario – disagio. È quindi fondamentale sapere interpretare il contesto. Su che emozioni provano i gatti che soffiano non ci sono dubbi: hanno paura e sono sulla difensiva, pronti ad attaccare se la situazione lo richiede. In sostanza, è con i movimenti del corpo e le vocalizzazioni che Miao esprime i propri stati d'animo.

I segnali che i gatti provano tristezza

  • Si nascondono o non interagiscono;
  • Si leccano eccessivamente;
  • Mostrano inappetenza;
  • Marcano il territorio con le proprie urine;
  • Graffiano in verticale;
  • Non si muovono molto;
  • Hanno un miagolio basso e grave;
  • Hanno un atteggiamento conflittuale con gli altri gatti.

Che emozioni provano i gatti? Dato che questa è un'emozione primaria, si è certi che sentano questo sentimento così negativo. Saperlo interpretare è il primo passo per intervenire e aiutare Miao a sentirsi meglio. Che abbia un ambiente a misura di quadrupede e venga stimolato correttamente, sia dal punto di vista fisico che mentale, è di fondamentale importanza perché il gatto non sia stressato.

I gatti provano affetto: i comportamenti

  • Cercano il proprio padrone e in lui cerca rifugio;
  • Mostrano la pancia;
  • Chiudono gli occhi;
  • Rivendicano la sua 'proprietà';
  • Fa la pasta.

Questi sono tutti segnali che dimostrano quanto l'amico a quattro zampe tenga a chi gli ha dato un tetto sulla testa. L'avvicinamento è il primo segnale, seguito dal lasciarsi coccolare. Se poi questo avviene in posizione supina e mostrando una parte di sé estremamente vulnerabile, vuol dire che si sente al sicuro. Lo stesso principio vale per un felino che chiude gli occhi, perché significa che abbassa le difese in presenza delle persone a cui vuole bene e che sa non gli farebbero mai del male.

Miao è estremamente territoriale, lo fa per proteggere ciò a cui tiene. E, se nel suo territorio c'è anche un essere umano, questo è un chiaro segnale di affetto. Così come lo è fare la pasta: una sorta di massaggio che fa con le zampe sulle parti del corpo del proprio compagno umano e che ricorda qualcuno che impasta il pane.

I gatti provano gelosia?

  • Invidia;
  • Rassegnazione;
  • Vergogna;
  • Gelosia;
  • Frustrazione.

Queste sono le emozioni secondarie e, in quanto tali, sono la conseguenza a determinati stimoli, sono delle risposte e quindi sono più flessibili. Sono strettamente correlate alle cognizioni e, dunque, sono delle sensazioni. Rispetto a questo spettro, su che emozioni provano i gatti, gli scienziati nutrono ancora dei dubbi.  Tuttavia, ci sono degli studi a supporto di questa tesi.

I felini proverebbero gelosia se in casa arriva un nuovo quattro zampe o un bambino, se qualcuno rompe la routine o se loro hanno solo paura che accada. Non va dimenticato, infatti che Miao è estremamente abitudinario e ogni novità – a cui non viene adeguatamente preparato – può essere fonte di stress e di sentimenti negativi.

Come fanno i gatti a capire che stai male?

I felini, ma vale anche per i cani e moltissimi altri animali, sono in grado di percepire le emozioni altrui. La vicinanza al proprietario che sta male o la condivisione di un momento di gioia non sono suggestioni, ma realtà. Secondo gli esperti non si tratta di chissà quale connessione psichica fra uomo e animale, ma di una capacità biochimica.

Attraverso l'olfatto e le vibrisse, il quattro zampe riesce a percepire un cambiamento fisico nell'uomo. Non è un caso che i felini annusino per recepire informazioni utili a capire cosa sta succedendo nel mondo che li circonda. Anche se si sorprendono come stonati e con la bocca aperta, in realtà stanno immagazzinando notizie utili. E questo si espande anche agli stati d'animo di chi considerano famiglia.