Cos’è la Castrazione Chimica nel Cane? Costo, pro e contro

Cos’è la Castrazione Chimica nel Cane? Costo, pro e contro
Ultima modifica 16.04.2024
INDICE
  1. Generalità
  2. Cos’è la Castrazione Chimica del Cane?
  3. Come Funziona
  4. Quali Cani possono farla
  5. Perché si fa
  6. Come si fa la Castrazione Chimica nel Cane?
  7. Quanto dura
  8. Effetti indesiderati
  9. Controindicazioni
  10. Vantaggi e svantaggi
  11. Costo

Generalità

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/04/13/castrazione-chimica-cane-orig.jpeg Shutterstock

La castrazione chimica nel cane è una forma temporanea di sterilizzazione dell'animale maschio.

È l'unica alternativa alla castrazione chirurgica, che ha invece effetto permanente.

La castrazione chimica prevede l'iniezione, a livello sottocutaneo, di un impianto che rilascia lentamente una sostanza farmacologica, chiamata deslorelina acetato, capace di bloccare la produzione di testosterone.

La castrazione chimica nel cane funziona, non è invasiva e non presenta i rischi tipici della chirurgia; tuttavia, per via dei suoi effetti temporanei, va ripetuta se il padrone desidera mantenere sterile il cane.

Cos’è la Castrazione Chimica del Cane?

La castrazione chimica nel cane è una forma di sterilizzazione dell'animale maschio che ha durata temporanea ed effetti reversibili.

Rappresenta l'unica alternativa alla castrazione chirurgica, un intervento dagli effetti definitivi che richiede l'anestesia generale e che preoccupa alcuni padroni.

Si chiama castrazione chimica perché prevede l'impiego di sostanze farmacologiche, che interferiscono con i normali processi biologici.

La castrazione chimica permette al padrone di valutare gli effetti della sterilizzazione nel proprio cane, in attesa di decidere se castrare o meno chirurgicamente l'animale.

La castrazione chimica si può ripetere, il che, in linea teorica, consente di estendere la sterilizzazione; tuttavia, occorre precisare che, in Italia, questo approccio è ancora poco diffuso.

Lo sapevi che…

Secondo uno studio inglese, circa il 25% dei padroni di un animale domestico (cane compreso) ha paura dei possibili effetti collaterali di un'eventuale castrazione chirurgica del proprio animale.

Per approfondire: Castrazione nel Cane: come avviene e quanto costa?

Come Funziona

Come agisce la Castrazione Chimica nel Cane?

La castrazione chimica agisce sopprimendo la produzione di testosterone, l'ormone riproduttivo che, assieme ai testicoli, contribuisce alla spermatogenesi, ossia la produzione degli spermatozoi.

Se il cane non produce spermatozoi, non è nemmeno fertile e non può ingravidare le femmine.

Quali Cani possono farla

In linea generale, tutti i cani interi (cioè non castrati) e sessualmente maturi sono potenzialmente idonei alla castrazione chimica.

A quale età del Cane si fa la Castrazione Chimica?

Per praticare la castrazione chimica bisogna attendere quanto meno la maturità sessuale (a partire dai 6 mesi di vita), momento dopo il quale il cane comincia a esibire i classici comportamenti dettati dagli impulsi sessuali.

Per i cani di grossa taglia, l'indicazione è attendere qualche mese in più rispetto ai canonici 6-7, questo perché il loro sviluppo, che avviene anche sotto l'influenza del testosterone, si svolge in un arco temporale più dilatato.

Importante!

Nei cani di grossa taglia, la castrazione in età precoce può determinare problematiche relative allo sviluppo e favorire patologie scheletriche quali la displasia dell'anca del cane e la rottura del legamento crociato.
Alla luce di ciò, è buona attendere che i processi biologici dettati anche dalla presenza del testosterone si completino.

Perché si fa

Perché fare la Castrazione Chimica nel Cane?

I proprietari di cani maschi ricorrono alla castrazione chimica perché:

  • Sterilizza, se pur momentaneamente, l'animale;
  • Per l'intera durata del trattamento, riduce i comportamenti dettati dagli impulsi sessuali, come la marcatura del territorio con la pipì, il gesto della monta, l'atteggiamento di dominanza;
  • Annulla la possibilità che il cane cerchi di scappare di casa alla ricerca di una femmina;
  • Riduce l'aggressività.

Occorre richiamare l'attenzione sul fatto che la castrazione, sia chimica che chirurgica, riduce certi comportamenti dettati dagli impulsi sessuali e l'aggressività, ma non li annulla completamente. Questo significa che certi cani, nonostante la castrazione, non cambiano in modo considerevole.
Non a caso, è prassi dei veterinari spiegare ai padroni che un certo tipo di comportamenti dipende non solo dal testosterone, ma anche dall'educazione, dalla razza e dal carattere e dal vissuto dell'animale.

Come si fa la Castrazione Chimica nel Cane?

Per effettuare la castrazione chimica nel cane, i veterinari iniettano nell'animale, a livello sottocutaneo, una sorta di impianto che rilascia lentamente deslorelina acetato, una sostanza farmacologica capace di bloccare la produzione di testosterone.

L'esatta sede dell'impianto è tra il collo e la schiena.

Per l'iniezione, trova impiego un ago apposito, che generalmente fa parte del kit che include anche il principio attivo.

La castrazione chimica nel cane non richiede alcun tipo di anestesia o sedazione.

Come funziona la deslorelina?

La deslorelina acetato appartiene alla classa farmacologica degli agonisti dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (agonisti GnRH): queste sostanze interagiscono con il recettore dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (presente a livello dell'ipofisi), aumentando il rilascio di LH (ormone luteinizzante) e FSH (ormone follico-stimolante); con l'aumento di questi ormoni, si innesca un meccanismo di feedback negativo che blocca la sintesi stessa di LH e FSH; con il blocco di LH e FSH, viene meno la produzione degli ormoni sessuali, in testosterone nel caso del cane maschio.

Quanto dura

Quanto durano gli effetti della Castrazione Chimica nel Cane?

La durata della castrazione chimica nel cane varia da 6 a 12 mesi, a seconda delle dimensioni dell'impianto a lento rilascio.

Una caratteristica molto importante da segnalare relativa agli impianti alla deslorelina acetato è che gli effetti non sono immediati, ma si concretizzano soltanto dopo 6 settimane dalla loro realizzazione. Questo significa che, una volta somministrato l'impianto al cane, bisogna attendere più di un mese per apprezzarne gli effetti e per essere sicuri che l'animale non sia più fertile.

Poiché gli effetti della castrazione chimica non sono immediati, per le prime 6 settimane circa, il padrone dovrà fare attenzione a come si comporta il cane. Nonostante la somministrazione del principio attivo, infatti, l'animale risentirà per un po' di tempo ancora del richiamo delle femmine, degli impulsi di marcatura del territorio ecc.

La Castrazione Chimica del Cane è ripetibile?

La castrazione chimica nel cane è ripetibile una volta conclusi gli effetti del precedente trattamento. Il consiglio dei veterinari è di ripeterla ogni 6 mesi, per avere la certezza di mantenere la sterilità dell'animale; in caso contrario, infatti, c'è un ripristino dell'attività testicolare che necessita poi di alcune settimane per una nuova interruzione.

Castrazione Chimica nel Cane: quanto volte si può fare?

Salvo controindicazioni, la castrazione chimica del cane si può ripetere per tutto il tempo che si intende mantenere sterile l'animale.

Cosa fare una volta finito l’effetto della Castrazione Chimica?

Una volta concluso l'effetto dell'impianto, non è necessario fare nulla: non serve, quindi, rimuovere l'impianto.

Effetti indesiderati

Quali sono gli effetti avversi della Castrazione Chimica nel Cane?

La castrazione chimica è una metodica sicura e che ha ricevuto l'approvazione della comunità veterinaria.

Tuttavia, è pur sempre un trattamento farmacologico e, come tale, può avere degli effetti indesiderati. Si tratta perlopiù di complicanze minori, ampiamente superabili; solo in rari casi, sono gravi.

Ecco, di seguito, l'elenco dei possibili effetti collaterali della castrazione chimica nel cane:

  • Gonfiore e arrossamento in sede di iniezione;
  • Dolore in sede di iniezione;
  • Riduzione della dimensione dei testicoli;
  • Alterazioni del pelo, alopecia ecc.;
  • Riduzione del metabolismo e aumento del peso corporeo;
  • Aumento transitorio del desiderio sessuale e, parallelamente, aumento delle dimensioni dei testicoli. Queste complicanze si verificano tipicamente subito dopo l'impianto e si risolvono spontaneamente;
  • Incontinenza urinaria;
  • Sviluppo di aggressività;
  • Infertilità permanente. Molto raramente, la castrazione chimica può compromettere in via definitiva la fertilità del cane.

Controindicazioni

Quando è controindicata la Castrazione Chimica nel Cane?

Sono poche le controindicazioni alla castrazione chimica.
Uno dei motivi per cui un veterinario potrebbe negarla è connesso alla capacità del trattamento di favorire, in alcuni casi, un atteggiamento più aggressivo: infatti, in un cane con una storia di episodi di aggressione verso altri cani o verso gli esseri umani, è controindicata, per evitare di esacerbare un carattere già aggressivo.

Vantaggi e svantaggi

Quali sono i vantaggi della Castrazione Chimica nel Cane?

Ecco tutti i vantaggi della castrazione chimica del cane:

  • Non è invasiva;
  • È reversibile. Questo significa che il cane può riprodursi, una volta interrotto il trattamento;
  • È una soluzione non chirurgica, ragion per cui non presenta i rischi connessi all'anestesia generale, che invece si deve praticare in occasione della castrazione chirurgica;
  • Potrebbe ridurre l'aggressività e i fastidiosi comportamenti dettati dagli ormoni sessuali;
  • Elimina il rischio di cancro ai testicoli;
  • Il recupero è molto veloce;
  • Il trattamento è ripetibile per tutto il tempo desiderato;
  • Consente la sterilizzazione nei cani per i quali è controindicata la chirurgia.

Quali sono gli svantaggi della Castrazione Chimica nel Cane?

Ecco, invece, gli svantaggi della castrazione chimica del cane:

  • Se si decide di ripetere il trattamento per un lungo periodo, può risultare più costosa della castrazione chirurgica;
  • Non ha un effetto immediato. Come si ricorderà, servono 6 settimane perché il trattamento abbia effetto;
  • Potrebbe provocare delle fluttuazioni ormonali capaci di influenzare il carattere dell'animale (per esempio, potrebbero renderlo aggressivo);
  • È meno efficace nel ridurre il rischio di patologie della prostata rispetto alla castrazione chirurgica.

Costo

Quanto costa la Castrazione Chimica nel Cane?

Il costo della castrazione chimica nel cane si aggira tra i 60 e i 100 euro.
Come si può notare, se si ripete il trattamento più volte, l'esborso totale è superiore a quello della castrazione chirurgica. Pertanto, se si sceglie la castrazione chimica del cane solo per il lato economico, è consigliabile fare le dovute valutazioni.

Autore

Dott. Antonio Griguolo
Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza