Caring

Animale abbandonato, cosa fare e come denunciare

Animale abbandonato, cosa fare e come denunciare
Ultima modifica 23.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Animale abbandonato: come si denuncia il responsabile
  2. Come denunciare un abbandono di animali?
  3. Cosa rischia chi abbandona animali?
  4. Chi chiamare in caso di abbandono di animali?
  5. Cosa fare se si vede un animale abbandonato?

Animale abbandonato: come si denuncia il responsabile

Chi abbandona un animale commette un reato spregevole e dev'essere denunciato da chiunque abbia la possibilità di osservare la scena. Intervenire per aiutare la povera creatura in difficoltà è parte della risoluzione. Fare in modo che le autorità intervengano, non per riunire proprietario e animale ma per sanzionare il primo, aiuta a generare una rete di precedenti capace di diventare un potente deterrente. Di seguito spieghiamo nel dettaglio cosa fare e come.

Sappiate, però, che potete anche unirvi al nostro canale Whatsapp per aggiornamenti e approfondimenti sul mondo degli animali, della salute e del benessere e il profilo Instagram di MypersonalPet, imperdibile per gli amanti degli animali.

Come denunciare un abbandono di animali?

  • Raccogliere dettagli cruciali;
  • Contattare il 112;
  • Polizia Municipale prevenzione randagismo;
  • Denuncia in carta libera.

La legge si scaglia contro l'abbandono di animali domestici, il che non vuol dire unicamente cani e gatti, anzi. Si fa riferimento generico a tutti gli esseri animali che hanno acquisito abitudini della cattività.

La prima cosa da fare, se ci si trova all'interno dei confini di un dato Comune, è contattare la Polizia Municipale. Sarà possibile mettersi in contatto con il comando, per poi essere indirizzati al giusto numero, che è quello del reparto competente nella prevenzione del randagismo. Ciò vuol dire che basterà chiamare il numero d'emergenza 112 e spiegare l'accaduto.

Al di là di ciò che accadrà all'animale, trasferito in una struttura sanitaria, identificato e posto in uno stato d'attesa per il reclamo, per poi venir posto in adozione, parliamo dei colpevoli. É di fondamentale importanza restare lucidi e tentare di fornire quanti più dettagli su chi ha perpetrato questo crimine.

Indicare la strada può consentire alle forze dell'ordine di verificare la presenza di telecamere. Aggiungere alla denuncia il numero di targa può facilitare il processo di ricerca del soggetto, così come il modello dell'auto. In casi del genere garantire un proprio video potrebbe offrire una prova ulteriore. Insomma si richiede di comportarsi come cittadini attivi per la comunità.

La denuncia può essere fatta in carta libera, ovvero anche non in presenza di un avvocato. Viene depositata presso qualsiasi Procura della Repubblica o organo di Autorità di pubblica sicurezza.

Cosa rischia chi abbandona animali?

L'articolo 727 del Codice penale si occupa di punire i soggetti che abbandonano animali. È previsto l'arresto fino a un anno e una sanzione che varia da 1.000 a 10.000 euro. Un reato a tutti gli effetti, procedibile d'ufficio.

Non ci si ferma però alla sanzione penale. Una persona resasi responsabile dell'abbandono di un animale può anche dover procedere al risarcimento del danno. La giurisprudenza fa in questo caso riferimento a chi ha subito un pregiudizio a causa del gesto criminoso.

Un esempio può spiegare meglio di cosa si stia parlando. Si pensi a cosa accade dopo l'abbandono di un animale e in seguito alla denuncia o all'intervento autonomo degli uffici competenti. Il Comune deve farsi carico delle spese relativa all'accalappiamento e, in seguito, cura e mantenimento dell'animale. Può dunque chiedere il dovuto rimborso economico al soggetto ritenuto colpevole.

Una volta identificato, il proprietario dovrà inoltre rispondere di eventuali danni causati dalla presenza di un animale vagante in strada. Non è così insolito, purtroppo, leggere di incidenti stradali di piccola e media entità scatenati dal tentativo di evitare una creatura abbandonata sul ciglio della strada.

Chi chiamare in caso di abbandono di animali?

  • Numero sulla targhetta;
  • Polizia municipale;
  • Servizio veterinario Asl;
  • Strutture veterinarie.

I passaggi potenziali sono quattro. Il primo è quello di verificare la presenza di una targhetta, così da contattare il proprietario e capire cosa sia accaduto. Ciò in assenza di una testimonianza diretta dell'abbandono. Qualora si abbia certezza che l'animale sia stato lasciato da un soggetto intenzionato a disfarsene, si potranno contattare le autorità, ovvero la Polizia municipale. Si ricorre invece all'Asl in caso di ferite evidenti o, in alternativa, si può decidere di portare da sé l'animale presso una struttura veterinaria nei paraggi.

Cosa fare se si vede un animale abbandonato?

La prima cosa da fare è mantenere la calma, perché un animale domestico abbandonato è principalmente spaesato e terrorizzato. È di colpo in una condizione assurda, per quella che è sempre stata la sua quotidianità.

Lo si riconosce generalmente dalle condizioni del pelo, ben diverso da quello di un randagio. Può tendere a vagare per strada in maniera pericolosa, senza quel senso di preservazione degli esemplari cresciuti in libertà. Potrebbe anche iniziare a seguire alcuni passanti, ricercando istintivamente chi lo ha abbandonato.

Occorre avvicinarsi con cautela, evitando di spaventare l'esemplare. Il primo passo può essere quello di offrire acqua e cibo, così da creare un rapporto di fiducia. Si può dunque procedere a verificare la presenza di una medaglietta. Ciò è fondamentale per verificare che l'animale sia stato abbandonato o stia vagando dopo aver inavvertitamente lasciato casa.

Si può dunque procedere a contattare il proprietario e accordarsi per la restituzione o, in alternativa, contattare la Polizia municipale del Comune. In caso di ferita evidente, si potrà procedere a contattare il servizio veterinario dell'Asl di competenza territoriale. È bene sapere, infine, come il portale strutture veterinarie offra la possibilità di individuare rapidamente le cliniche presenti nella propria zona, comprese quelle con assistenza h24.

CONDIVIDI: