Legamento Crociato Anteriore: Cos'è? Anatomia, Funzione e Patologie

Legamento Crociato Anteriore: Cos'è? Anatomia, Funzione e Patologie
Ultima modifica 11.11.2019
INDICE
  1. Generalità
  2. Cos'è il Legamento Crociato Anteriore?
  3. Anatomia
  4. Funzione
  5. Patologie

Generalità

Il legamento crociato anteriore è un legamento fondamentale dell'articolazione del ginocchio.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/01/28/legamento-crociato-anteriore-2-orig.jpeg Shutterstock

Lungo in media 30 millimetri circa e largo in media 11 millimetri, il legamento crociato anteriore nasce sulla superficie inferiore dell'estremità distale del femore (per la precisione, nell'area della fossa intercondilare vicino al condilo laterale del femore) e termina sulla superficie superiore dell'estremità prossimale della tibia (per l'esattezza, nella fossa intercondiloidea anteriore del piatto tibiale).
Incrociato con il legamento crociato posteriore (un altro legamento fondamentale del ginocchio), il legamento crociato anteriore ricopre due importanti funzioni: previene l'iperestensione del ginocchio e limitare la rotazione interna della tibia.
A seguito di una distorsione del ginocchio, il legamento crociato anteriore può essere oggetto di lacerazione; la lacerazione del legamento crociato anteriore impone il ricorso alla chirurgia ricostruttiva, in quanto il legamento in questione non guarisce spontaneamente.

Cos'è il Legamento Crociato Anteriore?

Il legamento crociato anteriore è uno dei due legamenti del ginocchio (l'altro è il legamento crociato posteriore) che decorrono dalla superficie inferiore del femore alla superficie superiore della tibia.
Il legamento crociato anteriore è un legamento fondamentale del ginocchio, esattamente come il già citato legamento crociato posteriore, il legamento collaterale interno (o legamento collaterale mediale) e il legamento collaterale esterno (o legamento collaterale laterale).
Conosciuto anche con la sigla LCA, il legamento crociato anteriore deve il suo nome al fatto che, durante il percorso di congiungimento alla tibia, si incrocia con il legamento crociato posteriore ("crociato"), passandogli davanti ("anteriore").

Per approfondire: Legamenti del Ginocchio: Cosa e Quali Sono? Anatomia e Funzione

Co'è un legamento?

Un legamento è una banda di tessuto connettivo fibroso, dotata di una certa flessibilità e ad alto contenuto di collagene, che mette in comunicazione due ossa o due parti distinte di uno stesso osso.
Nel caso specifico del legamento crociato anteriore, quest'ultimo è un legamento posto tra due ossa distinte.

Breve richiamo anatomico del Ginocchio

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/05/27/artrosi-al-ginocchio-anatomia-del-ginocchio-orig.jpeg Shutterstock

Il ginocchio è una delle più importanti articolazioni sinoviali del corpo umano.
Meno conosciuto come articolazione tibiofemorale, il ginocchio congiunge tre ossa: il femore, la tibia e la rotula.

  • Il femore è l'osso della coscia; partecipa all'articolazione del ginocchio con la sua estremità distale.
  • La tibia è l'osso che, assieme al perone, costituisce lo scheletro della gamba; situato inferiormente al femore (se si immagina di guardare un corpo umano in posizione eretta), contribuisce all'articolazione del ginocchio con la sua estremità prossimale.
  • La rotula, infine, è l'osso di forma triangolare che, collocato davanti a femore e tibia, forma la classica sporgenza visibile nella parte anteriore del ginocchio; la rotula è sede d'inserzione per i tendini del muscolo quadricipite e il tendine rotuleo, e garantisce protezione agli elementi articolari del ginocchio, situati posteriormente.

Grazie alla sua posizione strategica e alle sue componenti strutturali, le due ginocchia giocano un ruolo fondamentale nel sostenere il peso del corpo e nel permettere i movimenti degli arti inferiori, che stanno alla base della camminata, la corsa, il salto ecc.

Cos'è un'articolazione sinoviale?

Le articolazioni sinoviali – come per esempio il ginocchio – sono articolazioni estremamente mobili, che comprendono varie componenti, tra cui: la cartilagine fibrosa che ricopre le superfici delle ossa coinvolte, la capsula articolare, la membrana sinoviale, le borse sinoviali e una serie di legamenti e tendini.

Anatomia

Il legamento crociato anteriore è una fascia di tessuto fibroso, che nasce dalla superficie inferiore del femore e termina sulla superficie inferiore della tibia.
Situato all'interno del ginocchio, il legamento crociato anteriore segue un percorso particolare, che lo porta a incrociarsi con il legamento crociato posteriore e a collocarsi davanti a quest'ultimo.

Dimensioni del Legamento Crociato Anteriore

Il legamento crociato anteriore ha una lunghezza media di 30 millimetri (3 centimetri) e un diametro medio di 11 millimetri (1,1 centimetri).
Nonostante le piccole dimensioni, il legamento crociato anteriore è fondamentale per il corretto funzionamento del ginocchio e per il benessere a lungo termine dell'articolazione stessa.

Origine del Legamento Crociato Anteriore

Per capire: ripasso dei termini prossimale-distale

"Prossimale" significa "più vicino al centro del corpo" o "più vicino al punto d'origine"; "distale", invece, vuol dire "più lontano dal centro del corpo" o "più distante dal punto d'origine.
Esempi:

  • Il femore è prossimale rispetto alla tibia, la quale è distale rispetto al femore.
  • Nel femore, l'estremità confinante con il tronco è l'estremità prossimale, mentre l'estremità confinante con il ginocchio è l'estremità distale.

Il legamento crociato anteriore origina dalla superficie inferiore dell'estremità distale del femore; per l'esattezza, nasce dalla fossa intercondilare dell'estremità distale del femore, in una zona di tale fossa molto vicina al condilo laterale (del femore).

Il condilo laterale (o esterno) e il condilo mediale (o interno) del femore sono le due particolari prominenze che costituiscono la parte terminale dell'estremità distale del femore.
Inferiormente (cioè sulla superficie inferiori del femore), queste due prominenze sono separate da una depressione: la sopraccitata fossa intercondilare del femore.
Sulla fossa intercondilare sono riconoscibili due zone: una esterna, in prossimità del condilo laterale, da cui origina il legamento crociato anteriore, e una interna, in prossimità del condilo mediale, che emette il legamento crociato posteriore.

Inserzione terminale del Legamento Crociato Inferiore

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/01/28/legamento-crociato-anteriore-anatomia-orig.jpeg Shutterstock

Il legamento crociato anteriore termina il suo percorso sulla superficie superiore dell'estremità prossimale della tibia; per la precisione, conclude il suo tragitto poco più avanti della fossa intercondiloidea anteriore del piatto tibiale, nelle vicinanze del corno anteriore del menisco mediale.

Il piatto tibiale è la caratteristica struttura presente sulla superficie superiore della tibia.
Separato dalla fossa intercondiloidea anteriore, anteriormente, e dalla fossa intercondiloidea, posteriormente, il piatto tibiale ospita il menisco mediale, il menisco laterale, il capo terminale del legamento crociato anteriore (sulla fossa intercondiloidea anteriore) e il capo terminale del legamento crociato posteriore (sulla fossa intercondiloidea posteriore).

Decorso del Legamento Crociato Anteriore: qualche dettagli in più

Alla luce di quanto affermato in merito all'origine e alla conclusione del legamento crociato anteriore, quest'ultimo, nell'andare dal femore alla tibia, compie un percorso leggermente obliquo con orientamento mediale: il suo capo terminale presente sulla tibia, infatti, è più mediale del suo capo iniziale presente sul femore.

Breve ripasso dei termini mediale-laterale

Ricordando che il piano sagittale è la divisione antero-posteriore del corpo umano da cui derivano due metà uguali e simmetriche, "mediale" significa "vicino" o "più vicino" al piano sagittale, mentre "laterale" vuol dire "lontano" o "più lontano" dal piano sagittale.
Esempio per capire:

  • Il secondo dito del piede è laterale rispetto all'alluce, ma è mediale rispetto al terzo dito.

Vascolarizzazione

Il legamento crociato anteriore non è vascolarizzato.
La mancanza di vascolarizzazione rende impossibile la guarigione spontanea del legamento crociato anteriore, qualora questo subisca una lesione parziale o totale dei suoi fasci connettivali.

Si ricorda ai lettori che sono l'ossigeno e i nutrienti contenuti nel sangue a permettere la guarigione dei tessuti vittime di lesioni, ferite ecc.

Confronto con il Legamento Crociato Posteriore

  • Il legamento crociato posteriore nasce dalla fossa intercondilare dell'estremità distale del femore, in una zona di tale fossa molto vicina al condilo mediale; il legamento crociato anteriore, invece, nasce in una zona della fossa intercondilare del femore vicina al condilo laterale (del femore).
  • Il legamento crociato posteriore termina il suo percorso inserendosi sulla fossa intercondiloidea posteriore del piatto tibiale, in prossimità del corno posteriore del menisco mediale; il legamento crociato anteriore, invece, conclude il suo tragitto sulla fossa intercondilare anteriore del piatto tibiale, nelle vicinanza del corno anteriore del menisco mediale.
  • Il legamento crociato posteriore compie un percorso obliquo, con orientamento laterale: esattamente all'opposto di accade per il legamento crociato anteriore, infatti, il suo capo terminale presente sulla tibia è più laterale del suo capo iniziale presente sul femore.

Funzione

Assieme agli altri tre legamenti fondamentali del ginocchio, il legamento crociato anteriore contribuisce a stabilizzare il ginocchio e a garantire l'allineamento delle componenti ossee di questa importante articolazione, durante qualsiasi tipo di movimento dell'arto inferiore.
Senza il legamento crociato anteriore e gli altri 3 legamenti fondamentali, il ginocchio si renderebbe protagonista di movimenti eccessivi, anomali, incontrollati, che potrebbero recare danni alle porzioni di femore e tibia coinvolte nell'articolazione.

In generale, i legamenti crociati controllano le sollecitazioni lungo l'asse antero-posteriore del ginocchio, mentre i legamenti collaterali moderano le sollecitazioni in direzione laterale e in direzione mediale.

Funzioni Specifiche del Legamento Crociato Anteriore

Nello specifico, il legamento crociato anteriore ricopre due importanti funzioni:

  • Prevenire l'iperestensione del ginocchio, limitando l'eccessivo movimento in avanti della tibia, e
  • Limitare la rotazione interna della tibia.
https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/01/28/legamento-crociato-anteriore-funzione-orig.jpeg Shutterstock

Da alcuni studi, inoltre, è emerso che il legamento crociato anteriore sarebbe fornito di meccanocettori, in grado di rilevare i cambiamenti di direzione durante il movimento, la posizione del ginocchio e i cambi di velocità durante il movimento.

Come affermato in un precedente passo di quest'articolo, il legamento crociato anteriore è fondamentale non soltanto per il corretto funzionamento del ginocchio, ma anche per il suo benessere a lungo termine; infatti, le persone che hanno subìto lesioni plurime al legamento crociato anteriore o non hanno provveduto l'infortunio con tempestività sono più a rischio di artrosi del ginocchio (o gonartrosi).

Patologie

A seguito di una distorsione al ginocchio, il legamento crociato anteriore può essere oggetto di lacerazione.
La lacerazione del legamento crociato anteriore è la condizione meglio nota come rottura del legamento crociato anteriore.

Cos'è una distorsione al ginocchio?

Le distorsioni al ginocchio sono eventi acuti, in cui l'articolazione in questione subisce, a seguito di un movimento innaturale o un trauma brusco, una modificazione temporanea nell'anatomia, che porta a danneggiare i suoi elementi costituenti (lesioni del menisco mediale o laterale, stiramento dei legamenti collaterali ecc.).

Rottura del Legamento Crociato Anteriore: Cos'è?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/01/28/legamento-crociato-anteriore-patologie-orig.jpeg Shutterstock

La rottura del legamento crociato anteriore è un grave infortunio a carico del ginocchio, che pregiudica la stabilità dell'articolazione in modo importante e ne pregiudica il funzionamento, rendendo impossibili attività come la corsa, il salto ecc.
Nelle persone giovani o comunque attive, la rottura del legamento crociato anteriore rende necessario il ricorso alla chirurgia con lo scopo di ricostruire la struttura lesionata (chirurgia ricostruttiva); l'intervento chirurgico è l'unica soluzione al momento possibile, in quanto il legamento crociato anteriore non è in grado, a causa dell'assenza di un apporto sanguigno nei suoi confronti, di ripararsi autonomamente.

Una persona vittima della rottura del legamento crociato anteriore è fortemente limitata nei movimenti con l'arto inferiore interessato.

Autore

Antonio Griguolo
Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza