Turkesterone: Aumenta la Massa Muscolare? È Sicuro?

Turkesterone: Aumenta la Massa Muscolare? È Sicuro?
Ultima modifica 02.09.2021
INDICE
  1. Cos’è e a Cosa Serve
  2. Come Integratore
  3. Dosaggi e Precauzioni
  4. Altri Usi
  5. Possibili Fonti Nutrizionali
  6. Bibliografia

Cos’è e a Cosa Serve

Cos’è il turkesterone? A cosa serve il turkesterone?

Il turkesterone o 20-Idrossiecdisone (20E) è un ecdisteroide naturale che – agendo sul recettore dell'ecdisone – modula il processo di ecdisi – cambio della muta o cuticola esterna – e la metamorfosi degli invertebrati artropodi (insetti, crostacei ecc.).

Turkesterone Shutterstock

Trattasi anche di un fitoecdisteroide prodotto da varie piante, tra cui Cyanotis vaga, Ajuga turkestanica (pianta dalla quale prende il nome comune) e Rhaponticum carthamoides, organismi nei quali ha la funzione di interrompere lo sviluppo e la riproduzione di alcuni insetti parassiti.

Sebbene i mammiferi non siano dotati del recettore per l'ecdisone, in vitro si è osservato che il turkesterone può comunque influenzarne i sistemi biologici; in vivo, questi effetti sono ancora sconosciuti.

Nell'uomo, si ipotizza che il turkesterone possa legarsi al gene codificante la proteina β del recettore degli estrogeni (ERβ). È per questo che il turkesterone viene ampiamente utilizzato come integratore alimentare sportivo – soprattutto nel bodybuilding – "utile" (forse) per la crescita di massa muscolare e lo sviluppo di forza.

Come Integratore

Turkesterone per aumentare la massa e la forza muscolare: funziona?

Il 20-idrossiecdisone ed altri ecdisteroidi sono principi attivi commercializzati come ingredienti per gli integratori alimentari destinati all'uso sportivo e per il bodybuilding.

Nel 2006 è stato pubblicato uno studio completo e finalizzato a identificare qualsiasi miglioramento della forza a seguito dell'assunzione di 20-idrossiecdisone.

La sperimentale ha ricercato eventuali miglioramenti prestativi, ha testato i livelli di testosterone ematico ed ha monitorato le fluttuazioni della composizione corporea.

Si è concluso che l'uso di 30 mg / die di 20-idrossiecdisone, somministrato per via orale, non influenza significativamente le risposte anaboliche o cataboliche al resistance training (allenamento contro resistenza, ovvero con i pesi o simili), la composizione corporea o gli adattamenti dell'allenamento.

Tuttavia, una serie di studi precedenti ha invece supportato gli effetti anabolici del 20-idrossiecdisone.

Uno studio più recente, condotto nel 2019 da un team che includeva il "Dipartimento di Medicina Molecolare e Cellulare dello Sport" presso la "Università Sportiva Tedesca" di Colonia, ha rilevato che sono stati osservati aumenti significativamente più elevati della massa muscolare nei partecipanti trattati con 20-idrossiecdisone, con incrementi significativamente più pronunciati sull'esercizio delle distensioni su panca.

Lo studio è stato finanziato dalla "Agenzia Mondiale Antidoping" (WADA) e ha dimostrato un significativo effetto anabolico dose-reattivo dell'integrazione con 20-idrossiecdisone in vivo.

Inoltre, studi recenti hanno chiarito che il meccanismo d'azione del 20-idrossiecdisone sulle cellule muscolari umane consiste nell'attivazione relativamente selettiva della forma β del recettore degli estrogeni (ERβ), che è noto per favorire l'ipertrofia muscolare.

Turkesterone come immunomodulatore e antiossidante

Esistono inoltre alcune prove in vitro che il turkesterone eserciti degli effetti su alcuni tipi di cellule del sangue, come linfociti e neutrofili, e che possa agire come immunomodulatore e antiossidante sulla perossidazione lipidica.

Dosaggi e Precauzioni

Quanto turkesterone assumere?

La dose appropriata di turkesterone dipende da diversi fattori come l'età, la salute e molte altre condizioni dell'utente.

Al momento non ci sono abbastanza informazioni scientifiche per determinare un intervallo appropriato di dosaggio.

Si tenga presente che i prodotti naturali non sono sempre necessariamente sicuri e i relativi dosaggi possono essere molto importanti.

È bene assicurarsi di seguire le indicazioni citate sulle etichette dei prodotti commerciali e consultare il farmacista o il medico prima dell'uso.

Effetti collaterali, precauzioni e interazioni del turkesterone

Non si hanno abbastanza informazioni sui potenziali effetti collaterali e sulle interazioni farmacologiche del turkesterone.

Durante la gravidanza e l'allattamento meglio evitarne l'uso.

Altri Usi

Il turkesterone e altri ecdisteroidi sono utilizzati in ricerca biochimica come induttori (molecole che regolano l'espressione genica) negli animali transgenici, facendo in modo che l'espressione di un nuovo gene indotto rimanga sotto il controllo del recettore dell'ecdisone in oggetto.

L'aggiunta o la rimozione di ecdisteroidi dalla dieta dell'animale transgenico fornisce quindi un modo conveniente per attivare o disattivare il gene inserito.

Alle dosi abituali, il turkesterone sembra avere poco o nessun effetto sugli animali che non hanno geni extra inseriti. Se assunto per via orale mostra un'elevata biodisponibilità, rivelandosi utile per determinare se il transgene è stato assorbito in modo efficace.

Per gli usi nella terapia genica, potrebbe essere utile comprendere quali siano le sorgenti naturali di ecdisteroidi per l'uomo – fitoecdisteroidi alimentari, flora intestinale, infezioni da elminti e altre malattie ecc.

Possibili Fonti Nutrizionali

Il turkesterone può essere assunto con gli alimenti?

L'essere umano non è in grado di assumere turkesterone con gli alimenti, a meno che non si includano certi invertebrati.

Certe larve sono in grado di sintetizzare turkesterone da: ghiandola protoracica, ghiandola anulare, l'intestino e corpi adiposi; nell'organismo adulto gran parte di questi viene perduta, ad eccezione del corpo adiposo e dell'ovaio femminile. Questi tessuti convertono il colesterolo nelle forme mature dell'ormone turkesterone – ciò avviene similmente nell'organismo dei mammiferi per gli ormoni steroidei.

L'eventuale consumo degli organismi evoluti, in pratica, sarebbe del tutto inutile.

Anche nel caso si decidesse di mangiare le larve però, non esistono garanzie che questa molecola possa rimanere intatta a seguito della cottura – che, come insegna la cultura gastronomica di certe zone orientali, africane e sudamericane, è importante per il consumo di questi organismi.

Per approfondire: Ecdisteroni

Bibliografia

  1. Isenmann E, Ambrosio G, Joseph JF, Mazzarino M, de la Torre X, Zimmer P, et al. (July 2019). "Ecdysteroids as non-conventional anabolic agent: performance enhancement by ecdysterone supplementation in humans". Archives of Toxicology. 93 (7): 1807–1816. 10.1007/s00204-019-02490-x. hdl:11573/1291269. PMID31123801. S2CID 163166547.
  2. Thummel CS, Chory J (December 2002). "Steroid signaling in plants and insects--common themes, different pathways". Genes & Development. 16 (24): 3113–29.
  3. Handler AM (September 1982). "Ecdysteroid titers during pupal and adult development in Drosophila melanogaster". Developmental Biology. 93 (1): 73–82.
  4. Cohen PA, Sharfstein J, Kamugisha A, Vanhee C (April 2020). "Analysis of Ingredients of Supplements in the National Institutes of Health Supplement Database Marketed as Containing a Novel Alternative to Anabolic Steroids". JAMA Network Open. 3 (4): e202818.
  5. Wilborn CD, Taylor LW, Campbell BI, Kerksick C, Rasmussen CJ, Greenwood M, Kreider RB (December 2006). "Effects of methoxyisoflavone, ecdysterone, and sulfo-polysaccharide supplementation on training adaptations in resistance-trained males". Journal of the International Society of Sports Nutrition. 3 (2): 19–27.
  6. Simakin SY (1988). "The Combined Use of Ecdisten and the Product'Bodrost'during Training in Cyclical Types of Sport". Scientific Sports Bulletin: 2.
  7. Gadzhieva RM, Portugalov SN, Paniushkin VV, Kondrat'eva II (1995). "[A comparative study of the anabolic action of ecdysten, leveton and Prime Plus, preparations of plant origin.]". Eksperimental'naia i Klinicheskaia Farmakologiia. 58 (5): 46–8.
  8. Báthori M, Tóth N, Hunyadi A, Márki A, Zádor E (2008). "Phytoecdysteroids and anabolic-androgenic steroids--structure and effects on humans"(PDF). Current Medicinal Chemistry. 15 (1): 75–91.
  9. Smetanin BY (1986). The influence of preparations of plant origin on physical work capacity (Report). The Russian Ministry of Public Health.
  10. Fadeev BG. Comments on the Results of Retibol in the Practice of Athletic Training and Rehabilitation (Report). Natural Sports Research Institute.
  11. Azizov AP, Seĭfulla RD, Ankudinova IA, Kondrat'eva II, Borisova IG (1998). "[The effect of the antioxidants elton and leveton on the physical work capacity of athletes]". Eksperimental'naia i Klinicheskaia Farmakologiia (in Russian). 61 (1): 60–2.
  12. Isenmann E, Ambrosio G, Joseph JF, Mazzarino M, de la Torre X, Zimmer P, et al. (July 2019). "Ecdysteroids as non-conventional anabolic agent: performance enhancement by ecdysterone supplementation in humans". Archives of Toxicology. 93 (7): 1807–1816.
  13. Parr MK, Zhao P, Haupt O, Ngueu ST, Hengevoss J, Fritzemeier KH, Piechotta M, Schlörer N, Muhn P, Zheng WY, Xie MY, Diel P (September 2014). "Estrogen receptor beta is involved in skeletal muscle hypertrophy induced by the phytoecdysteroid ecdysterone". Molecular Nutrition & Food Research. 58 (9): 1861–72.
  14. Saez E, Nelson MC, Eshelman B, Banayo E, Koder A, Cho GJ, Evans RM (December 2000). "Identification of ligands and coligands for the ecdysone-regulated gene switch"(PDF). Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.
  15. Graham LD (June 2002). "Ecdysone-controlled expression of transgenes". Expert Opinion on Biological Therapy
  16. Trenin DS, Volodin VV (1999). "20-hydroxyecdysone as a human lymphocyte and neutrophil modulator: In vitro evaluation". Archives of Insect Biochemistry and Physiology. 41 (3): 156–61.
  17. Kuzmenko AI, Niki E, Noguchi N (2001). "New functions of 20-hydroxyecdysone in lipid peroxidation". Journal of Oleo Science. 50 (6): 497–506.

Autore

Riccardo Borgacci
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer