Spirulina: Cos'è e Proprietà Nutrizionali
Ultima modifica 05.12.2019
INDICE
  1. Cos’è
  2. Proprietà Nutrizionali
  3. Integratori
  4. Modo d’Uso
  5. Interazioni Farmacologiche
  6. Tossicità e Contaminazione
  7. Effetti Collaterali e Controindicazioni
  8. Altri Usi
  9. Ricerca
  10. Sostenitori

Guarda il video

Cos’è

Cos'è la spirulina?

La spirulina (Arthrospira platensis) è un'alga azzurra unicellulare dalla forma stretta e allungata che non supera il mezzo millimetro di lunghezza.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/05/15/spirulina-orig.jpeg Shutterstock

Diffusa nelle acque salmastre, privilegia le zone tropicali e subtropicali dove si avvantaggia del pH idrico alcalino che le caratterizza.

Nonostante rientri nella categoria delle alghe azzurre, la spirulina è di colore verde scuro, tonalità che le viene donata dalla presenza di clorofilla, i cui pigmenti coprono i riflessi bluastri della policianina e quelli gialli dei carotenoidi.

Il nome "spirulina" deriva invece dalla forma di quest'alga che ricorda, come si intuisce dal suo stesso nome, quella di una spirale.

L'utilizzo alimentare di spirulina è molto antico, pare infatti risalga al tempo dei Romani che la destinavano all'alimentazione delle popolazioni africane (Spirulina platensis). Quest'alga era presente anche nella dieta delle civiltà precolombiane (Spirulina maxima); tale tradizione venne riportata dal "conquistador" spagnolo Cortés che nei primi anni del '500 assoggettò l'impero Atzeco.

Proprietà Nutrizionali

Proprietà nutrizionali della spirulina

La spirulina è particolarmente ricca di proteine, amminoacidi essenziali e lipidi. I grassi in essa contenuti appartengono alla grande famiglia dei mono e dei polinsaturi, con netta prevalenza degli omega-6 rispetto agli omega-3 e con elevate quantità di acido gamma linolenico; questi nutrienti, se ben bilanciati tra loro, sono considerati in grado di migliorare i livelli di colesterolo nel sangue, di trigliceridi, normalizzare la pressione arteriosa, partecipare alla formazione delle guaine mieliniche che rivestono i nervi e migliorare la funzionalità del sistema immunitario. Nota: affinché ciò avvenga, sarebbe opportuno bilanciare il rapporto omega6/omega3 della propria dieta con l'aiuto di un nutrizionista.

Tuttavia, contrariamente a quanto si era stimato nel 2003 rispetto alle concentrazioni di acido docosaesaenoico (DHA) ed eicosapentaenoico (EPA) – ciascuno stimato al 2-3% degli acidi grassi totali – un approfondimento più recente (2015) ha indicato che i prodotti a base di alga spirulina contengono grassi omega-3 in quantità poco rilevabile – meno dello 0,1%, inclusi DHA e EPA. Uno altro studio in vitro, tuttavia, afferma che ceppi di microalghe diversi possono aumentare la concentrazione di EPA e DHA.

Tra le vitamine e i fattori vitamino simili che abbondano nella spirulina citiamo: il tocoferolo, alcuni carotenoidi (provitamine A, come l'astaxantina), l'inositolo e molte vitamine del gruppo B. È discreto anche il contenuto di minerali, tra i quali non rientra però lo iodio, elemento che abbonda soprattutto nelle alghe marine (ad es fucus e laminaria).

Contrariamente a quanto si credeva all'inizio, come tutti i vegetali anche la spirulina non apporta cianocobalamina, bensì altre forme biologicamente non attive di vitamina B12 – pseudovitamina B12 (Coα- [α- (7-adenil)] - Coβ-cianocobamide). Come evidenziato dalla letteratura scientifica e, nel 2009, dall'American Dietetic Association, la spirulina non dev'essere considerata un integratore o un alimento funzionale utile per prevenire o colmare la carenza di questa vitamina nella dieta.

L'accoppiata tra certe vitamine, ficobiline ed altri pigmenti (ad esempio la clorofilla), conferisce alla spirulina proprietà antiossidanti degne di nota. Grazie a queste sue caratteristiche l'alga in oggetto è potenzialmente in grado di proteggere dai radicali liberi e dai danni che questi causano all'organismo (invecchiamento precoce, malattie neurodegenerative, alcune forme tumorali e malattia aterosclerotica).

Integratori

Integratori di spirulina

Oggi gli integratori a base di spirulina sono molto in voga tra gli sportivi e tra chi desidera raggiungere in fretta il proprio peso forma o cerca un'alternativa naturale agli integratori multivitaminici-minerali e ricostituenti di sintesi. Nel primo caso viene sfruttato l'elevato contenuto di vitamine e minerali che fungono da cofattori enzimatici per sostenere la produzione energetica durante uno sforzo muscolare particolarmente intenso.

Gli sportivi possono avvantaggiarsi anche delle preziose proprietà antiossidanti attribuite alla spirulina; si sa, l'attività fisica, pur migliorando i sistemi endogeni di smaltimento, produce molti radicali liberi.

L'elevatissimo contenuto proteico (65-70 g per 100 g di alimento, contro i 20-25 g di un taglio di carne magra), rende la spirulina un alimento particolarmente utile e nutriente anche per la popolazione che non assume quantità sufficienti di amminoacidi. Il buon profilo di quelli essenziali può rappresentare un valido aiuto per coprire il fabbisogno nelle persone che non consumano alimenti di origine animale, o che per altri motivi hanno un'alimentazione carente.

La parete cellulare dell'alga spirulina, priva di cellulosa e di tipo mucoproteico, le conferisce inoltre una buona digeribilità.

La spirulina sembra possedere anche un certo effetto sul controllo dell'appetito. Quando viene assunta prima dei pasti, accelera la comparsa del senso di sazietà (probabilmente grazie all'abbondanza di nutrienti, in particolare di proteine, ed al loro effetto sulla secrezione di CCK) e può in tal senso trovare spazio nelle terapie dietetico-comportamentali volte alla riduzione del peso corporeo.

C'è anche chi sostiene che, colmando eventuali carenze vitaminiche o minerali, la spirulina possa anche contribuire ad attenuare la comparsa di crisi bulimiche. Si tratta comunque di ipotesi sfruttate perlopiù a fini commerciali, dato che non esistono sufficienti basi scientifiche per giustificare un'utilità della spirulina nel controllo del peso corporeo.

Per tutte queste sue caratteristiche positive, la spirulina si è guadagnata l'appellativo di "alimento del futuro".


SPIRULINA 100 grammi per porzione (10 g)
Kcal 290 29

Kjoule

1214 

1214,4

Carboidrati (g)

24 2,4

Grassi (g)

8 0,8

Proteine (g)

57 5,7
Colesterolo (g) 0 0
Fibre (mg) 3,6 0,36
Ferro (mg) 28,5 (158%) 2,85 (15,8%)
Rame (mg) 6,1 (305%) 0,61 (30,5%)
Manganese (mg) 1,9 (95%) 0,19 (9.5%)
Magnesio (mg) 145 (49%) 14,5 (4,9 %)
Riboflavina (mg) 3,7 (216%) 0,37 (21,6%)
Tiamina (mg) 2,4 (159%) 0,24 (15,9%)

Vitamina B12 (mcg)*

0 0
 

Acidi grassi spirulina

Spirulina online

spirulina

Online è disponibile un Complesso di Spirulina e Clorella in Capsule, una miscela di alghe naturali ricca di proteine, vitamina B1, ferro, fitonutrienti e calcio. Questa densa e nutriente formula è inoltre ricca di amminoacidi essenziali, beta-carotene, potassio, biotina e altre vitamine: si tratta infatti di un integratore naturale e vegano che contiene quasi il 600% in più di proteine rispetto al tofu, il 280% in più di antiossidanti rispetto ai mirtilli e quasi il 4.000% in più di beta-carotene rispetto alle carote.
Ogni dose quotidiana consigliata (3 capsule) fornisce fino a 1.800 mg di alghe pure. Inoltre, grazie alla sua versatilità, questo versatile prodotto può essere mescolato a frullati, smoothies e prodotti da forno. Oltre ad essere senza glutine, questa formula è priva di additivi, coloranti artificiali, edulcoranti, leganti o riempitivi, in modo che il prodotto risulti puro e genuino.

Disponibile online
spirulina

In alternativa si può scegliere la Spirulina Biologica in confezione da 500 compresse, un integratore che contribuisce alla vitalità e al corretto funzionamento del sistema immunitario. Grazie alla capacità di migliorare la resistenza e il tono muscolare, anche gli atleti ne apprezzano le sue qualità. Inoltre è un alleato perfetto nelle diete detox e contro le carenze nutrizionali.
La Spirulina Platensis presente nell’integratore contiene 15 volte più beta-carotene (vitamina A) rispetto alle carote, 3 volte più proteine rispetto alla carne di manzo (inclusi 9 amminoacidi essenziali), 4 volte più vitamine B rispetto al fegato (inclusa la B12) ed una miniera di minerali e antiossidanti, tra cui la famosa ficocianina. Coltivata al sole e nel suo habitat naturale, senza l’utilizzo di calore o luce artificiale, la spirulina biologica garantisce un prodotto di ottima qualità e grande convenienza.

Acquistabile online

Modo d’Uso

Come si assume la spirulina?

La dose massima di spirulina è di circa 10 - 19 g / die, anche per diversi mesi. La dose consigliata è di 10 g / die, un quantitativo apparentemente modesto ma che è in grado di coprire, da solo, buona parte del fabbisogno quotidiano di molti nutrienti come la provitamina A ed il ferro.

Nonostante l'elevata presenza di proteine, minerali, vitamine e lipidi, una porzione da 10 o 20 grammi non può essere considerata un alimento completo e come tale non può sostituire ad un normale pasto. Se utilizzata come supplemento dietetico, la spirulina può comunque rappresentare un aiuto importante nella copertura dei fabbisogni dei vari nutrienti.

Il Ministero della Salute ne sottolinea l'effetto fisiologico utile per "l'azione di sostegno e nutriente".

Interazioni Farmacologiche

Interazioni farmacologiche della spirulina

Le potenziali interazioni farmacologiche della spirulina riguardano l'associazione a farmaci da prescrizione che intervengono sul sistema immunitario e sulla coagulazione del sangue.

Tossicità e Contaminazione

Sicurezza e tossicologia relative alla qualità

In alcuni integratori a base di spirulina sono state trovate tracce non critiche – inferiori al livello di sicurezza per la maggior parte degli enti per la sicurezza alimentare e farmacologica – di microcistine, BMAA e non solo.

Le microcistine, prodotte da altri ceppi di cianobatteri, possono causare sintomi acuti come banali disturbi gastrointestinali ma, nel lungo termine, gravi danni al fegato. Ovviamente, tali circostanze sono praticamente impossibili da raggiungere con la sola assunzione di spirulina. Ciò nonostante, per alcuni gli effetti cronici delle microcistine possono essere nocivi anche per altri sistemi e organ, e non è da escludere la possibilità di cancerogenesi.

La "U.S. National Institutes of Health" statunitense riconosce questi integratori, se non interessati da contaminazione di microcistina, come "possibly safe". Se contaminati invece, soprattutto per i bambini, vengono ritenuti "likely unsafe".

Poiché la normativa sulla sicurezza degli integratori in USA non prevede un controllo incalzante della spirulina, alcuni ricercatori hanno espresso non poche perplessità.

La spirulina può anche essere interessata da contaminazione di metalli pesanti. La spirulina coltivata in Cina è stata riconosciuta come potenzialmente contaminata da piombo, mercurio e arsenico. Uno studio in particolare ha menzionato la concentrazione di piombo fino a 5,1 parti per milione (ppm).

Effetti Collaterali e Controindicazioni

Possibili effetti collaterali della spirulina

Riguardo agli effetti collaterali, si sottolineano i potenziali rischi derivanti dalla contaminazione con microcistine, analizzati nell'articolo sull'alga klamath. Per il resto, la spirulina è normalmente ben tollerata; in soggetti predisposti si segnalano: nausea, diarrea, sensazione di affaticamento e mal di testa.

Possibili controindicazioni della spirulina

La spirulina è ricca di fenilalanina (2,6 - 4,1 g / 100 g), un amminoacido essenziale impossibile da metabolizzare per chi soffre di fenilchetonuria – una patologia genetica. In tal caso, per evitare che questo nutriente si accumuli nel cervello causando danni molto gravi, è necessario evitarla.

La spirulina fortemente contaminata da microcistine può causare danni al fegato, shock e morte – soprattutto nei bambini.

Altri Usi

Impiego nell'alimentazione animale e nell'acquacoltura

Sono stati condotti diversi studi sull'impiego di spirulina come mangime alternativo per animali terrestri e in acquacoltura. La spirulina può costituire fino al 10 % del mangime per il pollame ma meno del 4 % per la quaglia. Aumentando il tenore di spirulina fino a 40 g / kg per 16 giorni nell'alimentazione dei pulcini maschi di 21 giorni, la carne assume una colorazione gialla e rossa, effetto dovuto all'accumulo del pigmento giallo zeaxantina – che è un carotenoide, ovvero una delle provitamine A. Suini e conigli possono ricevere fino al 10% del mangime a base di spirulina; un eventuale aumento per i bovini comporta un aumento della produzione e del peso specifico del latte. È stato stabilito che, l'uso di spirulina come materia prima alternativa, anche utile al rinforzo immunitario, può essere tranquillamente considerata raccomandabile in misura del 2 % / die nell'alimentazione del bufalo e nell'acquacoltura di pesce latte, striped jack, carpe, orate, tilapia, pesce gatto, yellow tail, danio zebrato, gamberetti e abalone.

Ricerca

Spirulina e ricerca scientifica

Secondo la U.S. National Institutes of Health, le prove scientifiche oggi disponibili non sono sufficienti a raccomandare l'integrazione di spirulina per qualsiasi condizione umana e sono invece necessarie ulteriori ricerche per chiarire se il consumo possa indurre eventuali benefici.

La somministrazione di spirulina è stata studiata nel controllo del glucosio nel sangue in persone con diabete mellito tipo 2, ma nel 2013 la European Food Safety Authority ha respinto qualunque applicazione a riguardo.

La spirulina è stata analizzata come un potenziale integratore alimentare per adulti e bambini affetti da HIV, ma non vi è stato alcun effetto conclusivo sul rischio di morte, sul peso corporeo o sulla risposta immunitaria.

Sostenitori

Soprattutto per la ricchezza di ferro e proteine, nel 1974, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) descrisse la spirulina come superfood, molto adatto all'alimentazione dei bambini.

Nel 2003, le Nazioni Unite hanno fondato l'istituzione intergovernativa per l'uso della micro-alga spirulina contro la malnutrizione.

Tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, sia la NASA (CELSS) che la European Space Agency (MELiSSA) proposero la spirulina come uno degli alimenti primari da coltivare durante le missioni spaziali a lungo termine.

 

Contenuto sponsorizzato: My-personaltrainer.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, My-personaltrainer.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Autore

Riccardo Borgacci
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer