Commiphora mukul e Guggulsteroni: Cosa Sono? A Cosa Servono?
Ultima modifica 13.09.2019
INDICE
  1. Cosa sono?
  2. Proprietà
  3. Usi
  4. Efficacia e Meccanismo d'azione
  5. Effetti Indesiderati
  6. Interazioni Farmacologiche
  7. Controindicazioni

Cosa sono?

Che cosa sono la Commiphora mukul e i Guggulsteroni?

La Commiphora mukul è una pianta originaria di India e Pakistan, molto utilizzata in erboristeria e nelle medicine alternative (come quella Ayurvedica). La droga è costituita dalla gommo-oleoresina ottenuta dalla corteccia dei rami e del tronco della pianta. Questa gommo-oleoresina è volgarmente nota con il nome di gomma guggul.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/09/05/integratori-guggulsteroni-2-orig.jpeg Shutterstock

Fra le sostanze attive contenute all'interno della droga, un particolare interesse è riservato ai guggulsteroni Z ed E che - insieme ai guggulsteroli - costituiscono parte della frazione solubile della gomma guggul, denominata guggulipide (o gugulipide).

Per approfondire: Commiphora mukul o Guggul

I guggulsteroni sono composti steroidei cui vengono attribuite numerose proprietà, molte delle quali, tuttavia, non sono supportate da sufficienti studi.

Nel corso dell'articolo in questione, ci si concentrerà proprio sui guggulsteroni e sulle loro caratteristiche.

Proprietà

Quali Proprietà e Attività vengono attribuite ai Guggulsteroni?

I guggulsteroni sono ritenuti i diretti responsabili di molte delle proprietà attribuite alla gomma guggul nel suo complesso. Più nel dettaglio, si ritiene che essi siano dotati di:

Ai guggulsteroni, inoltre, vengono attribuite proprietà tireostimolanti grazie alle quali dovrebbero esercitare un effetto migliorativo sul metabolismo, coadiuvando il processo dimagrante. Come si vedrà in seguito, questa proprietà, per poter essere confermata con certezza, necessiterebbe di ulteriori ricerche e approfondimenti.

Le proprietà ipolipidemizzanti, antinfiammatorie, antiossidanti e antiaggreganti piastriniche, invece, sembrano essere confermate, almeno in parte, benché anche in questo caso sarebbero necessari ulteriori studi per meglio comprenderne le potenzialità e gli effetti sulla salute umana.

Usi

Come vengono utilizzati i Guggulsteroni?

I guggulsteroni, o meglio, gli estratti ottenuti dalla gomma guggul che li contengono, sono largamente utilizzati all'interno di integratori alimentari. Nella maggior parte dei casi, tali integratori vengono presentati come prodotti in grado di favorire la riduzione dei livelli di colesterolo e grassi nel sangue, come prodotti capaci di supportare e migliorare il metabolismo - incluso quello lipidico - favorendo al contempo il processo di dimagrimento e/o come prodotti capaci di supportare la funzione tiroidea. Spesso, questi integratori contengono anche altri estratti vegetali che dovrebbero coadiuvare le diverse attività attribuite ai guggulsteroni.

Gli integratori di cui non contengono i guggulsteroni puri, bensì estratti di gommo-oleoresina di Commiphora mukul titolati e standardizzati in guggulsteroni.

Efficacia e Meccanismo d'azione

Studi svolti, efficacia e meccanismo d'azione dei Guggulsteroni

Nel corso degli anni sono stati condotti diversi studi sui guggulsteroni allo scopo di determinare i meccanismi d'azione alla base delle proprietà attribuite a queste molecole. Purtroppo, spesso i risultati ottenuti sono stati discordanti tra loro tanto che il dibattito in merito all'utilità dei guggulsteroni nel trattamento di diversi disturbi è ancora acceso.

Proprietà ipocolesterolemizzanti e ipolipidemizzanti

Le proprietà ipocolesterolemizzanti e ipolipidemizzanti attribuite ai guggulsteroni sembrano essere supportate da diversi studi. L'esatto meccanismo d'azione con cui queste molecole sarebbero in grado di esercitare simili proprietà, tuttavia, non è ancora stato chiarito del tutto. Fra le ipotesi formulate ritroviamo quelle secondo cui gli effetti ipocolesterolemizzanti e ipolipidemizzanti sarebbero riconducibili a:

Da alcuni studi è emerso che i guggulsteroni sono antagonisti del recettore farnesoide X (FXR) anche noto come recettore per gli acidi biliari (BAR). Tale recettore rappresenta un regolatore trascrizionale importante per il mantenimento dell'omeostasi del colesterolo e degli acidi biliari. In questi studi si è ipotizzato che la capacità di ridurre i livelli di colesterolo dei guggulsteroni possa essere connessa a questo tipo di attività antagonista nei confronti di FXR.

Per quanto riguarda le ricerche condotte sull'uomo, i risultati sono contrastanti: mentre alcuni studi mostrano una diminuzione dei livelli di colesterolo totale e un aumento delle HDL in seguito alla somministrazione di guggulsteroni; altri ancora non hanno evidenziato miglioramenti.

Proprietà antiossidanti

Secondo alcuni studi condotti in vitro, le proprietà antiossidanti ascritte ai guggulsteroni potrebbero derivare dalla loro capacità di agire come "radical scavenger", ossia di "spazzini" di radicali liberi.

Proprietà tireostimolanti e dimagranti

Studi condotti su animali avrebbero dimostrato che la somministrazione di estratto di gomma guggul può incrementare i livelli di triiodotironina (ormone T3 prodotto dalla tiroide) senza indurre variazioni apprezzabili delle concentrazioni di tiroxina (ormone T4 prodotto dalla tiroide). Mentre altri studi ancora, sempre condotti su animali, avrebbero mostrato come la somministrazione del solo guggulsterone Z possa determinare un incremento di tutti i parametri della funzione tiroidea, fra cui la produzione di ormoni, da cui si dedurrebbe una possibile iperfunzionalità di questa ghiandola in seguito all'assunzione del sopra citato guggulsterone.

Nonostante tali risultati, risulta comunque difficile determinare l'entità di un simile effetto negli esseri umani e l'implicazione che esso può avere sull'organismo umano e, in particolare, sul metabolismo.

In molti attribuiscono ai guggulsteroni proprietà dimagranti che sarebbero direttamente correlate all'azione tireostimolante ascritta a queste stesse molecole e alla conseguente capacità di migliorare il metabolismo coadiuvando la perdita di peso. Tuttavia, gli studi e i trials clinici condotti finora sono limitati e non sufficienti per determinare la reale efficacia dell'impiego dei guggulsteroni in quest'ambito.

Di contro, sono diversi coloro che sostengono l'utilità e promuovono l'utilizzo di integratori alimentari a base di guggulsteroni durante il processo di dimagrimento. Non tutti concordano con questa visione e i pareri in merito restano discordanti. A tutto ciò si aggiunge il fatto che i risultati derivanti da un'integrazione di guggulsteroni sono influenzati da numerose variabili, quali ad esempio: le dosi somministrate, la durata del trattamento, disturbi presenti nell'individuo, sue caratteristiche e tipo di regime dietetico adottato.

NOTA BENE

È importante precisare che l'assunzione di integratori coadiuvanti il dimagrimento dovrebbe avvenire solo dopo aver consultato il proprio medico. Solo questa figura sanitaria, infatti, conoscendo a fondo la storia clinica del paziente e le sue condizioni di salute, è in grado di valutare la presenza di eventuali controindicazioni all'uso dei prodotti in questione (ad esempio, presenza di malattie o disturbi, condizioni particolari, terapie farmacologiche in atto).

Inoltre, è molto importante ricordare che, qualsiasi integratore coadiuvante le diete dimagranti, deve essere necessariamente usato in associazione ad un'adeguata dieta e ad una regolare attività fisica e non essere utilizzato in loro sostituzione.

Effetti Indesiderati

I guggulsteroni e gli integratori che li contengono causano effetti indesiderati?

In linea generale, si potrebbe dire che gli integratori a base di estratti di gomma guggul contenenti guggulsteroni siano ben tollerati dalla maggior parte delle persone. Tuttavia, come qualsiasi altro prodotto, essi possono dare origine ad effetti indesiderati che più frequentemente si manifestano a livello gastrointestinale (nausea e/o vomito, diarrea, dolore addominale). Da non escludere, inoltre, la possibilità d'insorgenza di reazioni allergiche in individui sensibili.

Interazioni Farmacologiche

I Guggulsteroni possono interferire con l'attività dei Farmaci?

La gomma guggul e i guggulsteroni in essa contenuti possono instaurare interazioni farmacologiche con farmaci di diverso tipo, quali:

Possono essere probabili anche interazioni fra guggulsteroni e farmaci per la tiroide.

Per questo motivo, se si stanno assumendo, o sono stati recentemente assunti, farmaci di qualsiasi tipo (inclusi SOP e OTC), è opportuno informarne il medico prima di iniziare ad assumere integratori alimentari contenenti estratti di gomma guggul e guggulsteroni.

Controindicazioni

Quando i Guggulsteroni NON devono essere usati

L'utilizzo degli integratori contenenti estratti di gomma guggul e guggulsteroni non sempre è indicato. In particolare, il loro impiego deve essere evitato:

  • In caso di allergia nota alla gomma guggul e ai guggulsteroni, così come in caso di allergia nota ad uno qualsiasi degli altri componenti - sostanze attive o eccipienti - presenti nell'integratore che si vuole assumere;
  • In persone che soffrono di disturbi della coagulazione;
  • Negli individui affetti da tumori ormono-sensibili;
  • Nelle persone che soffrono di malattie della tiroide;
  • Nelle donne in gravidanza e nelle madri che allattano al seno.

Molta cautela deve essere riservata anche all'uso dei suddetti integratori da parte di persone con problemi epatici e renali. In questi casi, il controllo e il nullaosta del medico sono indispensabili.

Ad ogni modo, si ricorda che, prima di assumere prodotti contenenti guggulsteroni, è sempre opportuno il consulto preventivo con il proprio medico, il quale dovrà essere informato dell'eventuale presenza di disturbi, malattie o particolari condizioni, così come della presenza   di terapie farmacologiche in atto.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista