Arginina: a cosa serve, quanti grammi e chi non deve prenderla

Arginina: a cosa serve, quanti grammi e chi non deve prenderla
Ultima modifica 24.11.2022
INDICE
  1. A cosa serve l’arginina?
  2. Quanti grammi di arginina?
  3. Chi non deve prendere l’arginina?
  4. Interazioni farmacologiche
  5. Integratori online

Cos’è l’arginina?

L'arginina (L-arginina) è un aminoacido ordinario essenziale per i soggetti in accrescimento ma non per gli adulti sani – dato che può essere sintetizzata dall'organismo.

Può tuttavia diventare essenziale per gli adulti affetti da gravi malattie, denutriti o che hanno subito importanti traumi od ustioni; per questo, viene anche definita condizionatamente essenziale.

L'essere umano onnivoro ed eunutrito assume mediamente 3,5-5,0 g / die di arginina, soprattutto attraverso la carne, la frutta a guscio (semi oleosi) e i legumi. Un aumento della richiesta metabolica è normalmente compensato dalla sintesi endogena – che normalmente si verifica soprattutto a livello renale ed epatico.

In virtù del suo ruolo biologico e delle funzioni che esercita in varie attività dell'organismo (precursore dell'ossido nitrico, della creatina, sintesi proteica, neoglucogenesi, detossificazione dai residui azotati, antiossidante ecc.), la L-arginina costituisce da diversi anni un supplemento nutrizionale ampiamente utilizzato in ambito sportivo e clinico.

In questo breve articolo cercheremo di capire meglio quali sono le proprietà dell'arginina, il dosaggio, le controindicazioni oltre alle precauzioni da adottare in caso di integrazione alimentare.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2022/11/03/arginina-orig.jpeg Shutterstock

Alimenti ricchi di arginina

Contenuto di arginina negli alimenti
Alimento mg / 100 g
Arachidi tostate 3736
Nocciole 2824
Fave secche, cecilenticchie secchesoia 2000-2200
Carne 1500-2000
Mandorle 1587
Pesce 900-1200
Uovo intero 790
albume 576
tuorlo 1131
Formaggi 540
Cereali e derivati (pastapaneriso ecc.) 400-500

A cosa serve l’arginina?

La L-arginina è un aminoacido classificato come condizionatamente essenziale, in quanto assume un ruolo chiave in alcuni momenti fisiologici della vita, come l'adolescenza e la pubertà, e in corso di alcune condizioni patologiche come traumi estesi ed ustioni.

Le funzioni biologiche della L-arginina possono essere così riassunte:

  • Precursore dell'ossido nitrico (NO): il monossido di azoto è un'importante molecola di segnalazione che regola la vasodilatazione e svolge funzioni nella reazione nel sistema immunitario;
  • Gluconeogenesi: sintesi di glucosio in condizioni metaboliche particolari;
  • Sintesi proteica: costruzione di nuove proteine;
  • Precursore della creatina e di altri derivati (urea, ornitina agmatina, poliammine ecc.): dall'arginina si possono ottenere la creatina e altri composti fondamentali nell'economia cellulare e al metabolismo;
  • Detossificazione dei residui azotati;
  • Azione antiossidante.

Per questo motivo l'integrazione con L-arginina è divenuta sempre più diffusa, oltre che per supportare il recupero e la performance (miglior flusso ematico, anti-catabolismo, aumento della sintesi di GH ecc., ma con molto "ottimismo"), anche nel trattamento di varie patologie o condizioni disagevoli, come quelle cardiologiche, l'ipertensione, alcuni dismetabolismi, i traumi chirurgici, le gravi ustioni, l'infertilità maschile e la disfunzione erettile.

Benefici potenziali e reali dell’arginina

L-Arginina e funzione cardiovascolare

Molto interessanti sono gli effetti della supplementazione con L-arginina sullo stato di salute cardiovascolare.

Partendo da evidenze inizialmente solo sperimentali, l'uso di arginina si è affermato in ambito cardiologico per le sue diverse modalità d'azione.

Più precisamente, l'adeguata supplementazione con arginina si sarebbe rivelata utile nei pazienti affetti da ipercolesterolemia, ipertensione ed angina pectoris, nel ridurre il danno vascolare, migliorare la perfusione cardiaca, ridurre l'ossidazione delle lipoproteine LDL e migliorare le caratteristiche reologiche del sangue.

Tali attività sembrerebbero attribuibili sia a un effetto diretto sulle pareti vascolari che alla produzione di mediatori vasoattivi come NO.

Una meta-analisi ha mostrato che la L-arginina riduce la pressione sanguigna con stime aggregate di 5,4 mmHg per la pressione sistolica e 2,7 mmHg per la pressione diastolica [Dong JY, Qin LQ, Zhang Z, et al. (December 2011). "Effect of oral L-arginine supplementation on blood pressure: a meta-analysis of randomized, double-blind, placebo-controlled trials". review. American Heart Journal. 162 (6): 959–65].

L'integrazione con l-arginina riduce inoltre la pressione sanguigna diastolica e allunga la gravidanza per le donne con ipertensione gestazionale, comprese le donne con pressione alta come parte della pre-eclampsia. Non ha abbassato la pressione sanguigna sistolica né migliorato il peso alla nascita [Gui S, Jia J, Niu X, et al. (March 2014). "Arginine supplementation for improving maternal and neonatal outcomes in hypertensive disorder of pregnancy: a systematic review". (review). Journal of the Renin-Angiotensin-Aldosterone System. 15 (1): 88–96.].

L-Arginina e fertilità

I numerosissimi trial clinici pubblicati a riguardo, sembrerebbero concordare sull'utilità della L-arginina nel migliorare la motilità e la qualità degli spermatozoi in pazienti affetti da oligospermia.

Tale attività sembrerebbe ancora una volta legata all'effetto vasodilatatore ed antiossidante dell'L-arginina.

L-Arginina e disfunzione erettile

Le evidenze sull'integrazione con arginina nei soggetti con disfunzione erettile ha esaminato prevalentemente la combinazione con altri integratori (pycnogenol, yohimbe, adenosina monofosfato, citrullina, ornitina).

La supplementazione di L-arginina, da sola o in combinazione con altri integratori, sembra migliorare la disfunzione erettile rispetto al placebo o nessun trattamento in generale.

Per approfondire: Citrullina e Disfunzione Erettile

L-arginina ed immunità

L'integrazione con L-arginina si sarebbe rivelata particolarmente efficace nei soggetti defedati (come i pazienti affetti da HIV) per il miglioramento dell'assetto immunologico.

In particolare, l'integrazione di arginina contribuisce a potenziare la sintesi e l'attività di linfociti citotossici e cellule Natural Killers, dedite alla protezione dell'organismo nei confronti di patogeni e cellule neoplastiche.

L-Arginina, traumi e ustioni

L'attività immunomodulante da un lato e la capacità di indurre la sintesi di prolina, aminoacido abbondante nel collagene, dall'altro, giustificherebbe il ruolo chiave dell'L-arginina nel facilitare la ripresa strutturale e funzionale del tessuto leso.

Questa attività si sarebbe rivelata particolarmente preziosa in corso di grandi interventi chirurgici, ferite estese o gravi ustioni.

Altre applicazioni per la salute

È stato dimostrato che la L-arginina assunta per via orale inverte la necrosi digitale nella sindrome di Raynaud.

Il tessuto cerebrale di persone decedute e affette da schizofrenia mostra un metabolismo dell'arginina alterato – oltre che bassi livelli di GABA e alti di agmatina. Ciò suggerirebbe un ruolo della L-arginina nella patogenesi della schizofrenia, ma i dati attualmente disponibili sono insufficienti.

L'arginina, in associazione alla lisina, è anche proposta tra i rimedi contro lo stress mentale, l'ansia e per aumentare la libido. Le persone che soffrono di ansia di stato e di tratto / carattere traggono beneficio dall'integrazione di arginina e lisina in combinazione.

L-arginina e sport

L'uso di arginina in ambito sportivo è attualmente giustificato soprattutto dal ruolo antiossidante ed immunomodulante, prezioso soprattutto durante sessioni allenanti particolarmente intense e competizioni prolungate.

Non trascurabili potrebbero essere anche il potenziale ruolo ergogenico, legato all'attività gluconeogenica dell'arginina, e il ruolo detossificante nei confronti delle scorie azotate, solitamente più elevate negli sportivi.

Per molto tempo si è ritenuto che la supplementazione con L-arginina potesse contribuire all'aumento della secrezione endogena di ormone della crescita (GH) ed affini.

Tale attività, osservata soprattutto in pazienti anziani, defedati, sarcopenici e generalmente in regime di ricovero, non risulterebbe invece apprezzabile in individui sani ed allenati, sfatando così un mito ancora in auge.

Questo anche perché l'effetto stimolante dell'arginina sulla liberazione di somatotropina sembrerebbe rilevante nella modalità di somministrazione parenterale (endovenosa), ma non in quella per bocca.

Quanti grammi di arginina?

Dosaggio e modalità d’assunzione dell’arginina

La presenza di integratori di L-arginina in compresse, capsule, polvere ed ultimamente anche in alimenti funzionali addizionati, ha reso particolarmente agevole la messa a punto di specifici protocolli supplementativi.

I dosaggi attualmente impiegati in letteratura sono molteplici e generalmente compresi tra i 3 ed i 20 g / die, eventualmente suddivisi in più assunzioni (ad es. da 2500 mg l'una) per scongiurare la comparsa di effetti collaterali.

In ambito sportivo, la dose giornaliera di arginina più utilizzata è quella dei 3 g / die, generalmente assunta nelle fasi pre-allenamento o prima del riposo notturno.

In ambito cardiologico o andrologico, invece, la dose può salire anche fino ai 5, 6 o addirittura 10 g / die. In questi casi è inevitabile dover ripartire la quantità totale in 2, 3 o 4 dosaggi.

Per contrastare la disfunzione erettile, assumere 5g / die di L-arginina, con o senza cibo. Dividere il dosaggio e separarlo da almeno 4 ore alla comparsa di prurito o altri effetti collaterali. Una parte o tutta l'arginina va assunta 30 minuti prima del rapporto.

Per contrastare l'ansia di stato / tratto, assumere 1,25 g di arginina e 1,25 g di lisina 2 volte al giorno (2,5 g ciascuna / die) – indifferentemente se a stomaco pieno o vuoo. Gli effetti giungeranno dopo 7 giorni.

Se si soffre di insonnia è meglio assumere arginina al mattino.

Chi non deve prendere l’arginina?

Effetti collaterali, precauzioni e controindicazioni dell’arginina

L'uso di L-arginina è controindicato in caso di ipersensibilità all'aminoacido, in caso di rare sindromi genetiche da disordini dell'arginina, durante la gravidanza e nel successivo periodo di allattamento al seno.

Le suddette controindicazioni potrebbero inoltre estendersi anche a gravi casi di insufficienza epatica e renale, ragione per la quale in tali casi l'uso di L-arginina dovrebbe avvenire sotto stretto controllo medico.

La L-arginina non è raccomandata per l'uso dopo un evento cardiovascolare, se si soffre di allergie o asma.

Data la presenza di L-arginina nelle proteine virali dell'Herpes Simplex, alcuni autori suggeriscono di evitarne l'utilizzo in pazienti predisposti all'infezione, al fine di ridurre il rischio di esacerbazioni.

Interazioni farmacologiche

Quali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto della L-arginina?

L'uso di L-arginina potrebbe alterare le normali caratteristiche farmacocinetiche di principi attivi come la Ciclosporina, l'Ibuprofene, i nitrati organici, il Sildenafil citrato e di piante ad attività fitoterapica come la Yohimbe.

In generale, l'arginina può interagire con la terapia anticoagulante e antipiastrinica, nonché con farmaci per il diabete e farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

Per questi motivi sarebbe opportuno consultare il medico, prima di assumere integratori a base di L-arginina, qualora fosse in corso una terapia farmacologica.

Integratori online

Oltre che nelle farmacie, nelle parafarmacie e nei negozi specializzati, anche sui più importanti store di e-commerce sono disponibili una lunga serie di integratori a base di Arginina.

Ecco i migliori secondo la nostra valutazione.

L'integratore di L-Arginina proposto da GEN - German Elite Nutrition è tra i più gettonati: offre 380 capsule vegane ad alto dosaggio con 6000 mg di pura L-Arginina HCL (cloridrato) per dose giornaliera (2x4 capsule). 6000 mg di L-Arginina HCL contengono 4980 mg di L-Arginina pura. Per le capsule viene usata L-Arginina vegetale elaborata per fermentazione naturale e quindi non estratta da piume d'anatra o altre componenti animali. Questo integratore alimentare può essere perfettamente combinato con altri aminoacidi come L-Citrullina, Taurina, L-Tirosina, Beta Alanina e AAKG. Le capsule sono garantite come prive di stearato di magnesio, aromi, coloranti, stabilizzatori, gelatina e OGM, lattosio, glutine e conservanti.

Sono ad alto dosaggio anche le 360 capsule proposte in barattolo da Vitamaze, bastevoli per 2-3 mesi di uso continuativo. Il dosaggio quotidiano (6 capsule) contiene 4500mg di L-Arginina HCL. Una capsula contiene 770mg di idrocloridrato di L-Arginina, una parte del quale (622,5 mg) è L-Arginina base derivante dalla fermentazione di ingredienti vegetali a crudo. Questo prodotto è completamente privo di ingredienti geneticamente modificati, così come di pesticidi, fungicidi, fertilizzanti artificiali e senza il discusso magnesio di starato (sale di magnesio da acidi grassi), per un assorbimento ottimale dei principi attivi.

Per approfondire: Integratore di Arginina: a cosa fa bene, come prenderlo e prodotti migliori Per approfondire: Arginina α-chetoglutarato (AAKG): cos'è, a cosa serve e quali i prodotti migliori

Contenuto sponsorizzato: My-personaltrainer.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, My-personaltrainer.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificate disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

Autore

Riccardo Borgacci
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer