Frattura della Caviglia di Antonio Griguolo

Generalità

La frattura della caviglia è l'infortunio scheletrico contraddistinto dalla rottura di uno o più ossa costituenti l'articolazione presente tra gambe e piede.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/03/19/frattura-della-caviglia-orig.jpeg
(fonte: Shutterstock)

Nella maggior parte dei casi, gli episodi di frattura della caviglia sono la conseguenza di una rotazione eccessiva della caviglia, una caduta accidentale, un salto da una grande altezza oppure un incidente stradale.
Esistono almeno 4 tipologie di frattura della caviglia: la frattura di tipo unimalleolare, la frattura di tipo bimalleolare, la frattura di tipo trimalleolare e la frattura dell'astragalo.
sintomi tipici di una generica frattura della caviglia consistono in: doloreematoma, gonfiore, deformità scheletriche e zoppia.
Per una diagnosi corretta di frattura della caviglia e delle cause scatenanti, sono quasi sempre sufficienti l'esame obiettivo, l'anamnesi e i raggi X.
Il trattamento di una frattura della caviglia dipende dalla gravità dell'infortunio; per le fratture lievi, la terapia prevista è conservativa, mentre, per le fratture più gravi, la cura prevista è di tipo chirurgico.

Caviglia: un breve ripasso anatomico e funzionale

La caviglia, o articolazione della caviglia o articolazione talo-crurale, è la regione articolare che mette in relazione i malleoli di tibia e peronetibia e perone che sono le due ossa della gamba – con l'osso del piede chiamato astragalo (o talo).

Esempio di articolazione mobile (o diartrosi), la caviglia è fornita di un complesso sistema di legamenti: i cosiddetti legamenti mediali (o deltoidei), che sono in tutto 4, e i cosiddetti legamenti laterali, che sono in totale 3.

La caviglia è deputata a supportare le sollecitazioni del peso corporeo, soprattutto in occasione di una camminata, una corsa, un salto ecc.;inoltre, consente al piede di compiere due movimenti fondamentali per la deambulazione: la dorsiflessione (movimento attraverso cui si cammina sui talloni) e la plantarflessione (movimento che permette la camminata sulle punte dei piedi).

Per via della sua particolare collocazione anatomica e della sua funzione di supporto nei confronti del peso corporeo, la caviglia è particolarmente soggetta a infortuni, quali, distorsioni e fratture.

Lo sapevi che…

Il 15% di tutti i traumi sportivi consistono in un infortunio a carico della caviglia.

Cos'è la Frattura della Caviglia?

La frattura della caviglia è l'infortunio articolare caratterizzato dalla rottura di uno o entrambi i malleoli, dei malleoli e della sezione posteriore-distale della tibia, oppure del solo astragalo.

Il malleolo tibiale e il malleolo peroneale sono, rispettivamente, le porzioni distali di tibia e perone.

Nella maggior parte dei casi, la frattura della caviglia coinvolge anche i legamenti deputati a stabilizzare le porzioni ossee deputate a costituire l'elemento articolare in questione.

Tipi di Frattura della Caviglia

Esistono 4 tipi di frattura della caviglia:

  • La frattura unimalleolare della caviglia. È la frattura della caviglia caratterizzata dalla rottura di uno tra il malleolo tibiale e il malleolo peroneale;
  • La frattura bimalleolare della caviglia. È la frattura della caviglia contraddistinta dalla rottura di entrambi i malleoli;
  • La frattura trimalleolare della caviglia. È la frattura della caviglia contrassegnata dalla rottura dei malleoli tibiale e peroneale, e della sezione distale-posteriore della tibia (la quale è detta impropriamente malleolo posteriore);
  • La frattura dell'astragalo. Com'è facilmente intuibile, è il tipo di frattura della caviglia in cui l'osso che va incontro a rottura è l'astragalo.

Lo sapevi che…

Le fratture bimalleolari della caviglia dovute all'eccessiva rotazione esterna del piede sono esempi di frattura di Pott.

Epidemiologia

Secondo uno studio, l'incidenza della frattura alla caviglia sarebbe pari a 107 individui ogni 100.000 persone.

A soffrire maggiormente di fratture della caviglia sono gli atleti e gli anziani; la frattura della caviglia è più frequente negli adulti e colpisce uomini e donne in uguale proporzione.

Il 60-70% delle fratture alla caviglia è unimalleolare; il 15-20% è bimalleolare; la 7-12% è trimalleolare: infine, la restante percentuale riguarda l'astragalo.

Cause

Comuni cause di frattura della caviglia sono:

  • L'eccessivo movimento di rotazione interna (inversione) o esterna (eversione) del piede. In genere, questa dinamica d'infortunio riguarda coloro che praticano sport, come per esempio il calcio, il rugby, la pallacanestro o il football americano, in cui sono previsti, durante la corsa, diversi cambi di direzione;
  • Le cadute o gli inciampi del tutto accidentali. Queste sfortunate situazioni possono verificarsi durante una banale camminata, un'attività lavorativa o un'attività domestica;
  • I salti da un'altezza eccessiva. Questa dinamica d'infortunio è tipica delle fratture dell'astragalo;
  • Gli incidenti automobilistici o motociclistici che comportano un forte trauma alle caviglie.

Fattori di Rischio di Frattura della Caviglia

Studi statistici suggeriscono che a favorire gli episodi di frattura della caviglia siano l'eccessivo peso corporeo (quindi sovrappeso e obesità) e il fumo di sigaretta.

Sintomi e Complicazioni

I tipici sintomi della frattura alla caviglia comprendono: dolore locale (quindi alla caviglia) che si accentua quando il piede è sotto carico, gonfiore locale, deformità scheletriche locali, ematoma locale, difficoltà a camminare (zoppia) e ridotta mobilità articolare.

Lo sapevi che…

La deformità articolare è uno dei segni clinici che distingue la frattura della caviglia da un altro infortunio della caviglia decisamente più comune: la distorsione della caviglia.

I sintomi della frattura alla caviglia comprendono dolore locale che si accentua quando il piede è sotto carico, gonfiore e deformità articolare. Proprio questo ultimo aspetto, peraltro non sempre presente, distingue la frattura dalla distorsione. Una semplice radiografia è comunque in grado di evidenziare l'eventuale lesione scheletrica, spesso difficile da diagnosticare con il semplice esame obiettivo.

Come può presentarsi una Frattura della Caviglia?

In base alle caratteristiche della lesione ossea presente, una frattura della caviglia può presentarsi in vari modi: per esempio, può essere composta o scomposta, stabile o instabile, semplice o pluriframmentaria, chiusa o aperta ecc.

  • Nelle fratture composte della caviglia, i frammenti dell'osso fratturato conservano la loro posizione anatomica.
    Nelle fratture scomposte della caviglia, invece, i frammenti dell'osso fratturato sono spostati rispetto alla loro posizione anatomica naturale (infortunio più grave).
  • Nelle fratture instabili della caviglia, si assiste alla presenza di forze deformanti (come per esempio la forza muscolare), le quali ostacolano l'avvicinamento dei frammenti dell'osso fratturato, rallentando drasticamente il processo di guarigione.
    Nelle fratture stabili della caviglia, invece, non ci sono forze deformanti, pertanto i frammenti dell'osso fratturato sono già in una posizione che favorisce il processo di guarigione.
    In genere, una frattura stabile è composta o lievemente scomposta, mentre una frattura instabile è, quasi sempre, scomposta.
  • Nelle fratture semplici della caviglia, c'è un solo punto di rottura, dal quale risultano due frammenti ossei.
    Nelle fratture pluriframmentarie (o comminute) della caviglia, invece, ci sono più punti di frattura, quindi sicuramente più di due frammenti ossei.
    Di norma, le fratture semplici sono anche stabili, mentre le fratture pluriframmentarie tendono a essere instabili.
  • Nelle fratture aperte della caviglia, la peculiarità è la protrusione, dalla pelle, di un frammento dell'osso fratturato (es: malleolo tibiale); oltre a creare una ferita cutanea a rischio infezione, tale protrusione può dar luogo a deformità scheletriche di vario grado e a lesioni muscolari più o meno severe.
    Nelle fratture chiuse, invece, non si assiste alla protrusione, dalla pelle, di alcun frammento osseo.
    Di solito, le fratture chiuse sono composte, stabili e semplici, mentre le fratture aperte sono scomposte, instabili e pluriframmentarie.

Complicazioni

Se è particolarmente grave e manca di un adeguato trattamento, la frattura della caviglia predispone all'artrosi della caviglia.

Inoltre, come affermato in precedenza, particolari fratture della caviglia possono essere motivo di infezioni, deformità scheletriche e/o lesioni muscolari.

Diagnosi

In genere, la diagnosi di frattura della caviglia prevede un iter di indagini che comprende: esame obiettivo, anamnesi ed esami di diagnostica per immagini, quali raggi X, risonanza magnetica nucleare o TAC.

Importanza della Diagnostica per Immagini

Gli esami di diagnostica per immagini sono fondamentali per la confermare la presenza di una frattura a carico della caviglia e per stabilire l'entità dell'infortunio.

Terapia

Qual è il Trattamento della Frattura alla Caviglia?

Il trattamento di una frattura della caviglia varia in relazione all'entità dell'infortunio.
Per le fratture della caviglia meno gravi, può risultare sufficiente una terapia conservativa, basata su riposo, immobilizzazione dell'arto inferiore interessato (tramite gessatura) e uso delle stampelle per evitare di caricare l'articolazione sofferente, e seguita da un ciclo di fisioterapia; per le fratture della caviglia più severe, invece, è indispensabile ricorrere alla chirurgia, seguita da riposo, immobilizzazione, uso delle stampelle e fisioterapia.

A ciò è importante aggiungere l'importanza che ha, in occasione di una frattura della caviglia, il primo soccorso: l'attuazione immediata di alcune contromisure previene spiacevoli inconvenienti, come per esempio il peggioramento dell'infortunio.

Durata della Gessatura

In presenza di una frattura della caviglia, la durata dell'immobilizzazione tramite gessatura dipende dalla gravità dell'infortunio.
In linea generale, per le fratture alla caviglia meno gravi, l'immobilizzazione dovrebbe durare 4-6 settimane; per le fratture alla caviglia più gravi, invece, dovrebbe protrarsi per 6-8 settimane.

Lo sapevi che…

Oggi, esistono degli speciali stivaletti per deambulare, che limitano i movimenti della caviglia sotto carico, consentendo un ritorno più rapido alla deambulazione.

Scopo e Indicazioni della Chirurgia

L'intervento chirurgico per una frattura della caviglia prevede il riposizionamento del o delle ossa fratturate nella loro posizione fisiologica.

Come anticipato, la chirurgia è indicata in caso di fratture gravi della caviglia; per fratture gravi della caviglia s'intendono le fratture scomposte, instabili, aperte, pluriframmentarie, bimalleolari e/o trimalleolari.

Lo sapevi che…

In occasione di una grave frattura della caviglia, un intervento chirurgico ottimale allontana il rischio di artrosi e instabilità cronica a carico della caviglia.

Importanza della Fisioterapia

Qualsiasi frattura della caviglia richiede, dopo il periodo di riposo e immobilizzazione della caviglia, un ciclo di sedute di fisioterapia.
In tali circostanze, la fisioterapia serve a ristabilire la mobilità articolare della caviglia interessata e a ripristinare la forza dei muscoli dell'arto inferiore immobilizzato per lungo tempo.
Il corretto recupero da una frattura della caviglia è strettamente dipendente da un efficiente fisioterapia.

La fisioterapia prevista dopo una frattura della caviglia prevede esercizi propriocettivi abbinati a un lavoro di mobilizzazione e rinforzo muscolare (es: sollevamento del tallone o calf, eversione ed inversione dei piedi, flesso-estensione del piede con elastici ecc.).

Regole di Primo Soccorso

Le regole di primo soccorso per una frattura della caviglia sono:

  • Applicazione di ghiaccio sulla zona dolente;
  • Bendaggio compressivo della caviglia;
  • Immobilizzazione dell'arto inferiore sofferente.

Queste 3 semplici regole sono assolutamente necessarie per attenuare il dolore e minimizzare il rischio di ulteriori lesioni.

Recupero

Come accade per il trattamento, i tempi di recupero da una frattura della caviglia variano in relazione all'entità dell'infortunio.
A tal proposito, la regola generale vuole che più la frattura della caviglia è grave e più i tempi di recupero previsti sono dilatati nel tempo.

Recupero da una Frattura della Caviglia di lieve entità

Il recupero totale da una frattura della caviglia di lieve entità oscilla tra i 3 e i 4 mesi.

Recupero da una Frattura della Caviglia grave

Il recupero totale da una frattura della caviglia grave richiede almeno 4 mesi.

Prevenzione

In ambito sportivo, il rischio di frattura della caviglia può ridursi con lo stretching periodico dei muscoli della gamba e il loro rinforzo, con sedute d'allenamento specifico. 
Chi è stato vittima in passato di una frattura della caviglia può ridurre il rischio di una ricaduta indossando un tutore per la caviglia.

Antonio Griguolo

L'autore

Antonio Griguolo

Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza


Ultima modifica dell'articolo: 18/07/2019

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ