Fisico da ballerino: come ottenerlo

Fisico da ballerino: come ottenerlo
Ultima modifica 17.01.2024
INDICE
  1. Come ottenere un fisico da ballerino?
  2. Danza: è possibile iniziare da adulti?
  3. Ruolo della dieta: mangiare bene è sufficiente?
  4. Conclusioni

L'immagine del "fisico ideale", si sa, è un concetto estremamente mutevole e fortemente interessato dalle fluttuazioni della tendenza culturale.

In un'epoca nella quale "apparire" sembra più importante del "essere" e del "vivere", siamo tutti molto preoccupati di come ci possano vedere gli altri. A tal proposito, è inutile dire quanta importanza rivesta la cultura estetica.

Se, fino a pochi anni fa, questo aspetto sociale sembrava interessare per la quasi totalità il sesso femminile – probabilmente a causa del goffo tentativo maschile di nascondere tale fragilità – oggi è stato completamente sdoganato sull'intera popolazione.

Ovviamente, la maggior parte degli aspetti fisici sui quali si concentrano uomini e donne sono diversi, anche se le differenze "tipicamente legate al sesso" paiono incidere sempre meno e rimescolarsi. Non di meno, a seguito dell'espansione dei social-network, le varie culture tendono progressivamente a contaminarsi.

Lo scenario è a dir poco complesso.

Fino ad oggi, in occidente, tra i simboli di maggior virilità ben pochi di noi avrebbero inserito la figura del ballerino di danza classica. Ignorantemente stereotipata come una figura effemminata, esile, fragile e debole, quella del danzatore è un'icona che, con grande fatica, ma immenso merito, sta finalmente guadagnando il ruolo che gli spetta.

Questo sia perché il ballerino è un atleta dalle doti fisiche che potremmo definire estreme, sia perché le qualità atletiche di questi sportivi sono leggermente cambiate, a favore di una fisicità quasi prorompente.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2024/01/17/fisico-da-ballerino-orig.jpeg Shutterstock

Come ottenere un fisico da ballerino?

Le celebrità maschili della danza classica hanno una corporatura statuaria.

A prescindere dalla muscolatura, buona in termini quantitativi ed eccellente nelle proporzioni tanto quanto nella funzionalità (qualità atletiche) - anche grazie alla bassissima percentuale di grasso corporeo - ciò che colpisce i "comuni mortali" è l'espressione di armonia, classe e leggiadria grazie alla quale essi valorizzano tale muscolarità. In una parola: il portamento.

Una cosa è certa: tutto questo non si ottiene "gratis".

Il ballo è una grande passione, dietro la quale si celano tanta fatica e molte rinunce; è difficile credere che sia possibile praticarlo con finalità estetiche. L'interesse per la fisicità può essere soddisfatto, piuttosto, cimentandosi in attività fitness e nel culturismo amatoriale – attività che, però, non hanno alcun impatto positivo sul portamento; anzi!

Chi, invece, è realmente interessato alla danza classica, con umiltà e realismo, può certamente orientarsi verso questa disciplina - a prescindere dall'età.

E' sufficiente praticare danza classica per ottenere un fisico da ballerino?

Beh, è molto difficile rispondere; ma, di solito, non è sufficiente praticare danza classica per avere un fisico da ballerino professionista.

Questo perché:

  • da un lato, è innegabile che dietro a certe corporature si nasconda una genetica "da urlo" (parliamo soprattutto di caratteristiche atletiche, come forza, resistenza, flessibilità, elasticità, mobilità ecc., ma anche del set point di grasso corporeo, del quale parleremo sotto);
  • dall'altro, l'esercizio fisico è responsabile solo del condizionamento muscolare, non del dimagrimento o della definizione, invece modulabili solo gestendo la dieta.

Danza: è possibile iniziare da adulti?

Certo che sì.

A dire il vero, sono diverse le circostanze che potrebbero spingere l'utenza adulta ad iscriversi ad un corso di danza classica; ad esempio:

  • non avendo mai avuto la possibilità di farlo prima;
  • avendo dovuto interromperla a causa del lavoro o per impegni familiari e volendo riprenderla;
  • partendo da una base di danza moderna e volendo approfondire il proprio percorso;
  • ambendo a ottenere tutti i benefici e i vantaggi fisici che questa disciplina ha da offrire (flessibilità, mobilità, forza, resistenza equilibrio e coordinazione).

In tutti i casi, il nostro consiglio è quello di provare. L'unica raccomandazione è di prestare attenzione a prefissarsi obbiettivi ragionevoli; sia per ragioni di sicurezza (prevenzione degli infortuni), sia per mantenere alta la motivazione.

Ruolo della dieta: mangiare bene è sufficiente?

Al di là delle proporzioni e del portamento, il fisico del ballerino di danza classica è indubbiamente valorizzato da una bassissima percentuale di grasso corporeo.

I danzatori professionisti si caratterizzano per body-fat (BF) che arrivano al 5%. Per chi non se ne intenda, significa più o meno vedere le striature muscolari sui glutei.

A tal proposito bisogna fare una precisazione molto importante: non tutti sopportano percentuali di grasso corporeo così basse.

Alcuni studi dimostrano che, mediamente, gli uomini iniziano ad accusare un abbassamento del testosterone sotto l'8% di BF. Esattamente come avviene nelle donne che, se troppo magre, lamentano un'alterazione dell'asse ormonale sessuale, con alterazione ed interruzione delle mestruazioni, anche nell'uomo l'adipe fisiologico riveste un ruolo importante per il benessere generale.

In tal senso, cercare di raggiungere e mantenere bassissimi livelli di body-fat può non essere una pratica sana. Ciò dipende, essenzialmente, dal proprio set-point, ovvero dal livello di grasso corporeo che il nostro organismo percepisce come "necessario". Alcuni uomini iniziano a soffrire già sotto il 12%.

Ma allora, come fanno i ballerini e molti altri atleti a sopportare questa situazione?

In molti casi, questo è uno degli aspetti della "genetica da urlo" di cui abbiamo parlato sopra.

In certi sport, invece, entra in gioco il doping vero e proprio, sempre più frequentemente praticato nella cosiddetta forma di micro-doping. Si tratta dell'utilizzo di protocolli dopanti limitati a mantenere il testosterone a livelli fisiologici. Purtroppo, talvolta queste metodiche si "camuffano" da terapia farmacologica.

Come si ottengono percentuali di grasso corporeo così basse?

Semplicemente previa dieta ipocalorica, ovvero mangiando meno calorie di quelle che si consumano durante il giorno. Non c'è un apporto calorico valido per tutti e, in tal caso, è necessario farsi seguire da un professionista. Raggiunto l'obbiettivo, però, è anche necessario mantenerlo; e spesso "qui casca l'asino".

Per chiarezza: al di là della genetica, questi atleti mangino veramente poco e pulito. Sarebbe scorretto e fuorviante sostenere il contrario, magari prendendo come esempio la testimonianza del "fuoriclasse di tendenza".

Purtroppo, accade spesso che, nelle interviste, gli atleti affermino di <<non seguire diete troppo rigide>>; in linea di massima, questo è falso. - anche se, magari, a loro non costa nulla mangiare in modo calibrato tutti i giorni della loro vita.

Ad ogni modo, la proverbiale "rigidità alimentare" che, soprattutto in passato, caratterizzava gli atleti di danza classica - tale da predisporre frequentemente ai disturbi alimentari - è ad oggi parzialmente ridimensionata. E questa è una delle ragioni per le quali i ballerini contemporanei sono più muscolosi e visibilmente più sani rispetto ad un tempo.

Conclusioni

Ottenere un fisico da ballerino non è un'impresa semplice.

Per chi ha la passione della danza classica, il nostro consiglio è quello di iscriversi ad un corso per adulti.

Se, da un lato, questo può aiutare a migliorare il portamento e la fitness muscolo-articolare, dall'altro non garantisce un risultato estetico vicino alle aspettative.

E' quindi indispensabile seguire anche una dieta ipocalorica, per ridurre il grasso corporeo. Ma bisogna comunque fare attenzione a non esagerare, poiché l'organismo mal sopporta una body-fat troppo bassa, potenzialmente responsabile del calo del testosterone e di sintomi ad esso correlati.

Autore

Riccardo Borgacci

Riccardo Borgacci

Dietista e Scienziato Motorio
Laureato in Scienze motorie e in Dietistica, esercita in libera professione attività di tipo ambulatoriale come dietista e personal trainer