Farmaci simpatico-mimetici di Redazione MyPersonalTrainer

Gli effetti della stimolazione simpatica sono mediati dalla liberazione dei neurotrasmettitori noradrenalina ed adrenalina dalle terminazioni nervose post-gangliari; tali effetti presentano un vasto spettro d'azione e vengono mimati da particolari farmaci, che prendono appunto il nome di simpaticomimetici. Il ruolo primario di questi farmaci è quello di potenziare il segnale del sistema ortosimpatico; al pari dei colino-mimetici vengono classificati sulla base del loro meccanismo d'azione e del tipo di recettori che attivano. Si distinguono:


  • simpaticomimetici ad azione diretta: interagiscono direttamente con il recettore adrenergico e lo attivano;
  • simpaticomimetici ad azione indiretta: aumentano indirettamente la biodisponibilità delle catecolamine a livello sinaptico, tra la fibra post-gangliare e l'organo effettore, inducendone il rilascio da parte delle vescicole trasportatrici (depauperamento delle vescicole) ed inibendone la ricaptazione;
  • simpatico mimetici ad azione mista: sono farmaci dotati di una struttura chimica flessibile, in grado di interagire direttamente con i recettori adrenergici e di incentivare il depauperamento delle vescicole trasportatrici. 

Anche i neurotrasmettitori adrenergici agiscono a livello centrale; in particolare troviamo i corpi cellulari dei neuroni noradrenergici in una zona della corteccia frontale chiamata locus ceruleus; la noradrenalina svolge un ruolo importante nel controllo dell'umore e dell'emotività, per questo motivo i simpaticomimetici vengono impiegati comunemente come antidepressivi; a livello del sistema  limbico determina invece lo stato emotivo con ipereccitabilità, mentre a livello centrale si esplica anche un controllo del tono vasale, vescicale e cardiaco.

I recettori adrenergici del sistema orto-simpatico si distinguono in due categorie, alfa e beta, a sua volta caratterizzate dai rispettivi sottogruppi. Esaminandoli singolarmente si individuano:

  • Recettori α1: sono recettori di tipo metabotropico, localizzati in prevalenza a livello post-sinaptico, responsabili dell'attivazione dell'enzima effettore fosfolipasi C, con conseguente formazione di IP3 e DAG; in sintesi si può affermare che sono responsabili di una risposta di tipo eccitatorio. Questi recettori si trovano a livello vasale e la loro stimolazione provoca la contrazione dei vasi stessi, con conseguente aumento della resistenza periferica e in ultimo della pressione sanguigna; sono altresì responsabili di midriasi a livello oculare e di contrazione dello sfintere vescicale con seguente ritenzione idrica.
  • Recettori α2: sono anch'essi recettori di tipo metabotropico, questa volta localizzati sulla terminazione noradrenergica a livello pre-sinaptico. Questi recettori hanno il compito di controllare il rilascio della noradrenalina: quando questa è in concentrazioni sufficienti ne viene inibito il rilascio, (controllo “a feed back negativo”) attraverso l'inibizione dell'enzima effettore adenilatociclasi, con conseguente riduzione di AMPc. I recettori α2 si collocano anche sulle terminazioni GABA-ergiche, dove esplicano la medesima funzione inibitoria. Possiamo ritrovarli anche nel pancreas, in particolare nelle cellule β delle isole del Langerhans, dove inibiscono il rilascio dell'insulina, che si traduce con il deposito di glucosio sotto forma di glicogeno.
  • Recettori β1: sono recettori di tipo metabotropico, che attivano gli enzimi effettori (adenilatociclasi o fosfolipasi C). Questi si collocano in prevalenza a livello cardiaco, dove aumentano la frequenza e la forza di contrazione cardiaca; in altri termini, dopo essere stati stimolati, generano tachicardia. Negli adipociti sono responsabili della scissione dei trigliceridi in acidi grassi e glicerolo, ovvero della lipolisi. A livello renale causano un aumento dell'ormone renina, che a sua volta genera il rilascio dell'angiotensina: uno dei più potenti agenti vasocostrittori del nostro organismo.
  • Recettori β2: recettori metabotropici situati nei vasi della muscolatura; nello specifico, a livello della muscolatura scheletrica provocano vasodilatazione con conseguente  calo delle resistenze  pressorie a livello periferico; a livello della muscolatura liscia provocano rilassamento, in particolare il rilassamento della muscolatura uterina, mentre a livello bronchiale avremo broncodilatazione (azione  ampiamente sfruttata in campo farmaceutico per l'effetto antiasmatico). Questo recettori sono altresì responsabili della lisi del glicogeno a livello muscolare ed epatico. Questa funzione va a supportare ancora una volta la vecchia denominazione del sistema ortosimpatico, conosciuto anche come sistema ergotropico.

Continua..

 


Altri articoli su 'Farmaci simpaticomimetici'

  1. Farmaci antinicotinici
  2. Farmaci simpaticomimetici ad azione diretta

Ultima modifica dell'articolo: 02/11/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ