Farmaci per la Cura dell'Acne: quali sono?

Farmaci per la Cura dell'Acne: quali sono?
Ultima modifica 22.04.2024
INDICE
  1. Definizione
  2. Cause
  3. Sintomi
  4. Farmaci

Definizione

L'acne è una condizione della pelle caratterizzata dall'ostruzione dei follicoli piliferi e dalla formazione di lesioni cutanee sia non infiammatorie che infiammatorie, quali comedoni (chiusi o aperti), pustole, papule, noduli e/o cisti.

In ambito medico, l'acne viene chiamata acne vulgaris. Molto comune in età adolescenziale, l'acne può colpire anche gli individui adulti. Le sue manifestazioni interessano soprattutto volto, collo, petto, spalle e schiena.

Per approfondire: Acne: cos'è, quali sono le cause e trattamenti

Cause

L'acne, nella sua insorgenza, vede una serie di concause e fattori che concorrono l'uno con l'altro nell'originare il problema. Nel dettaglio, l'acne è generalmente il risultato di un'eccessiva produzione di sebo, dell'ostruzione dei follicoli piliferi e della loro ipercheratinizzazione e dell'incontrollata proliferazione di popolazioni batteriche che normalmente vivono sulla cute, quali Cutibacterium acnes.

I fattori che possono predisporre e/o scatenare l'acne, invece, sono fattori di tipo ormonale, genetici, connessi a stress o all'assunzione di alcuni tipi di farmaci.

Per approfondire: Acne: cause e diagnosi

Sintomi

Come accennato, l'acne può manifestarsi con la formazione di lesioni cutanee di diverso tipo (comedoni chiusi, comedoni aperti, pustole, papule, noduli o cisti), di tipo non infiammatorio o di tipo infiammatorio. Tali lesioni possono causare fastidio, prurito e talvolta dolore e sono generalmente accompagnate da arrossamento e dolore, in particolare quando è in atto un processo flogistico.

Farmaci

Prima di intraprendere un percorso terapeutico basato sulla somministrazione di farmaci per la cura dell'acne, è bene tener presente alcune norme igienico-comportamentali, utili sia per prevenire l'acne, sia per velocizzarne la guarigione quando essa è già presente:

  • La pelle va sempre pulita delicatamente, con detergenti idonei;
  • Evitare di detergere eccessivamente la pelle: un eccesso di pulizia, infatti, rimuove il sottile strato lipidico naturale che riveste la pelle, alterando la cute ulteriormente;
  • Struccare sempre il viso a fine giornata, prima di coricarsi;
  • In caso di acne, i capelli dovrebbero rimanere a contatto con il viso il meno possibile;
  • Non strofinare o grattare le lesioni acneiche, per evitare esiti cicatriziali anche permanenti.

Nel caso in cui l'acne dovesse costituire fonte di notevole disagio e/o presentarsi in forma severa, è bene rivolgersi ad uno specialista (dermatologo) che, dopo un'accurata visita ed una conseguente diagnosi, saprà indicare al paziente quali eventuali strategie farmacologiche è bene seguire.

Di seguito, pertanto,  verranno riportati i farmaci che si possono impiegare nel trattamento dell'acne. Naturalmente, spetta al medico stabilire quale principio attivo impiegare e con quale posologia.

Antimicrobici

Questi farmaci sono disponibili in forma di creme o gel da applicare sulla cute, direttamente in corrispondenza delle lesioni acneiche. Essi agiscono esercitando un'azione antimicrobica ed antibatterica, molto utile per contrastare l'eccessiva proliferazione batterica che caratterizza l'acne.

Appartengono a questo gruppo di farmaci:

Antibiotici

Nel trattamento antibiotico per l'acne è possibile ricorrere all'uso di antibiotici per uso topico locale, come ad esempio:

oppure all'uso di farmaci antibiotici per uso orale, quali ad esempio:

La terapia orale, tuttavia, è normalmente destinata ai casi di acne severi e/o che non rispondono ai trattamenti topici.

Retinoidi

I retinoidi sono derivati della vitamina A che, nel trattamento dell'acne, vengono impiegati per via topica. Principale principio attivo di questo tipo è la tretinoina, disponibile in forma di gel e lozioni cutanee da applicare in corrispondenza delle lesioni acneiche. I retinoidi come la tretinoina agiscono accelerando il turnover cellulare, riducendo lo spessore dello strato corneo e contrastando l'ostruzione del follicolo pilifero. Il loro uso richiede cautela e il rispetto delle indicazioni fornite dallo specialista e riportate sul folgietto illustrativo del medicinale.

Nei casi particolarmente gravi, il dermatologi potrebbe altresì valutare si ricorrere all'uso di retinoidi per uso orale, come l'isotretinoina.

Terapia ormonale

La terapia ormonale per l'acne è riservata a pazienti di sesso femminile nelle quali l'acne può essere correlata ad alterazioni ormonali. In questo senso, vengono utilizzati generalmente contraccettivi orali contenenti principi attivi estrogenici e progestinici in combinazione e a basso dosaggio.

NOTA BENE

Le informazioni qui riportate non intendono sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e pazienteConsultare sempre il proprio medico curante e/o lo specialista prima di assumere qualsivoglia tipologia di farmaci per il trattamento dell'acne. Queste figure sanitarie sapranno fornire indicazioni precise sul miglior approccio terapeutico da seguire e sugli eventuali farmaci e principi attivi da utilizzare. Difatti, spetta al medico o allo specialista scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato e alla sua risposta alla cura. Si raccomanda, pertanto, di attenersi sempre alle indicazioni ricevute da queste figure sanitarie.