Disintossicazione Intestinale: Cos'è?

Disintossicazione Intestinale: Cos'è?
Ultima modifica 11.11.2019
INDICE
  1. Generalità
  2. Che cos'è
  3. A Cosa Serve
  4. Come si Fa
  5. Effetti Collaterali
  6. Controindicazioni
  7. Efficacia

Generalità

La disintossicazione intestinale è una pratica di medicina alternativa effettuata per liberare l'intestino dalle scorie accumulate allo scopo di indurre un beneficio nell'intero organismo.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/09/08/disintossicazione-intestinale-orig.jpeg Shutterstock

Secondo i sostenitori della medicina alternativa, liberando regolarmente l'intestino dalle suddette scorie, l'intero organismo dovrebbe trarne vantaggi in termini salutistici, poiché un tratto enterico "intossicato" sarebbe in grado di creare problemi non solo all'apparato digerente, ma anche ad altri apparati e sistemi del corpo, con conseguenze negative sull'intero stato di salute dell'individuo.

La disintossicazione intestinale in medicina alternativa viene praticata attraverso una pulizia dell'intestino che può avvenire mediante l'adozione di un particolare tipo di dieta, con l'assunzione di particolari rimedi naturali e con l'esecuzione di lavaggi intestinali.

Nonostante il crescente numero di persone che si avvicinano a questi trattamenti alternativi, non vi sono prove scientifiche in grado di confermarne i benefici. Al contrario, il ricorso a questi trattamenti alternativi può portare alla comparsa di effetti collaterali più o meno gravi.

Un passo indietro per capire: la Disintossicazione nella Medicina Alternativa

Con il termine "disintossicazione" si vuole intendere, nell'ambito della medicina alternativa, un particolare tipo di trattamento volto ad eliminare dall'organismo scorie e tossine (non ben definite) accumulate al suo interno che, a detta dei sostenitori di questa pratica, sarebbero in grado di provocare danni alla salute.

I metodi di disintossicazione impiegati in quest'ambito, solitamente, comprendono:

  • L'adozione delle cosiddette diete disintossicanti;
  • L'adozione di una dieta caratterizzata dal consumo esclusivo di alcuni tipi di alimenti;
  • L'adozione di una dieta priva di cibi specifici;
  • Il digiuno;
  • La pulizia intestinale.

Addirittura, alcuni sostenitori della disintossicazione per l'ottenimento del benessere fisico, consigliano di rimuovere le otturazioni dentarie, in particolare, quelle di vecchia data perché contenenti mercurio (oggigiorno, il materiale per otturazioni contenente questo metallo pesante è caduto in disuso).

Che cos'è

Che cos'è la Disintossicazione Intestinale?

La disintossicazione intestinale è una pratica effettuata nell'ambito di alcuni tipi di medicina alternativa (come la naturopatia) allo scopo di eliminare dal tratto enterico scorie e tossine (tuttavia, non ben definite e identificate) che si sono accumulare al suo interno per svariati motivi, quali diete squilibrate, stili di vita non proprio salutari, assunzione di medicinali di vario tipo, ecc.

Chi pratica questo tipo di "trattamento" sostiene, infatti, che un intestino sano possa giovare non solo al corretto funzionamento dell'apparato digerente, ma possa esercitare effetti benefici sull'intero organismo, prevenendo addirittura l'insorgenza di patologie anche non strettamente correlate al sistema digerente e ai suoi organi.

A Cosa Serve

A Cosa Serve la Disintossicazione Intestinale?

Secondo i sostenitori della disintossicazione intestinale, un intestino "intossicato" da scorie e tossine può:

L'esecuzione della disintossicazione intestinale, pertanto, dovrebbe fornire aiuto e supporto nel prevenire le suddette condizioni e nel migliorarle qualora si siano già manifestate.

Come si Fa

Come si Esegue la Disintossicazione Intestinale?

Per effettuare la disintossicazione intestinale, non è insolito che le medicine alternative propongano una sorta di programma da seguire basato sostanzialmente sul cambio della propria alimentazione e sull'esecuzione di lavaggi intestinali.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/09/08/disintossicazione-intestinale-2-orig.jpeg Shutterstock

Alimentazione

Per quanto riguarda l'alimentazione, solitamente si consiglia all'individuo di adottare un determinato tipo di dieta, personalizzato o meno, che può essere di diverso tipo: ad esempio, può trattarsi di una dieta semi-liquida che comprende il consumo di grandi quantità di succhi e centrifugati di verdure, di zuppe e di altri alimenti analoghi che siano in grado di favorire la motilità dell'intestino; oppure, la dieta può prevedere restrizioni specifiche verso determinati tipi o categorie di alimenti (ad esempio, carboidrati, grassi, ecc.); o ancora, può trattarsi di una dieta che prevede brevi periodi di digiuno.

Nota Bene

Prima di modificare in maniera più o meno drastica la propria dieta, è sempre bene chiedere consiglio al proprio medico, a maggior ragione se si soffre di particolari patologie o disturbi.

Ricordiamo, inoltre, che se lo scopo della disintossicazione intestinale è quello di favorire la perdita di peso, il ricorso a diete eccessivamente restrittive o che prevedono periodi, seppur brevi, di digiuno, non può garantire l'ottenimento dei risultati sperati. In questi casi, oltre ad una dieta personalizzata che dovrebbe essere elaborata da professionisti del settore (dietisti, nutrizionisti, ecc.) è indispensabile associare il giusto grado di attività fisica.

Pulizia del Colon e Lavaggi Intestinali

I lavaggi intestinali e la pulizia del colon sono considerati come le tecniche di disintossicazione per eccellenza e come il punto chiave della pratica della disintossicazione intestinale.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/09/08/disintossicazione-intestinale-3-orig.jpeg Shutterstock

I lavaggi intestinali - generalmente effettuati con sola acqua - dovrebbero rimuovere dalle pereti del tratto enterico i residui di cibo che non sono stati evacuati, allontanando anche le presunte scorie e tossine e riportando in questo modo il benessere nell'intero organismo.

Nel dettaglio, il lavaggio dell'intestino - o meglio, di una porzione di esso - può essere effettuato mediante il ricorso a:

  • Lavaggi intestinali casalinghi: i lavaggi di questo tipo possono essere fatti in ambito domestico mediante dispositivi concepiti proprio per questo genere di utilizzo. Tali dispositivi sono dotati di appositi adattatori che devono essere collegati al rubinetto dell'acqua e di cannule rettali usa e getta.
  • Idrocolonterapia: l'idrocolonterapia prevede l'utilizzo di appositi macchinari che impiegano acqua depurata a pressione e temperatura controllate per eseguire lavaggi dall'ampolla rettale fino al cieco. L'idrocolonterapia, pertanto, assicura l'utilizzo di un'acqua pura, priva di microorganismi o di sostanze che potrebbero danneggiare e irritare le pareti intestinali; garanzia che, invece, non è fornita con l'utilizzo di metodi casalinghi. Si tratta di un trattamento che deve essere eseguito da personale medico specializzato e che, oltre a trovare impiego nell'ambito della medicina alternativa, viene utilizzato anche nel campo della medicina convenzionale.

Per maggiori informazioni circa l'uso della pulizia intestinale in ambito medico, consulta l'articolo dedicato cliccando qui.

Infine, si segnala che alcuni programmi di disintossicazione intestinale prevedono anche l'esecuzione o l'apprendimento di tecniche di massaggio addominale per favorire l'evacuazione.

Effetti Collaterali

Possibili Effetti Collaterali della Disintossicazione Intestinale

Nonostante la pratica della disintossicazione intestinale venga effettuata con rimedi o prodotti naturali, ciò non significa che essa sia priva di controindicazioni o effetti collaterali anche gravi.

Pertanto, si sottolinea che il consulto con il proprio medico è sempre importante, soprattutto in presenza di particolari patologie, disturbi o allergie.

Ad ogni modo, fra gli effetti collaterali che potrebbero manifestarsi a causa della disintossicazione intestinale praticata mediante lavaggi intestinali o idrocolonterapia, ricordiamo:

Se si ricorre all'uso dell'idrocolonterapia e questa viene eseguita in maniera errata, da personale inesperto o non sufficientemente preparato, o peggio, in strutture non autorizzate, vi è anche il concreto rischio di andare incontro a:

  • Squilibri elettrolitici;
  • Perforazione dell'intestino (solitamente, questo effetto collaterale si presenta quando i macchinari per l'idrocolonterapia - che lavorano con pressioni più elevate rispetto agli strumenti per i lavaggi intestinali casalinghi - sono utilizzati in maniera impropria e/o sono maneggiati d personale inesperto);
  • Incremento della suscettibilità alla contrazione d'infezioni.

Controindicazioni

Esistono Controindicazioni alla Disintossicazione Intestinale?

Nonostante la disintossicazione intestinale si basi sull'uso di prodotti e rimedi di origine naturale e sull'utilizzo di acqua per il lavaggio del tratto enterico, questo non significa che sia una pratica priva di effetti collaterali o di controindicazioni.

Difatti, nonostante quello che molti erroneamente pensano, "naturale" non è assolutamente sinonimo di "sicuro". Al contrario, i rimedi naturali potrebbero nascondere "insidie" sconosciute o generare effetti collaterali ancora non noti a causa degli scarsi studi condotti in merito.

Ad ogni modo, è possibile affermare che le controindicazioni alla disintossicazione intestinale e, in particolare, all'esecuzione di lavaggi intestinali o dell'idrocolonterapia riguardano soprattutto:

Viste le molteplici controindicazioni alla disintossicazione intestinale, si ribadisce nuovamente l'importanza di consultare il proprio medico prima di sottoporsi a qualsivoglia tipo di trattamento che prevede lo svuotamento intestinale, anche se naturale.

Efficacia

La Disintossicazione Intestinale è veramente Utile ed Efficace?

Secondo i suoi sostenitori, la disintossicazione intestinale e l'eliminazione delle scorie e delle tossine accumulate sono di fondamentale importanza per il mantenimento del benessere dell'intero organismo.

In realtà, non vi sono sufficienti prove scientifiche in grado di confermare che l'esecuzione di una regolare disintossicazione intestinale con conseguente eliminazione di scorie e tossine - dalla natura e provenienza non ben identificata e definita - apporti benefici, oltre che all'apparato digerente, anche all'intero organismo. Allo stesso tempo, non vi sono prove che la disintossicazione intestinale porti ad un miglioramento delle difese immunitarie, prevenga la comparsa d'infezioni, infiammazioni o altri tipi di patologie o favorisca la perdita di peso.

Inoltre, i presunti benefici apportati all'apparato digerente risultano essere tali solo quando l'intestino si trova in particolari condizioni, ad esempio, in presenza di stipsi o stitichezza. Ecco che, in questi casi - previo consulto con il proprio medico - i lavaggi intestinali e l'idrocolonterapia potrebbero rappresentare una valida alternativa ai classici metodi utilizzati per favorire l'evacuazione (ad esempio, i lassativi).

Di contro, è pur vero che un'alimentazione sana ed equilibrata è importantissima per favorire la salute del tratto digerente e dell'organismo, a maggior ragione se associata all'attività fisica. Tuttavia, in assenza di patologie, il binomio dieta/attività fisica è solitamente sufficiente, da solo, a garantire il mantenimento di una buona funzionalità intestinale, di un peso corporeo ideale e del benessere dell'organismo, senza bisogno di ricorrere ad alcun tipo di disintossicazione intestinale o altro trattamento.

In presenza di patologie o disturbi, invece, è indispensabile rivolgersi innanzitutto al proprio medico che saprà fornire tutte le indicazioni necessarie per trattare le condizioni di cui si soffre.

Nota Bene

Le pratiche descritte in questo articolo non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero, pertanto, essere inefficaci o, addirittura, risultare dannose per la salute.

Le informazioni riportate hanno solo fine illustrativo. Per qualsiasi dubbio, chiedere informazioni al proprio medico.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista