Dieta alcalina: cosa mangiare e cosa evitare

Dieta alcalina: cosa mangiare e cosa evitare
Ultima modifica 02.01.2024
INDICE
  1. Cos'è e a cosa dovrebbe servire la dieta alcalina?
  2. Come stabilire quando un elemento è acido?
  3. Acidità dell'organismo

In ambito scientifico, la dieta alcalina non ha trovato riscontri in termini di efficacia. Questo perché l'organismo è perfettamente in grado di compensare il pH degli alimenti, i quali non hanno il potere di acidificare o alcalinizzare il sangue. Diverso sarebbe, se considerassimo le urine, le quali possono subire un'oscillazione più significativa di pH a seguito dell'azione renale di eliminazione dei cataboliti.

Cos'è e a cosa dovrebbe servire la dieta alcalina?

La dieta alcalina privilegia l'assunzione di "alimenti alcalini" - come vegetali, frutta frescasucchi di fruttatuberinoci e legumi - limitando gli "alimenti acidi", come cereali, carni e formaggi; sono inoltre sconsigliati alcolicibevande gassate tipo cola e cibi molto salati.

La dieta alcalina si basa sulla considerazione che un'alimentazione ricca di cibi acidi finisce col disturbare il bilancio acido-base dell'organismo, promuovendo la perdita di minerali essenziali, come il calcio ed il magnesio contenuti nelle ossa.

Tali alterazioni favorirebbero la comparsa di un'acidosi cronica di grado lieve, che a sua volta sarebbe un fattore predisponente per alcune malattie e per un senso di malessere generale.

La dieta alcalina consiglia di consumare ogni giorno il 70-80% di alimenti alcalini ed il 20-30% di alimenti acidi. Tale modello alimentare è nettamente più vicino a quello seguito dall'uomo fino alla scoperta dell'agricoltura rispetto all'attuale.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/02/03/dieta-del-ph-e-fitness-orig.jpeg Shutterstock

Come stabilire quando un elemento è acido?

L'acidità di un alimento non si misura allo stato fresco, ma sulle ceneri (minerali) che rimangono dopo la combustione. Queste sostanze inorganiche, quindi non metabolizzabili, possono comportarsi come acidi o basi, e come tali partecipare al mantenimento del normale pH organico.

Il limone, ad esempio, ha un pH molto basso, legato all'abbondante presenza di acido citrico; viene comunque considerato un alimento alcalino perché le sue componenti acide hanno natura organica e come tali vengono facilmente metabolizzate dall'organismo ed eliminate con la respirazione, mentre quelle basiche inorganiche vi permangono più a lungo.

Gli elementi che danno luogo alla formazione di acidi, diminuendo il pH urinario, sono lo zolfo, il fosforo ed il cloro, mentre i cibi ricchi di sodiopotassio, magnesio e calcio sono considerati alcalini.

Pral

Un indice molto utilizzato per valutare le caratteristiche acidificanti o alcalinizzanti di un alimento è il cosiddetto PRAL (Potential Renal Acid Load).

Dal punto di vista pratico:

  •  gli alimenti con PRAL negativo (PRAL - ) risultano potenzialmente alcalinizzanti (es. ortaggi e frutti)
  •  gli alimenti con PRAL positivo (PRAL +) possiedono un effetto acidificante (es. la carne, i derivati del latte, il pesce e il tuorlo d'uovo).

Oltre alla tabella sottostante, abbiamo preparato un pratico calcolatore online per stabilire il PRAL di una dieta

Acidità dell'organismo

Il nostro sangue è leggermente alcalino ed in condizioni normali il suo pH varia tra 7,35 e 7,45. Il mantenimento di questi valori è dato dal sottile equilibrio tra produzione ed escrezione di sostanze alcaline ed acide, a cui partecipano soprattutto i reni ed i polmoni. Il meccanismo respiratorio elimina o trattiene acido carbonico sotto forma di anidride carbonica, aumentando o diminuendo rispettivamente il pH ematico, mentre quello renale elimina o trattiene H+ e tamponi.

Tessuto corporeo pH
Sangue 7.35-7.45
Muscolo 6.1
Fegato 6.9
Succo gastrico 1.2-3.0
Saliva 6.35-6.85
Urina 4.5-8.0
Succo pancreatico 7.8-8.0

Indipendentemente dalla dieta, il normale metabolismo genera ogni giorno enormi quantità di acidi volatili (eliminati con la respirazione) e fissi (eliminati dal rene). Oltre ai sistemi omeostatici già descritti, intervengono altri meccanismi biologici chiamati sistemi tampone, capaci di neutralizzare efficacemente parte degli acidi. Tra questi, il principale è il sistema acido carbonico/bicarbonato di sodio. Non a caso quest'ultimo viene talvolta assunto dagli atleti con lo scopo di tamponare l'acidosi indotta dal meccanismo anaerobico lattacido e prolungare la tolleranza alla fatica.

Non è casuale nemmeno il fatto che durante tale sforzo l'organismo aumenti la ventilazione polmonare con lo scopo di eliminare l'eccesso di anidride carbonica, quindi indirettamente di ioni idrogeno dati dalla dissociazione dell'acido carbonico.

Acidosi metabolica

Soltanto in circostanze straordinarie, la produzione di metaboliti acidi può crescere a tal punto da determinare acidosi; ciò accade, per esempio, durante una severa anaerobiosi (ad esempio in seguito ad un collasso cardiocircolatorio), che origina quantità di acido lattico talmente elevate da rendere insufficienti i normali meccanismi omeostatici.

Un'altra causa di acidosi è la cosiddetta chetosi, che si verifica in seguito ad un eccessivo catabolismo dei lipidi e di alcuni amminoacidi; tale condizione è tipica del diabete mellito scompensato (chetoacidosi diabetica), ma anche del digiuno prolungato e di una dieta cronicamente basata sulla riduzione estrema dell'apporto glucidico a favore di grassiproteine (fortemente chetogenica).

sintomi dell'acidosi acuta comprendono letargiapalpitazioninausea, vomito, mal di testa, stupore e coma; l'acidosi cronica si accompagna ad un maggior rischio di fratture e osteoporosi.

Alcalosi metabolica

Più rare, ma pur sempre possibili, sono le condizioni di alcalosi metabolica, che si accompagnano a crampi, spasmi muscolari, irritabilità ed ipereccitabilità. Sono generalmente dovute al vomito o all'ingestione eccessiva di alcani.

Valori ematici di pH inferiori a 6,8 e superiori a 7,82 non sono compatibili con la vita.

Per approfondire: Dieta alcalina e salute Per approfondire: Idrogeno e acidosi: cosa c’è di vero?