Zidovudina: Perché e Quando si Assume

Zidovudina: Perché e Quando si Assume
Ultima modifica 09.01.2020
INDICE
  1. Generalità
  2. A Cosa Serve
  3. Avvertenze e Precauzioni
  4. Interazioni
  5. Effetti Collaterali
  6. Come Agisce
  7. Dosaggio e Modo d'uso
  8. Gravidanza e Allattamento
  9. Controindicazioni

Generalità

La zidovudina è un principio attivo utilizzato nel trattamento delle infezioni da HIV. Più precisamente, viene utilizzata nella terapia di combinazione dell'infezione da HIV in associazione ad altri principi attivi utilizzati per contrastare il virus in questione.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/01/07/zidovudina-orig.jpeg Shutterstock
Zidovudina - Struttura Chimica

Anche nota con il nome di azidotimidina (AZT), la zidovudina può essere somministrata per via orale (capsule, soluzione orale) o parenterale (concentrato per soluzione per infusione). I medicinali che la contengono sono classificati come farmaci ospedalieri esitabili in farmacia (fascia H) dietro presentazione di apposita ricetta medica. Nel dettaglio, quelli contenenti solo zidovudina, per essere dispensati, necessitano di ricetta medica ripetibile limitativa o RRL (farmaci vendibili al pubblico solo su prescrizione di centri ospedalieri o di specialisti); mentre i medicinali contenenti zidovudina in associazione ad altri principi attivi richiedono la presentazione di ricetta medica non ripetibile limitativa o RNRL.

Esempi di Medicinali contenenti Zidovudina

Nota: benché la zidovudina venga utilizzata in terapia di combinazione, in questo articolo si parlerà di avvertenze, precauzioni, interazioni, effetti indesiderati, uso in gravidanza e allattamento e controindicazioni della sola zidovudina e non della zidovudina somministrata in associazione ad altri principi attivi.

A Cosa Serve

Indicazioni Terapeutiche della Zidovudina: quando si usa?

Come accennato, la zidovudina è impiegata in associazione ad altri principi attivi nel trattamento delle infezioni da HIV. È, tuttavia, molto importante precisare che la zidovudina non può debellare del tutto l'infezione, ma riduce la quantità di virus nell'organismo mantenendola a bassi livelli.

Avvertenze e Precauzioni

Cosa bisogna sapere prima di assumere la Zidovudina

Alcuni pazienti sottoposti a terapie di combinazione per il trattamento dell'infezione da HIV sono maggiormente esposti al rischio di effetti indesiderati gravi. In particolare, risultano a rischio individui che hanno avuto malattie del fegato (epatite B ed epatite C incluse) e gli individui gravemente in sovrappeso. Tali pazienti potrebbero aver bisogno di ulteriori controlli durante il trattamento con zidovudina.

Inoltre, si segnala che alcune persone in trattamento con il suddetto principio attivo e altri farmaci anti-HIV possono sviluppare gravi patologie (ad esempio, acidosi lattica, osteonecrosi, ecc.), pertanto, devono prestare la massima attenzione alla comparsa di sintomi importanti (vedi capitolo "Effetti Indesiderati").

Infine, si ricorda che la zidovudina può causare vertigini ed effetti indesiderati capaci di alterare l'attenzione e la capacità di guidare veicoli e utilizzare macchinari; perciò si consiglia di evitare tali attività.

NOTA BENE

I pazienti in terapia con zidovudina - o con qualsiasi altro farmaco - possono ancora trasmettere l'infezione ad altri individui, pertanto, si raccomanda di adottare tutte le precauzioni necessarie affinché ciò non avvenga. Per qualsiasi dubbio, rivolgersi al proprio medico.

Interazioni

Interazioni Farmacologiche fra la Zidovudina e Altri Farmaci

Prima di iniziare ad assumere la zidovudina è opportuno informare il medico se si stanno assumendo, se sono stati assunti da poco o si ha intenzione di assumere medicinali o prodotti di qualsiasi tipo, compresi i farmaci senz'obbligo di prescrizione medica (SOP), i farmaci da banco (OTC), i prodotti erboristici e fitoterapici, i prodotti omeopatici, ecc.

In particolare, la zidovudina non deve essere assunta insieme a farmaci come:

I seguenti farmaci, invece, quando assunti con zidovudina possono aumentare la probabilità d'insorgenza di effetti indesiderati o far sì che essi peggiorino qualora si fossero già manifestati:

Inoltre, possono instaurarsi interazioni anche con claritromicina e fenitoina.

Effetti Collaterali

Quali Effetti Indesiderati può causare la Zidovudina?

La zidovudina può causare diversi effetti indesiderati, anche se non tutti i pazienti li manifestano o li manifestano nello stesso modo. Infatti, ogni persona reagisce in maniera soggettiva alla somministrazione del farmaco, manifestando effetti indesiderati diversi per tipo ed intensità, oppure non manifestandone affatto.

Ad ogni modo, durante la terapia contro l'HIV può verificarsi un aumento dei livelli di lipidi e glucosio ematici, per questo, il medico sottoporrà il paziente a regolari esami del sangue.

Il trattamento con zidovudina può, inoltre, può causare lipoatrofia (perdita del grasso dalle gambe, dalle braccia e dal viso) non completamente reversibile dopo l'interruzione della terapia. Il medico dovrà quindi monitorare il paziente per individuare la comparsa di eventuali segni di lipoatrofia poiché, qualora ciò dovesse verificarsi, la somministrazione della zidovudina deve essere interrotta e il trattamento contro l'HIV modificato.

Effetti indesiderati molto comuni e comuni

Fra gli effetti indesiderati che possono comunemente insorgere durante il trattamento con zidovudina, ricordiamo:

Effetti indesiderati non comuni

Fra gli effetti indesiderati che possono manifestarsi meno comunemente nel corso del trattamento, invece, ritroviamo:

Effetti indesiderati rari e molto rari

Fra gli effetti indesiderati che possono manifestarsi più raramente nel corso della terapia con zidovudina, infine, ritroviamo:

Nota: qualora tali segni dovessero manifestarsi, il medico deve essere immediatamente contattato.

Altri effetti indesiderati

Altri effetti indesiderati che possono manifestarsi durante il trattamento con zidovudina consistono in:

  • Riacutizzazione di vecchie infezioni con segni e sintomi d'infiammazione (tali sintomi sono probabilmente dovuti alla ricostituzione del sistema immunitario che consegue alla terapia con il farmaco);
  • Disturbi autoimmuni (il sistema immunitario ricostituito può attaccare tessuti sani);
  • Osteonecrosi (soprattutto in caso di terapia di associazione, a maggior ragione se per lunghi periodi, in caso di assunzione di corticosteroidi o di assunzione di bevande alcoliche, in presenza di sovrappeso o in presenza di un sistema immunitario molto debole).

Sovradosaggio da Zidovudina

In caso di sovradosaggio da zidovudina - accertato o presunto che sia - è necessario contattare subito il medico o recarsi nel più vicino pronto soccorso portando con sé la confezione del medicinale assunto. I pazienti dovranno essere tenuti in osservazione per individuare tempestivamente l'eventuale comparsa di segni di tossicità e ricevere, quindi, la terapia di sostegno necessaria.

Come Agisce

Come Funziona la Zidovudina e con quale Meccanismo d'Azione agisce?

La zidovudina è un antiretrovirale appartenente al gruppo degli analoghi nucleosidici inibitori della trascrittasi inversa (NRTI). Essa agisce, quindi, inibendo in maniera altamente selettiva la trascrittasi inversa di HIV con conseguente interruzione del ciclo di replicazione virale.

La zidovudina, inoltre, aumenta il numero delle cellule CD4 nel sangue. Queste ultime sono un tipo di globuli bianchi importanti nell'aiutare l'organismo a combattere l'infezione.

Dosaggio e Modo d'uso

La zidovudina è disponibile sia in medicinali adatti alla somministrazione orale che in medicinali adatti alla somministrazione parenterale. Questi ultimi devono essere preventivamente diluiti e somministrati tramite fleboclisi solo esclusivamente da personale medico specializzato.

I medicinali a base di zidovudina somministrabili per via orale possono essere in forma di capsule oppure in forma di soluzione orale. Le capsule devono essere deglutite intere con acqua rispettando le indicazioni fornite dal medico, mentre la soluzione orale deve essere prelevata ed assunta utilizzando l'apposita siringa dosatrice presente nella confezione del medicinale (per istruzioni dettagliate leggere il foglietto illustrativo del medicinale che si deve assumere e consultare il medico).

La dose di farmaco da assumersi verrà stabilita dal medico in funzione di diverse variabili (inclusa l'eventuale presenza di problemi epatici e/o renali); di seguito verranno riportati i dosaggi abitualmente impiegati in terapia, tuttavia, si ribadisce l'importanza di seguire sempre le indicazioni fornite dal medico.

Zidovudina in capsule

Capsule da 100 mg di Zidovudina

  • Adulti e adolescenti di peso corporeo di almeno 30 kg: la dose abituale è di 300 mg due volte al giorno. Assumere ciascuna dose a distanza di 12 ore.
  • Bambini con un peso corporeo superiore a 21 kg e inferiore a 30 kg: la dose abituale è di due capsule da 100 mg di zidovudina due volte al giorno.
  • Bambini con un peso corporeo di almeno 14 kg e inferiore o uguale a 21 kg: la dose abituale è di una capsula da 100 mg di zidovudina da assumere al mattino e di due capsule da 100 mg da assumere alla sera.
  • Bambini di peso corporeo di almeno 8 kg e inferiore a 14 kg: la dose abituale è di una capsula da 100 mg due volte al giorno.

Capsule da 250 mg di Zidovudina

  • Adulti e adolescenti di peso corporeo di almeno 30 kg: la dose abituale è di 250 mg di zidovudina due volte al giorno. Assumere ciascuna dose a distanza di 12 ore.
  • Bambini: questa categoria di pazienti può assumere la zidovudina in formulazione liquida o in forma di capsule da 100 mg.

Nota: le capsule non sono adatte ai bambini aventi peso corporeo inferiore agli 8 kg.

Gravidanza, nascita del bambino e bambini appena nati

Non si deve assumere normalmente la zidovudina durante le prime 14 settimane di gravidanza. Dopo la 14a settimana, la dose raccomandata è di 500 mg al giorno somministrata come una capsula da 100 mg di zidovudina 5 volte al giorno fino all'inizio del travaglio. Durante il travaglio e il parto, il medico può somministrare il principio attivo per via iniettiva fino al taglio del cordone ombelicale del bambino. Al bambino appena nato può essere somministrata la zidovudina per aiutare a prevenire che vada incontro all'infezione da HIV.

Zidovudina in soluzione orale (100mg/10ml)

  • Adulti e adolescenti di peso corporeo di almeno 30 kg: la dose abituale è di 25 ml (250 mg di zidovudina) o 30 ml (300 mg di zidovudina) due volte al giorno. Assumere ciascuna dose a distanza di 12 ore.
  • Bambini con un peso corporeo di almeno 9 kg e inferiore a 30 kg: il medico stabilirà il giusto dosaggio in funzione del peso corporeo del bambino. La dose abituale è di 0,9 ml (9 mg) per ciascun kg di peso corporeo due volte al giorno e non deve essere superiore a 30 ml (300 mg) due volte al giorno.
  • Bambini con un peso corporeo di almeno 4 kg e inferiore a 9 kg: anche in questo caso il medico stabilirà il giusto dosaggio in funzione del peso corporeo del bambino. La dose raccomandata è di 1,2 ml (12 mg) per ciascun kg di peso corporeo due volte al giorno.

Gravidanza, nascita del bambino e bambini appena nati

Non si deve assumere normalmente la zidovudina durante le prime 14 settimane di gravidanza. Dopo la 14a settimana, la dose raccomandata è di 50 ml (500 mg di zidovudina) al giorno somministrati come 10 ml (100 mg di zidovudina) cinque volte al giorno fino all'inizio del travaglio. Durante il travaglio e il parto il medico può somministrare la zidovudina per via parenterale fino al taglio del cordone ombelicale del bambino. Al bambino appena nato può essere somministrato il principio attivo per aiutare a prevenire che vada incontro all'infezione da HIV: il medico stabilirà la dose corretta in base al peso corporeo.

La dose raccomandata di zidovudina in soluzione orale è di 0,2 ml/kg (2 mg/kg) dalla nascita e proseguendo ogni 6 ore fino a 6 settimane di età. La quantità di medicinale liquido da somministrare per via orale al bambino è molto piccola e deve essere utilizzata una siringa dosatrice di dimensioni appropriate per volumi più piccoli (come quella da 1 ml).

Zidovudina in concentrato per soluzione per infusione endovenosa (10mg/ml)

  • Adulti e adolescenti oltre i 12 anni di età: la dose di zidovudina da somministrare dipenderà dal peso corporeo del paziente. La dose abituale è di 1 mg o 2 mg per ciascun kg di peso corporeo ogni 4 ore.
  • Bambini: il medico stabilirà il dosaggio di zidovudina in base alla dimensione del bambino.

Gravidanza, nascita del bambino e bambini appena nati

Non si deve assumere normalmente la zidovudina durante le prime 14 settimane di gravidanza. Dopo la 14a settimana, la dose raccomandata è di 500 mg al giorno somministrata come una capsula da 100 mg di zidovudina 5 volte al giorno fino all'inizio del travaglio. Durante il travaglio e il parto, il medico può somministrare il principio attivo per via iniettiva fino al taglio del cordone ombelicale del bambino. Al bambino appena nato può essere somministrata la zidovudina per aiutare a prevenire che vada incontro all'infezione da HIV.

Gravidanza e Allattamento

La Zidovudina può essere utilizzata durante la Gestazione e nelle Madri che Allattano al Seno?

Le donne in gravidanza devono informare il medico della loro condizione prima di assumere la zidovudina.

In alcuni casi, il medico potrebbe voler somministrare la zidovudina a pazienti in gravidanza per aiutare e prevenire il passaggio dell'HIV al feto. Dopo la nascita, la zidovudina può essere somministrata al neonato - salvo controindicazioni - per aiutarlo a prevenire l'infezione da HIV. Tuttavia, è doveroso precisare che il principio attivo potrebbe comunque causare effetti indesiderati nel feto quando somministrato durante la gestazione. Qualora la futura madre abbia assunto zidovudina, pertanto, verrà sottoposta ad opportuni esami al fine di controllare lo sviluppo del bambino.

Nei bambini le cui madri hanno assunto analoghi nucleosidici inibitori della trascrittasi inversa (NRTI) durante la gravidanza, il beneficio della protezione contro l'HIV ha superato il rischio di effetti indesiderati. Ad ogni modo, sarà il medico a stabilire se la gestante dovrà o meno assumere il farmaco in questione.

Le donne positive al test dell'HIV NON devono allattare al seno a prescindere dall'assunzione della zidovudina, poiché l'infezione può essere trasmessa al bambino attraverso il latte materno.

Per qualsiasi dubbio, rivolgersi al proprio medico.

Controindicazioni

Quando la Zidovudina NON deve essere usata

L'impiego della zidovudina è controindicato in tutti i seguenti casi:

  • Allergia nota allo stesso principio attivo e/o ad uno o più degli altri componenti (principi attivi ed eccipienti) presenti nel medicinale a base di zidovudina che si deve assumere;
  • In pazienti con neutropenia e/o anemia;
  • In neonati con problemi al fegato che includono:

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista