Tiralatte Manuale di I.Randi

Generalità

Il tiralatte manuale è un dispositivo utilizzato per estrarre il latte dal seno quando la madre non può provvedere direttamente all'allattamento del neonato.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/06/01/tiralatte-manuale-orig.jpeg

Il latte materno, infatti, è una fonte nutrizionale estremamente preziosa per il bambino, poiché contiene tutti i nutrienti, gli enzimi, le cellule della difesa e gli anticorpi necessari ad un corretto e sano sviluppo dello stesso. Per questo motivo, quando non è possibile procedere con l'allattamento al seno, si dovrebbe ricorrere all'uso del tiralatte manuale o elettrico, a seconda dei casi, in maniera tale da non far mai mancare al neonato questo prezioso alimento.

Che cos'è

Che cos'è il Tiralatte Manuale?

Il tiralatte manuale è uno strumento che permette di estrarre il latte materno dal seno.

Come si può intuire dal suo stesso nome, si tratta di un dispositivo che deve essere azionato manualmente, pertanto, non presenta batterie o altre componenti elettriche.

Più precisamente, il tiralatte manuale è composto da:

  • Una coppa o coppetta - conosciuta anche come "imbuto" o ventosa" - che deve essere posizionata sul seno, circondando il capezzolo, ma senza schiacciarlo;
  • Un contenitore di raccolta del latte all'interno del quale quest'ultimo viene convogliato quando tirato;
  • Un particolare sistema di tiraggio che - una volta azionato manualmente - crea un vuoto che permette l'estrazione del latte materno. Tale sistema (che può essere definito anche come una sorta di pompa) è progettato per mimare, per quanto possibile, la suzione del latte che avverrebbe con l'allattamento al seno.

Nei tiralatte manuali di ultima generazione, è spesso presente un sistema di regolazione che permette di regolare il vuoto esercitato dal sistema di tiraggio quando viene azionato. In altre parole, questo sistema permette di regolare l'intensità della "suzione", mentre la velocità può essere modificata dal movimento della mano.

Il costo del tiralatte manuale può variare in funzione delle caratteristiche dello strumento e della ditta produttrice. Ad ogni modo, indicativamente, il prezzo può variare dai 20 ai 60 euro circa.

Tipologie

Tipi di Tiralatte Manuale

Attualmente, in commercio si trovano soprattutto tiralatte manuali a stantuffo, nei quali il sistema di tiraggio - a stantuffo, appunto - viene azionato mediante una leva posizionata in cima allo strumento. Esistono anche altri tipi di tiralatte manuale che, tuttavia, risultano essere meno diffusi:

  • Tiralatte manuale a siringa: è composto da una sorta di siringa in vetro alla cui estremità (per intenderci, al posto dell'ago) è presente la coppetta da appoggiare al seno. Il principio di funzionamento è proprio quello di una comune siringa: dopo aver appoggiato la coppa alla mammella, per estrarre il latte è necessario tirare la parte mobile dello strumento verso l'esterno.
  • Tiralatte manuale a pompetta: la coppetta di questo tipo di tiralatte è connessa ad una pompetta simile a quella presente negli strumenti manuali utilizzati per misurare la pressione. L'uso di questa tipologia di strumento non è molto diffuso, poiché è difficile regolare l'intensità del vuoto esercitato e, generalmente, è più difficile da pulire rispetto agli altri tipi di tiralatte.

Quando Utilizzarlo

Quando deve essere utilizzato il Tiralatte Manuale?

Il tiraggio del latte può rendersi necessario in tutte quelle situazioni in cui non è possibile allattare al seno il proprio bambino. Nel dettaglio, una simile evenienza può verificarsi in caso di:

  • Nascita prematura del bambino: i nati prima del termine della gravidanza potrebbero riscontrare difficoltà nell'attaccarsi al seno della madre e/o potrebbero succhiare il latte per un tempo insufficiente a garantire la soddisfazione delle proprie esigenze nutritive.
  • Patologie e disturbi post-natali: in presenza di patologie o disturbi che si manifestano dopo la nascita, potrebbe essere necessario tenere il bambino sotto osservazione, oppure sottoporlo a trattamenti che non ne consentono la nutrizione attraverso l'allattamento al seno.
  • Necessità di allontanarsi dal bambino: evenienza che può verificarsi quando, ad esempio, la madre è costretta a tornare al lavoro prima del termine del periodo di allattamento.
  • Comparsa di disturbi quali:

In verità, l'uso del tiralatte manuale è indicato soprattutto quando il latte deve essere estratto saltuariamente o in maniera sporadica. Pertanto, questo strumento è utile perlopiù se il prezioso alimento materno deve essere raccolto in previsione di un allontanamento dal bambino per un breve periodo di tempo, o nel caso in cui si voglia avere a disposizione una piccola scorta in caso di "emergenza".

Allo stesso tempo, il tiralatte manuale può essere utilizzato per alleviare la sensazione di fastidio che si manifesta al seno quando il latte materno viene prodotto in grandi quantità.

Lo sapevi che…

Le madri che producono elevate quantità di latte materno, possono raccoglierlo e donarlo alla banca del latte che si occupa di fornire il prezioso alimento in questione a neonati privi di madre o a neonati le cui madri non sono in grado di nutrirli.

Quando il latte materno deve essere tirato in maniera continua (come avviene, ad esempio, in presenza di patologie post-natali che non permettono l'attaccamento del neonato al seno), generalmente, si consiglia di ricorrere all'uso del tiralatte elettrico.

Nota Bene

Naturalmente, quanto sopra detto va considerato più che altro come una regola generale che, tuttavia, non necessariamente deve essere seguita da ciascuna donna. Difatti, ogni neo-mamma può scegliere - autonomamente o insieme al proprio medico - quale tipo di tiralatte utilizzare: alcune preferiscono utilizzare solo il tiralatte manuale, mentre altre preferiscono ricorrere all'uso del tiralatte elettrico anche se il latte viene estratto solo in maniera saltuaria.

Come si Usa

Come si Usa il Tiralatte Manuale?

L'uso corretto del tiralatte manuale è molto importante per evitare di danneggiare il delicato tessuto mammario e per far sì che l'operazione di tiraggio risulti il più confortevole possibile per la madre.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/06/01/tiralatte-manuale-2-orig.jpeg

Di seguito, perciò, verranno indicate le principali fasi di utilizzo dello strumento in questione.

  • Innanzitutto è molto importante scegliere una coppa adatta alle dimensioni del proprio seno. Difatti, la coppetta deve aderire al seno e circondare il capezzolo, lasciando tuttavia un certo spazio al fine di evitare che questo sfreghi contro di essa: il capezzolo deve essere libero di muoversi avanti e indietro e non deve essere compresso o schiacciato.
  • Prima di procedere con l'uso del dispositivo, è necessario sedersi in una posizione comoda, possibilmente, appoggiando le spalle e la schiena.
  • Dopodiché, è utile massaggiare il seno al fine di favorire il riflesso di eiezione del latte.
  • Una volta effettuate le suddette operazioni, si procede appoggiando la coppetta al seno, trattenendola fra indice e pollice (o fra indice e medio) e sorreggendo l'intera mammella con il palmo della mano e le altre dita rimaste libere. Per garantire la buona riuscita dell'operazione, infatti, il tiralatte deve essere in posizione dritta e non inclinata.
  • Azionare il sistema di tiraggio manuale dello strumento e iniziare la raccolta del latte.
  • Se necessario, il seno può essere massaggiato dolcemente anche durante l'operazione di tiraggio del latte materno.

Nota Bene

Per qualsiasi dubbio sull'utilizzo del tiralatte manuale è sempre bene chiedere consiglio al proprio medico o, eventualmente, al personale ospedaliero in caso di ricovero.

Per quanto tempo è necessario Tirare il Latte?

Generalmente, quando si utilizza il tiralatte manuale, ogni sessione di tiraggio ha una durata media di 15-20 minuti per mammella, eventualmente alternando l'estrazione fra un seno e l'altro (opzione generalmente consigliata).

Igiene e Pulizia

Come Pulire il Tiralatte Manuale

I modelli recenti di tiralatte manuale sono generalmente composti da pochi pezzi, di facile montaggio e smontaggio e altrettanto facili da pulire.

Le parti che entrano in contatto con il seno e con il latte materno devono essere sterilizzate ogni volta, prima di ciascun utilizzo; le altre parti, invece, possono essere lavate con acqua e sapone, oppure - se consentito dal produttore - in lavastoviglie. La sterilizzazione può essere effettuata per bollitura (ponendo gli oggetti in questione in acqua al punto di ebollizione per almeno 20-30 minuti), o ancora meglio mediante appositi sterilizzatori (ad esempio, sterilizzatori per microonde) venduti in farmacia, parafarmacia o altri negozi specializzati.

Nota Bene

Per la pulizia del proprio tiralatte manuale, è bene fare riferimento alle indicazioni fornite direttamente dal produttore, riportate sulla confezione e/o sul manuale d'uso dello strumento.

Igiene Personale

Oltre alla pulizia e alla sterilizzazione di tutti i componenti del tiralatte manuale, la madre deve assolutamente:

  • Lavarsi accuratamente le mani prima dell'operazione di tiraggio;
  • Mantenere un'accurata igiene del seno che dovrà essere pulito dopo ogni tiraggio e/o poppata;
  • Lavarsi quotidianamente per mantenere un grado di pulizia ottimale.

Dopo l'operazione di tiraggio, è fondamentale conservare il latte materno in maniera opportuna al fine di garantire l'integrità del prodotto, prevenendo eventuali contaminazioni o il degradamento dello stesso.

Consigli Utili

Consigli Utili per favorire il Tiraggio del Latte

Talvolta, il ricorso al tiralatte manuale può destare preoccupazioni e un certo grado di agitazione nelle donne, soprattutto quando si tratta di neo-mamme alle prime armi con questo genere di strumenti. Di seguito, perciò, sono riportati alcuni consigli che, se seguiti, possono rivelarsi utili per effettuare il tiraggio del latte nella maniera più serena possibile.

  • Quando si utilizza un tiralatte manuale (ma anche un tiralatte elettrico), la parola d'ordine è "rilassarsi". L'agitazione, infatti, ostacola e talvolta impedisce del tutto il tiraggio del latte materno.
  • Al fine di garantire il rilassamento e la fuoriuscita del latte, il tiralatte manuale dovrebbe essere utilizzato in un luogo comodo e tranquillo.
  • Per garantire la buona riuscita dell'operazione, è bene non avere fretta. Analogamente all'agitazione, infatti, anche la fretta può inibire la fuoriuscita del latte.
  • Per facilitare e stimolare la fuoriuscita del latte può essere utile effettuare un massaggio al seno con acqua tiepida (ad esempio, aiutandosi con il getto della doccia o della vasca), oppure effettuare degli impacchi bagnando una salvietta con acqua calda, o ancora, immergere completamente il seno in acqua caldo-tiepida.
  • Per stimolare il flusso del latte e favorirne il tiraggio, è utile ricorrere all'uso del tiralatte manuale ad orari precisi. Se quest'azione diventa una routine, infatti, il corpo della neo-mamma è in grado di "prepararsi" alla richiesta di latte, rendendone in questo modo più facile l'estrazione.

Nonostante non si tratti di un'operazione eccessivamente complessa, l'uso del tiralatte manuale potrebbe richiedere un po' di pratica, per questo motivo, è bene essere pazienti e non scoraggiarsi se al primo utilizzo i risultati ottenuti non sono quelli sperati.

Ilaria Randi

L'autore

Ilaria Randi

Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista


ARTICOLI CORRELATI

Mammografia Allattamento al seno Ragadi al seno Tumore al seno Dolore al Seno Dolore al seno ciclo-indipendente Dolore al Seno da Ciclo Carcinoma Duttale Infiltrante Seno Tuberoso Tubercoli di Montgomery Tiralatte Elettrico Aumento del seno Autopalpazione del Seno Biopsia al Seno Calicificazioni al Seno Cancro al seno: conosci i sintomi e le regole di prevenzione? Capezzoli - Struttura, Funzioni e Malattie Cisti al Seno Ecografia Mammaria - Ecografia al Seno Fibroadenoma al Seno Malattia di Paget del Capezzolo - Farmaci e Cura Mastectomia Mastopatia Fibrocistica Mastopessi Mastoplastica Riduttiva Noduli al Seno Poppata, durata e frequenza delle poppate Visita Senologica - Visita al Seno Ingorgo mammario Carcinoma duttale in situ - carcinoma lobulare in situ Dolore alla mammella: Cause e Sintomi Estetica del Seno: Migliorarla con Fitness e Chirurgica Estetica Fattori di rischio per il tumore al seno Ginnastica per il seno Gonfiore della mammella: Cause e Sintomi Gonfiore, calore al tatto e rossore della mammella Malattia di Paget del capezzolo Mammografia e mammografo Mammografia e protesi al seno Mammografia: quando fare la mammografia Mastite ed allattamento - Mastite puerperale Mastoplastica additiva Noduli al seno - Cause e Sintomi Pelle della mammella a buccia d'arancia: Cause e Sintomi Presenza di un nodulo mammario: Cause e Sintomi Produzione latte, latte seno Ragadi al Seno - Cause e Sintomi Ragadi al seno - Erboristeria Rientro del capezzolo: Cause e Sintomi Secrezioni sierose o di sangue dal capezzolo: Cause e Sintomi Seno più alto e sodo seno su Wikipedia italiano Breast su Wikipedia inglese latte materno su Wikipedia italiano Human breast milk su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 04/06/2018

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ