Shampoo Secco di I.Randi

Generalità

Lo shampoo secco è un prodotto cosmetico molto utile per ravvivare la chioma in pochi attimi facendola apparire come appena lavata.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/05/17/shampoo-secco-orig.jpeg

Lo shampoo secco, pertanto, può essere considerato come un vero e proprio "rimedio d'emergenza" da impiegare quando si ha poco tempo a disposizione, ma si vuole avere un aspetto fresco e ordinato.

Gli ingredienti contenuti in questo particolare tipo di shampoo hanno la funzione di adsorbire il sebo in eccesso, riducendo l'effetto "unto" o "sporco" e donando ai capelli una parvenza di pulito.

Tuttavia, nonostante l'efficacia di questo prodotto, in nessun caso esso deve essere considerato come sostituto della classica detersione con acqua e shampoo tradizionale.

Che cos'è

Che cos'è lo Shampoo Secco?

Lo shampoo secco è un prodotto cosmetico impiegato per detergere i capelli senza l'ausilio di acqua; in altre parole, viene utilizzato per la detersione della chioma a secco.

Shampoo di questo tipo sono reperibili ovunque, dal supermercato alle profumerie.

In funzione delle proprie esigenze o delle proprie preferenze, è possibile scegliere fra due diverse tipologie di shampoo secco: in polvere libera e in spray. Lo shampoo secco in spray è contenuto all'interno di bombolette sotto pressione che sfruttano l'azione di appositi gas compressi per far uscire il prodotto dall'ugello posto in cima al contenitore. Lo shampoo secco in polvere libera, invece, è contenuto in normali recipienti con tappo, generalmente di plastica.

Sicuramente, lo shampoo secco in spray è più pratico da utilizzare rispetto alla polvere libera; tuttavia - a causa della presenza di gas infiammabili e sotto pressione - deve essere conservato in un luogo fresco e al riparo da fonti di calore.

Ingredienti

Cosa Contiene lo Shampoo Secco?

Lo shampoo secco è in grado di conferire ai capelli un aspetto "come appena lavato" senza ricorrere all'uso dell'acqua. Ciò è possibile grazie agli ingredienti in esso contenuti. Si tratta sostanzialmente di sostanze solide capaci di adsorbire il sebo presente sul cuoio capelluto e sui capelli, eliminando il fastidioso "effetto unto" che caratterizza una chioma sporca, o comunque lavata già da qualche giorno.

Fra gli ingredienti che possono rientrare nella composizione di uno shampoo secco, ricordiamo:

  • Argilla: è una sostanza di origine naturale dalle note e spiccate proprietà adsorbenti e opacizzanti. In funzione del tipo di argilla impiegata, il colore può essere variabile.
  • Amido di mais e amido di riso: anche in questo caso, si tratta d'ingredienti in grado di adsorbire il sebo che si accumula sul cuoio capelluto, restituendo ai capelli un aspetto non untuoso. Entrambi gli amidi sono fini polveri di colore biancastro.
  • Talco: è un sale inorganico costituito da silicato di magnesio e silicato di alluminio. È una polvere di colore bianco-grigiastro ed è dotata di una buona capacità di adsorbire il sebo.

Nella formulazione di uno shampoo secco è altresì possibile aggiungere profumi - al fine di rendere più gradevole l'utilizzo del prodotto - ed eventualmente coloranti, allo scopo di adattare lo shampoo secco al colore dei capelli. Difatti, le suddette polveri possiedono generalmente un colore biancastro o bianco-grigiastro che - nonostante l'accurata rimozione del prodotto dopo l'applicazione - potrebbe alterare la naturale colorazione della chioma, lasciando un alone grigiastro che conferisce ai capelli un aspetto "spento". Perciò, per ovviare a questo problema e per andare incontro alle esigenze dei consumatori, l'industria cosmetica ha introdotto delle linee di shampoo secco adatte alle diverse tonalità di colore dei capelli (shampoo secco per capelli chiari, per capelli bruni, per capelli scuri, ecc.).

Curiosità

L'uso di polveri dalle proprietà adsorbenti per la detersione dei capelli senz'acqua non è recente, ma affonda le radici in un passato molto lontano. Difatti, pare che l'usanza di applicare argilla sui capelli allo scopo di detergerli fosse diffusa in Asia già nel XV secolo.

Altri Ingredienti

Naturalmente, oltre agli ingredienti direttamente responsabili dell'adsorbimento del sebo, ai profumi e ai coloranti, lo shampoo secco può contenere anche altre sostanze necessarie per la realizzazione e il mantenimento della formulazione cosmetica in questione.

Fra questi ingredienti, ricordiamo:

  • Conservanti, come, ad esempio, il benzoato di benzile, un composto sintetico dotato anche di proprietà fissanti del profumo. I conservanti possono essere presenti in entrambe le tipologie di shampoo secco (spray e polvere libera).
  • Antiagglomeranti, come ad esempio, lo stearato di magnesio. Questi ingredienti servono per evitare che le particelle solide delle sostanze adsorbenti si agglomerino, rendendo inutilizzabile il prodotto. Anche in questo caso, si tratta di ingredienti che possono essere addizionati sia ad uno shampoo secco in polvere libera che ad uno shampoo secco in spray.
  • Solventi, come, ad esempio, l'alcol denaturato. Questo ingrediente rientra nella composizione di molti shampoo a secco spray, all'interno dei quali ha il compito di mantenere le particelle di sostanze adsorbenti sospese fino a quando non verranno erogate attraverso l'apposito ugello.
  • Gas sotto pressione, come butano, propano, isobutano, ecc. Naturalmente, queste sostanze sono presenti solo all'interno degli shampoo a secco formulati in spray. Sono necessari per erogare il prodotto dalla bomboletta.

Chiaramente, questi sono solo alcuni esempi dei possibili ingredienti con cui uno shampoo secco può essere formulato. La composizione di cosmetici di questo tipo, difatti, varia in funzione del marchio e del produttore.

Modo d'uso

Come si usa lo Shampoo Secco?

Utilizzare lo shampoo secco è un procedimento molto semplice e veloce. Difatti, che si tratti di shampoo secco in polvere libera oppure in forma di spray, è sufficiente:

  • Applicare il prodotto in maniera uniforme su tutta la chioma e, in particolare, alla radice dei capelli. Lo shampoo secco in spray consente un'applicazione più semplice e precisa; mentre lo shampoo secco in polvere libera deve essere distribuito sul capo in maniera omogenea aiutandosi con le mani;
  • Dopo aver applicato lo shampoo, lasciare agire per 3-5 minuti circa;
  • Infine, spazzolare i capelli fino ad eliminare ogni traccia della polvere. In alternativa, lo shampoo secco può essere rimosso con l'ausilio di un asciugamano.

Dopo queste operazioni, i capelli saranno opacizzati e volumizzati, apparendo in questo modo più puliti. Tuttavia, è bene ricordare che lo shampoo secco non pulisce a fondo i capelli e tantomeno il cuoio capelluto.

Quando Utilizzarlo

Quando può essere Utilizzato lo Shampoo Secco?

Come accennato, lo shampoo secco è un rimedio d'emergenza che deve essere impiegato solo occasionalmente in quelle situazioni in cui non vi è la possibilità (per mancanza di tempo o per qualsiasi altro motivo) di lavare i capelli nel modo "tradizionale", così come può essere utile per dare una "rinfrescata" alla chioma fra un lavaggio e l'altro.

Lo shampoo secco può essere utilizzato anche da persone che soffrono di capelli grassi e non vogliono effettuare lavaggi quotidiani. Tuttavia, anche in questo caso, l'uso di shampoo secco dovrebbe essere limitato e adeguatamente alternato al lavaggio tradizionale.

Come ribadito più volte, lo shampoo secco non è in grado di operare una detersione profonda del capello o del cuoio capelluto, per la quale è, invece, necessario lavare i capelli con acqua e shampoo "classico".

Solo con un lavaggio vero e proprio, infatti, è possibile allontanare e rimuovere il sebo in eccesso, lo sporco accumulatosi (dovuto, ad esempio, ad inquinamento atmosferico, polvere, ecc.) e i detriti cellulari derivanti dal ricambio del cuoio capelluto.

La pulizia e la corretta igiene di capelli e cuoio capelluto, difatti, sono molto importanti per il mantenimento della bellezza e del benessere degli stessi, esattamente come avviene per la cute.

Effetti Indesiderati

Possibili Effetti Indesiderati derivanti dall'uso di Shampoo Secco

Lo shampoo secco è solitamente ben tollerato dalla gran parte delle persone che ne fanno uso. Tuttavia, anche se raramente, in seguito al suo utilizzo, alcuni individui possono accusare prurito o eccessiva secchezza del cuoio capelluto. In simili situazioni, è bene evitare di utilizzare nuovamente il prodotto. Inoltre, non si può escludere la presenza di eventuali allergie ad uno o più degli ingredienti che lo compongono.

Quando Evitarlo

Quando Non si deve Utilizzare lo Shampoo Secco?

Lo shampoo secco non deve essere utilizzato in caso d'ipersensibilità nota verso uno o più degli ingredienti in esso contenuti.

Allo stesso tempo, l'uso dello shampoo secco dovrebbe essere evitato - salvo diverso parere medico - da parte di persone affette da patologie del cuoio capelluto (come, ad esempio, la dermatite seborroica del cuoio capelluto) che necessitano di trattamenti e prodotti specifici per la detersione dei capelli.

Rimedi Alternativi

Rimedi Fai da Te Alternativi allo Shampoo Secco

Nelle situazioni di emergenza, quando non è possibile lavare i capelli in modo tradizionale e quando si è sprovvisti di uno shampoo secco pronto all'uso, è possibile ricorrere all'uso di sostanze alternative dotate di capacità adsorbenti. Il modo d'uso è il medesimo dello shampoo secco: applicare il prodotto, lasciare in posa qualche minuto e rimuoverlo con la spazzola o con un asciugamano. Fra le sostanze alternative maggiormente impiegate in sostituzione dello shampoo secco, ritroviamo:

  • Borotalco: è il rimedio della nonna per eccellenza contro i capelli sporchi e grassi, inoltre, lascia sulla chioma un gradevole profumo. Di contro, quando utilizzato sui capelli di tonalità medio-scura o scura, può conferire un aspetto eccessivamente opaco, ingrigito e/o spento.
  • Maizena: la maizena altro non è che amido di mais raffinato. È un prodotto normalmente utilizzato in cucina - e, per questo, reperibile all'interno di molte dispense - che all'occorrenza può trasformarsi in uno shampoo secco di emergenza dell'ultimo minuto. Rispetto al borotalco presenta il vantaggio di lasciare meno tracce; tuttavia, è del tutto inodore e non lascia alcun tipo di profumo sulla chioma.
  • Cipria opacizzante: altra alternativa allo shampoo secco estremamente gettonata è rappresentata dalla cipria opacizzante. Particolarmente utili allo scopo sono le ciprie prive di colorazione in polvere libera (le cosiddette ciprie traslucide minerali).

Naturalmente, anche in questo caso, si tratta di rimedi da utilizzare raramente e in condizioni di effettiva necessità. In nessun caso, l'uso dei suddetti prodotti - e tantomeno l'uso dello shampoo secco vero e proprio - deve essere considerato come sostituto del normale lavaggio dei capelli.

Ilaria Randi

L'autore

Ilaria Randi

Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista