Secukinumab: Cos'è e A Cosa Serve
Ultima modifica 08.07.2020
INDICE
  1. Generalità
  2. A Cosa Serve
  3. Avvertenze e Precauzioni
  4. Interazioni
  5. Effetti Collaterali
  6. Come Agisce
  7. Dosaggio e Modo d'uso
  8. Gravidanza e Allattamento
  9. Controindicazioni

Generalità

Che cos'è il Secukinumab e Caratteristiche generali

Il secukinumab è un principio attivo appartenente alla categoria degli immunosoppressori e inibitori dell'interleuchina.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/07/07/secukinumab-orig.jpeg Shutterstock

Più precisamente, il secukinumab è un anticorpo monoclonale ottenuto attraverso tecniche di DNA ricombinante che trova impiego nel trattamento della psoriasi a placche, dell'artrite psoriasica e dalla spondiloartrite assiale. Si tratta quindi, di un farmaco biologico il cui impiego, tuttavia, viene generalmente riservato nei casi particolarmente gravi in cui le cure "tradizionali" non hanno dato risultati soddisfacenti o non possono essere utilizzate.

In commercio, il secukinumab è disponibile all'interno di specialità medicinali in forma di soluzioni iniettabili per via sottocutanea (nome commerciale Cosentyx®). Tali medicinali sono farmaci ospedalieri (fascia H) esitabili in farmacia dietro presentazione di ricetta medica ripetibile limitativa (RRL - farmaci vendibili al pubblico su prescrizione di centri ospedalieri o di specialisti).

A Cosa Serve

Indicazioni Terapeutiche del Secukinumab: per cosa si usa?

Come accennato, il secukinumab è indicato per il trattamento di patologie infiammatorie, quali:

Avvertenze e Precauzioni

Cosa bisogna sapere prima di assumere il Secukinumab

Prima di iniziare il trattamento con secukinumab, è opportuno informare il medico se:

  • Si ha un'infezione in corso;
  • Si hanno infezioni croniche o ripetute;
  • Si è affetti da tubercolosi;
  • Si soffre di morbo di Crohn;
  • Ci si sta sottoponendo a qualsiasi altro trattamento per la psoriasi, come la terapia con altri immunosoppressori (ad esempio, metotrexato) o come la fototerapia con luce UV;
  • Ci si è recentemente sottoposti a un vaccino, oppure se ci si deve vaccinare durante la terapia con il principio attivo.

Inoltre, prima di iniziare il trattamento con secukinumab è molto importante sapere che il principio attivo può causare gravi effetti indesiderati, quali infezioni e reazione allergiche.

Fra i possibili segni di infezione grave, ritroviamo:

Fra i possibili segni di reazioni allergiche gravi, invece, ritroviamo:

Pertanto, qualora compaiano segni che potrebbero indicare la presenza di un'infezione o l'insorgenza di una reazione allergica, è indispensabile informare IMMEDIATAMENTE il medico.

Nota Bene

L'uso del secukinumab non è raccomandato in bambini e adolescenti con meno di 18 anni di età poiché non è stato studiato in questa categoria di pazienti.

Interazioni

Interazioni Farmacologiche fra il Secukinumab e Altri Farmaci

Prima di iniziare la terapia a base di secukinumab è necessario informare il medico se ci si è recentemente sottoposti o ci si deve sottoporre a qualsiasi tipo di vaccinazione.

Inoltre, è importante informare il medico se si stanno assumendo, sono stati recentemente assunti o si intende assumere farmaci o prodotti di qualsiasi tipo, compresi i medicinali senz'obbligo di prescrizione medica (SOP), i farmaci da banco (OTC), i prodotti erboristici e fitoterapici, ecc.

Effetti Collaterali

Quali Effetti Indesiderati può causare il Secukinumab?

Il secukinumab, come del resto qualsiasi altro farmaco, può causare diversi effetti indesiderati, anche se non tutti i pazienti li manifestano o li manifestano nello stesso modo. Difatti, ogni persona reagisce in maniera soggettiva alla somministrazione del farmaco manifestando effetti indesiderati diversi per tipo ed intensità, oppure non manifestandoli affatto.

Nel caso compaiano segni o sintomi di reazioni allergiche o infezioni gravi (vedi capitolo "Avvertenze e Precauzioni"), il medico deve esserne immediatamente informato.

Effetti indesiderati molto comuni e comuni

Effetti indesiderati non comuni

Effetti indesiderati rari e a frequenza non nota

Nota bene

Per informazioni più dettagliate in merito ai possibili effetti indesiderati causati dai medicinali a base di secukinumab, si rimanda all'attenta lettura del foglietto illustrativo del prodotto che si deve usare.

Sovradosaggio da Secukinumab

In caso di somministrazione - accertata o presunta - di dosi eccessive di secukinumab, è necessario informarne il medico.

Come Agisce

Come Funziona il Secukinumab e con quale Meccanismo d'Azione agisce?

Il secukinumab è un anticorpo monoclonale IgG1/κ completamente umano capace di legarsi - ostacolandone l'azione - all'interleuchina-17A (IL-17A, una citochina pro-infiammatoria).

Essa è coinvolta nelle normali risposte infiammatorie e immunitarie, ma riveste anche un ruolo nella patogenesi della psoriasi a placche, dell'artrite psoriasica e dalla spondiloartrite assiale. Non a caso, essa è iper-espressa nella cute lesionata di pazienti affetti da psoriasi a placche e nel liquido sinoviale di pazienti con artrite psoriasica; la frequenza di cellule produttrici di IL-17A è significativamente maggiore anche nel midollo osseo subcondrale a livello delle faccette articolari di pazienti con spondilite anchilosante e un aumento del numero di linfociti che producono IL-17A è stato riscontrato anche in pazienti con spondiloartrite assiale non radiografica.

Legandosi alla IL-17A, quindi, il secukinumab impedisce che questa interagisca con i suoi recettori, riducendo il contributo da essa mediato nella patogenesi delle suddette patologie e inibendo la sintesi di citochine pro-infiammatorie, chemochine e mediatori di danno tissutale.

In termini pratici, il secukinumab:

  • Migliora le manifestazioni cutanee riducendo sintomi quali ispessimento cutaneo, prurito e dolore nei pazienti affetti da psoriasi a placche;
  • Migliora la funzionalità fisica e rallenta il danno alla cartilagine e all'osso delle articolazioni coinvolte dall'artrite psoriasica, permettendo al paziente di svolgere meglio le proprie attività quotidiane;
  • Riduce i segni e i sintomi della spondiloartrite assiale, inclusa la spondilite anchilosante e la spondiloartrite assiale non radiografica, riducendo al contempo l'infiammazione e migliorando la funzione fisica del paziente.

Dosaggio e Modo d'uso

Quando e Quanto Secukinumab assumere

Il secukinumab deve essere somministrato per via parenterale e, più precisamente, per via sottocutanea. I medicinali che lo contengono sono formulati in forma di: polvere per soluzione iniettabile che deve essere preparata e somministrata solo da un medico o personale sanitario specializzato; soluzione iniettabile in siringhe preriempite; soluzione iniettabile in penna preriempita.

Le penne e le siringhe preriempite possono essere utilizzate anche dal paziente ma SOLO dopo essere stato adeguatamente istruito dal medico sul loro corretto uso.

La posologia verrà stabilita dal medico per ciascun paziente in funzione del tipo di patologia che si deve trattare e della risposta del paziente alla terapia stessa.

Per il corretto modo d'uso dei medicinali a base di secukinumab si raccomanda di seguire scrupolosamente le indicazioni fornite dal medico e le istruzioni riportate sul foglietto illustrativo del medicinale che si deve assumere.

Gravidanza e Allattamento

Il Secukinumab può essere usato durante la Gestazione e l'Allattamento al Seno?

L'uso del secukinumab durante la gravidanza deve essere evitato. Le donne in età fertile devono evitare la gravidanza durante il trattamento con il principio attivo e adottare idonei metodi contraccettivi.

In caso di gravidanza - accertata o presunta - il medico deve esserne informato.

Non è possibile allattare al seno e assumere il secukinumab. Per questo motivo, le madri che allattano al seno devono informare il medico della loro condizione e, insieme ad esso, valuteranno se sospendere l'allattamento al seno e iniziare la terapia con il principio attivo, oppure se evitare di assumerlo e proseguire con l'allattamento.

Al termine del trattamento con secukinumab, le madri devono evitare di allattare al seno per almeno 20 settimane dopo l'ultima dose assunta.

Controindicazioni

Quando il Secukinumab NON deve essere usato

L'uso del secukinumab e dei medicinali che lo contengono è controindicato in tutti i seguenti casi:

  • Allergia nota al secukinumab e/o ad uno o più degli eccipienti contenuti nel medicinale che si deve assumere;
  • In pazienti con un'infezione attiva che il medico considera significativa.

Autore

Dott.ssa Ilaria Randi

Dott.ssa Ilaria Randi

Chimica e Tecnologa Farmaceutica
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista