Salute dei denti: quale frutta è più indicata?

Salute dei denti: quale frutta è più indicata?
Ultima modifica 25.03.2021
INDICE
  1. Frutta che fa bene ai denti
  2. Frutta per combattere l'infiammazione delle gengive

Per preservare il sorriso e cercare di mantenere il più possibile la salute dei denti e della cavità orale, le buone pratiche quotidiane sono tante. Oltre ad assicurarsi di effettuare sempre un'ottima igiene orale, uno dei buoni propositi da portare avanti è anche quello di stare alla larga il più possibile dai dolci, soprattutto le caramelle, oppure di lavarsi i denti subito dopo averli mangiati.

Questi piacere culinari, spesso sono consumati durante la giornata, come snack sfiziosi, ma nonostante generino molte buone sensazioni, possono essere piuttosto pericolose per la salute dei denti.

Esistono però in compenso, molti altri alimenti che, al contrario, aiutano a mantenere sana la cavità orale, come la frutta.

Frutta che fa bene ai denti

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, nonostante sia ricca di zuccheri, la frutta può anche fare bene ai denti. In particolar modo, alcune tipologie.

Ecco quali.

Frutta che non si attacca ai denti

Se si parla di igiene orale, tutto ciò che non si attacca ai denti è ben accetto. Per quanto riguarda la frutta, i migliori esemplari sotto questo aspetto sono mele, pere e uva, perché oltre a non restare appiccicate ai denti lasciano il palato e la cavità orale subito puliti dopo la masticazione.

Ma i benefici della mela sui denti non finiscono qui. Quando la si mangia, infatti, la produzione di saliva in bocca aumenta, favorendo così l'eliminazione di batteri e residui di cibo.

Non si può certo dire che addentarne sia come spazzolare i denti usando un dentifricio, ma farlo dopo un pasto è un ottimo modo per pulire la bocca, in attesa di avere a disposizione l'occorrente per lavarsi in modo approfondito.

Al contrario, sono da evitare il più possibile frutti che hanno buone probabilità di lasciare residui nel cavo orale o negli spazi tra denti, come le banane. Questo, infatti, può portare alla formazione dei batteri, e di conseguenza aumentare il rischio di carie.

Frutta che sazia

Questa caratteristica genera un beneficio indiretto. Se durante la giornata si mangiano regolarmente cibi che saziano, infatti, è meno probabile si abbia voglia di fare spuntini a base di dolci e nocivi per i denti.

Tra la frutta che genera maggior senso di pienezza, troviamo ancora le mele, ma anche le pere. Entrambe sono ricche di fibre, che oltre a saziare sono incredibilmente benefiche per tutto l'organismo, aiutano ad auto-detergere e pulire i denti e massaggiano le gengive durante la masticazione.

Frutta ricca di vitamina C

Che la vitamina C vanti notevoli proprietà benefiche per tutto l'organismo è un fatto noto, ma non tutti sanno che sia molto utile anche per preservare la salute di denti e gengive. Nello specifico, la vitamina C previene le infiammazioni gengivali e il decadimento del collagene, senza il quale, le gengive perdono di tono e rischiano di cedere, abbassandosi e lasciando scoperto il colletto dentale, spesso a seguito di un cattivo spazzolamento dei denti.

Il kiwi e le fragole sono tra i frutti con maggiore concentrazione di vitamina C, seguiti subito dopo dagli agrumi. Un altro loro effetto positivo è quello di previene l'ingiallimento naturale dei denti dovuto al tempo e al consumo di bevande come vino e caffè.

Nonostante siano un toccasana, con alcuni agrumi non si dovrebbe però esagerare. Il pompelmo e il limone, infatti, hanno un contenuto altamente acido e possono danneggiare lo smalto dei denti, quindi è bene consumarli con moderazione e sciacquare molto bene la bocca subito dopo.

Frutti di bosco e varietà colorate

Anche il mirtillo rosso è un frutto che fa molto bene ai denti, perché rilascia antiossidanti che ostacolano l'azione dei batteri responsabili della carie. Tuttavia, anche in questo caso meglio limitarne il consumo, onde evitare un effetto collaterale, ovvero la pigmentazione scura dei denti e delle otturazioni in composito e dei cementi.

Allo stesso modo, anche la frutta colorata aiuta molto a preservare la salute del cavo orale, perché ricca di vitamina A, essenziale per rafforzare ossa e denti. Melone, pesche, albicocche, mango, papaia, ciliege e anguria, le varietà più indicate.

Frutta per combattere l'infiammazione delle gengive

Oltre alle specificità di ogni singolo esemplare, un vantaggio generale e riconosciuto di incorporare più frutta nei pasti e negli spuntini quotidiani è che questi alimenti aiutino concretamente a migliorare la salute delle gengive.

Nonostante possa sembrare strano, visto che la frutta contiene molto zucchero, nemico di denti e gentile, esiste uno studio a supporto di questa tesi.

Un gruppo di ricercatori, infatti, ha diviso 30 persone sane in due gruppi, facendo aggiungere alla dieta di uno la frutta, mentre a quella dell'altro noci. Nonostante le persone nel gruppo della frutta abbiano ingerito più fruttosio rispetto a quelle del gruppo delle noci, le loro gengive sono risultate relativamente più sane e forti durante il periodo di studio di due mesi, probabilmente grazie ai micro nutrimenti contenuti nella frutta.