Pillola abortiva - Mifepristone: come richiederla, come funziona effetti collaterali

Pillola abortiva - Mifepristone: come richiederla, come funziona effetti collaterali
Ultima modifica 20.06.2024
INDICE
  1. Che cos'è la pillola abortiva?
  2. Quando si usa?
  3. Come richiederla?
  4. Come prenderla?
  5. Cosa sapere prima di prendere la pillola abortiva?
  6. Come funziona?
  7. Effetti Collaterali
  8. Controindicazioni

Che cos'è la pillola abortiva?

La pillola abortiva è un medicinale utilizzato nell'interruzione volontaria di gravidanza di tipo farmacologico.

Più nel dettaglio, si tratta di una compressa per uso orale a base di mifepristone, un principio attivo steroideo sintetico avente azione antiprogestinica.

NOTA BENE

La pillola abortiva NON deve essere confusa con la pillola del giorno dopo o con la pillola dei 5 giorni dopo, farmaci utilizzati per la contraccezione d'emergenza. Questi ultimi, infatti, prevengono la gravidanza prima che questa possa verificarsi; la pillola abortiva, invece, interrompe una gravidanza già in atto.

Quando si usa?

Quali sono le indicazioni della pillola abortiva?

La pillola abortiva viene utilizzata nei seguenti casi:

La pillola abortiva, pertanto, può essere impiegata non solo per effettuare l'interruzione volontaria di gravidanza di tipo farmacologico entro le 9 settimane di gestazione (aborto farmacologico), ma anche nell'ambito dell'aborto chirurgico e nel caso in cui vi sia la morte del feto per favorire l'espulsione del contenuto uterino.

Come richiederla?

La pillola abortiva può essere richiesta solo in ambito ospedaliero o nelle strutture convenzionate che effettuano il procedimento di interruzione della gravidanza.

Questo medicinale, pertanto, verrà fornito alla donna dalla struttura nella quale verrà eseguita l'interruzione di gravidanza e non può essere richiesto in farmacia.

Come richiedere l'interruzione di gravidanza con la pillola abortiva?

L'interruzione di gravidanza può essere richiesta dalla donna rivolgendosi ad un consultorio pubblico, ad un medico di sua fiducia oppure a strutture sociosanitarie abilitate. In questo contesto verranno effettuati tutti gli accertamenti sanitari del caso e verranno valutate le cause che portano ad effettuare la richiesta.

Se l'interruzione di gravidanza può essere effettuata, la donna può richiedere l'aborto farmacologico mediante l'utilizzo della pillola abortiva. Tuttavia, come abbiamo visto, la pillola abortiva può essere utilizzata anche per ammorbidire e dilatare la cervice prima dell'aborto chirurgico entro il primo trimestre di gestazione.

Naturalmente, la possibilità di ricorrere all'uso della pillola abortiva dovrà essere discussa con il medico, il quale dovrà individuare ed escludere la presenza di eventuali controindicazioni prima di dare inizio alla procedura di interruzione della gravidanza.

Come richiedere la pillola abortiva per le minorenni

Anche le donne con meno di 18 anni di età possono richiedere l'interruzione volontaria di gravidanza previo consenso dei genitori. Se i genitori non danno il consenso o se la minorenne non intende chiederlo loro, può rivolgersi al giudice tutelare attraverso il medico, il consultorio o la struttura sociosanitaria cui si è rivolta. Anche in questo caso, naturalmente, dovrà essere fatta una valutazione medica per capire se è possibile utilizzare o meno la pillola abortiva.

Va precisato, tuttavia, che gli studi in merito all'uso del mifepristone presente nella pillola abortiva nelle adolescenti sono limitati. Questi aspetti verranno quindi discussi con il medico.

Come prenderla?

La pillola abortiva va deglutita intera con un po' d'acqua in presenza del medico o comunque di personale sanitario.

Se entro 45 minuti dall'assunzione del farmaco insorge il vomito, è necessario informare immediatamente il medico o il personale sanitario.

Quale dosaggio prendere?

Il dosaggio dipende dall'indicazione per la quale è necessario somministrare il mifepristone, quindi la pillola abortiva. Ad ogni modo, il personale sanitario si occuperà di informare la donna su tutti questi aspetti, fornendole indicazioni precise su come, quando e in che modo assumere la pillola abortiva.

Per qualsiasi dubbio o domanda, rivolgersi al medico.

Cosa sapere prima di prendere la pillola abortiva?

Prima di assumere la pillola abortiva, il medico eseguirà degli accertamenti ed effettuerà tutte le indagini necessarie per assicurarsi che il mifepristone in essa contenuto possa essere assunto dalla paziente.

Dal canto suo, la paziente deve informare il medico del proprio stato di salute, mettendolo a conoscenza di qualsiasi condizione, disturbo o malattia. Particolarmente importante è informare il medico qualora:

Inoltre, a causa delle possibili interazioni farmacologiche fra il mifepristone della pillola abortiva e altri medicinali o prodotti, il medico va informato qualora si stiano assumendo, si siano recentemente assunti o si possa assumere farmaci o prodotti di qualsiasi tipo. In particolare, il medico va informato se si stanno assumendo:

Infine, è opportuno ricordare che durante l'assunzione del mifepristone NON si deve assumere succo di pompelmo.

Come funziona?

Meccanismo d'azione del mifepristone contenuto nella pillola abortiva

Il mifepristone - principio attivo della pillola abortiva - è uno steroide sintetico capace di esercitare un'azione antiprogestinica attraverso la competizione con il progesterone per il legame con i suoi recettori.

Per via di questa competizione, il mifepristone riesce a bloccare gli effetti del progesterone e - poiché quest'ultimo è indispensabile per la prosecuzione della gravidanza - può pertanto determinare l'interruzione della stessa.

Effetti Collaterali

La pillola abortiva a base di mifepristone può provocare diversi effetti collaterali fra cui ricordiamo:

Oltre a quanto finora detto, ulteriori effetti indesiderati possono manifestarsi in seguito all'assunzione degli analoghi prostaglandinici. Ad ogni modo, durante il colloquio con il medico prima dell'interruzione di gravidanza, nel caso in cui si ricorra all'uso di mifepristone, questa figura sanitaria illustrerà alla donna come verrà eseguita la procedura e quali sono i possibili effetti collaterali e le potenziali complicazioni cui potrebbe andare incontro.

Può interessarti anche: Pillola Abortiva: vantaggi, svantaggi, controindicazioni

Controindicazioni

Quando NON usare la pillola abortiva

Il mifepristone contenuto nella pillola abortiva NON deve essere utilizzato in tutti i seguenti casi:

  • Allergia nota allo stesso mifepristone e/o a uno o più degli eccipienti contenuti nel medicinale;
  • Nelle pazienti che soffrono di insufficienza surrenalica;
  • Nelle pazienti con porfiria ereditaria;
  • Nelle donne che soffrono di asma in forma severa che non può essere adeguatamente trattata con i farmaci.

Oltre a ciò, vi sono controindicazioni specifiche a seconda di quando l'interruzione di gravidanza viene effettuata.

Più nel dettaglio, per l'interruzione di gravidanza fino al 63esimo giorno dopo l'ultimo ciclo mestruale, la pillola abortiva non è indicata anche nei seguenti casi:

  • Gravidanza non confermata da esami di laboratorio o da ecografia;
  • Nei casi in cui vi sia il sospetto di una gravidanza ectopica, cioè extrauterina;
  • Se la paziente, per un qualsiasi motivo, non può assumere l'analogo prostaglandinico prescelto dopo l'assunzione della pillola abortiva.
  • Se il primo giorno dell'ultimo ciclo mestruale risale a più di 63 giorni.

Nel caso in cui l'interruzione di gravidanza venga fatta oltre il terzo mese di gestazione, invece, l'utilizzo del mifepristone, quindi della pillola abortiva, risulta controindicato quando:

  • La paziente non può assumere l'analogo prostaglandinico prescelto.

NOTA BENE

In questo articolo si è cercato di fornire una panoramica generale in merito alle principali caratteristiche della pillola abortiva. Informazioni più specifiche e dettagliate verranno comunque fornite dal medico durante l'incontro che avviene nel momento in cui la donna richiede l'aborto volontario, o comunque nel momento in cui si rende necessario procedere con l'interruzione di gravidanza.

Possono interessarti anche: Aborto Volontario - Interruzione Volontaria di Gravidanza: cosa c'è da sapere? Aborto Farmacologico: cos'è, come si fa, sicurezza Aborto Terapeutico: cos'è, quando si pratica, rischi

Autore

Dott.ssa Ilaria Randi

Dott.ssa Ilaria Randi

Chimica e Tecnologa Farmaceutica
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista