Lavarsi i Denti: Qual è il Momento Migliore, Prima o Dopo Colazione?

Lavarsi i Denti: Qual è il Momento Migliore, Prima o Dopo Colazione?
Ultima modifica 19.05.2021
INDICE
  1. Perché lavarsi i denti prima di aver fatto colazione
  2. Perché lavarsi i denti dopo aver fatto colazione
  3. Per chi non fa colazione

Lavarsi i denti è fondamentale per mantenere una buona igiene orale. La frequenza minima è due volte al giorno, ma l'ideale sarebbe farlo dopo ogni pasto.

Il primo lavaggio giornaliero avviene di norma la mattina, quando ognuno compie questo gesto come meglio crede.

C'è chi lo fa subito appena sveglio, prima di fare qualunque altra cosa, e chi invece lascia passare un po' di tempo e si pulisce i denti dopo colazione.

Le persone che scelgono la prima opzione solitamente sono spinte dalla voglia di scrollarsi di dosso il torpore della notte e di percepire subito il proprio alito più fresco, coloro che invece preferiscono attendere di aver terminato il primo pasto della giornata portano come argomentazione l'idea che il cibo ingerito sporcherebbe nuovamente i denti appena puliti.

Le due teorie sono ugualmente valide, ma esistono i pro e i contro di entrambe le scelte.

Perché lavarsi i denti prima di aver fatto colazione

Individuare in modo assoluto un momento migliore di un altro per lavarsi i denti la mattina è difficile, l'importante è ricordarsi di farlo.

Nonostante la maggior parte dei dentisti concordi sul fatto che l'igiene del cavo orale debba avvenire dopo ogni pasto, la colazione merita riflessioni a parte.

Sembra, infatti, che nella maggior parte delle circostanze sia molto meglio farla dopo essersi lavati i denti e non prima. Questo perché la bocca è l'ambiente ideale per il proliferare dei batteri, soprattutto durante le 7-8 ore di sonno, passate senza bere e con la salivazione naturalmente ridotta, ed è quindi importante pulirla quanto prima e spazzarli via il più velocemente possibile.

Inoltre, in molti casi durante la colazione si consumano liquidi che contengono sostanze acide come succo di limone, spremute di arancia o pompelmo o bevande energizzanti.

Tali elementi aggrediscono e ammorbidiscono lo smalto dei denti e spazzolarli nella mezz'ora successiva alla loro assunzione potrebbe indebolirli. Questo meccanismo di causa effetto naturalmente vale in ogni momento della giornata e a seguito di qualunque pasto, ma può essere più acuto dopo la colazione perché è in quel frangete che solitamente si concentra l'assunzione di bevande acide.

Chi ama bere una buona spremuta la mattina, tuttavia, non deve rinunciare a questo piacere. Il consiglio è invece di lavare prima i denti ed eseguire un semplice sciacquo con acqua, successivamente, per eliminare le scorie della colazione e ripristinare rapidamente il corretto pH della bocca.

Un alleato prezioso: la saliva

Inoltre, il nostro organismo è dotato di un partner naturale molto efficace per quanto riguarda la pulizia del cavo orale, che aiuta a mantenere il ph nella norma e a combattere gli effetti nocivi di acidi e zuccheri: la saliva. Attenzione però, se a seguito dell'assunzione di alcuni farmaci o a causa di altri fattori capita di avvertire secchezza alla gola o all'interno della bocca, il livello di questa copertura potrebbe essere inferiore.

In tal caso meglio lavare i denti subito dopo il risveglio per inumidire la bocca e iniziare il processo di salivazione.

Perché lavarsi i denti dopo aver fatto colazione

Sono diversi però, anche gli studiosi che sostengono che la sequenza migliore per preservare la salute del cavo orale sia sveglia, colazione e lavaggio denti, soprattutto se per il primo pasto della giornata si prediligono dolci e cibi zuccherati in genere.

Spazzolare i denti dopo aver mangiato aiuta infatti a mantenere alto il livello di igiene e basso quello dei microbi normalmente presenti nella zona, e che si alimentano proprio con i residui di cibo rimasti tra i denti se non li si pulisce rapidamente. Lasciare tracce del pasto mattutino consente infatti a zucchero e carboidrati di lavorare indisturbati alla crescita dei batteri.

Inoltre, sciacquarsi la bocca poco prima di uscire di casa è il miglior modo per assicurarsi un alito fresco e profumato più a lungo possibile.

Per chi non fa colazione

Nonostante sia considerato da medici e nutrizionisti il pasto più importante della giornata, molte persone non fanno colazione.

In questo caso se la mattina si deve uscire per andare al lavoro, accompagnare i figli a scuola o svolgere delle commissioni, sarà scontato lavarsi i denti appena svegli.

Chi invece non ha programmi per la mattinata o lavora in smart working potrebbe essere tentato di posticipare il momento della pulizia dei denti a dopo il primo pasto della giornata, che probabilmente coinciderà con il pranzo.

Si tratta però di una prassi sbagliatissima. Durante la notte, anche se si è a riposo, l'organismo non è mai fermo completamente e nella cavità orale si formano diversi batteri.

Eliminarli al mattino con spazzolino e dentifricio è quindi fondamentale, onde evitare di incorrere in carie, alito cattivo o problemi gengivali. Per una pulizia ancora più approfondita sarebbe meglio usare il filo interdentale dopo essersi lavati i denti, per eliminare ogni minimo residuo.