Infezione alla Prostata: Cause, Sintomi e Cura
Ultima modifica 27.01.2021
INDICE
  1. Introduzione
  2. Cos'è
  3. Epidemiologia
  4. Cause
  5. Sintomi e Complicanze
  6. Diagnosi
  7. Terapia e Rimedi
  8. Prevenzione
  9. Prognosi
  10. Altri articoli su 'Infezione alla Prostata e Prostatite'

Introduzione

Tra i disturbi maschili più comuni e spiacevoli, le infezioni alla prostata ricoprono un ruolo di primo piano.
Come suggerisce il nome, questi processi infettivi colpiscono la prostata, organo grosso quanto una noce deputato alla sintesi del liquido prostatico, perciò adibito alla funzione riproduttiva.

Cos'è

Prostatite e Infezione alla Prostata: Cosa sono?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2021/01/26/infezione-alla-prostata-orig.jpeg Shutterstock

La prostatite è un processo infiammatorio della ghiandola prostatica, che può decorrere in forma acuta o cronica.

Nella maggior parte dei casi (90-95% dei casi), le infiammazioni della prostata sono idiopatiche, ossia sono il risultato di cause sconosciute; queste forme di prostatite hanno una natura cronica, sono dette anche prostatiti non-batteriche (o abatteriche) e comprendono quella condizione che un tempo i medici definivano prostatodinia.

Il 5-10% dei restanti casi di prostatite si suddivide tra infiammazioni di natura infettiva – più esattamente batterica – e infiammazioni asintomatiche imputabili, secondo alcune teorie, a uno stile di vita errato (es: fumo e abuso di sostanze alcoliche).

In questo articolo, il tema d'interesse è la prostatite a origine infettiva, in altre parole l'infezione della prostata.

Importante!

Il termine "infezione" per definire l'infiammazione della prostata è corretto soltanto quando la prostatite ha una natura infettiva.

Per approfondire: Prostatite

Epidemiologia

Prostatite e Infezione della Prostata: quanto sono comuni e chi colpiscono?

La prostatite è un disturbo abbastanza comune; ecco di seguito alcuni dati epidemiologici che delineano la diffusione dell'infiammazione nella popolazione maschile.

  • La prostatite registra una misura di prevalenza del 5-9%.
  • Secondo uno studio pubblicato sull'International Journal of Antimicrobial Agents, la prostatite avrebbe un'incidenza annuale di 5 casi circa ogni 1.000 uomini.
  • Il 25% dei pazienti che soffrono di disturbi genito-urinari è affetto anche da una forma di infiammazione della prostata.
  • Le prostatiti croniche non-batteriche coprono il 90-95% delle diagnosi di infiammazione della prostata, risultando essere le forme in assolute più diffuse.
  • Le infezioni alla prostata, acute o croniche, rappresentano un esiguo 2-5% delle diagnosi di prostatite; questo vuol dire che le infiammazioni della prostata di natura infettiva non sono poi così diffuse.
  • La prostatite può colpire uomini di ogni età; occorre, tuttavia, segnalare che la forma infettiva (infezione alla prostata) è più diffusa tra i soggetti sotto i 35 anni, mentre la forma non-batterica cronica è di più facile riscontro tra gli over-50.

Cause

Infezione alla Prostata: le Cause

L'infezione alla prostata è dovuta all'azione di batteri patogeni che contaminano la ghiandola prostatica, infiammandola.

La contaminazione batterica della prostata può avvenire in vari modi:

  • Può dipendere da batteri che, penetrati in uretra, sono risaliti fino alla prostata, infettandola (contaminazione ascendente).
    Questa situazione si verifica tipicamente dopo rapporti sessuali, più spesso di tipo anale, con partner affetti da una qualche infezione a trasmissione sessuale di tipo batterico (es: clamidia e gonorrea).
  • Può scaturire da batteri colonizzatori dell'intestino retto (es: Escherichia coli) i quali, per particolari condizioni di salute, sono riusciti a espandersi al fuori della loro sede canonica e raggiungere la vicina prostata, o per via diretta o per via linfatica.
    Una condizione che può dare il via al fenomeno sopra descritto è la lesione intestinale.
  • Infine, può rappresentare una complicanza di infezioni batteriche a carico di un organo delle vie urinarie, quale per esempio la vescica (cistite) o l'uretra (uretrite).
    In tali circostanze, si verifica una propagazione batterica dall'organo urinario infetto verso la prostata; è da segnalare che il passaggio dell'infezione alla ghiandola prostatica può avvenire per via diretta o per via ematica.

Cause Infezione alla Prostata: i Batteri maggiormente coinvolti

I batteri maggiormente coinvolti nelle infezioni della prostata sono:

Infezione alla Prostata: i Fattori di Rischio

Le infezioni alla prostata risultano più comuni in alcuni uomini piuttosto che in altri: gli immunocompromessi e i soggetti con patologie del sistema nervoso sembrano essere più a rischio; inoltre, è da segnalare che sono comprovati fattori predisponenti condizioni come l'AIDS, l'uso del catetere urinario, la disidratazione, la promiscuità sessuale, lo stress prolungato, i traumi importanti alla zona perineale, la fimosi, l'orchite, la prostata ingrossata (o ipertrofia prostatica benigna), le procedure di biopsia della prostata e una storia clinica caratterizzata da ricorrenti infezioni prostatiche.

Sintomi e Complicanze

Come si manifesta l’Infezione alla Prostata: i Sintomi

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2021/01/26/infezione-alla-prostata-sintomi-orig.jpeg Shutterstock

I sintomi che contraddistinguono le infezioni alla prostata variano in funzione dell'agente eziologico responsabile della patologia; allo stesso modo, anche l'intensità dei prodromi (cioè i sintomi che precedono le manifestazione classiche) è fortemente dipendente dal patogeno coinvolto, oltre che dallo stato di salute generale del paziente e dall'età.

I sintomi e i segni che accomunano la maggior parte delle infezioni prostatiche sono:

Inoltre, è da segnalare che, non di rado, in presenza di infezioni alla prostata, la ghiandola prostatica risulta essere, all'esame palpatorio, ingrossata, calda, soffice e di consistenza nodulare.

Per approfondire: Sintomi Prostatite

Infezioni alla Prostata: le Complicazioni

L'infezione alla prostata rappresenta una condizione d'emergenza, che se non trattata o trattata in ritardo può comportare importanti complicazioni.
Tra le potenziali complicanze delle infezioni prostatiche non curate, o curate tardivamente, si segnalano:

  • La cronicizzazione dell'infiammazione a livello prostatico;
  • La trasmissione dell'infezione batterica a organi e tessuti limitrofi (es: testicoli) e lo sviluppo di condizioni, quali epididimite, orchite ecc.;
  • Il passaggio dell'infezione batterica al sangue, con conseguente sviluppo di batteriemia o, nei casi più sfortunati, di sepsi;
  • La formazione di un ascesso prostatico (un ascesso è una raccolta circoscritta di pus);
  • L'incapacità di urinare.

Non esistono evidenze scientifiche a supporto della tesi secondo cui la prostatite di origine batterica favorirebbe lo sviluppo di una qualche neoplasia a carico della prostata.

Diagnosi

Infezione alla Prostata: come riconoscerla?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2021/01/26/infezione-alla-prostata-diagnosi-orig.jpeg Shutterstock

La diagnosi precoce costituisce la premessa ideale per minimizzare il rischio di complicanze: difatti, è importante rivolgersi al medico fin dai primissimi sintomi, senza esitare o temporeggiare.

Prima di visitare il paziente, il medico (un urologo o un andrologo) si informa sui sintomi presenti e in merito alla storia clinica (stato generale di salute, abitudini di vita, farmaci assunti ecc.).

Successivamente, passa all'esame fisico (o esame obiettivo), il quale, nel caso specifico, prevede la visita dei genitali, la palpazione dell'addome e dei linfonodi inguinali, e l'esplorazione rettale digitale, un test – quest'ultimo – indispensabile per stabilire le condizioni della prostata (infiammazione, consistenza, dimensioni ecc.).

Concluso l'esame fisico, prescrive una serie di test di laboratorio fondamentali per la ricerca microbiologica, tra cui l'esame del sangue, l'esame delle urine, l'analisi di un campione di liquido prostatico, la spermiocoltura e il tampone uretrale; inoltre, sempre a questo punto della diagnosi, potrebbe ritenere necessarie anche altre indagini, come per esempio l'esame urodinamico, l'ecografia prostatica transrettale e la cistoscopia.

Terapia e Rimedi

Infezione alla Prostata: Come si Cura?

Poiché sono dovute a batteri, le infezioni della prostata necessitano di una terapia antibiotica.

Dato che la prostata è scarsamente sensibile all'azione degli antibiotici, il trattamento a base di questi farmaci deve protrarsi per diverse settimane affinché produca gli effetti sperati (ossia determini l'eliminazione, dall'organismo, dell'agente infettivo scatenante).

Un aspetto molto importante della terapia antibiotica per le infezioni prostatiche è non interrompere le assunzioni al primo miglioramento della sintomatologia, ma continuarle fino a quando indicato dal medico curante; solo così, infatti, è possibile guarire senza il rischio di ricadute e nel minor tempo.

Infezione alla Prostata: Quali Antibiotici servono?

Per il trattamento delle infezioni alla prostata occorrono antibiotici in grado di penetrare la capsula prostatica, il caratteristico involucro di tessuto connettivo che avvolge la ghiandola.

Tra gli antibiotici con la suddetta proprietà (quindi adatti alla cura delle infezioni prostatiche), figurano:

Il medico sceglie l'antibiotico da somministrare al paziente in base all'agente infettivo responsabile dell'infezione: chiaramente, opta per quello che più adatto all'eliminazione del batterio causa dell'infezione.

Per approfondire: Farmaci per la Cura della Prostatite

Infezione alla Prostata: Durata Terapia Antibiotica

La durata della terapia antibiotica varia a seconda che l'infezione prostatica sia acuta o cronica:

  • In caso di infezioni acute, il trattamento antibiotico dura sicuramente più di 2-3 settimane; talvolta, si prolunga fino a 6 settimane.
  • In caso di infezioni croniche, invece, può durare da un minimo di 6 settimane a un massimo di anche 5-6 mesi (chiaramente, quando le tempistiche sono così lunghe, sono previsti cicli di trattamento alternati a brevi interruzioni).

Complicanze Infezione alla Prostata: la Cura

  • La formazione di un ascesso prostatico impone il ricorso alla chirurgia per drenare il pus.
  • La batteriemia e la sepsi richiedono una cura antibiotica ulteriore, da aggiungersi a quella contro i patogeni responsabili della prostatite acuta, e da eseguirsi in ambito ospedaliero sotto la stretta osservazione di un medico; batteriemia e sepsi, infatti, rappresentano due emergenze sanitarie che richiedono l'intervento immediato di personale specifico esperto in materia.
  • Infine, l'incapacità di urinare costringe i pazienti a ricorrere all'uso del catetere vescicale, per svuotare la vescica.

Cura Infezione alla Prostata: altri Farmaci

Per mitigare la sintomatologia connessa a un'infezione della prostata, il medico curante potrebbe prescrivere un FANS (Farmaco Antinfiammatorio Non-Steroideo) contro il dolore e/o un alfa-bloccante per rilassare la muscolatura liscia di vescica e prostata, e in questo modo agire contro il disturbi urinari.

Cura Infezione alla Prostata: Stile di Vita, Dieta e altri Rimedi

In presenza di infezioni alla prostata, specialmente nel caso delle forme acute, i medici raccomandano ai pazienti di bere molta acqua (per favorire l'eliminazione dei batteri e recuperare i liquidi persi per la febbre) e astenersi dalla pratica sessuale (N.B: anche il partner dovrebbe seguire la medesima terapia antibiotica).

Inoltre, ritengono sia utile ad alleviare/contenere la sintomatologia:

  • L'utilizzo di un cuscino per sedersi (l'ideale sarebbe un cuscino a ciambella);
  • L'eliminazione temporanea dalla dieta di sostanze come il caffè, l'alcol e le spezie (in quanto considerate "irritanti");
  • I bagni caldi;
  • L'astensione temporanea del ciclismo a qualunque livello di intensità (quindi anche la semplice biciclettata per il centro urbano), in quanto sedersi sulla sella della bici comporta una pressione ai danni della prostata.
Per approfondire: Dieta e Prostatite

Prevenzione

Come Prevenire le Infezioni alla Prostata?

Per prevenire l'infezione alla prostata, i medici raccomandano di:

  • Praticare un'attività sana e sicura;
  • Assumere liquidi (acqua, più nello specifico) in quantità adeguate alle esigenze dell'organismo;
  • Curare con attenzione l'igiene intima;
  • Evitare le attività che possono determinare gravi traumi perineali. Tra queste attività figurano anche alcuni sport, come per esempio il ciclismo e l'equitazione;
  • Trattare tempestivamente le infezioni alle vie urinari;
  • Adottare una dieta sana, ricca di fibra (quindi che includa frutta e verdura). Tale raccomandazione trova giustificazione nel fatto che la stitichezza induce l'eccessiva permanenza a livello intestinale di batteri capaci di diffondere fino alla ghiandola prostatica e successivamente infettarla.

Prognosi

Infezione alla Prostata: si può Guarire?

La prognosi in caso di infezione alla prostata dipende dalla tempestività della diagnosi e dall'adeguatezza del trattamento.

L'identificazione tempestiva della condizione e il suo trattamento immediato e adeguato sono associati a una buona probabilità di risoluzione positiva dello stato infiammatorio; al contrario, l'individuazione tardiva della malattia e/o una trascuratezza nel trattamento tendono ad avere, per conseguenze, la cronicizzazione dell'infezione prostatica, la batteriemia, l'aumento del rischio di ricadute e le altre complicanze di cui si è parlato.

Altri articoli su 'Infezione alla Prostata e Prostatite'

  1. Prostatite;
  2. Prostatite cronica, prostatite non batterica;
  3. Infiammazione della prostata;
  4. Farmaci per la cura della prostatite;
  5. Prostatite - Erboristeria.

Autore

Antonio Griguolo
Laureato in Scienze Biomolecolari e Cellulari, ha conseguito un Master specialistico in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza