Erisipela
Ultima modifica 01.02.2022
INDICE
  1. Cos’è
  2. Cause e Fattori di Rischio
  3. Sintomi e Complicanze
  4. Diagnosi
  5. Trattamento

Cos’è

Erisipela: Cos’è?

L'erisipela è un'infezione acuta della pelle, ad eziologia batterica, caratterizzata da un interessamento dei vasi linfatici. Questa forma di cellulite superficiale è provocata, nella maggior parte dei casi, da streptococchi β-emolitici di gruppo A. L'erisipela coinvolge gli arti inferiori nell'80% dei pazienti; il viso è più spesso colpito nel resto dei casi.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2022/02/01/erisipela-orig.jpeg Shutterstock

Cosa Significa “Erisipela”?

"Erisipela" è un termine medico che identifica un'infezione acuta della pelle, con evidente coinvolgimento del derma, degli strati superficiali dell'ipoderma e dei vasi linfatici: l'erisipela è generata da un'infiltrazione batterica responsabile della macerazione progressiva della cute, a sua volta favorita da microlesioni a livello della pelle.

Cause e Fattori di Rischio

Quali Sono le Cause dell’Erisipela?

L'erisipela è un'infezione della pelle che coinvolge il derma superiore che si estende tipicamente nei linfatici cutanei superficiali. Le sedi più comunemente colpite da erisipela sono le gambe, le braccia e il viso.

Gli streptococchi di gruppo A (Streptococcus pyogenes incluso) causa la maggior parte delle infezioni facciali; sebbene possa anche causare erisipela alle gambe, una percentuale crescente di infezioni agli arti inferiori è ora causata da streptococchi non di gruppo A.  Le tossine streptococciche è probabile che contribuiscano alla vivace infiammazione tipica di questa infezione. 

L'erisipela nei neonati è spesso causata da streptococchi di gruppo B.

Altri batteri potenzialmente implicati sono anche: Staphylococcus aureus (il cui ruolo rimane tutt'ora controverso), Haemophilus influenzae, Escherichia coli e Klebsiella pneumoniae.

Il germe in causa riesce a penetrare attraverso piccole ferite, graffi, punture d'insetto o zone di macerazione della pelle (es. regioni genitali o interdigitali).

I pazienti spesso non riescono a ricordare un evento scatenante, ma può essere evocato un pregresso trauma o una faringite recente.

Erisipela: Fisiopatologia

L'inoculazione batterica in un'area di trauma cutaneo è l'evento iniziale nello sviluppo dell'erisipela. 

Pertanto, fattori locali, come:

sono stati implicati come portali di ingresso. 

Nell'erisipela facciale, la fonte dei batteri è spesso il rinofaringe dell'ospite e fino ad un terzo dei casi è stata segnalata un'anamnesi di faringite streptococcica recente.

Nell'erisipela, l'infezione invade rapidamente e si diffonde attraverso i vasi linfatici. Questo può produrre "striature" della pelle sovrastante e gonfiore e tenerezza dei linfonodi regionali. 

L'immunità non si sviluppa nei confronti dell'organismo causale.

Il linfedema preesistente è un chiaro fattore di rischio per l'erisipela.

Erisipela: Chi è più Colpito?

Casi di erisipela sono stati segnalati in tutte le fasce d'età, ma sembra che i neonati, i bambini piccoli e gli anziani siano più comunemente colpiti. Il picco di incidenza è stato riportato in pazienti di età compresa tra 60 e 80 anni.

Si ritiene che l'esordio dell'erisipela e la sua successiva degenerazione siano favoriti da alcuni fattori di rischio tra cui: insufficienza venosa profonda, linfedema a livello delle gambe, immunocompromessione (compresi i pazienti diabetici, alcolisti o che hanno contratto HIV) e problemi di drenaggio linfatico (es. dopo mastectomia, chirurgia pelvica, bypass).

Le comorbidità associate all'erisipela includono diabete mellito, ipertensione, insufficienza venosa cronica e altre malattie cardiovascolari.

Sintomi e Complicanze

Erisipela Sintomi: Come si Manifesta?

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2022/02/01/sintomi-erisipela-orig.jpeg Shutterstock

L'erisipela esordisce in modo brusco con sintomi sistemici, di solito entro 48 ore dal coinvolgimento cutaneo, come:

A questi sintomi prodromici, seguono le vere e proprie manifestazioni cliniche della malattia. Sulla pelle, l'erisipela inizia come una piccola macchia eritematosa che progredisce in una placca rosso fuoco, indurita, tesa e lucida.

La lesione presenta classicamente un bordo nettamente rialzato con brusca demarcazione dalla pelle sana e con margini in avanzamento, spesso indicato come segno del gradino. Ciò è in opposizione al coinvolgimento leggermente più profondo osservato nella cellulite, in cui le lesioni si presentano con edema limitato e bordi meno ben definiti.

Per approfondire: Sintomi Erisipela

Il margine ben definito, nettamente delimitato, delle lesioni da erisipela può aiutare a differenziarla da altre infezioni della pelle.

La superficie della pelle nella zona colpita appare edematosa (gonfia), tesa, calda e dolente al tatto. Questi segni locali di infiammazione sono caratteristici di quest'infezione, ma possono mancare nel contesto dell'immunosoppressione.

I responsabili di queste manifestazioni sono per lo più gli streptococchi che, una volta penetrati attraverso le piccole ferite della cute, raggiungono i vasi linfatici dove provocano essudazione ed infiammazione, intaccando anche le ghiandole linfatiche circostanti (es. le ghiandole linfatiche inguinali sono potenziali target dell'erisipela, soprattutto quando l'infezione colpisce gli arti inferiori).

Infezioni più gravi possono presentare numerose vescicole e bolle, insieme a petecchie e persino necrosi franca. Con il trattamento, la lesione spesso si desquama e può risolversi con alterazioni della pigmentazione che possono o non possono risolversi nel tempo.

Il coinvolgimento linfatico si manifesta spesso con striature cutanee sovrastanti e linfoadenopatie regionali. L'eritema è irregolare, con estensioni che possono seguire i canali linfatici (linfangite).

L'erisipela può assumere un carattere recidivante e determinare un linfedema cronico.

Erisipela del Viso

A livello del viso, l'erisipela infetta il naso, le guance e le palpebre, causando edema palpebrale, bolle e possibile secrezione congiuntivale.

Possibili Complicanze

Fortunatamente, le complicanze gravi dell'erisipela sono rare, seppur possibili: le più comuni includono ascessi, cancrena e tromboflebite.

Meno comuni (< 1%) sono glomerulonefrite acuta, endocardite, setticemia e sindrome da shock tossico da streptococco. Sicuramente, la complicanza più severa dell'erisipela è la fascite necrotizzante (rara flogosi batterica dello strato profondo cutaneo e sottocutaneo).

In altri casi, l'erisipela potrebbe evolvere in edema cronico o polmonite secondaria (evento estremamente raro).  Quando i batteri entrano all'interno del circolo sanguigno, potrebbero generare una grave sepsi (batteriemia), dovuta alla colonizzazione streptococcica nel sangue ed alla proliferazione delle tossine degli stessi.

Tra le altre complicanze dell'erisipela si ricordano: borsite, osteite, artrite, tendinite osteiti e trombosi dei seni venosi.

Erisipela: A Cosa Prestare Attenzione

I pazienti devono consultare il medico di base se manifestano un aumento del dolore, febbre e brividi, arrossamento o altri nuovi sintomi.

La recidiva locale è stata segnalata fino al 20% dei pazienti con condizioni predisponenti e questo può portare a sequele deturpanti e invalidanti, come l'elefantiasi nostras verrucosa. Questa condizione cronica verrucosa ed edematosa è causata dalla distruzione linfatica causata da infezioni ripetute.

Sebbene generalmente trattata facilmente e con successo con antibiotici per via orale, con un tasso di mortalità inferiore all'1% nei casi trattati, l'erisipela può essere fatale se associata a batteriemia in pazienti molto giovani, anziani o immunocompromessi.

Diagnosi

Generalmente, per diagnosticare l'erisipela, il medico si avvale del semplice esame obiettivo (diagnosi clinica); per un'ulteriore conferma diagnostica, sono utili alcuni indicatori d'infiammazione batterica (es. procalcitonina), sebbene l'isolamento del battere patogeno, talvolta, non sia così semplice.

L'erisipela del viso deve essere differenziata dall'herpes zoster e dalla dermatite da contatto, mentre quella delle braccia da forme erisipeloidi.

Quali Esami Servono per la Diagnosi di Erisipela?

Nell'erisipela classica, non è richiesta alcuna analisi di laboratorio per la diagnosi o il trattamento. Tuttavia, sono comuni leucocitosi e aumenti della velocità di eritrosedimentazione (VES) e della proteina C-reattiva (CRP). Le emocolture di routine e i tessuti non sono convenienti, perché hanno una resa estremamente bassa e i risultati hanno un impatto minimo sulla gestione.

Gli studi di imaging non sono generalmente indicati e sono di bassa resa. La risonanza magnetica (MRI) e la scintigrafia ossea sono utili quando si sospetta un coinvolgimento osteoarticolare precoce. In questo contesto, i risultati radiografici standard, in genere, sono normali.

Trattamento

Il trattamento prevede solitamente riposo, antibiotici e impacchi freddi per alleviare il fastidio locale.

Erisipela: Cosa Fare

Sebbene la maggior parte dei casi di erisipela si risolva senza sequele dopo un'appropriata terapia antibiotica, un trattamento tempestivo è fondamentale a causa della progressione potenzialmente rapida. 

Oltre alla somministrazione di antibiotici, la cura del paziente include quanto segue:

  • Trattamento sintomatico di dolori e febbre
  • Idratazione (assunzione orale, se possibile)
  • Impacchi freddi (4 volte al giorno per 48 ore, salvo diversa indicazione)
  • Elevazione e resto dell'arto interessato: consigliato per ridurre gonfiore, infiammazione e dolore locali
  • Medicazioni umide saline: devono essere applicate su lesioni ulcerate e necrotiche e sostituite ogni 2-12 ore, a seconda della gravità dell'infezione

Farmaci per Curare l’Erisipela

La terapia d'urto utile a combattere l'infezione batterica si basa sulla somministrazione di antibiotici, una volta isolato il ceppo batterico responsabile.

Generalmente, i miglioramenti sono pressoché immediati: il batterio responsabile viene debellato, così il paziente guarisce dall'erisipela entro pochi giorni. La durata totale del trattamento dovrebbe essere di 10-14 giorni, comunque fino alla completa risoluzione.
Possibili le recidive dell'erisipela: in simili frangenti, è consigliabile tener sotto controllo il paziente, al quale vengono, in genere, prescritte specialità farmaceutiche specifiche per la profilassi delle recidive (es. erisipela micotica).

Per approfondire: Farmaci per la cura dell'Erisipela

Prognosi

La prognosi per i pazienti con erisipela è eccellente. Le complicanze dell'infezione di solito non sono pericolose per la vita e la maggior parte dei casi si risolve dopo la terapia antibiotica senza conseguenze. In qualche caso, la malattia può risolversi spontaneamente, senza trattamento.

Prosegui con la lettura di: Vibrio vulnificus – Infezione da Batteri Mangia Carne

Autore

Giulia Bertelli
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici