EFT: che cos'è, come funziona e benefici dell'Emotional Freedom Techniques

EFT: che cos'è, come funziona e benefici dell'Emotional Freedom Techniques
Ultima modifica 27.11.2020
INDICE
  1. EFT: cos'è
  2. Di che cosa si tratta
  3. ETF: come funziona l'Emotional Freedom Techniques
  4. Come eseguire l'EFT
  5. Le 4 fasi dell'EFT
  6. Quando viene usato

EFT: cos'è

L'EFT è una tecnica particolare e chi se ne avvale sostiene che porti molti benefici. L'EFT, acronimo per Emotional Freedom Technicques, è considerato da chi lo pratica un metodo di auto-guarigione che si basa su un semplice "tamburellamento" delle dita in punti precisi del corpo.

Di che cosa si tratta

EFT è l'acronimo di Emotional Freedom Techniques, ossia Tecniche per la Libertà Emotiva. Si tratta di un metodo di auto-guarigione ispirato ai principi della Medicina Tradizionale Cinese o MTC.

La MTC sostiene che il corpo sia attraverso dai meridiani: percorsi o canali energetici all'interno dei quali scorre l'energia vitale, il Qi. Se l'energia è libera di fluire liberamente all'interno dei canali e dell'organismo, la persona è in salute e non ha particolari problemi. Quando, invece, subentrano dei blocchi nel fluire dell'energia e degli squilibri nel sistema energetico, compaiono disturbi fisici o problemi emozionali. In questo caso, bisogna intervenire rimuovendo gli ostacoli, così che il Qi torni a scorrere nuovamente in maniera libera.

In che modo? Intervenendo su determinati punti situati lungo i meridiani energetici. Ebbene l'EFT agisce proprio eliminando questi blocchi.

ETF: come funziona l'Emotional Freedom Techniques

L'EFT stimola i meridiani in determinati punti allo scopo di permettere all'energia vitale di avanzare senza impedimenti. È lo stesso principio di funzionamento dell'agopuntura, solo che in questo caso non si utilizzano gli agi bensì le dita.

In pratica, bisogna picchiettare i punti lungo i meridiani con l'estremità di indice, anulare e medio, preferibilmente utilizzando la mano dominante e continuando per alcuni secondi. Così facendo si risolve lo squilibrio energetico che sta causando emozioni negative o disturbi fisici. Infatti, il ticchettio delle dita sui punti energetici risolve i blocchi e gli squilibri, permettendo all'energia vitale di fluire liberamente, con il risultato di migliorare lo stato psicofisico.

 

Se nell'agopuntura è l'operatore che applica gli aghi, nell'EFT è quasi sempre la persona stessa a eseguire il trattamento, dopo aver seguito un corso per imparare come fare. Ecco perché si parla di auto-terapia. In genere, per imparare la tecnica bisogna seguire un corso di tre giorni.

Come eseguire l'EFT

Secondo chi pratica l'EFT perché questo sia realmente efficace, il picchiettamento non deve essere fine a se stesso. Occorrerebbe sempre associarlo a un cambio di atteggiamento mentale.

Mentre stimola i punti energetici, dunque, la persona deve focalizzarsi sul suo disagio, senza distrarsi. Per esempio, se ha problemi alla schiena non deve cercare di non pensarci, come si tende a fare normalmente. Al contrario, deve rimanere concentrata sulla sensazione dolorosa. Talvolta, è opportuno anche ripetere affermazioni positive di autoaccettazione, come "Anche se ho questo forte mal di schiena mi accetto" oppure "Anche se ho mal di schiena, mi amo".

 

La tecnica EFT consente di fare chiarezza dentro di sé e di riequilibrare le reazioni del corpo e le emozioni. Dopo che l'ha praticata, la persona si sente sollevata, a tutti i livelli e sotto tutti i punti di vista. Una volta che ha fatto pratica e interiorizzato il metodo, può usarlo ogni qualvolta ne ha bisogno, per esempio prima di fare un discorso importante o se avverte dei disturbi particolari. 

Le 4 fasi dell'EFT

L'EFT si svolge in quattro fasi. 

  1. Il Set-up. È la preparazione del sistema energetico. La persona pronuncia una frase di accettazione, come "Mi amo e mi accetto anche se ho questo problema", mentre si picchietta il centro della parte esterna della mano (fra polso e base del mignolo).
  2. La Sequenza. Si picchietta sui punti selezionati e contemporaneamente si pronunciano frasi che descrivano il disagio che si sta trattando.
  3. La Procedura 9 Gamma. Consiste nel picchiettare un punto specifico (sul dorso della mano) mentre si eseguono nove esercizi oculari e di riequilibrio degli emisferi cerebrali.
  4. La Sequenza. Si ripete nuovamente la seconda fase.

 

Quando si acquisisce dimestichezza con la tecnica, non è più necessario ripetere tutte le quattro fasi in sequenza. Il tutto avverrà in maniera più fluida e naturale, meno schematica.

Quando viene usato

  • Disagi emotivi
  • Ansia
  • Depressione
  • Convinzioni limitanti
  • Sofferenza psicologica in generale
  • Allergie
  • Intolleranze alimentari
  • Forti dipendenze
  • Dolori di varia natura

 

Quelle appena elencate sono solo alcune delle problematiche che è possibile superare o quantomeno migliorare con il ricorso all'EFT. Questo metodo, infatti, ha numerosi campi di applicazione. Inizialmente era utilizzato soprattutto per aiutare le persone che soffrivano di fobie di vario tipo, ma nel tempo ci si è resi conti che può essere utile in tantissime altre situazioni.

I suoi effetti benefici si esplicano a livello sia fisico sia psicologico e, infatti, questa metodica risulta utile per problematiche tanto fisiche quanto emotive. Qualche esempio? Può aiutare a superare stati di tensione, preoccupazioni eccessive, malinconia, scarsa autostima, difficoltà relazionali e altri disagi psicologici. È perfetta, poi, per alleviare dolori e tensioni muscolari e ossei, allergie, dipendenze da sostanze nocive e moltissime altre malattie.