Carvedilolo: A Cosa Serve e Meccanismo d'Azione
Ultima modifica 11.01.2021
INDICE
  1. Generalità
  2. A Cosa Serve
  3. Avvertenze e Precauzioni
  4. Interazioni
  5. Effetti Collaterali
  6. Come Agisce
  7. Dosaggio e Modo d'uso
  8. Gravidanza e Allattamento
  9. Controindicazioni

Generalità

Che cos'è il Carvedilolo e caratteristiche generali

Il carvedilolo è un principio attivo appartenente al gruppo degli alfa- e beta-bloccanti utilizzato nel trattamento di ipertensione e problemi cardiaci di vario tipo.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2021/01/08/carvedilolo---struttura-chimica-orig.jpeg Shutterstock
Carvedilolo - Struttura Chimica

Lo si trova all'interno di diversi medicinali in forma di compresse per uso orale. Per essere dispensati, tali medicinali richiederebbero la presentazione di ricetta medica ripetibile (RR); tuttavia, essendo classificati come farmaci di fascia A, il loro costo può essere rimborsato dal Sistema Sanitario Nazionale (SSN); interamente o parzialmente, a seconda dei casi. Per alcuni medicinali, infatti, potrebbe essere necessario il pagamento di un ticket da parte del paziente.

Esempi di Medicinali contenenti Carvedilolo

  • Acarden®
  • Caravel®
  • Carvedilolo Accord®
  • Carvedilolo Mylan®
  • Carvedilolo Ratiopharm®
  • Carvipress®
  • Colver®
  • Curcix®
  • Dilatrend®
  • Locard®
  • Omeria®
  • Trakor®

A Cosa Serve

Indicazioni Terapeutiche del Carvedilolo: per cosa si usa?

L'uso del carvedilolo è indicato nei seguenti casi:

Avvertenze e Precauzioni

Cosa bisogna sapere prima di assumere il Carvedilolo

Prima di iniziare ad assumere il carvedilolo è necessario informare il medico se ci si trova in una o più delle seguenti condizioni:

Inoltre, è necessario informare il medico se ci si deve sottoporre ad un intervento chirurgico che richiede l'uso di farmaci anestetici (il medico che eseguirà l'intervento e l'anestesista dovranno essere informati dell'eventuale terapia in atto con carvedilolo).

Nota Bene

  • Il carvedilolo non deve essere utilizzato in bambini e adolescenti con meno di 18 anni.
  • Per chi svolge attività sportiva, l'uso del farmaco senza necessità terapeutica costituisce doping e può determinare comunque positività ai test antidoping.
  • Il carvedilolo può causare effetti indesiderati capaci di alterare le capacità di guidare veicoli e utilizzare macchinari (ad esempio, capogiri, stanchezza). Pertanto, si raccomanda di evitare le suddette attività qualora simili effetti dovessero manifestarsi.

Interazioni

Interazioni Farmacologiche fra il Carvedilolo e Altri Farmaci

Prima di iniziare il trattamento a base di carvedilolo è necessario informare il medico - poiché va prestata particolare attenzione - se si stanno assumendo altri farmaci quali:

In qualsiasi caso, prima di iniziare la terapia a base di carvedilolo, è necessario informare il medico se si stanno assumendo, sono stati recentemente assunti o si intende assumere farmaci o prodotti di qualsiasi tipo - anche se non indicati nel soprastante elenco - compresi i medicinali senz'obbligo di prescrizione medica (SOP), i farmaci da banco (OTC), i prodotti erboristici e fitoterapici, ecc.

Per specifiche informazioni sulle interazioni farmacologiche e suoi farmaci da NON utilizzare insieme al carvedilolo, si rimanda all'attenta lettura del foglietto illustrativo del medicinale prescritto dal medico che si deve assumere.

Effetti Collaterali

Quali Effetti Indesiderati può causare il Carvedilolo?

Il carvedilolo, come qualsiasi altro farmaco, può causare diversi effetti indesiderati, anche se non tutti i pazienti li manifestano o li manifestano nello stesso modo. Difatti, ogni persona reagisce in maniera soggettiva alla somministrazione del farmaco manifestando effetti indesiderati diversi per tipo ed intensità, oppure non manifestandoli affatto.

Effetti Indesiderati Molto Comuni e Comuni

Effetti Indesiderati Non Comuni

Effetti Indesiderati Rari

Effetti Indesiderati Molto Rari e a Frequenza Non Nota

Nota: quelli sopra riportati sono alcuni degli effetti indesiderati che potrebbero manifestarsi durante l'assunzione di carvedilolo. Per informazioni più dettagliate in merito ai possibili effetti collaterali di un dato medicinale contenente carvedilolo, leggerne con attenzione il foglietto illustrativo.

Sovradosaggio da Carvedilolo

In caso di assunzione di dosi eccessive di carvedilolo possono manifestarsi:

Pertanto, in caso di sovradosaggio da carvedilolo - accertato o presunto che sia - è necessario contattare immediatamente il medico o rivolgersi al più vicino ospedale.

Come Agisce

Come Funziona il Carvedilolo e con quale Meccanismo d'Azione agisce?

Il carvedilolo è una miscela di due stereoisomeri appartenente al gruppo degli alfa- e beta-bloccanti. Più precisamente, si tratta di un beta-bloccante non selettivo che espleta un'attività vasodilatante mediata principalmente attraverso il blocco selettivo dei recettori adrenergici di tipo alfa-1. Il carvedilolo, inoltre, riduce le resistenze vascolari periferiche mediante vasodilatazione e deprime il sistema renina-angiotensina-aldosterone attraverso l'azione bloccante sui recettori beta.

Non possiede attività simpaticomimetica intrinseca, ma - analogamente al propranololo - è dotato di attività stabilizzante di membrana. Il principio attivo, inoltre, possiede anche proprietà antiossidanti.

Dosaggio e Modo d'uso

Quando e Quanto Carvedilolo assumere

Il carvedilolo è disponibile in forma di compresse per uso orale. Le compresse devono essere assunte con una sufficiente quantità di liquido, indipendentemente dai pasti. Tuttavia, se si soffre di scompenso cardiaco, è bene assumere il carvedilolo durante i pasti in modo da ridurre la manifestazione di effetti indesiderati.

La dose di carvedilolo da assumere verrà stabilita dal medico in funzione della patologia da trattare. Ad ogni modo, in linea generale, il trattamento inizia con una dose bassa che verrà poi gradualmente aumentata dal medico - ad intervalli ben  precisi - fino al raggiungimento della dose ottimale per ciascun paziente.

Pertanto, è importante attenersi alle indicazioni fornite dal medico. In caso di dubbi, rivolgersi nuovamente a questa figura sanitaria e leggere con attenzione il foglietto illustrativo del medicinale da essa prescritto e che si deve assumere.

Dimenticanza di una dose di Carvedilolo

In caso ci si dimentichi di assumere una dose di carvedilolo, NON prendere una dose doppia per compensare la dimenticanza. Contattare il medico e consultare il foglietto illustrativo del medicinale.

Interruzione del Trattamento con Carvedilolo

Il trattamento con carvedilolo non deve essere interrotto bruscamente, soprattutto se si soffre di cardiomiopatia ischemica. L'interruzione del trattamento deve avvenire in maniera graduale, nell'arco di due settimane. Il medico fornirà al paziente tutte le indicazioni necessarie per sospendere in sicurezza la terapia con carvedilolo.

Gravidanza e Allattamento

Il Carvedilolo può essere usato durante la Gestazione e l'Allattamento al Seno?

L'utilizzo del carvedilolo durante la gravidanza non deve essere effettuato a meno che il medico non lo ritenga assolutamente necessario dopo un'attenta valutazione del rapporto fra i benefici attesi per la madre e i potenziali rischi per il feto.

L'uso del principio attivo durante l'allattamento al seno, invece, non è raccomandato.

Controindicazioni

Quando il Carvedilolo NON deve essere usato

L'utilizzo del carvedilolo e dei medicinali che lo contengono è controindicato in tutti i seguenti casi:

  • Allergia nota allo stesso carvedilolo e/o ad uno o più degli eccipienti contenuti nel medicinale che si deve assumere;
  • Pazienti con grave insufficienza cardiaca (classe IV) che richiede la somministrazione di farmaci inotropi per via endovenosa;
  • Pazienti che hanno un blocco atrioventricolare di 2° o 3° grado non trattato con un pacemaker permanente o con sindrome del seno malato;
  • In pazienti che soffrono di bradicardia (< 50 battiti per minuto);
  • Nei pazienti con pressione sanguigna molto bassa (pressione minima inferiore a 85 mmHg);
  • Se si soffre di shock cardiogeno;
  • In pazienti con insufficienza cardiaca instabile o scompensata;
  • Se si hanno problemi respiratori causati da BPCO o si è sofferto in passato di asma o altri problemi respiratori di tipo ostruttivo (broncospasmo);
  • Se si hanno problemi epatici;
  • Nei pazienti con feocromocitoma non trattato;
  • In pazienti con acidosi metabolica;
  • Durante l'allattamento al seno.

NOTA BENE

Nel corso di questo articolo si è cercato di riassumere le principali caratteristiche dei medicinali contenenti carvedilolo. Tuttavia, tali caratteristiche potrebbero variare in funzione del prodotto preso in considerazione. Pertanto, per maggiori e specifiche informazioni su indicazioni, avvertenze e precauzioni per l'uso, interazioni, modo d'uso e posologia, uso in gravidanza e allattamento, effetti indesiderati e controindicazioni di un dato medicinale contenente carvedilolo, si rimanda nuovamente all'attenta lettura del foglietto illustrativo del medicinale stesso.

In caso di dubbi, consultare il medico o chiedere aiuto al farmacista.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista