Anticorpi Monoclonali: Possibile Terapia per COVID-19?

Anticorpi Monoclonali: Possibile Terapia per COVID-19?
Ultima modifica 27.10.2020
INDICE
  1. Cosa Sono
  2. Come Funzionano
  3. Anticorpi Monoclonali vs COVID-19
  4. Limiti ed Effetti Collaterali

Cosa Sono

Cosa sono gli Anticorpi Monoclonali?

Gli anticorpi monoclonali - in inglese, Monoclonal Antibodies o MAb - si possono definire come una particolare tipologia di anticorpi prodotti a partire da un unico tipo di cellula immunitaria.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2020/10/27/anticorpi-monoclonali-orig.jpeg Shutterstock

Molto utilizzati in campo medico, sia per fini diagnostici che per fini terapeutici, gli anticorpi monoclonali suscitano interesse anche nell'ambito delle possibili strategie terapeutiche della sindrome respiratoria nota come COVID-19 causata dall'infezione sostenuta dal nuovo Coronavirus, più propriamente detto SARS-CoV-2.

Un passo indietro per capire: Cosa sono gli Anticorpi?

Gli anticorpi sono glicoproteine prodotte dai linfociti B (cellule appartenenti al nostro sistema immunitario) in risposta ad infezioni di vario tipo. Gli anticorpi sono capaci di legarsi ad agenti patogeni come virus e batteri, o comunque ad agenti riconosciuti come estranei e potenzialmente pericolosi, dando inizio alla risposta immunitaria che dovrebbe portare alla loro eliminazione dall'organismo.

Per approfondire: Immunoglobuline - Anticorpi

Come Funzionano

Con quale Meccanismo d'Azione agiscono gli Anticorpi Monoclonali?

Gli anticorpi monoclonali agiscono con lo stesso meccanismo d'azione degli anticorpi naturalmente prodotti dai linfociti B del nostro organismo, ossia sono in grado di riconoscere e legarsi a specifici antigeni* presenti sull'agente ritenuto estraneo e pericoloso che è necessario eliminare (*un antigene è una qualsiasi sostanza - proteica, lipidica, polisaccaridica, ecc. - che può essere specificatamente riconosciuta dal sistema immunitario; può provenire dall'ambiente esterno, oppure formarsi all'interno del corpo).

L'anticorpo monoclonale viene sintetizzato in modo tale che sia capace di legarsi in maniera altamente specifica e selettiva con un antigene ben preciso, allo scopo di favorire una marcata ed efficace risposta immunitaria nei confronti di quell'agente definito come target della terapia (può trattarsi di virus, batteri, tossine, proteine, cellule maligne, ecc.).

Per maggiori informazioni: Anticorpi Monoclonali: Cosa Sono e Utilizzi

Anticorpi Monoclonali vs COVID-19

Gli Anticorpi Monoclonali possono essere usati contro la COVID-19?

Nell'attuale contesto di emergenza sanitaria (Ottobre 2020), in attesa della scoperta di un vaccino sicuro ed efficace, la ricerca si sta muovendo in molte direzioni nel tentativo di trovare una strategia terapeutica valida e sicura contro la sindrome respiratoria scatenata dal nuovo Coronavirus.

In questo senso, diversi gruppi di ricerca - in collaborazione con industrie farmaceutiche di fama mondiale - stanno lavorando sulla preparazione di medicinali a base di anticorpi monoclonali che possano essere sfruttati per contrastare le infezioni sostenute da SARS-CoV-2.

In fase di studio, al momento, ci sono diversi tipi di anticorpi monoclonali, alcuni dei quali in Italia. Tra i team attualmente impegnati nello sviluppo di una strategia terapeutica a base di MAb ci sono i ricercatori del Monoclonal Antibody Discovery (MAD) Lab della fondazione Toscana Life Sciences (TLS) in collaborazione con l'Ospedale Spallanzani e il Policlinico Le Scotte di Siena.

Se la ricerca e le conseguenti sperimentazioni dovessero avere successo e delineare un profilo di sicurezza ed efficacia ottimale, la terapia con anticorpi monoclonali contro SARS-Cov-2 potrebbe affiancarsi ai trattamenti attualmente impiegati contro il nuovo Coronavirus, non solo per trattare coloro che sono già stati colpiti dall'infezione, ma anche - in attesa di un vaccino - come potenziale terapia profilattica per coloro che sono più esposti al rischio di contagio.

Limiti ed Effetti Collaterali

Limiti degli Anticorpi Monoclonali e Possibili Effetti Indesiderati causati dalla Terapia

Per quanto possa sembrare promettente e potenzialmente molto efficace, la terapia con anticorpi monoclonali presenta comunque limiti e svantaggi e non è certo priva di effetti indesiderati.

I tempi e i costi per la ricerca e la produzione - così come il prezzo finale degli eventuali medicinali a base di anticorpi monoclonali che si riusciranno a sintetizzare - rappresentano senz'ombra di dubbio un importante limite da tenere in considerazione.

Inoltre, nemmeno gli effetti collaterali e la risposta individuale di ciascun individuo alla somministrazione dei MAb sono da sottovalutare. Ogni persona può reagire diversamente all'assunzione di anticorpi monoclonali e in alcuni individui, proprio a causa della risposta soggettiva, il trattamento potrebbe non portare agli effetti terapeutici desiderati. Potrebbe capitare, infatti, che l'organismo del paziente cui vengono somministrati medicinali a base di MAb riconosca tali prodotti come estranei e produca a sua volta anticorpi allo scopo di eliminare quelli monoclonali introdotti con la terapia. In questo modo il trattamento risulterebbe inefficace e il sistema immunitario dell'individuo - già messo a dura prova - verrebbe ulteriormente stressato.

Nonostante ciò, è opinione comune che la terapia con anticorpi monoclonali possa avere un'elevata potenzialità, per questo la ricerca in questo campo sembra essere piuttosto attiva. Certamente, prima di arrivare a mettere a punto una terapia con anticorpi monoclonali sufficientemente sicura ed efficace sono necessari approfonditi test clinici.

Autore

Ilaria Randi
Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha sostenuto e superato l’Esame di Stato per l’Abilitazione alla Professione di Farmacista