Sugaring: Epilazione con lo Zucchero

Sugaring: Epilazione con lo Zucchero
Ultima modifica 05.12.2019
INDICE
  1. Generalità
  2. Cos’è
  3. Procedimento
  4. Preparazione
  5. Pro e Contro

Generalità

Lo sugaring è una tecnica di epilazione che prevede la rimozione dei peli superflui con l'aiuto di un impasto adesivo composto da zucchero, acqua e limone.

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/10/06/sugaring-2-orig.jpeg Shutterstock

Per modalità di esecuzione, lo sugaring è simile alla ceretta a caldo: la pasta di zucchero funge da cera e riesce a catturare anche i peli più corti con la differenza che lo strappo sembra essere meno traumatico per la pelle. Inoltre, la temperatura più bassa della pasta di zucchero - tiepida e paragonabile a quella corporea - rispetta anche le parti in cui sono presenti capillari fragili o le regioni delicate, come la zona bikini. Al contempo, lo sugaring elimina lo sporco e le cellule della pelle che impediscono alla peluria di ricrescere normalmente, minimizzando il problema di peli incarniti e follicoliti.

Cos’è

Peli: qualche informazione per conoscerli meglio

  • I peli sono diffusi su tutta la superficie corporea, ad eccezione di palmo della mani, pianta dei piedi, margine libero delle labbra ed alcune zone dell'area genitale. Le loro caratteristiche (numero, forma, lunghezza e tipologia) possono variare da persona a persona.
  • Dal punto di vista anatomico, nel pelo si distinguono due parti principali: fusto (evidente all'esterno del piano cutaneo) e radice (contenuta nel follicolo pilifero a livello dell'epidermide). Nella parte più profonda, il follicolo si rigonfia per formare il bulbo pilifero, contenente, a sua volta, la papilla dermica; quest'ultima struttura è costituita da un gruppo di cellule in attiva proliferazione che danno origine al pelo (matrice).
  • Il pelo non viene prodotto in modo continuativo dal follicolo, ma segue un ciclo vitale in cui si alternano periodi di attività a quelli di riposo: anagen (crescita), catagen (transizione) e telogen (riposo).

Cosa s’intende per Sugaring

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/10/06/sugaring-3-orig.jpeg Shutterstock

Lo sugaring è una tecnica di epilazione ispirata all'antica tradizione mediorientale: sembra che questa pratica risalga addirittura all'Egitto dei faraoni e Cleopatra ne facesse uso (si ipotizza che venisse impiegato il miele al posto dello zucchero, all'epoca diffuso solo nelle regioni circostanti la Persia).

Noto anche come ceretta araba, lo sugaring sfrutta sostanze naturali e d'uso comune in cucina: l'ingrediente principale è lo zucchero ("sugar" nel lessico anglosassone, da cui deriva il termine della pratica) a cui viene aggiunta acqua e succo di agrumi, generalmente limone.

Il procedimento di epilazione vero e proprio è simile alla ceretta: lo sugaring non elimina solamente la parte superficiale del pelo, visibile sopra l'epidermide, ma estrae il bulbo pilifero. Al contempo, lo sugaring svolge la funzione di gommage naturale che dona nell'immediato un aspetto setoso alla pelle. 

Epilazione o Depilazione con lo Zucchero?

Talvolta, si tende a confondere i due termini, ma per depilazione s'intende l'eliminazione della porzione apicale del pelo, cioè la parte superficiale e visibile oltre l'epidermide. A differenza dell'epilazione - che estirpa il pelo nella sua interezza, bulbo pilifero compreso - non viene in alcun modo intaccata la parte "vitale" che resta nella pelle, quindi la ricrescita si verifica dopo 2-7 giorni.

Differenze con la Ceretta tradizionale

In generale, lo sugaring è più delicato rispetto alla ceretta per i seguenti motivi:

  • La pasta di zucchero non si attacca alla pelle, ma cattura i peli, riducendo il disagio durante l'epilazione (nota: essendo un metodo a strappo, la percezione del dolore dipende dalla tolleranza individuale, ma non è escluso). In pratica, lo sugaring estrae solo i peli e non "disturba" la superficie dell'epidermide; la cera calda aderisce in modo più tenace alla pelle, trascinandola con sé quando viene strappata, stressandola e arrossandola.
  • Se la cera è troppo calda, può anche bruciare la pelle, specialmente in aree sensibili. Lo sugaring è un metodo più delicato e l'applicazione è adatta anche per le pelli sensibili, in quanto la pasta di zucchero viene applicata quando raggiunge la temperatura ambiente o quando è tiepida, riducendo al minimo il rischio di ustioni.

Procedimento

Come si esegue lo Sugaring

https://www.my-personaltrainer.it/imgs/2019/10/06/sugaring-4-orig.jpeg Shutterstock

Lo sugaring è un metodo di epilazione "a strappo". I componenti della pasta allo zucchero vengono fatti sciogliere con il calore di un fornelletto. Una volta intiepidito o raggiunta la temperatura ambiente, l'impasto ottenuto si stende sulla zona da epilare con la punta delle dita e si lavora per catturare e rimuovere i peli (anche quelli più sottili e corti), essenzialmente senza aderire troppo all'epidermide.

La gestualità di applicazione e rimozione della pasta allo zucchero adesa alla cute ricorda una sorta di massaggio. La trazione deve essere esercitata, infatti, nella direzione della crescita del pelo per ridurre al minimo la rottura del fusto, che ricordiamo essere causa di peli incarniti.

Dopo l'epilazione, la pelle viene lavata con un detergente liquido neutro (no sapone!) e l'applicazione di un gel dall'azione lenitiva o un'emulsione a base di olio vegetale completa il trattamento (es. olio di mandorle dolci, aloe, calendula, camomilla ecc.) per accelerare il processo di riparazione della pelle.

Risultati e durata dello Sugaring

Lo sugaring è una pratica adatta soprattutto a eliminare i peli più corti e può essere utilizzata con tranquillità anche per le zone sensibili. Se la procedura viene eseguita correttamente, la peluria viene eliminata dalla radice e necessita fino a 3-4 settimane per ricrescere, allungando la frequenza di epilazione.

Lo sugaring sembra essere un metodo più "delicato", ma comporta pur sempre l'estrazione della radice dei peli dal follicolo: rispetto alla ceretta a caldo (più adesiva), la trazione della pasta di zucchero potrebbe risultare meno traumatica in quanto asseconda il verso di crescita dei peli, ma si tratta sempre di una questione soggettiva.

Quali zone del corpo si possono Epilare con lo Sugaring?

Lo sugaring viene utilizzato per la rimozione dei peli su tutto il corpo: sopracciglia, ascelle, braccia, gambe, area pubica ecc. L'epilazione con lo zucchero è così delicata che si può effettuare anche su addome, areola mammaria e inguine. Inoltre, lo sugaring è generalmente da preferire alla ceretta quando si tratta di rimuovere la peluria dalle aree di pelle più grandi.

Preparazione

Prima dello Sugaring: come preparare la pelle

L'epilazione con lo zucchero prevede un'iniziale preparazione, che consiste nella detersione e nell'esfoliazione della cute da eventuali impurità e cellule morte. Ciò consente di rimuovere i residui di sporco o qualunque sostanza che possa influenzare l'esito del trattamento. In altre parole, la zona da epilare deve essere pulita e ben asciutta.

Esfoliazione: perché è importante

Prima dello sugaring, l'esfoliazione consente di liberare, in superficie, uno strato di pelle nuova e permette ai peli di ricrescere nella direzione giusta, evitando che s'incarnino o altri inconvenienti come le follicoliti. L'ideale sarebbe effettuare l'esfoliazione circa 2 giorni prima dell'epilazione.

Almeno un paio di giorni prima dello sugaring, è bene esfoliare la pelle con prodotti specifici, quali uno scrub. Quest'operazione permette di rimuovere lo strato di cellule morte e contribuisce a prevenire la formazione dei peli incarniti. Se la pelle è molto sensibile, optare per il gommage che abitualmente si utilizza per il viso. Andrebbero evitati, invece, i guanti di crine o di loofah che possono graffiare la pelle.

Prima di procedere con l'epilazione con lo zucchero, è importantissimo assicurarsi che la pelle sia sempre pulita, asciutta e priva di sostanze grasse, creme oleose oppure prodotti a base d'alcool.

Pro e Contro

Vantaggi dello Sugaring

  • Lo sugaring è veloce, economico e semplice, adatto se si vogliono togliere i peli in modo molto preciso, senza traumatizzare troppo la pelle. Lo zucchero è, inoltre, ipoallergenico.
  • Se la procedura per l'epilazione con lo zucchero viene eseguita correttamente, la peluria viene eliminata dalla radice e necessita di più tempo per ricrescere (circa 3 settimane) rispetto a quello previsto per la depilazione.
  • L'epilazione con lo zucchero consente di avere una pelle liscia e priva di peli superflui, poiché aiuta ad eliminare le cellule morte, con effetto gommage sull'epidermide.
  • Lo sugaring può essere utilizzata in qualsiasi zona del corpo.
  • La pasta allo zucchero viene stesa sulla pelle quando raggiunge la temperatura ambiente o quando è tiepida, riducendo al minimo il rischio di ustioni; in più, non essendo applicata a caldo, minimizza la rottura dei capillari.

Svantaggi dello Sugaring

  • Nelle zone più sensibili, l'epilazione con lo zucchero può essere comunque fastidiosa. In generale, la reazione della pelle tende a diminuire considerevolmente con l'impiego ripetuto dello sugaring. Per praticare lo sugaring occorre una certa manualità: per chi è alle prime armi, è meglio ricorrere ad un professionista.
  • Come altri metodi di epilazione, anche l'uso di questo dispositivo può causare irritazione (ad es. prurito, fastidio ed arrossamento della pelle) a seconda della condizione della pelle e dei peli. Questa reazione è normale e dovrebbe sparire rapidamente nel giro di poche ore, ma potrebbe essere più forte se ci si epila per le prime volte o se si ha una pelle particolarmente sensibile. Se dopo 36 ore la pelle appare ancora irritata, si raccomanda di consultare il proprio medico.

Alternative allo Sugaring

  • Ceretta a caldo: è composta da resine che si sciolgono con il calore di un fornelletto. La ceretta si stende sulla pelle, quindi si applicano sopra delle apposite strisce, che si tolgono con uno strappo contropelo, netto e veloce. Se la procedura viene bene eseguita, il pelo viene eliminato dalla radice e necessita di più tempo per ricrescere (circa 3 settimane).
  • Strisce epilatorie: la cera è pronta all'uso e disposta su strisce, le quali vanno fatte aderire bene alla pelle, quindi si strappa in senso contrario alla crescita del pelo. Anche in questo caso, se la procedura è eseguita correttamente, alcune radici vengono estirpate.
  • Epilatore elettrico: è un dispositivo che si può utilizzare in varie zone del corpo, come inguine, gambe, ascelle, braccia e viso. Nella maggior parte dei casi, basta selezionare la velocità più bassa per le parti più sensibili; altrimenti, sono disponibili modelli con testine specifiche. L'epilatore elettrico è la soluzione ideale per chi desidera un risultato duraturo e presenta una pelle facilmente irritabile che "teme" la lametta del rasoio.
  • Epilazione a luce pulsata: durante il trattamento, una luce policromatica ad alta intensità (IPL) si trasforma in calore quando colpisce la melanina (pigmento che conferisce il colore scuro al pelo). Si genera così un forte aumento di temperatura che viene trasferito al bulbo pilifero, il quale va incontro a degenerazione. Il principio d'azione è paragonabile a quello dell'epilazione laser, con la differenza che quest'ultima tecnologia agisce a lunghezze d'onda unidirezionali e monocromatiche. L'epilazione a luce pulsata presenta una serie di vantaggi: oltre ad essere indolore, infatti, favorisce una riduzione della quantità e del diametro dei peli, nonché una ricrescita lenta, se non addirittura inesistente, grazie all'eliminazione del bulbo pilifero.
  • Epilazione laser: può essere eseguita nei saloni estetici certificati o negli studi medici. Grazie a lunghezze d'onda specifiche per le diverse tipologie di pelle, il laser emette un fascio di luce che colpisce selettivamente la melanina contenuta nei peli di colore scuro sulla carnagione chiara, surriscaldando il fusto del pelo e la sua radice e denaturandone le strutture vitali. Seduta dopo seduta, si verifica un progressivo assottigliamento e diradamento della peluria e viene rallentata fortemente la ricrescita. Questo tipo di intervento è particolarmente consigliato alle persone affette da patologie che possono esacerbarsi proprio depilandosi di continuo, tra cui follicoliti irritative e cisti pilonidali.

Sugaring: qualche consiglio generale

  • Rispettare le condizioni igieniche ottimali per non incorrere in infezioni o altre problematiche. Se la pelle è irritata o sensibilizzata per vari motivi, rimandare l'appuntamento con l'epilazione (qualunque sia il metodo prescelto).
  • Sebbene il "fai da te" sia più comodo ed economico, prima di optare per lo sugaring è consigliabile rivolgersi al proprio dermatologo, in modo da scongiurare eventuali effetti collaterali ed optare il metodo per l'epilazione più adatto alle caratteristiche dei peli e della propria cute.
  • Per evitare irritazioni, prima e subito dopo lo sugaring, è opportuno non applicare prodotti a base di alcool (es. deodoranti) e saponi per almeno 12 ore.

Autore

Giulia Bertelli
Laureata in Biotecnologie Medico-Farmaceutiche, ha prestato attività lavorativa in qualità di Addetto alla Ricerca e Sviluppo in aziende di Integratori Alimentari e Alimenti Dietetici