Skincare

Segni d'invecchiamento sul viso: come nasconderli

Segni d'invecchiamento sul viso: come nasconderli
Ultima modifica 04.04.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Segni dell'invecchiamento sul viso: trucchi e rimedi per nasconderli
  2. Cos’è l’invecchiamento cutaneo
  3. Come nascondere i segni dell’invecchiamento sul viso?
  4. Contouring per ridurre le rughe
  5. Armocromia e bellezza: i colori per apparire più giovani
  6. Skincare con acido ialuronico
  7. Skincare con Vitamina E
  8. Skincare con Vitamina C
  9. Skincare con retinolo o retinale
  10. Ginnastica facciale

Segni dell'invecchiamento sul viso: trucchi e rimedi per nasconderli

Rughe, perdita di tono e linee sottili: i segni dell'invecchiamento sul viso si possono contrastare in modo efficace ricorrendo a prodotti e trattamenti capaci di donare alla pelle un aspetto luminoso e fresco.

Come sappiamo bene infatti l'invecchiamento cutaneo è un fenomeno naturale che inizia a mostrare le sue conseguenze a partire dai venticinque anni. Nonostante ciò esistono diversi modi per contrastare al meglio i segni dell'invecchiamento sul viso, minimizzandoli e nascondendoli.

Prima di scoprire tutti i modi per nascondere i segni dell'invecchiamento cutaneo, ti ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità.

Cos’è l’invecchiamento cutaneo

L'invecchiamento cutaneo è un processo biologico che provoca un declino della pelle. Si tratta di un evento ineluttabile, ma lento e che si può contrastare in alcuni modi, partendo da uno studio del processo e delle sue cause.

La nostra pelle infatti è costituita da tre diversi strati: ipoderma, derma ed epidermide. L'ipoderma è lo strato più profondo ed è ricco di adipociti, ossia cellule di grasso. Con il tempo queste cellule si riducono di volume, provocando un assottigliamento dell'ipoderma.

Nel derma, ossia lo strato che si trova fra ipoderma ed epidermide, i segni dell'invecchiamento cutaneo sono più significativi ed evidenti. In questa zona infatti sono presenti i fibroblasti, delle cellule che producono elastina e collagene. Con il tempo il numero dei fibroblasti cala drasticamente, provocando una diminuzione dell'elasticità e della compattezza della pelle.

Al tempo stesso le fibre di collagene già esistenti cominciano a degradarsi con maggiore velocità, indebolendo la struttura della pelle che perde così il proprio sostegno. Di conseguenza il volume del derma diminuisce, provocando la comparsa di rughe e zone di lassità cutanea.

Lo strato in cui l'invecchiamento cutaneo ha effetti maggiori è quello più superficiale, ossia l'epidermide. Le cellule della pelle infatti nascono in un'area denominata membrana basale che si trova fra epidermide e derma. Dopo essere diventate mature migrano verso la superficie e subiscono un processo fisiologico che le porta a cheratinizzarsi, formando lo strato corneo.

Con il tempo questo ciclo rallenta per via di un rallentamento nella proliferazione delle cellule. L'epidermide dunque diventa più sottile e perde la sua elasticità. La cute perde la capacità di immagazzinare acqua, di conseguenza lo strato corneo diventa secco e disidratato, portando alla formazione di rughe profonde ed evidenti.

Per approfondire: Segni d'invecchiamento sul viso: come ritardarli

Come nascondere i segni dell’invecchiamento sul viso?

Nascondere i segni dell'invecchiamento sul viso è possibile prendendosi cura della propria pelle e scegliendo i prodotti giusti. Se la genetica gioca senza dubbio un ruolo chiave in questo processo, va sottolineato che abbiamo a disposizione numerosi trucchi e trattamenti, fra cui:

Tutti questi rimedi possono rendere la pelle più bella, o in maniera apparente giocando con luci, ombre e colori, o nutrendola, rimpolpandola ed esercitandola.

Contouring per ridurre le rughe

Partiamo da una tecnica di make up che aiuta moltissimo a nascondere i segni d'invecchiamento sul viso: il contouring. Per chi non lo sapesse il contouring prevede una serie di strategie di manipolazione delle luci e delle ombre per ridefinire le forme del nostro volto.

Queste strategie si mettono in atto applicando specifici prodotti (come illuminanti, bronzer, fondotinta e concealer) in punti precisi e sfumandoli con appositi strumenti. Per esempio, l'applicazione corretta di fondotinta, concealer e terra aiuta a liftare apparentemente le guance, mentre sfumando correttori di diverse tonalità possiamo nascondere le rughe sulla fronte.

Il contouring, in sostanza, rimodella, ridimensiona, migliora e volumizza temporaneamente il viso, senza bisogno di ricorrere a interventi estetici invasivi. 

Per approfondire: Contouring per slanciare il viso e il collo

Armocromia e bellezza: i colori per apparire più giovani

Ebbene sì! Forse avete già sentito parlare dell'armocromia, ma pensavate che fosse strettamente legata all'ambito fashion. Invece non è così: questa disciplina, teorizzata negli anni Ottanta, individua colori e sfumature che riescono ad adattarsi alla perfezione alle caratteristiche della pelle di ognuna di noi.

Ciò significa che una volta individuata la propria stagione si può ricorrere all'armocromia per il make up: similmente al contouring, l'uso di colori che si abbinano bene con il nostro incarnato ha un effetto ringiovanente e minimizza la visibilità dei segni del tempo.

Per approfondire: Armocromia test: come scoprire stagione e sottotono

Skincare con acido ialuronico

Passiamo adesso alla skincare: la routine di cura della pelle è essenziale per attenuare e nascondere i segni dell'invecchiamento sul viso, ma anche per limitare la loro insorgenza. Uno degli ingredienti che dovrebbe sicuramente far parte della nostra beauty routine a ogni età è l'acido ialuronico, fondamentale per contrastare rughe e linee sottili.

L'acido ialuronico rende l'epidermide più elastica e tonica: con un po' di pazienza ed essendo costanti con le applicazioni i segni d'invecchiamento saranno ben più che nascosti. Alla routine con l'acido ialuronico si possono anche aggiungere altre sostanze efficaci, come sieri anti-età con Niacinamide e Acido Ferulico: ingredienti ottimi per idratare al massimo la pelle, contrastando le discromie.

Per approfondire: Acido ialuronico ai capelli: quali effetti?

Skincare con Vitamina E

Avete intorno ai 25 anni e avete cominciato a veder comparire le prime linee sottili? Non sta succedendo niente di anomalo: semplicemente a questa età le funzioni delle nostre cellule cominciano a diminuire, cosa che rallenta la produzione, fra le altre sostanze, di collagene, elastina e sebo.

Un buon modo per iniziare a ovviare a queste perdite e per nascondere i segni del tempo è includere la vitamina E nella vostra routine di skincare. Associata ad altri ingredienti (come il già citato acido ialuronico e i peptidi), questa vitamina consente di proteggere la pelle dall'azione dei raggi UV e dell'inquinamento, fattori che accelerano l'invecchiamento cutaneo. È anche un potente idratante, ideale per donare tono alla pelle, contrastare la secchezza cutanea e le prime rughe.

Skincare con Vitamina C

Se avete superato i 30 anni d'età o se siete in menopausa probabilmente la vostra pelle sta perdendo collagene. A questo punto, per nascondere i segni del tempo sul viso, potrebbe essere utile inserire nella vostra skincare la vitamina C.

Questa vitamina è un potente nutriente che permette di neutralizzare l'azione dei radicali liberi, rendendo la pelle giovane e fresca. Aiuta a ridurre l'iperpigmentazione, schiarisce le macchie scure e favorisce la sintesi del collagene, aumentando l'elasticità dell'epidermide. Il potere della vitamina C si può sfruttare grazie a creme con formulazioni specifiche.

Per approfondire: Collagene: benefici e funzioni

Skincare con retinolo o retinale

Durante la menopausa o superati i 40 anni, per nascondere i segni del tempo sul viso si dovrebbe aggiungere alla propria routine di skincare la vitamina A, o meglio i suoi derivati: il retinolo o il retinale. La differenza tra le due sta nella chimica: per agire sulla pelle il retinolo deve subire due trasformazioni prima di diventare efficace sulla pelle, mentre il retinale ne deve subire soltanto una.

Ciò significa che il retinolo è meno efficace nell'immediato ma più delicato, mentre il retinale è efficace in meno tempo ma può essere più aggressivo. La scelta tra i due dipende dal proprio tipo di pelle, ma i benefici sono gli stessi: migliorano il ricambio cellulare della pelle, favoriscono la rigenerazione cellulare, levigano le rughe e stimolano la produzione dell'elastina e del collagene, sostanze essenziali per avere un viso tonico e un incarnato luminoso.

Per approfondire: Retinolo: quanto ci mette a fare effetto?

Ginnastica facciale

A qualsiasi età può essere utilissima anche la ginnastica facciale: si tratta di un insieme di esercizi che aiutano a nascondere i segni del tempo sul viso rafforzando i muscoli e tonificando il tessuto cutaneo. Questo tipo di ginnastica esercita un effetto lifting naturale sulla pelle del viso, perché consente di attivare a livello cellulare i processi biologici che rallentano l'invecchiamento.

Anche in questo caso, come per la skincare, il segreto è la costanza: per nascondere o ridurre sensibilmente rughe e segni d'invecchiamento è essenziale fare esercizio ogni giorno, per almeno 15-30 minuti. Se si vuole incrementare l'effetto, subito dopo è consigliatissimo fare anche un massaggio facciale (come quello Gua Sha).

Per approfondire: Ginnastica facciale per le guance cadenti
CONDIVIDI: