Beauty wellness

Cosa sono le rughe da sonno e come evitarle

Cosa sono le rughe da sonno e come evitarle
Ultima modifica 07.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Rughe da sonno: cosa sono e come evitarle
  2. Cosa sono le rughe da sonno
  3. Cosa provoca le rughe da sonno
  4. Come evitare le rughe da sonno

Rughe da sonno: cosa sono e come evitarle

Se è vero che dormire è importante, lo è anche farlo nella maniera corretta. Ciò vale tanto per la qualità del sonno quanto per i dolori percepiti dal proprio corpo e gli effetti sul viso. Quest'ultimo aspetto è quello sul quale ci concentreremo in questo articolo, parlando di rughe da sonno.

Sono note anche come rughe da cuscino, il che spiega bene quale sia l'elemento che provoca il tutto. Di seguito tutte le informazioni per riuscire a garantirsi un sonno che sia ristoratore ma che, al tempo stesso, non lasci segni sulle guance (soprattutto, ma non solo). Al tempo stesso consigliamo alcune routine da attuare per prevenire tale comparsa. Vi ricordiamo inoltre di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di benessere e bellezza.

Cosa sono le rughe da sonno

Le rughe non sono tutte uguali e quelle da espressione non hanno di certo la stessa origine delle rughe da sonno. Nel primo caso troviamo alla base delle contrazioni ripetute dei muscoli facciali nel corso degli anni. Perdendo elasticità, col tempo il viso inizierà a mostrare tali segni. Ciò come conseguenza del nostro semplice parlare e, principalmente, del nostro esprimere emozioni attraverso numerose espressioni.

Nel secondo caso, invece, le rughe del sonno sono provocate da pressioni e pieghe della pelle in contrasto con il cuscino. Si può parlare, dunque, di segni generati dalla pressione contro la federa del guanciale, così come contro le lenzuola, in alcuni casi.

Per approfondire: Rughe: cosa sono? Perché si formano?

Cosa provoca le rughe da sonno

  • Posizione che si assume durante il sonno;
  • Qualità dei tessuti delle federe;
  • Qualità dei tessuti delle lenzuola;
  • Assenza di un cuscino ergonomico.

Svariati i fattori che giocano un ruolo della dinamica che porta alla formazione di rughe da sonno. Da giovani si è abituati a pensare a tutto ciò come a un piccolo fastidio momentaneo. Ci si sveglia, si notano questi segni di pressione lasciati sul viso dal cuscino e li si lava via.

Come sappiamo, però, la pelle non reagisce allo stesso modo a tutte le età. È bene, dunque, agire in maniera preventiva, tanto con una routine cosmetica adatta, quanto con una cura delle proprie abitudini a letto.

La posizione in cui ci si addormenta è molto rilevante. Parlando di pressione sul viso, infatti, occorre offrire minori chance che ciò accada, posizionandosi in maniera corretta. Al tempo stesso è assolutamente da prediligere un tessuto che sia il più "gentile" possibile a contatto con l'epidermide, come se fosse una carezza. Contribuisce a garantire benefici, infine, anche il tipo di cuscino scelto. Anche chi ha l'abitudine ad addormentarsi rapidamente e, dunque, facilmente, scoprirà i benefici di dormire su un cuscino qualunque e su di uno ben studiato per assecondare i bisogni di collo e viso.

Per approfondire: Invecchiamento cutaneo: cos'è, cause, quando inizia e come fermarlo

Come evitare le rughe da sonno

  • Assumere una corretta posizione per dormire;
  • Scegliere attentamente il giusto cuscino;
  • Modificare il tessuto della federa;
  • Modificare il tessuto delle lenzuola.

Passiamo ora a fornire dei consigli pratici. È possibile contrastare la formazione di rughe da sonno attuando delle azioni atte a garantire le migliori condizioni possibili per la nostra pelle. Iniziamo col dire che la posizione nella quale ci si addormenta è fondamentale per la tutela dalle rughe da sonno.

La posizione peggiore possibile è quella a pancia in giù. Si procede infatti a tenere premuto il viso contro il cuscino. Data la posizione del corpo, è come se la nostra pelle venisse schiacciata con una certa forza e tenuta a contatto in maniera costante con la stoffa della federa dalla gravità.

Tutto ciò può generare dei cambiamenti cronici nella pelle, dando un contributo enorme alla formazione di segni permanenti.

Dinanzi a questo scenario, in molti penseranno che sia decisamente meglio dormire su un fianco. Al di là del fatto che si tratta di una posizione sconsigliata fortemente dal mondo ortopedico (per quanto rappresenti un richiamo mentale per tutti noi, in quanto ci porta spesso a riproporre il posizionamento nel ventre materno), può rinforzare la formazione di rughe più verticali, che generalmente vengono definite "di preoccupazione".

Sarebbe dunque il caso di dormire sulla schiena. In questo modo si eviterà quasi in toto il contatto tra pelle e tessuti, se non in maniera saltuaria con il lenzuolo a contatto con il nostro corpo. Si otterranno inoltre vantaggi legati anche al benessere della schiena e non solo. Il corpo sarà infatti in generale meno sottoposto a pressioni sgradite.

I consigli da mettere in pratica per un sonno privo di rughe non sono però finiti qui. Sarebbe infatti il caso di dotarsi di un cuscino ergonomico. Ciò in generale per migliorare la qualità del proprio dormire. Se ben studiato, imiterà l'incurvatura del collo, rendendo la posizione assunta molto più comoda. Al tempo stesso la forma seguirà le linee del nostro viso, per quanto possibile, limitando i punti di contrasto.

Per completare l'opera, però, sarebbe il caso di procurarsi delle federe in seta. Una spesa che saprà di certo ripagarvi, dal momento che il contatto con il cuscino risulterà essere il più delicato possibile. Ciò vale anche per le lenzuola che, seppur in minor parte, contribuiscono allo sfregamento sulla pelle.

CONDIVIDI: