Skincare

Pulizia del viso: la regola del minuto è una garanzia di benessere per la pelle

Pulizia del viso: la regola del minuto è una garanzia di benessere per la pelle
Ultima modifica 27.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Pulizia del viso, una buona abitudine per la salute della cute
  2. Come si fa una corretta pulizia del viso?
  3. Quanti minuti lavare il viso?
  4. Cos’è la regola del minuto?
  5. Come scegliere il detergente giusto per la pulizia del viso?
  6. Come si fa la pulizia del viso quotidiana?

Pulizia del viso, una buona abitudine per la salute della cute

In soli 60 secondi la vostra pelle può essere più bella, pulita e luminosa. Non ci credete? Forse perché ancora non conoscete un nuovo metodo di pulizia del viso, super efficace e dai risultati visibili e concreti, la "regola del minuto".

Proprio come accade per la pulizia dei denti, per cui è consigliato spazzolarli per due minuti o per la detersione dei capelli, per cui servono un altro paio di minuti a seconda della lunghezza, anche il viso ha la sua tempistica ideale.

Prima di scoprire tutto sulla pulizia del viso in base alla regola del minuto, però, vi ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di benessere e bellezza.

Come si fa una corretta pulizia del viso?

Che la pulizia del viso sia un tassello fondamentale per la cura della nostra pelle è cosa nota, ma la vera domanda è: come si fa? Lavare il viso solo con acqua, per esempio, non è sufficiente, poiché questa da sola non è in grado di eliminare in modo profondo e totale i residui di makeup, le cellule morte o le diverse tossine che si accumulano sull'epidermide. Il momento della pulizia, dunque, dovrebbe prevedere:

  • Rimozione del makeup con uno struccante;
  • Uso di un detergente (o ancor meglio di due detergenti per una doppia detersione);
  • Risciacquo con acqua tiepida;
  • Asciugatura non aggressiva;
  • Applicazione di un tonico purificante.

Solo con questi passaggi, infatti, è possibile rimuovere lo sporco, lo smog, l'inquinamento, il trucco o l'eccesso di sebo che si va a depositare sulla cute ogni giorno. E che, se non viene eliminato in modo più che accurato, rischia di impoverire gradualmente la pelle e ostruire i pori impedendole di respirare e rigenerarsi, portando alla formazione di imperfezioni e a una perdita di luminosità.

Ecco perché è buona abitudine dedicarsi alla pulizia del viso mattina e sera, eseguendo un'attenta skincare e utilizzando un detergente che sia efficace e ben tollerato dalla propria tipologia di pelle.

Per approfondire: Pelle Luminosa e Pulita: detergenti viso e gesti per illuminare

Quanti minuti lavare il viso?

Fare tutti i passaggi, però, non significa al cento per cento riuscire a lavare bene il viso. È qui che entra in gioco il tempo: una pulizia troppo ridotta, per esempio, potrebbe non eliminare ogni traccia di impurità presente sull'epidermide.

Allo stesso modo, però, prolungare troppo il lavaggio potrebbe irritare la cute e indebolirla, rendendola più soggetta agli agenti esterni, cosa che avviene anche quando si scelgono dei detergenti troppo aggressivi. Sulla parte più superficiale della cute, infatti, è presente il film idrolipidico, una miscela di acqua e grassi che viene naturalmente prodotta dal derma allo scopo di mantenersi idratato.

Nel momento in cui si utilizzano detergenti troppo forti o si esagera nella tempistica della  pulizia del viso, oltre a rimuovere lo sporco viene rimosso anche parte del film idrolipidico, lasciando la pelle esposta e vulnerabile, cosa che provoca secchezza della parte, la sensazione delle pelle che tira, la maggiora facilità a desquamarsi e arrossamenti locali o generalizzati.

Ecco perché è importante usare la regola del minuto, che per altro è il miglior compromesso tra l'utilizzare un detergente delicato (e meno veloce nell'azione) e il non metterci troppo tempo nel farlo. Ma di cosa si tratta esattamente?

Cos’è la regola del minuto?

L'utilizzo di detergenti delicati e privi di tensioattivi sul viso, può dare l'impressione che la pelle non sia mai davvero pulita se non si lascia agire adeguatamente il prodotto sulla cute stessa.

Ecco perché, dedicare un minuto alla pulizia del viso, massaggiandolo e lasciando penetrare bene il detergente nella pelle, è il tempo ideale per rimuovere lo sporco dall'epidermide e senza danneggiarla.

Per farlo è sufficiente applicare il detergente sul viso, massaggiarlo con dei tocchi leggeri ed emulsionare con acqua il sapone stesso, per poi procedere al risciacquo vero e proprio. Un po' come fareste con lo spazzolino sui denti o con lo shampoo sulla chioma.

Il tempo, quindi, diventa un aspetto molto importante nella cura del proprio viso, molto più che l'utilizzo di prodotti molto costosi o di un cambio di routine nella propria skincare.

Per approfondire: Come lavare il viso dopo i 40 anni e ogni quanto farlo?

Come scegliere il detergente giusto per la pulizia del viso?

Come abbiamo ampiamente detto, dunque, a fare la differenza è anche il detergente per cui si opta. Bisogna scegliere un detergente che soddisfi le necessità della propria cute, tenendo conto delle vostre esigenze e del vostro tipo di pelle: grassa, mista, secca, sensibile.

In linea generale è sempre meglio indirizzarsi verso prodotti delicati, il più naturali possibili, che leniscano la cute oltre che detergerla e che si prendano cura della stessa in modo delicato. Dei prodotti ad hoc e che potete farvi consigliare direttamente da un dermatologo e un professionista.

Come si fa la pulizia del viso quotidiana?

Nella pulizia del viso quotidiana la regola del minuto è importante, ma non sono solo questi 60 secondi a fare la differenza. Anche gli ingredienti che si usano e i gesti che si compiono sono importanti.

Usare solo il detergente "a secco" non è una buona soluzione. E questo perché, per far sì che il prodotto detergente svolga a pieno la sua funzione è necessario che venga unito a molta acqua. Ecco perché è importante eseguire la pulizia del viso con le mani e con la pelle del volto già bagnata.

Per farlo si deve semplicemente erogare del sapone nel palmo della mano aggiungendo alla stessa un po' di acqua. Una volta fatto si dovrà creare della schiuma strofinando le mani tra loro e applicarla direttamente sul volto, eseguendo dei movimenti circolari sulla pelle e massaggiando per 60 secondi. Poi si risciacqua il tutto con abbondante acqua tiepida, mai bollente o fredda, e si tampona il viso con un asciugamano pulito.  

Una pulizia del viso profonda ma delicata, che si prende cura della cute e che, giorno dopo giorno, le dona un aspetto più sano, pulito e luminoso, in soli 60/120 secondi al giorno.

CONDIVIDI: