Beauty wellness

La protezione solare su misura per ogni tipo di pelle

La protezione solare su misura per ogni tipo di pelle
Ultima modifica 11.06.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Protezione solare su misura per ogni tipo di pelle
  2. Differenza tra raggi solari UVA e UVB
  3. Fototipi e Fattore di Protezione Solare (SPF)
  4. Esposizione al sole e patologie cutanee
  5. Esposizione al sole e trattamenti della pelle

Protezione solare su misura per ogni tipo di pelle

La dottoressa Claudia Riccardi di AIDECO (Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia) ha creato un dossier, in vista dell'estate, per scegliere la protezione solare più adatta, considerando vari fototipi e casi particolari come pelle acneica, couperose e rosacea.

Il sole apporta numerosi benefici come la produzione di vitamina D, di serotonina e endorfine, di melatonina, migliorando umore e sistema immunitario. Tuttavia, gli esperti di AIDECO avvertono che il sole può comportare anche molti rischi e ogni pelle ha esigenze specifiche e che l'esposizione senza protezione può causare foto-danneggiamento e foto-invecchiamento cutaneo.

Non è necessario demonizzare il sole, ma dobbiamo essere consapevoli che gli effetti sulla pelle dipendono dal nostro comportamento. È fondamentale comprendere lo stato e le esigenze della propria pelle, così come il proprio fototipo cutaneo.

Con l'aiuto di professionisti come cosmetologi e dermatologi, possiamo prevenire spiacevoli conseguenze dell'esposizione solare. È importante ricordare che l'uso di prodotti solari non annulla i benefici del sole e possiamo godere del suo calore con tranquillità seguendo queste poche, ma cruciali, regole.

Per approfondire: Creme solari: quali sono le più sicure?

Differenza tra raggi solari UVA e UVB

Il sole emette radiazioni di diverse lunghezze d'onda ed energie, che raggiungono la Terra in quantità variabili. Le radiazioni ultraviolette di tipo C (100-200 nm), molto dannose, sono assorbite dallo strato di ozono. Di maggiore rilevanza per la pelle sono i raggi UVA e UVB.

I raggi UVA, con lunghezza d'onda tra 320 e 400 nm, costituiscono circa il 95% degli UV che raggiungono la Terra e mantengono una intensità costante tutto l'anno.

Gli UVB (280-320 nm), rappresentano circa il 5% degli UV e la loro intensità varia con le stagioni, l'altitudine, la nuvolosità e l'orario della giornata.

I raggi UVA, più penetranti, raggiungono il derma e sono i principali responsabili del foto-invecchiamento. I raggi UVB, che attraversano lo strato corneo, causano scottature ed eritemi.

È quindi fondamentale usare costantemente prodotti di protezione solare in ogni stagione e durante qualsiasi esposizione al sole. Nella scelta dei prodotti solari, è importante selezionare quelli più adatti al proprio fototipo cutaneo e tenere conto di particolari condizioni che potrebbero richiedere attenzioni specifiche e prodotti con caratteristiche particolari.

Fototipi e Fattore di Protezione Solare (SPF)

La capacità di un prodotto solare di proteggere la pelle dalle radiazioni solari è indicata dal SPF (Sun Protection Factor). Per scegliere il prodotto più adatto, è importante conoscere il proprio fototipo e, in alcuni casi, considerare specifici stati della pelle.

Il fototipo è un termine dermatologico che indica caratteristiche come colore della pelle, degli occhi e dei capelli, determinate dalla qualità e quantità di melanina, e riflette la reazione della pelle all'esposizione solare.

  • Le carnagioni più chiare (fototipi I, II, III), le pelli con patologie (acne, dermatite, psoriasi) o la pelle estremamente secca e ispessita con rughe, macchie, e ipercheratosi, necessitano di prodotti solari con un SPF alto (SPF 30-50) o molto alto (SPF 50+).
  • Le carnagioni più scure (fototipi IV, V, VI) possono scegliere prodotti con un fattore di protezione medio-basso (SPF 15-25).

La pelle più matura deve proteggersi anche dal fotoinvecchiamento, preferendo solari con SPF adatto al proprio fototipo che contengano sostanze funzionali, come antiossidanti e lenitivi.

Esposizione al sole e patologie cutanee

Alcune considerazioni particolari sono necessarie per l'esposizione al sole in presenza di patologie cutanee come l'acne.

La pelle acneica può inizialmente migliorare con l'esposizione solare, ma una prolungata esposizione ai raggi ultravioletti può peggiorare lo stato infiammatorio, causando ispessimento cutaneo e iperproduzione di sebo. Questo "effetto rebound" aggrava il quadro clinico dell'acne. Inoltre, molti farmaci prescritti per l'acne sono fotosensibilizzanti, quindi un'eccessiva esposizione al sole senza adeguata protezione può sensibilizzare la pelle e causare macchie scure sul viso.

Anche per la couperose e la rosacea il sole non è un buon alleato, poiché può peggiorare queste condizioni.

È fondamentale usare prodotti con un SPF molto elevato. Dato che couperose e rosacea derivano da un'alterazione del microcircolo cutaneo, è consigliabile scegliere solari con ingredienti capillaro-protettivi come estratti di liquirizia, ippocastano o camomilla, preferibilmente combinati con ingredienti lenitivi e decongestionanti.

Esposizione al sole e trattamenti della pelle

Prima dell'esposizione al sole, è fondamentale prestare attenzione se si è stati sottoposti a trattamenti della pelle come peeling medici o se si sono utilizzati prodotti cosmetici esfolianti contenenti alfa e beta idrossiacidi (AHA, BHA) o ingredienti fotosensibilizzanti presenti in alcuni farmaci. I peeling medici, in particolare, rendono la pelle più sensibile al sole, aumentando il rischio di eritemi, sensibilizzazioni e macchie.

In questi casi, è consigliabile applicare al mattino e più volte al giorno prodotti con una protezione solare molto alta (SPF 50+) ed evitare l'esposizione solare durante le ore più calde della giornata, specialmente in estate.

Per maggiori informazioni: aideco.org

CONDIVIDI: