Skincare

Struccarsi bene: perché è importante e come farlo

Struccarsi bene: perché è importante e come farlo
Ultima modifica 03.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Perché struccarsi bene è un toccasana per la pelle?
  2. Cosa fa il make up alla pelle?
  3. Cosa succede se non strucchiamo guance e zigomi?
  4. Come si struccano guance e zigomi?
  5. Non struccare la zona naso labiale: conseguenze
  6. Rossetto e conseguenze sulle labbra
  7. Come struccare zona naso labiale e labbra
  8. Make up sulla zona T: perché è importante rimuoverlo?
  9. I consigli per struccare bene la zona T
  10. Conseguenze del non struccarsi bene gli occhi
  11. Come si struccano occhi e contorno occhi?
  12. Consigli per struccarsi davvero bene

Perché struccarsi bene è un toccasana per la pelle?

Perché la pelle rimanga bella e in salute è necessario curarla da dentro, bevendo a sufficienza e seguendo un'alimentazione sana ed equilibrata, e da fuori, praticando una skincare routine adatta alla propria tipologia, senza tralasciare nessuno step. Tra questi, oltre alla detersione e all'idratazione, uno dei più sottovalutati è quello della rimozione del trucco.

Struccarsi bene però è fondamentale e non bisognerebbe mai andare a dormire senza averlo fatto accuratamente, assicurandosi che ogni parte del viso sia priva di make up. Adesso scenderemo nel dettaglio, ma prima vi ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di bellezza e benessere.

Cosa fa il make up alla pelle?

Partiamo dalle basi. Il maquillage è un validissimo alleato di bellezza, che può fare dei veri miracoli per farci apparire al meglio. Sfruttando le tecniche del contouring, o usando i principi dell'armocromia make up per sfoggiare i colori più adatti a noi, possiamo nascondere le rughe alla perfezione e apparire più giovani e luminose.

Tuttavia i cosmetici utilizzati per il trucco hanno anche dei contro, specialmente se siamo solite sfoggiare dei beauty look elaborati. Si tratta pur sempre di applicare prodotti su prodotti sulla nostra pelle, che specie superati i 40 anni inizia a diventare più fragile e più sensibile ai danni. Pertanto, se non puliamo bene la pelle rimuovendo ogni tanto, possiamo andare incontro a:

  • Occlusione dei pori: sia che si scelgano prodotti in crema sia che si opti per prodotti in polvere, se il make up non viene rimosso correttamente i pori possono occludersi scatenando infiammazioni; 
  • Sbilanciamento del pH della pelle: se non puliti alla perfezione alcuni prodotti per il trucco possono alterare il pH naturale della pelle, causando secchezza o eccessiva produzione di sebo.
  • Irritazioni: specie se la pelle è invecchiata o sensibile, alcuni prodotti di make up lasciati sulla cute e non puliti possono causare irritazioni o allergie;
  • Invecchiamento precoce: ebbene sì, l'uso quotidiano ed eccessivo di trucco che non viene rimosso correttamente, può anche contribuire all'invecchiamento precoce della pelle.

Questo significa che se non diamo al momento del demaquillage la nostra pelle può non solo arrossarsi, riempirsi di inestetismi e avere problemi complicati da risolvere, ma anche sviluppare in maniera precoce o più veloce tutti i segni del tempo che dovremmo essere intente a nascondere o a prevenire.

Per approfondire: Segni d'invecchiamento sul viso: come nasconderli

Cosa succede se non strucchiamo guance e zigomi?

La skincare routine serale, importante quanto quella mattutina, non può prescindere dall'eliminazione del trucco. Andare a dormire con residui di make up sul volto, infatti, può portare a spiacevoli conseguenze e adesso vedremo quali sono, area per area. A carico di guance e zigomi, per esempio il mancato demaquillage comporta:

  • Insorgenza di acne;
  • Insorgenza di brufoli;
  • Infiammazioni e impurità.

Il motivo della maggior probabilità di insorgenza di acne e in generale di brufoli, punti neri o altre impurità è molto semplice: una pelle non struccata è una pelle non pulita, che oltre ai residui di make up deve fare i conti con lo smog che, soprattutto se si vive in città, si deposita sullo strato superficiale; con il sebo che più o meno tutti producono durante il giorno e con le cellule morte che invece con la struccatura e i passaggi successivi della skincare routine verrebbero eliminate.

Questo mix letale se non rimosso alla fine della giornata ostruisce i pori e favorisce il proliferare dei batteri, a loro volta responsabili di ossidazione e infiammazione della pelle, che si manifesta appunto con la comparsa di impurità.

Per approfondire: Rimedi per l'Acne: quali sono?

Come si struccano guance e zigomi?

Come si fa a struccare in modo efficace questa zona del volto? Premettendo che esistono tantissimi modi e prodotti in commercio per rimuovere il make up, guance e zigomi beneficiano soprattutto della doppia detersione, una tecnica skincare che prevede due step.

Il primo di questi è proprio quello della rimozione del trucco, che si effettua massaggiando delicatamente il viso con un olio o un burro struccante, che a contatto con il make up lo scioglie rapidamente. Per eliminarlo dal viso si passa poi al secondo step, ovvero all'applicazione di un detergente, in gel o spumogeno, per lavare il viso ed eliminare residui di trucco e impurità.

I movimenti corretti da fare durante il demaquillage in questa zona sono quelli che dal basso vanno contemporaneamente verso l'alto e verso l'esterno: in questo modo si farà un massaggio che riduce le imperfezioni e attenua i segni del tempo.

Per approfondire: Ginnastica facciale per le guance cadenti: funziona?

Non struccare la zona naso labiale: conseguenze

Non struccarsi bene nella zona naso labiale comporta delle altre conseguenze, legate per lo più alla disidratazione. Fra queste compaiono:

  • Accelerazione della comparsa di rughe;
  • Accentuazione delle rughe già esistenti;
  • Perdita di volume e vigore;
  • Perdita di luminosità.

Non struccare quest'area dunque favorisce la comparsa delle rughe e accentua quelle già esistenti perché una pelle non struccata durante la notte, quando dovrebbe rigenerarsi, non respira a sufficienza. In più con il passare del tempo si disidrata, accelerando il processo di invecchiamento e facendo perdere volume, vigore e luminosità.

C'è anche da dire che saltare il momento in cui ci si strucca significa saltare un passaggio fondamentale anche dal punto di vista della tonificazione e dell'esercizio di questa zona. Infatti, i movimenti che si compiono nella zona naso labiale quando la si strucca favoriscono la microcircolazione e l'ossigenazione delle cellule, rendendo la pelle più morbida, tonica e quindi dall'aspetto più giovane.

Per approfondire: Rughe d'espressione occhi naso e labbra: come rimediare con la skincare

Rossetto e conseguenze sulle labbra

Parlare della zona naso labiale ci porta anche, ovviamente, a fare una piccola digressione sulle labbra. Anche qui la mancata rimozione del rossetto e di prodotti ricchi di pigmenti possono comportare delle conseguenze.

In particolare, se non ci si strucca dopo aver applicato una tinta labbra o un rossetto waterproof il rischio è di sviluppare irritazioni e soprattutto di fare seccare sia il labbro superiore che quello inferiore.

Per approfondire: Come scegliere il rossetto per le labbra mature

Come struccare zona naso labiale e labbra

Anche qui occorre precisare che tutto può variare in base al tipo di pelle, ma l'ideale sarebbe utilizzare uno struccante bifasico, che ha una componente oleosa ed emolliente e una componente acquosa, idratante o lenitiva. Questo tipo di struccante va applicato su un dischetto o su un batuffolo di cotone e va strofinato delicatamente sia sulla zona naso labiale che sulle labbra.

Finito questo passaggi, occorre risciacquare usando un detergente delicato e assicurandosi di pulire bene anche gli angoli delle labbra e il loro contorno, per eliminare ogni residuo. Anche in quest'area è bene fare dei movimenti che vadano dal basso verso l'alto e l'esterno, ma per le labbra è suggerito anche un leggero picchettamento che può aiutare ad attivare il microcircolo.

Per approfondire: Labbra Secche e Screpolate: cause, sintomi e rimedi

Make up sulla zona T: perché è importante rimuoverlo?

Andiamo poi alla zona T, che riveste una grande importanza nel make up specie se ci piace sfruttare il contouring o se sappiamo come giocare con luci e ombre di fondotinta, concealer e illuminanti. Non dedicare le corrette attenzioni a questa zona significa:

  • Insorgenza di brufoli e imperfezioni;
  • Perdita di luminosità;
  • Secchezza della pelle;
  • Accelerazione della comparsa di rughe.

Anche qui, dunque, possono insorgere brufoli e altre imperfezioni, ma c'è più, perché non struccare la zona T significa anche spegnere un'area del viso che di base è sempre molto esposta e luminosa. Questa zona (che va dalla fronte al naso e arriva fino al mento) presenta una pelle generalmente più grassa e ricca di sebo.

Con il make up i pori si ostruiscono e il sebo non riesce a diffondersi sulla pelle come deve, creando opacità e secchezza, cosa che favorisce l'insorgere delle rughe. In più, la mancata rimozione del trucco in questa zona rallenta il turnover cellulare e le cellule morte non riescono a essere eliminate.

Per approfondire: Rimedi per i brufoli: cosa fare per eliminarli?

I consigli per struccare bene la zona T

Il modo di struccare questa zona dipende da quanto effettivamente è grassa. Per le pelli più secche sarebbe bene optare per un latte detergente, mentre chi ha la pelle grassa dovrebbe utilizzare invece uno struccante in gel, delicato e purificante, che non aggredisce ma aiuta a liberarsi del sebo in eccesso.

Entrambe le soluzioni sono perfette per questa zona perché permettono una pulizia profonda. Vanno applicati su un dischetto o su un batuffolo di cotone e applicati strofinando (sempre delicatamente). Sulla fronte i movimenti dovranno essere da destra a sinistra e poi verso l'alto, mentre su naso e mento solo verso l'alto. Il risciacquo va fatto con acqua tiepida.

Per approfondire: Pulizia del viso: fai da te e dall'estetista

Conseguenze del non struccarsi bene gli occhi

Chiaramente, anche non struccare bene il contorno occhi e gli occhi può avere conseguenze poco piacevoli, a partire dalla probabilità più alta di incorrere in infezioni oculari, date dal contatto prolungato del trucco e dello sporco della giornata con l'occhio mentre si dorme.

Andare a dormire senza rimuovere il make up applicato sul contorno occhi, poi, può seccare quest'area fragile o infiammarla, incrementando l'insorgere delle zampe di gallina. In più, non rimuovere il mascara poi può portare le ciglia a disidratarsi e a seccarsi, rendendole più inclini a spezzarsi.

Come se non bastasse, non struccarsi bene prima di andare a dormire significa trasferire sul cuscino il trucco e lo sporco della giornata, che si ritrasferisce su questa zona (ma in generale sul volto) nel corso della notte, dando vita a un circolo vizioso il cui risultato inevitabile è il proliferare dei batteri.

Per approfondire: Contorno occhi: quali prodotti servono e come scegliere

Come si struccano occhi e contorno occhi?

Occhi e contorno occhi richiedono attenzioni molto particolari per essere struccati. L'intera area è davvero delicata, dunque generalmente si usano detergenti ad hoc, come struccanti bifasici con formulazioni specifiche per la zona o acque micellari che contengono sempre ingredienti delicati.

Occorrerebbe scegliere prodotti che contengano oli vegetali (olio di jojoba, olio di cocco o olio di mandorle dolci) perché permettono di sciogliere anche il trucco waterproof, ma al contempo fra gli ingredienti dovrebbero anche essere presenti agenti idratanti e lenitivi come acido ialuronico, estratto di camomilla, aloe vera e vitamina E.

Sia struccanti bifasici che acque micellari devono essere applicate usando un dischetto e sia sugli occhi che sul contorno occhi i movimenti dovranno essere verso l'alto e verso l'esterno. Sugli occhi si potranno fare delle pressioni minime, mentre sul contorno occhi bisogna essere davvero delicate.

Il risciacquo va fatto con acqua tiepida (ricordatevi che contrariamente alla credenza più comune, anche l'acqua micellare va sempre risciacquata). Dopo esservi struccate, picchettate leggermente l'aria per stimolare il microcircolo.

Per approfondire: Eye Yoga: cos'è, come funziona, benefici dello Yoga per Occhi

Consigli per struccarsi davvero bene

Concludiamo dandovi dei piccoli consigli che possono davvero esservi utili per rimuovere il make up in modo corretto. Facendo un piccolo elenco, le cose fondamentali sono:

  • Conoscere la propria tipologia di pelle;
  • Scegliere i prodotti giusti;
  • Dedicare la giusta quantità di tempo alla rimozione del make up;
  • Non usare regolarmente le salviettine struccanti.

Conoscere la propria tipologia di pelle è essenziale per capire davvero quali sono le sue esigenze e passare al secondo step, ovvero scegliere i prodotti giusti. Nei paragrafi precedenti vi abbiamo dato delle dritte in base alle zone, ma ricordate che non esistono davvero delle regole universali, perché ogni pelle ha delle caratteristiche tutte sue.

Ricordate poi che la rimozione del make up non è e non può essere una cosa velocissima o fatta di fretta: la pulizia deve essere accurata e metodica, oltre che accompagnata da movimenti rigeneranti. Infine, evitiamo l'uso regolare delle salviettine struccanti. Benché comodissime, infatti, dovrebbero essere usate solo in situazioni di emergenza o quando non si ha a disposizione molto tempo perché spesso a causa delle formulazioni e dello sfregamento eccessivo che richiedono possono risultare troppo aggressive e provocare rossori o irritazioni cutanee.

CONDIVIDI: