Skincare

Pelle secca dopo i 40 anni: come idratarla

Pelle secca dopo i 40 anni: come idratarla
Ultima modifica 29.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Come trattare la pelle secca dopo i 40 anni?
  2. Com'è la pelle dopo i 40 anni?
  3. Come combattere la secchezza della pelle?
  4. Come curare la pelle secca dopo i 40 anni: la detersione
  5. Come si fa la skincare a 40 anni?
  6. Quali sono i migliori principi attivi?
  7. L'importanza di uno stile di vita sano

Come trattare la pelle secca dopo i 40 anni?

Le esigenze della pelle cambiano dopo la soglia dei 40 anni. Non si tratta di passaggio scandito dalle quaranta candeline sulla torta, ovviamente: semplicemente, per via dei cambiamenti ormonali e dell'avanzare del processo d'invecchiamento, potremmo effettivamente riscontrare una maggior secchezza.

Ciò significa che notare una pelle secca dopo i 40 è piuttosto comune, ma non per questo va sottovalutata, anzi: va combattuta in maniera adeguata, evitando prodotti troppo aggressivi e dannosi. Come fare lo spieghiamo molto dettagliatamente tra pochissimo, ma prima vi invitiamo a seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere sempre aggiornate su tutte le novità di cosmesi, bellezza, estetica e benessere.

Com'è la pelle dopo i 40 anni?

Non si tratta di qualcosa per cui disperarsi, ma di una realtà inevitabile. Dopo i 40 anni la nostra pelle cambia e ciò vale in particolare se stiamo per affrontare (o stiamo già affrontando) la menopausa. Per via delle variazioni a livello organico e ormonale e complice l'invecchiamento cutaneo, il nostro corpo ci fa fronteggiare in maniera sempre più evidente i seguenti scompensi:

  • Ridotta produzione di collagene;
  • Ridotta produzione di elastina;
  • Ridotta produzione di sebo;
  • Ridotta capacità della pelle di mantenere l'umidità;
  • Rallentamento del turnover cellulare.

Tutte queste fisiologiche alterazioni del funzionamento del nostro organismo comportano una perdita di elasticità e idratazione della pelle, che a loro volta portano alla comparsa o al peggioramento dei segni dell'invecchiamento. La secchezza della pelle, infatti, fa in modo che i segni d'espressione si trasformino in vere e proprie rughe.

Non solo, senza una corretta idratazione si possono notare sempre più piccole imperfezioni, connesse alla minore ossigenazione cutanea. Potremmo anche riscontrare pori dilatatimacchie scure (accumulo di melanina). Le aree maggiormente colpite sono occhi, fronte e labbra. La "cura" migliore? Rispondere alle necessità della nostra pelle e correggere tutte quelle abitudini e gli stili di vita che possono giocare un ruolo nell'accelerare o rallentare questo fenomeno.

Per approfondire: Invecchiamento cutaneo: quando inizia?

Come combattere la secchezza della pelle?

Come facciamo, dunque, a rallentare il processo d'invecchiamento e, soprattutto, a idratare la pelle dopo i 40 anni? Seguendo quattro step cruciali, che andrebbero messi in atto quasi religiosamente, evitando gli errori più comuni:

  • Detersione corretta;
  • Skincare stratificata;
  • Uso di principi attivi ad alto potere idratante;
  • Stile di vita sano.

Di cruciale importanza anche uno stile di vita sano, che consiste di fatto nel prendersi cura del proprio corpo. Le capacità di recupero di un tempo sono un ricordo e così ore piccole, tanto alcool e junk food hanno un peso anche estetico, oltre che per gli organi interni.

Come curare la pelle secca dopo i 40 anni: la detersione

La detersione è un passaggio fondamentale per prendersi cura adeguatamente della propria pelle, ma occorre farla nel modo giusto. Partiamo dalla frequenza: sarebbe bene lavare il viso due volte al giorno, che possono diventare tre se si svolge attività fisica. Poi, in linea di massima, occorrerebbe:

  • Usare detergenti delicati per non compromettere il naturale equilibrio della pelle;
  • Evitare i solfati in favore di formulazioni ricche di ingredienti idratanti;
  • Usare detergenti a base di olio che, oltre a rimuovere il trucco, offrono un'ulteriore idratazione.

Dunque, il detergente adoperato dovrebbe essere sempre molto delicato. Ricorrere a prodotti aggressivi, nella speranza di ridurre i tempi d'azione e guadagnare risultati più in fretta, è un grave errore. L'obiettivo è quello di rimuovere le impurità che la pelle trattiene, senza per questo comprometterne l'idratazione. I più consigliati sono i prodotti a base di acidi grassi essenziali, così come oli naturali (olio di jojoba e olio di cocco, ad esempio).

Come si fa la skincare a 40 anni?

Andiamo ora alla skincare, che deve essere fatta sempre due volte al giorno, al mattino e alla sera. Non ci sono sconti: una pelle secca ha bisogno di maggiori attenzione e di usare prodotti idratanti che vengano applicati con costanza, senza saltare alcun passaggio. Dopo la detersione, di cui abbiamo già parlato, la skincare per la pelle secca dopo i 40 anni prevede:

  • Applicazione di un tonico;
  • Applicazione di uno o più sieri viso;
  • Applicazione di un contorno occhi;
  • Applicazione di una crema idratante.

I prodotti vanno necessariamente stratificati. Cosa significa? Che prima vanno applicati quelli più acquosi e con formulazioni particolarmente concentrate e poi, strato dopo strato, vanno applicati i prodotti più densi e corposi. Per quanto riguarda il tonico, occorre fare attenzione a scegliere non tanto una formulazione eccessivamente astringente ma più una lenitiva ed emolliente, che lavori in combo con il detergente per bilanciare il pH cutaneo.

Sui sieri, invece, c'è l'imbarazzo della scelta: il dermatologo (ricordatelo, sempre meglio chiedere un consulto) potrà indicarvi una serie di prodotti altamente idratanti, pensati ad hoc per combattere la pelle secca. Si va dai sieri a base di acido ialuronico a quelli a base di vitamina B3.

Contorno occhi e crema idratante devono decisamente contenere acido ialuronico, ma dovrebbero anche contenere glicerina e peptidi, in grado di minimizzare la presenza di rughe, favorendo un effetto botox naturale. Un consiglio in più? Favorire prodotti a base di una grande alga marrone, la laminaria digitata.

Quest'alga è nota perché è ricca di minerali, oligoelementi, aminoacidi e vitamine, tutti ingredienti che, combinati, creano un effetto antiossidante, rimineralizzante e soprattutto anti secchezza.

 

Quali sono i migliori principi attivi?

Come detto, il principale nemico della pelle dopo i 40 anni è rappresentato dalla perdita di elasticità e idratazione. Gli alleati cardine sono dunque i principi attivi dall'elevato potere idratante e anti-secchezza, tra cui:

  • Acido ialuronico: lo abbiamo già citato, ma vale la pena ribadire la sua importanza e sottolineare che si tratta di un ingrediente idratante adatto a diversi tipi di pelle;
  • Vitamina C: un vero e proprio ingrediente anti età che trova il suo punto di forza nell'acido ascorbico, in grado di idratare profondamente la pelle;
  • Vitamina E: ha proprietà antiossidanti, idratanti e protettive che contrastano la disidratazione e la secchezza migliorando la capacità dell'epidermide di trattenere l'acqua al suo interno;
  • Niacinamide: non ha proprietà idratanti in sé, ma grazie alla sua azione riparatrice nei confronti della barriera cutanea permette di trattenere e assimilare meglio i prodotti di skincare che hanno queste proprietà.

Anche se lo abbiamo già accennato, vale però la pena ricordare che questi sono suggerimenti generali e che l'unica persona che può consigliarvi dei buoni principi attivi adatti al vostro caso specifico è e resta il dermatologo, che saprà anche dirvi come combinarli per evitare errori.

Per approfondire: Attivi skincare: come abbinarli e combinazioni da evitare

L'importanza di uno stile di vita sano

Uno stile di vita sano è fondamentale per la cura della pelle dopo i 40 anni, come detto. Sono svariati gli aspetti di cui tener conto, anche a tavola. Si consiglia ad esempio di ridurre il consumo di sale. In generale si consiglia di scegliere un'alimentazione sana ed equilibrata.

Mangiare in maniera salutare vuol dire anche preferire non saltare i pasti, stare lontani dal cibo spazzatura e da tutto ciò che è confezionato, preferendo sempre più:

  • Frutta;
  • Verdura fresca;
  • Semi;
  • Legumi;
  • Cereali integrali;
  • Carne bianca.

Sempre meglio bere tanta acqua, idratando l'organismo giorno dopo giorno. Non c'è un'età, poi, per iniziare a dedicarsi all'attività fisica, anche a 40 anni e più. Tutto ciò va di pari passo con l'addio alle sigarette, classiche o elettroniche che siano, rispettare la routine del sonno e diminuire al minimo il consumo di alcolici.

CONDIVIDI: