Skincare

Come trattare al meglio la pelle matura sottile?

Come trattare al meglio la pelle matura sottile?
Ultima modifica 02.07.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Perché la pelle matura diventa sottile?
  2. Quando la pelle diventa sottile?
  3. Cosa rende la pelle sottile?
  4. Come rafforzare la pelle sottile?
  5. Cosa si può fare per l'assottigliamento della pelle?
  6. Cosa fare per la pelle raggrinzita?

Perché la pelle matura diventa sottile?

La pelle matura diventa sottile sia per l'invecchiamento cutaneo che per l'azione di fattori intrinsechi ed estrinsechi. L'assottigliamento è dunque la conseguenza tanto dell'avanzare dell'età che delle scelte riguardanti l'alimentazione, la skincare e l'azione di agenti esterni. Una buona notizia? La si può rinforzare.

Quando la pelle diventa sottile?

La pelle inizia ad assottigliarsi quando si innesca l'invecchiamento cutaneo, un processo naturale e irreversibile che comporta dei mutamenti e implica diverse trasformazioni nella struttura della cute, dovute principalmente alla ridotta produzione di collagene, elastina e sebo.

La fase d'invecchiamento inizia a partire dai 25 anni d'età e accelera nel periodo che precede e include e la menopausa: parliamo infatti di un momento delicato per l'organismo, che subisce una serie di mutazioni a livello ormonale e dei rallentamenti fisiologici anche nei processi di rigenerazione cutanea.

Le modalità e i tempi dell'invecchiamento variano in base alla genetica e allo stile di vita, ma occorre dire che superati i 65 anni la pelle inizia a manifestare i segnali in modo più evidente anche per via della riduzione del tono muscolare.

Cosa rende la pelle sottile?

  • Riduzione delle quantità di collagene;
  • Riduzione delle quantità di elastina;
  • Riduzione delle quantità di sebo;
  • Perdita di grasso sottocutaneo;
  • Fattori ambientali.

Come abbiamo detto, l'innescarsi dell'invecchiamento cutaneo porta a una riduzione delle quantità di collagene e di elastina. Tutto ciò avviene perché con il passare del tempo i fibroblasti che si trovano nel derma diminuiscono in modo graduale la loro attività.

Ciò significa che a rallentare è anche la sintesi delle fibre di collagene, componenti fondamentali che creano una sorta di "impalcatura" che sorregge la pelle. In puù, le fibre elastiche tendono a perdere consistenza e la loro struttura si altera.

Nel frattempo si riduce anche la produzione di sebo, cosa che indebolisce il film idro-lipidico, provocando una disidratazione cutanea. Superati i 65 anni, inoltre, il corpo inizia a "prosciugare" le riserve di grasso, cosa che porta non solo al dimagrimento, ma anche al cedimento della pelle che non solo non conta più sul tono muscolare ma non viene più sostenuta neanche dal tessuto adiposo.

Infine, non va sottovalutata l'importanza dei fattori ambientali e legati allo stile di vita: una pelle matura non protetta, spesso esposta al sole o con carenze vitaminiche diventa più sottile in modo ancora più veloce.

Come rafforzare la pelle sottile?

  • Uso di detergenti delicati;
  • Alimentazione sana;
  • Idratazione;
  • Assunzione di vitamine.

Una dieta ricca di vitamine, minerali e antiossidanti può aiutare a ridurre l'assottigliamento della pelle. Questi componenti essenziali, come la vitamina C, si possono assumere sia con l'alimentazione che con l'uso di integratori.

Le vitamine A, E e K, importantissime per avere una pelle forte e sana, si possono trovare in alimento come gli agrumi, le mandorle, i broccoli o i semi di girasole.

Al tempo stesso è essenziale seguire uno stile di vita sano, assumendo abbondante acqua, evitando fumo e alcol, e dormendo in modo regolare. Questi fattori infatti sono importantissimi per favorire il benessere cutaneo.

Un ruolo cruciale infine viene giocato dai prodotti per la skincare. Per prenderti cura della pelle sottile punta su detergenti delicati e prodotti specifici arricchiti con ingredienti come le ceramidi. Si tratta infatti dei lipidi che costituiscono la barriera cutanea e offrono idratazione e protezione.

Cosa si può fare per l'assottigliamento della pelle?

  • Usare sempre la protezione solare;
  • Usare creme idratanti e nutrienti;
  • Usare sieri viso a base di retinolo;
  • Massaggiare il viso delicatamente.

L'assottigliamento della pelle è fra i danni che vengono provocati dal sole. Per questo è essenziale usare sempre la crema solare prima di uscire di casa, applicandola soprattutto su mani e viso.  

Per un'azione ancora più efficace indugia nei punti in cui l'epidermide tende ad assottigliarsi con facilità, come il collo, l'area intorno alle labbra, il dorso delle mani e sotto gli occhi.

Idrata la pelle in profondità con creme nutrienti e utilizza sieri a base di retinolo. Questo derivato della vitamina A aiuta a favorire la produzione del collagene, rendendo la pelle elastica e più spessa.

Cosa fare per la pelle raggrinzita?

I trattamenti laser permettono di aumentare la produzione del collagene, rafforzando la pelle. Consistono in lesioni controllate e microscopiche della pelle che hanno lo scopo di stimolare la formazione di questa preziosa sostanza in modo naturale.

Esistono numerose tipologie di laser e per capire quale scegliere è importante consultare sempre il proprio medico.

La radiofrequenza è un altro trattamento efficace per ridurre il rilassamento cutaneo. La sua azione viene esercitata grazie al calore che viene prodotto tramite il passaggio nella cute di corrente elettromagnetica.

Il calore infatti attraversa l'epidermide arrivando al derma, stimolando l'attività dei fibroblasti, responsabili della produzione di collagene e di fibre elastiche. Componenti essenziali per una pelle soda, tonica e sana.

Infine troviamo i filler dermici all'acido ialuronico che conferiscono pienezza e turgore. Queste micro-iniezioni permettono di rimodellare il profilo del volto e rafforzano la pelle, aumentandone idratazione e volume.

Se ciò che ti abbiamo detto ti è risultato utile, ti consigliamo anche di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere sempre aggiornato su tutte le novità di bellezza, estetica, benessere e cosmetica.

CONDIVIDI: