Skincare

Come aumentare la produzione di collagene quando la pelle è in menopausa

Come aumentare la produzione di collagene quando la pelle è in menopausa
Ultima modifica 16.02.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Pelle in menopausa, come aumentare il collagene?
  2. Che cos'è il collagene?
  3. Come si produce il collagene?
  4. Come stimolare la produzione di collagene in menopausa?
  5. Pelle in menopausa: integratori di collagene
  6. Cosmetici a base di collagene
  7. Cosa riduce ancora di più i livelli di collagene in menopausa?

Pelle in menopausa, come aumentare il collagene?

Non tutti lo dicono, ma la verità è che invecchiare è una cosa meravigliosa. Saggezza, sicurezza e consapevolezza aumentano esponenzialmente e diventiamo sempre più in grado di prenderci cura di noi. Certo, il contro di questa maturazione è che il nostro corpo cambia e comincia a produrre più lentamente ciò che ci rendeva visibilmente più toniche, ma non dobbiamo avere paura: per esempio, anche chi cura la pelle in menopausa può stimolare la produzione di collagene.

Sì, è proprio così: anche se il nostro organismo rallenta noi possiamo tranquillamente aiutarlo e stimolarlo, dandogli tutto ciò che serve per preservare la nostra cute e mantenerla in uno stato ottimale, collagene incluso. Prima di saperne di più, però, seguite anche il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di benessere, salute e bellezza.

Che cos'è il collagene?

Ma andiamo per ordine, partendo da cos'è il collagene. Si tratta della proteina più abbondante del nostro corpo (rappresenta circa il 30% delle nostre proteine ​​totali), formata in particolare da prolina, glicina e idrossiprolina, aminoacidi che si riuniscono per formare fibrille proteiche.

Non è un caso che il collagene sia presente in grandi quantità nel nostro corpo: il suo compito è quello di fornire struttura, forza e supporto alla pelle, ai muscoli, alle ossa, ai tendini, ai legamenti e ai tessuti connettivi. Inoltre, riveste alcuni organi e i vasi sanguigni

In particolare, a livello della pelle, il collagene svolge delle funzioni fondamentali: aiuta la formazione dei fibroblasti nel derma (strato intermedio della pelle) per coadiuvare la crescita di nuove cellule e la sostituzione di quelle morte, dona elasticità e tonicità e rende l'incarnato luminoso e giovane.

Per approfondire: Collagene: controindicazioni ed effetti indesiderati

Come si produce il collagene?

Il nostro corpo produce questa proteina in totale autonomia. Fino ai 25-30 anni i livelli di collagene sono piuttosto alti (anche se non vale per tutti), mentre dai 35 anni in poi cominciano a ridursi. Si tratta di una naturale conseguenza dell'invecchiamento, perché con l'avanzare dell'età il corpo si rilassa e perde tonicità e freschezza.

In più, dopo i 40 anni le fibre di collagene esistenti (e dunque già prodotte) iniziano a rompersi a un ritmo molto più veloce. La riduzione più significativa del collagene si ha durante e dopo la menopausa, con un calo drastico dopo i 60 anni. È anche per questa ragione che curare la pelle in menopausa diventa ancora più importante.

Per approfondire: A quale età inizia davvero a diminuire il collagene e come possiamo correre ai ripari?

Come stimolare la produzione di collagene in menopausa?

Come abbiamo già detto, il nostro corpo produce il collagene in maniera autonoma, dunque potremmo cadere in errore e pensare che non ci siano modi per stimolarne la produzione. In realtà non è del tutto così.

Il primo passo per fare in modo che i livelli di collagene rimangano sempre stabili (o comunque che non diminuiscano rapidamente), è una corretta skincare. Specie se ci si prende cura della pelle in menopausa, è consigliabile uno skincare reset con l'uso di detergenti delicati e l'introduzione di cosmetici ad hoc, che comprendano tutte le vitamine e gli acidi che ci occorrono. 

È consigliatissima anche la ginnastica facciale: gli esercizi sono davvero semplici e rallentano il rilassamento cutaneo, cosa che fa sì che il collagene si rompa meno facilmente. Altrettanto utile è fare un massaggio facciale (magari usando degli strumenti ad hoc come il dermaroller o il ridoki), che migliora il tono e aiuta a non inibire la produzione di collagene.

Pelle in menopausa: integratori di collagene

Oltre ai rimedi virtuosi succitati, che sicuramente stimolano la produzione della nostra preziosa proteina e ne rallentano la rottura, si può anche pensare all'assunzione di integratori di collagene. L'assunzione può venire in due forme: o acquistando proprio degli integratori (in bustina, in pillole, in polvere e via dicendo) o inserendo nella propria dieta alcuni alimenti.

Per quanto riguarda gli integratori, c'è una cosa fondamentale da sapere: il collagene, essendo una proteina di grandi dimensioni, è difficilmente digeribile ed è per questo che proprio negli integratori lo si trova nella sua forma idrolizzata. Il collagene idrolizzato, ovvero parzialmente digerito, viene generalmente associato alla vitamina C, agli estratti di centella asiatica e va assunto secondo le modalità indicate sulle confezioni.

Riguardo ai cibi, invece, è consigliato l'inserimento nella dieta di arance, fragole, peperoni e broccoli per assumere la già citata Vitamina C, quello di funghi, cavoli, asparagi e albume per integrare la Prolina e noci, semi, carni rosse, fagioli e ceci per assumere rame e zinco.

Per approfondire: Collagene integratore: come funziona sulla pelle e quando serve

Cosmetici a base di collagene

Applicare dei cosmetici a base di collagene è un altro ottimo modo per aumentare la sua presenza nel nostro corpo. Anche in questo caso è necessario sapere che la proteina è troppo grande, di conseguenza sia nelle creme che nei sieri viene usato o il collagene idrolizzato o dei peptidi.
 
Tutti i prodotti cosmetici a base di collagene vanno applicati con costanza e i primi risultati sono visibili dopo un paio di settimane. Si consiglia sempre di applicare massaggiando e picchettando, in modo tale da stimolare anche la microcircolazione.

Cosa riduce ancora di più i livelli di collagene in menopausa?

Chiudiamo con un elenco di cose che, invece, rischiano di inibire del tutto la produzione del collagene, specialmente durante la menopausa. Si tratta di:

  • Alimentazione scorretta;
  • Fumare;
  • Esporsi incontrollatamente al sole.

Per quanto riguarda l'alimentazione scorretta, non integrare i corretti nutrienti non solo non stimola la produzione di collagene, ma rischia di accelerare la rottura di quello già presente. In particolare a essere dannoso è il consumo di troppi zuccheri e carboidrati raffinati. Queste sostanze si legano alle proteine e indeboliscono il collagene.

Non è sicuramente un mistero che il fumo faccia male, ma val la pena ribadirlo e confermarvi che sì, è dannoso anche per il collagene. Fumare danneggia sia questa proteina che l'elastina, aumentando le rughe e rallentando la guarigione delle ferite. Infine, anche se ve l'abbiamo già detto, attenzione all'esposizione solare. I raggi UV provocano, infatti, un'accelerazione della degradazione del collagene.

CONDIVIDI: