Capelli

Olio di cocco: un alleato per la salute e la bellezza dei capelli

Olio di cocco: un alleato per la salute e la bellezza dei capelli
Ultima modifica 17.05.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Olio di cocco, un alleato per i capelli
  2. Cos’è l’olio di cocco
  3. Come si ricava l’olio di cocco
  4. Perché l’olio di cocco fa bene ai capelli
  5. Come si usa questo olio sui capelli
  6. A chi è adatto l’olio di cocco?

Olio di cocco, un alleato per i capelli

L'olio di cocco è senza dubbio uno degli ingredienti naturali maggiormente utilizzati nell'ambito della cosmetica. In modo particolare per quanto riguarda la cura di pelle e capelli. Un olio che, nonostante sia ricchissimo di nutrenti e di qualità davvero straordinarie, viene spesso evitato poiché può risultare pesante e troppo unto una volta applicato. Ma solo perché non lo si usa correttamente.

Prima di capire come usare al meglio l'olio di cocco e come godere dei suoi tanti benefici, però, vi ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità su benessere, bellezza e salute.

Cos’è l’olio di cocco

Per prima cosa, quindi, è bene capire di cosa stiamo parlando. L'olio di cocco (anche noto come olio di copra) è un olio che viene prodotto dai semi dei frutti dell'omonima pianta, ovvero le noci di cocco.

Prima di essere utilizzati, i semi vengono privati del loro involucro fibroso e di quello legnoso esterni, posti a protezione degli stessi. Ma da dove arriva l'olio di cocco? Dalla loro mandorla anche chiamata copra, che viene fatta essiccare e che è la materia prima nella preparazione dell'olio poiché costituita per circa il 65% di grasso.

Come si ricava l’olio di cocco

Per estrarre l'olio di cocco dal seme esistono due tipologie di procedure diverse:

  • A secco, un processo che richiede l'estrazione della polpa del cocco dal guscio attraverso una fonte di calore. Poi la polpa oleosa ottenuta viene prima pressata, poi trattata con appositi solventi e , una volta fatto, si procede con l'estrazione dell'olio di cocco dalla porzione fibrosa-proteica.
  • A umido, una tecnica che sfrutta la noce di cocco grezza e non la copra secca, ricavando un'emulsione di olio e acqua. Una volta separate tramite degli apposti procedimenti viene recuperato l'olio vergine. Il migliore se si tratta di utilizzare l'olio di cocco per la cura dei capelli, poiché puro.
Per approfondire: Olio di cocco per viso e capelli: a cosa serve?

Perché l’olio di cocco fa bene ai capelli

L'olio di cocco, infatti, ha una struttura lipidica molto simile a quella dei capelli. E questo sta a significare che è in grado di aderire alla fibra degli stessi, andando depositarsi e a riempire eventuali spazi che si sono creati come conseguenza a danni o stress alla chioma. Ma non solo. L'olio di cocco sui capelli, infatti, agisce anche come un illuminante, idratante e come barriera protettiva naturale della chioma.  

Un prodotto che è ricco di acido laurico, per circa il 50%, acido ialuronico, acidi grassi saturi e monoinsaturivitamine e polifenoli, e che svolge delle importanti azioni per il benessere dei capelli.

Tra i suoi maggiori benefici e proprietà, infatti, l'olio di cocco permette di:

  • Idratare e nutrire la chioma.
  • Rendere i capelli più morbidi e luminosi.
  • Agire con una potente azione antiossidante.
  • Contrastare l'effetto crespo.
  • Rinforzare e aumentare l'elasticità del fusto del capello.
  • Combattere la forfora.
  • Mantenere le cuticole dei fusti compatte andando a prevenire la formazione di doppie punte.
  • Idratare il cuoio capelluto e ripristinarne il film idrolipidico corretto.
  • Pulire e lenire il cuoio capelluto.
  • Agire in favore delle crescita più sana dei capelli, migliorando la circolazione e apportando una maggiore ossigenazione del cuoio capelluto.

In più, essendo molto ricco di acidi grassi e vitamine, tra cui la vitamina K, l'olio di cocco permette di apportare grande nutrimento direttamente ai bulbi dei capelli, aiutando gli stessi a essere più sani, corposi e vitali.

Come si usa questo olio sui capelli

Ma come si usa correttamente evitando la sensazione di pesantezza e unto sulla chioma? Il modo migliore per utilizzare l'olio di cocco sui capelli è quello di farlo quando sono asciutti, come  trattamento pre shampoo.

Questa tipologia di olio, infatti, si compone di molecole molto piccole e con un peso molecolare basso. Caratteristiche che gli permettono una maggior capacità di penetrare nei capelli in modo profondo. Applicare l'olio di cocco come trattamento pre shampoo, lasciandolo in posa per qualche minuto, quindi, vi garantirà un effetto idratante e nutriente molto elevato. Oltre che una maggior protezione dei capelli dagli agenti esterni.

Ma non solo. Esistono, infatti, tantissimi prodotti a base di olio di cocco e specifici per la cura dei capelli. Per esempio gli shampoo, ad effetto nutritivo, i balsami dall'azione riparatrice e protettiva. O ancora le maschere per capelli, da usare una o due volte la settimana per rigenerare i capelli danneggiati e fino all'olio di cocco puro, da usare come già descritto come trattamento pre shampoo o da applicare sui capelli umidi (solo poche gocce) per proteggerli prima dell'asciugatura.

A seconda del prodotto e della sua formulazione, poi, potete usare l'olio di cocco direttamente (come nel caso degli shampoo) o previo riscaldamento. Solitamente, infatti, questo olio viene venduto puro in vasetti che contengono una pasta bianca, che deve essere scaldata e sciolta e da cui si ricava l'olio vero e proprio.

Per approfondire: Olio di cocco per il viso: benefici

A chi è adatto l’olio di cocco?

Un prodotto che fa bene sempre e che può essere utilizzato da chiunque, soprattutto per chi ha i capelli ricci, mossi e crespi. Tutte chiome che hanno bisogno di grande nutrimento e di una buona dose di idratazione.

In alcuni casi, però, in particolare per le chiome poco porose (che respingono l'acqua), potrebbe non essere gradito e risultare troppo pesante sulle stesse. Per questo il consiglio è quello di testare questo olio naturale sui propri capelli e verificare direttamene come viene sopportato e la sua azione sulla chioma stessa.

CONDIVIDI: