Beauty wellness

Perché dovremmo adottare la skincare neuroglow per far felici corpo e mente

Perché dovremmo adottare la skincare neuroglow per far felici corpo e mente
Ultima modifica 21.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Neuroglow: la skincare che fa bene a pelle e mente
  2. Neurocosmesi e benessere
  3. La psicodermatologia e l'equilibrio corpo-mente
  4. Come funziona la skincare Neuroglow?
  5. Quali prodotti comprende la skincare Neuroglow?
  6. Neuroglow: i principi attivi
  7. La cura di sé e il benessere

Neuroglow: la skincare che fa bene a pelle e mente

Non solo un trend di bellezza, ma una vera e propria rivoluzione nei paradigmi della cura della pelle: la beauty routine Neuroglow nasce dalla confluenza tra innovazione cosmetica, neuroscienze e approccio olistico, con l'obiettivo di far convergere bellezza fisica e benessere della mente.

Lo scopo ultimo della Neuroglow, dunque, è quello di fare in modo che chi la adotta non solo riscontri degli evidenti benefici estetici sulla pelle, ma avverta anche un'azione più o meno diretta sul sistema nervoso per mezzo di prodotti che mirano a ridurre lo stress e, in generale, a favorire il buonumore. Prima di scoprire tutto sull'argomento, però, vi ricordiamo di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornati su tutte le novità su benessere, bellezza e salute.

Neurocosmesi e benessere

Parlare di Neuroglow non vuol dire fare riferimento a una tendenza imposta dall'alto verso il basso. O non proprio, almeno. Si tratta più che altro della risposta diretta a una necessità: con il crescente grado di stress che tutte noi ci troviamo a sopportare diventa sempre più urgente il bisogno di cercare qualcosa di diverso, per rendere più appagante e rilassante la beauty routine.

È qui che entra in gioco il concetto di neurocosmesi, perfettamente descritto nello studio Neurocosmetics in Skincare-The Fascinating World of Skin–Brain Connection pubblicato sulla rivista scientifica MDPI: scoprire quanto il benessere mentale influenzi la bellezza e viceversa è la chiave per comprendere la beauty routine Neuroglow.

I processi cerebrali coinvolti nella percezione della bellezza sono innumerevoli, ed è dimostrato che i gesti di cura rivolti al nostro corpo influiscono positivamente sulla valutazione della nostra immagine. Ecco allora nascere una routine di skincare con una doppia funzione, che consente di vivere questo momento di carezze rivolte al corpo in maniera più profonda.

Per approfondire: Quando inizia l'invecchiamento cutaneo e cosa fare per rallentare il processo

La psicodermatologia e l'equilibrio corpo-mente

Ma attenzione, perché non è tutto qui. Per comprendere a fondo la beauty routine Neuroglow occorre anche fare riferimento alla psicodermatologia. Diversi studi di settore (fra cui Psychodermatology: A Guide to Understanding Common Psychocutaneous Disorders, pubblicato su NIH - Pubmed) hanno dimostrato chiaramente quanto pesi la connessione tra corpo e mente.

Le nostre ansie trovano molto spesso manifestazione attraverso inestetismi cutanei di vario genere: non è ovviamente un caso che un periodo estremamente complesso comporti anche degli sfoghi sulla pelle. Non si tratta del destino che si accanisce su di noi, bensì di una risposta esterna al malessere interno che ci portiamo dietro.

La skincare Neuroglow tiene conto di questo legame così stretto e complesso e trae ispirazione dagli studi del professor Laurent Misey, che per primo teorizzò il bisogno di prodotti specifici, più efficaci di un semplice cosmetico ma meno invasivi di un farmaco, che oltre a contenere componenti efficaci sulla pelle siano in grado di raggiungere il sistema nervoso.

Come funziona la skincare Neuroglow?

Connessione fra mente e corpo, neurocosmesi, psicodermatologia: alla luce di tutto questo, come funziona davvero la beauty routine neuroglow? In sostanza agisce sfruttando l'effetto reale basato sui principi attivi e l'effetto placebo. Può sembrare una contraddizione, ma in realtà è proprio così.

Sì, perché da una parte gli ingredienti contenuti nei prodotti di bellezza riescono realmente a dare dei benefici alla pelle, e dall'altra il solo pensiero di star adoperando cosmetici concepiti per favorire il buonumore, ridurre lo stress e, in generale, agire sul sistema nervoso, ci pone nella giusta dimensione mentale per ricercare sempre più rilassatezza e rifuggire da eventuali malesseri.

Quali prodotti comprende la skincare Neuroglow?

Dal punto di vista dei cosmetici utilizzati, la skincare Neuroglow non differisce da qualsiasi altro tipo di routine di cura della pelle. In commercio esistono, dunque:

  • Creme;
  • Sieri;
  • Maschere;
  • Lozioni;
  • Scrub;
  • Balsami multiuso.

Come si riconoscono? Generalmente i loro benefici a livello mentale vengono indicati sulla confezione e non è raro che vengano usati termini legati alle emozioni, alla tranquillità e alla serenità, ma a fare la differenza sono naturalmente i principi attivi.

Per approfondire: Skincare reset: cosa è e a cosa serve

Neuroglow: i principi attivi

I prodotti Neuroglow contano su ingredienti specifici per la cura della pelle che vengono affiancati a erbe, oli e profumi le cui fragranze hanno effetti conclamati sul sistema nervoso. Tra le componenti dei cosmetici di questa tipologia di skincare troviamo:

  • Peptidi biomimetici;
  • Vitamine;
  • Principi attivi Ayurvedici;
  • Essenze.

Fondamentali sono i peptidi biomimetici che, a seconda dei casi, riescono a inibire o amplificare le funzioni dei neurotrasmettitori: ciò allevia le tensioni muscolari del viso, rendendolo più rilassato sereno.

Seguono le vitamine, in particolare la Vitamina C che protegge la pelle dai danni causati dai radicali liberi, la Vitamina E con le sue proprietà idratanti e la Vitamina A, nota per le sue capacità rigenerative e antirughe.

Spazio anche ai principi attivi ayurvedici, tra cui l'ashwagandha, usato per aumentare la resistenza, ridurre lo stress e migliorare l'energia vitale, la curcuma con le sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti e l'olio di Neem, famoso per le sue proprietà antibatteriche, antifungine e antinfiammatorie.

Infine, ecco le essenze. Fra le tante troviamo la menta, che riesce a donare energia, il bergamotto, che è lievemente euforizzante, e la vaniglia, naturale stabilizzatore dell'umore.

Per approfondire: Consigli per una Pelle Luminosa: Regole della Glowing Skincare

La cura di sé e il benessere

Al termine di questo viaggio dobbiamo ricordarvi che la skincare Neuroglow non comporta una radicale trasformazione della nostra quotidianità. Occorre ricordare come una rivoluzione delle proprie giornate dal punto di vista mentale e nervoso non può dipendere solo dall'uso di prodotti bellezza, perché non può derivare solo dall'esterno.

L'unica via per trovare realmente un equilibrio fra mente e corpo è fare un percorso per modificare determinate abitudini malsane, che comprendono atteggiamenti pratici e percorsi mentali. Detto ciò, sicuramente questa beauty routine rappresenta un primo passo: è la dimostrazione di voler cambiare qualcosa, dando una spinta ulteriore al nostro sistema nervoso. 

CONDIVIDI: