Skincare

Quante volte a settimana fare un massaggio gua sha per avere benefici

Quante volte a settimana fare un massaggio gua sha per avere benefici
Ultima modifica 11.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Massaggio Gua Sha: quante volte a settimana è preferibile farlo?
  2. Che cos'è il massaggio Gua Sha?
  3. Quali sono i benefici del massaggio Gua Sha?
  4. Quante volte a settimana fare un massaggio Gua Sha?
  5. Il momento giusto per fare il massaggio Gua Sha
  6. Come si esegue il massaggio Gua Sha?

Massaggio Gua Sha: quante volte a settimana è preferibile farlo?

Tonicità della pelle, bellezza, salute ed equilibrio: sono sempre di più le persone che vanno alla ricerca di un benessere globale. Questa ricerca può portare a spingersi verso la conoscenza e la scoperte delle discipline orientali, all'interno delle quali si inquadra il massaggio Gua Sha, un trattamento benefico che ha radici millenarie.

Basato sul principio del riequilibrio del chi (energia), il massaggio Gua Sha si è velocemente diffuso nel mondo per via dei suoi evidenti benefici a livello cutaneo. Ma quante volte a settimana bisognerebbe farlo? Qual è la frequenza giusta per vedere in tempi relativamente brevi tutti i suoi vantaggi? Cercheremo di darvi tutte le informazioni utili, ma prima vi invitiamo a seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di bellezza e benessere.

Che cos'è il massaggio Gua Sha?

Partiamo dalle basi: cos'è il massaggio Gua Sha? Abbiamo già accennato al fatto che è un trattamento che prevede l'utilizzo di precisi strumenti, ma da dove nasce, quali sono gli strumenti in questione e su quali movimenti si basa? Andando per ordine, il massaggio Gua Sha trova le sue basi nella medicina tradizionale cinese.

I sapienti d'Oriente lo hanno ideato oltre 2.000 anni fa, partendo dal presupposto che per guarire dalle malattie e per essere sempre in forma occorresse distribuire il chi, l'energia vitale che percorre il nostro corpo e lo rende funzionale. Sempre stando a quelle che sono le discipline orientali, infatti, in condizioni di stress o di malattia, il chi forma dei ristagni in alcune aree del corpo che devono essere stimolate. 

"Gua Sha" significa, letteralmente, "raschiare via i depositi tossici". Per eliminare questi depositi e ridistribuire il chi vengono usati una serie di strumenti, ossia roller, cucchiai e nuvolette, generalmente realizzati in giada, in quarzo rosa o in corno di bufalo. I movimenti che vengono usati sono fluidi, calibrati in base all'area che si sta trattando e sono perfetti per promuovere il drenaggio linfatico.

Per approfondire: Linfodrenaggio: cos'è? A cosa serve e come si fa?

Quali sono i benefici del massaggio Gua Sha?

Il massaggio Gua Sha è diventato sempre più noto nel campo del benessere proprio per i suoi benefici effetti sul corpo. Gli studi in merito sono numerosi: si va da quelli più generici, come Gua Sha: A Clinical Overview (pubblicato su ResearchGate) a quelli più specifici per la salute come Gua Sha, an ancient technical management for certain illness (pubblicato su PubMed).

Tutte le ricerche in merito hanno comunque dei punti in comune. I seguenti benefici, infatti, sono stati scientificamente dimostrati:

  • Rilassamento dei muscoli: i movimenti fluidi, che vengono eseguiti con una lieve pressione, contribuiscono a far rilassare i muscoli della zona su cui si sta lavorando. In questo modo la tensione si riduce e si genera una sensazione di benessere.
  • Riduzione dell'infiammazione: la pressione applicata, in particolare, su zone che sono soggette a ritenzione idrica, possono contribuire a ridurre l'infiammazione.
  • Miglioramento del flusso sanguigno: lo strumento utilizzato va a stimolare i vasi sanguigni superficiali della zona trattata, generando così una dilatazione e un aumento del flusso. La pressione, dunque, migliora la vasodilatazione, che favorisce un maggiore apporto di ossigeno.
  • Stimolazione del drenaggio linfatico: la dilatazione dei vasi e l'aumento del flusso sanguigno a cui facevamo riferimento sono in grado di generare anche uno stimolo per il sistema linfatico. In questo modo si promuove il drenaggio dei fluidi interstiziali e l'eliminazione delle tossine e delle sostanze di scarto metabolico.
  • Miglioramento del tono: con questo massaggio si stimola la sintesi del collagene. Di conseguenza viene favorita la riduzione delle rughe e l'aumento dell'elasticità cutanea. 

Infine, è stato provato che il massaggio Gua Sha migliora l'elasticità della pelle, è utile per ridurre le rughe sottili e allevia anche la tensione muscolare che si accumula in alcune zone del viso e del corpo.

Quante volte a settimana fare un massaggio Gua Sha?

Rispondiamo adesso a una delle curiosità più comuni: dati gli evidenti benefici, quante volte a settimana è possibile fare il massaggio Gua Sha? La verità è che non esiste una risposta univoca, perché tutto dipende dalle esigenze e dal tipo di pelle di ognuna di noi.

È sicuramente utile fare sempre riferimento a un professionista, in particolare se avete delle problematiche legate alla cute o state effettuando degli altri trattamenti. In generale, considerate che per vedere gli effetti del massaggio gua sha potrebbe essere necessario ripeterlo due o tre volte alla settimana. Con questa frequenza la pelle può trarre benefici e non subire uno stress eccessivo. Considerate anche il rossore che si presenta durante e al termine del massaggio e quanto tempo impiega a sparire. Ascoltate il vostro corpo e non abbiate fretta di vedere i risultati. 

Il momento giusto per fare il massaggio Gua Sha

Se due o tre volte a settimana dovrebbero andare bene, qual è il momento giusto del giorno per fare questo massaggio? Avete due opzioni: o la mattina per ridurre gonfiori e rimuovere le impurità, o la sera prima di andare a letto per poter rilassare i muscoli del volto a fine giornata.

Se notate un'eccessiva sensibilità delle zone trattate o irritazione è meglio interrompere. Fate sempre riferimento a esperti del campo della bellezza per ottenere dei consigli utili in base a come reagisce la vostra pelle.

Per approfondire: Viso gonfio al mattino: cause e rimedi

Come si esegue il massaggio Gua Sha?

Posto che è sempre consigliabile affidarsi a un esperto per far sì che questo trattamento sia eseguito alla perfezione, il massaggio Gua Sha parte dalla scelta della zona da trattare, che può essere più o meno ampia. Una volta individuata la zona, si applicheranno degli oli o delle creme idratanti, che facilitano lo scorrimento degli strumenti sulla pelle.

Dopo l'applicazione di oli o creme, viene scelto lo strumento: per il viso si usa molto spesso il roller o la pietra di giada con bordi arrotondati e lisci a forma di cuore o di fungo. Mentre altre zone possono richiedere l'uso del cucchiaio, che andrà a drenate in maniera più efficace i tessuti. A questo punto, verrà applicata una pressione, più o meno leggera, e il professionista disegnerà dei movimenti che seguono le linee del corpo o del viso.

Il massaggio Gua Sha è indolore, ma possono manifestarsi dei rossori e, in più, in base al livello di liquidi accumulati sotto pelle la pressione potrebbe dare un leggerissimo fastidio.

CONDIVIDI: