Skincare

Cos'è il massaggio gua sha per il corpo e come funziona

Cos'è il massaggio gua sha per il corpo e come funziona
Ultima modifica 12.03.2024
CONDIVIDI:
INDICE
  1. Massaggio Gua Sha per il corpo: come si effettua e benefici
  2. Cos'è e come si fa il massaggio Gua Sha?
  3. Massaggio gua sha per il corpo: i benefici
  4. Come si usano gli strumenti Gua Sha sul corpo?
  5. Come fare il massaggio Gua Sha da sole?
  6. Il massaggio Gua Sha è utile contro la cellulite?
  7. Massaggio Gua Sha: gli errori da non commettere
  8. Differenza fra Gua Sha e dry brushing

Massaggio Gua Sha per il corpo: come si effettua e benefici

Il massaggio Gua Sha per il corpo è un trattamento che ha origini antichissime: fa infatti parte delle pratiche della medicina tradizionale cinese. Da diversi anni si è ampiamente diffuso anche in Occidente, dove per altro è divenuto oggetto di studi per via dei suoi molteplici benefici: consente, tra le altre cose, di drenare i liquidi e rassodare la pelle.

I suoi risultati comprendono un senso profondo di benessere e un miglioramento della microcircolazione. Vedremo insieme come si fa e parleremo dei suoi i benefici, ma prima ricordate di seguire il canale WhatsApp di Mypersonaltrainer per rimanere aggiornate su tutte le novità di benessere e bellezza.

Cos'è e come si fa il massaggio Gua Sha?

Nato in Cina circa 2.000 anni fa, il massaggio Gua Sha aveva uno scopo fondamentale: quello di riattivare la circolazione e il flusso del chi, energia che ci rende sani e in salute. Gli antichi sapienti cinesi idearono i movimenti del Gua Sha proprio per favorire il fluire di questa energia che, per fattori interni ed esterni (stress, malattie, cattive abitudini) può bloccarsi e creare dei ristagni.

Il massaggio Gua Sha, dunque, è mirato allo sblocco dei ristagni di chi per mezzo di una stimolazione che si articola in pressioni, frizioni, strofinamenti e piccoli movimenti decisi fatti non a mano nuda ma usando degli strumenti in giada, in quarzo rosa o in corno di bufalo.

Quando questo trattamento interessa il corpo viene eseguito su schiena, addome, glutei, collo e gambe, con movimenti sia brevi che lunghi finalizzati a stimolare la microcircolazione dei tessuti molli e migliorare il flusso sanguigno.

Massaggio gua sha per il corpo: i benefici

Molti benefici del massaggio Gua-Sha sono stati scientificamente dimostrati. Nello studio Gua Sha: A Clinical Overview, pubblicato su ResearchGate, viene spiegato come a livello generale questa tipologia di massaggio abbia dei pro non indifferenti, tra cui:

  • Riattivazione del flusso sanguigno: il massaggio Gua Sha stimola vasi sanguigni superficiali della zona trattata, generando così una dilatazione e un aumento del flusso. La pressione, dunque, migliora la vasodilatazione, che favorisce un maggiore apporto di ossigeno;
  • Miglioramento della circolazione: grazie alla pressione esercitata il massaggio Gua Sha attiva il microcircolo, promuove il flusso di ossigeno e nutrienti ai tessuti e facilita l'eliminazione delle tossine;
  • Riduzione dell'infiammazione: la pressione e i movimenti del massaggio Gua Sha riducono le infiammazioni e possono persino attenuare i dolori cronici;
  • Rilassamento dei muscoli: i movimenti fluidi, che vengono eseguiti con una lieve pressione, contribuiscono a far rilassare i muscoli della zona su cui si sta lavorando. In questo modo la tensione si riduce e si genera una sensazione di benessere.

Infine, è stato provato che il massaggio Gua Sha migliora l'elasticità della pelle, stimola il drenaggio linfatico e stimola la sintesi del collagene, aumentando l'elasticità cutanea.

 

Come si usano gli strumenti Gua Sha sul corpo?

Come abbiamo già accennato, il massaggio Gua Sha va effettuato usando dei precisi strumenti. Ognuno di questi deve essere usato in specifici modi e prima di iniziare il massaggio sarebbe bene avere chiare le idee. Ecco una piccola panoramica:

  • Roller Gua Sha: il roller va generalmente usato sul viso, ma è possibile utilizzarlo anche su collo, spalle, petto, addome, braccia, fianchi e gambe. Sul collo, sulle braccia, sui fianchi e sulle gambe i movimenti devono essere ascendenti, partendo dunque dal basso verso l'alto, e devono essere lenti. La pressione può andare da leggera a media su collo e braccia, mentre può essere un po' più profonda su fianchi e gambe;
  • Nuvoletta Gua Sha: le nuvolette hanno in realtà diverse forme. La più comune è sicuramente quella a forma di cuore, ma è possibile trovarne anche con diversi lati smussati o incurvati. Le nuvolette possono essere usate per massaggiare il viso o aree dove sono più presenti dei ristagni. Prima vanno riscaldate un po' fra le mani e poi vanno usate facendo movimenti circolari o diagonali, tenendole inclinate di circa 45° rispetto alla pelle;
  • Cucchiaio Gua Sha: la parte superiore del cucchiaio può essere usata per massaggiare sia il viso che zone più critiche come accumuli adiposi a carico dell'addome, delle cosce o culotte de cheval. I movimenti devono essere a mezzaluna e devono proprio simulare l'effetto di un cucchiaio che affonda su qualcosa di morbido: ciò contribuisce a scollare i tessuti e ad aumentare il microcircolo.

Usate questi strumenti dedicando a ogni area almeno 10 minuti per una volta a settimana e tenete presente che il gua sha favorisce l'assorbimento dei prodotti, consentendo alle sostanze di penetrare in profondità, rendendo la pelle compatta, tonica e morbida: non dimenticate dunque di applicare creme idratanti e nutrienti.

Come fare il massaggio Gua Sha da sole?

Come sempre, è fondamentale ricordare che per una maggiore efficacia e per evitare di commettere errori sarebbe bene rivolgersi a un professionista per fare dei massaggi Gua Sha sul corpo che siano completi.

Il massaggiatore esperto, per altro, può combinare diverse zone e occuparsi di aree dove fisicamente non siamo in grado di arrivare da sole. Tuttavia, se sentite il bisogno di cimentarvi, vogliamo suggerirvi alcune tecniche e movimenti utili.

Massaggio Gua Sha sulle gambe

Il massaggio Gua Sha può aiutare a sgonfiare le gambe, contribuendo al drenaggio linfatico in particolare d'estate quando il caldo rende le gambe pesanti. Basterà usare il roller e il cucchiaio secondo i metodi che vi abbiamo già suggerito, quindi facendo movimenti ascendenti con il primo e scollando i tessuti con il secondo. Il trattamento detox permetterà di eliminare i ristagni e le tossine, donano leggerezza ed eliminando il gonfiore.

Massaggio Gua Sha sulle cosce

Per quanto riguarda le cosce, è possibile passare la nuvoletta Gua Sha facendo un movimento dal basso verso l'alto. Opponendo una pressione leggera stimolerai il flusso sanguigno, risvegliando e ammorbidendo i tessuti. In questo modo i liquidi in eccesso e i tessuti adiposi verranno smossi ed eliminati, rendendo splendida la texture della pelle.

Massaggio Gua Sha sulle spalle

Per le spalle è possibile usare il roller o la nuvoletta: i movimenti devono essere lenti e seguire la forma delle spalle, dopodiché devono essere fatti in modo circolare. Così facendo si potranno sciogliere le tensioni in maniera delicata: questa tecnica permette di rilassare tutto il corpo e di regalare una sensazione di benessere, stimolando la produzione del cortisolo, una sostanza che aiuta a dormire bene e allevia i dolori.

Massaggio Gua Sha sul collo

Per il collo, effettua movimenti ascendenti con il roller. Assicurati di procedere con lentezza, non strofinare e calibra la pressione in modo non avvertire fastidi. 

Massaggio Gua Sha sull'addome

Dalla zona inferiore dell'addome muoviti in direzione del cuore, variando la pressione, ma scegliendo sempre movimenti lenti e morbidi.

Per approfondire: Quante volte a settimana fare un massaggio gua sha per avere benefici

Il massaggio Gua Sha è utile contro la cellulite?

Parlando di massaggio Gua Sha per il corpo, potrebbe sorgere spontanea una domanda: è efficace contro la cellulite? Tenendo presente che l'effetto varia da persona a persona e che, ovviamente, fa la differenza lo stadio della cellulite, il Gua Sha può essere utile per trattarla.

Per capire in che modo, occorre ricordare che la cellulite è una condizione cutanea caratterizzata da un'infiammazione del tessuto adiposo sottocutaneo: questa infiammazione aumenta il volume delle cellule adipose, cosa che a sua volta fa sì che il tessuto connettivo di sostegno si riorganizzi in fasci fibrotici, generando la pelle a "buccia d'arancia". 

Per migliorare la condizione è utile sfiammare e mobilizzare i tessuti, distendere le tensioni nei muscoli e riattivare la microcircolazione sottocutanea: tutte cose che, come dimostra lo studio The effect of Gua Sha treatment on the microcirculation of surface tissue, pubblicato su NIH-Pubmed, il massaggio Gua Sha riesce a fare.

Naturalmente, il solo massaggio non basta: per combattere la cellulite è fondamentale seguire uno stile di vita sano, fare attività fisica e ricordare di rimanere sempre idratate.

Per approfondire: Consigli per Combattere la Cellulite

Massaggio Gua Sha: gli errori da non commettere

Se avete deciso di fare da sole il massaggio Gua Sha, ricordate di non commettere i seguenti errori:

  • Massaggiare la pelle asciutta;
  • Usare troppa forza;
  • Insistere su una sola area;
  • Sfregare troppo velocemente;
  • Rispettare la frequenza del trattamento.

Gli strumenti del massaggio Gua Sha non devono essere usati sulla pelle asciutta: anche se il roller sembra innocuo e non è doloroso, la mancata applicazione di oli e creme può fargli incontrare degli ostacoli non visibili a occhio nudo che fanno sì che la pelle si irriti.

È anche fondamentale non esercitare una forza eccessiva mentre si massaggia: il livello di pressione deve andare in armonia con le vostre sensazioni e non risultare doloroso. Anche sfregare insistendo su una sola parte del corpo o del viso può essere un problema: meglio realizzare dei gesti lunghi e ampi. 

Concentriamoci anche sulla velocità: il massaggio deve essere lento e fluido, mai a scatti. Infine, ricordiamo che il trattamento va fatto una volta a settimana sul corpo e due/tre volte a settimana sul viso: meglio non eccedere!

Differenza fra Gua Sha e dry brushing

Navigando in rete (e soprattutto sui social) alla ricerca di informazioni sul massaggio Gua Sha, potreste notare un certo tipo di confusione tra quest'ultimo e il dry brushing. Entrambi nascono da pratiche orientali, ma il dry brushing si ispira al tradizionale rituale ayurvedico del Garshana.

L'obiettivo è sempre quello di migliorare la circolazione e promuovere la depurazione linfatica, ma il dry brushing altro non è che una spazzolatura a secco, un'esfoliazione che favorisce il turnover cellulare e che si fa usando delle vere e proprie spazzole. Il Gua Sha invece, come abbiamo già visto, si basa sull'uso di altri tipi di utensili che, a voler essere specifici, producono una polarizzazione elettrica: generano dunque frequenza elettrica capace di rigenerare le cellule, aiutando a eliminare le tossine in eccesso.

Per approfondire: Dry Brushing: Cos’è? A cosa serve e come si fa l’esfoliazione a secco?
CONDIVIDI: